Amelia Earhart vola dalle Hawaii alla California

Amelia Earhart vola dalle Hawaii alla California


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Nel primo volo del suo genere, l'aviatrice americana Amelia Earhart parte da Wheeler Field a Honolulu, nelle Hawaii, per un volo in solitaria verso il Nord America. Gli interessi commerciali hawaiani hanno offerto un premio di $ 10.000 a chi ha compiuto per primo il volo. Il giorno successivo, dopo aver percorso 2.400 miglia in 18 ore, è atterrata in sicurezza all'aeroporto di Oakland a Oakland, in California.

Il 21 maggio 1932, esattamente cinque anni dopo che l'aviatore americano Charles Lindbergh divenne la prima persona a volare in solitaria attraverso l'Oceano Atlantico, Earhart divenne la prima donna a ripetere l'impresa quando atterrò con il suo aereo a Londonderry, in Irlanda. Tuttavia, a differenza di Lindbergh quando ha compiuto il suo volo storico, Earhart era già ben nota al pubblico prima del suo volo transatlantico in solitaria. Nel 1928, come membro di un equipaggio di tre membri, era diventata la prima donna ad attraversare l'Atlantico in aereo. Sebbene la sua unica funzione durante la traversata fosse quella di tenere il registro dell'aereo, l'evento ha vinto la sua fama nazionale e gli americani erano innamorati del giovane pilota modesto e audace. Per la sua traversata transatlantica in solitaria nel 1932, ricevette una Distinguished Flying Cross dal Congresso degli Stati Uniti.

Due anni dopo il suo volo dalle Hawaii alla California, tentò con il navigatore Frederick J. Noonan di fare il giro del mondo, ma il suo aereo andò perso il 2 luglio 1937, da qualche parte tra la Nuova Guinea e l'isola di Howland nel Pacifico meridionale. Gli operatori radio ricevettero il segnale che era a corto di carburante, l'ultima traccia che il mondo avrebbe mai saputo di Amelia Earhart.


Esperienza americana

Per gentile concessione del Seaver Center for Western History Research

24 luglio 1897: Un'infanzia del XX secolo
Amelia Mary Earhart è nata ad Atchison, Kansas, dai genitori Amy Otis e Edwin Stanton Earhart. Sua sorella, Muriel, nasce due anni dopo.

Amelia vive principalmente con i nonni materni ad Atchison durante l'anno scolastico e trascorre le estati con i suoi genitori a Kansas City. Nonostante la disapprovazione di sua nonna, Amelia trascorre il suo tempo libero vagando all'aperto, cavalcando cavalli immaginari, arrampicandosi sugli alberi, andando in slitta e cacciando.

1908
Amelia raggiunge i suoi genitori a Des Moines, Iowa. Vede un aeroplano per la prima volta all'Iowa State Fair e in seguito ricorda di essere rimasta indifferente: "Era una cosa di filo arrugginito e legno e non sembrava affatto interessante". Non è stato fino a un decennio dopo, in una mostra di acrobazie aeree, che la passione per il volo di Amelia si è risvegliata.

1910-1915
Sono anni turbolenti e difficili per Amelia e la sua famiglia. La nonna di Amelia, che l'ha allevata, muore nel 1911. Suo padre lotta con l'alcolismo, perde il lavoro e si ferma per un mese in una casa di cura per riabilitarsi. La famiglia si trasferisce a St. Paul, Minnesota nel 1913. Quando Edwin non è di nuovo in grado di riprendersi e di trovare un lavoro, Amy lo lascia e si trasferisce con Amelia e Muriel a Chicago.

giugno 1916: L'educazione di Amelia
Amelia si diploma alla Hyde Park High School di Chicago. Eccelle nella scienza, iscrivendosi a Hyde Park solo dopo aver determinato che aveva il miglior programma scientifico della zona. Tuttavia, ha difficoltà a farsi degli amici: la didascalia dell'annuario recita: "A.E. - la ragazza in marrone che cammina da sola."

Autunno 1916-1918
Amelia frequenta la Ogontz School, un'esclusiva scuola di perfezionamento fuori Filadelfia. Di nuovo eccelle nei suoi studi e diventa vicepresidente della sua classe. Non si laurea, tuttavia, scegliendo invece di fare volontariato presso l'ospedale militare Spadina di Toronto come infermiera per i soldati feriti della prima guerra mondiale.

Mentre è a Toronto, partecipa a un'esposizione di volo con un amico. Un pilota acrobatico si tuffa ad Amelia e alla sua amica - "Sono sicuro che si è detto: "Guardami mentre li faccio scappare"" Amelia ha ricordato in seguito - ma Amelia mantiene la sua posizione. Indica questo incidente come un risveglio personale - "Io all'epoca non l'ho capito, ma credo che quel piccolo aeroplanino rosso mi abbia detto qualcosa mentre passava.”

Autunno 1919-1920
Amelia entra nel corso di medicina alla Columbia University ma dopo un anno decide di partire per raggiungere i suoi genitori, che si sono riuniti a Los Angeles.

28 dicembre 1920: Appassionato di volo
Amelia partecipa a uno spettacolo aereo a Long Beach con suo padre. Con il pilota Frank Hawk, fa il suo primo viaggio in aereo. "Quando mi sono alzata a due o trecento piedi da terra, sapevo che dovevo volare", ha ricordato in seguito.

3 gennaio 1921
Amelia ha la sua prima lezione di volo con il pilota Neta Snook. Fa una varietà di lavori - camionista, fotografa, stenografa - per risparmiare denaro per queste lezioni, e sei mesi dopo è in grado di acquistare il suo primo aereo, un biplano Kinner Airster giallo che chiama il Canarino .

15 dicembre 1921
Amelia supera i test di licenza di volo rilasciati dall'Associazione Nazionale Aeronautica. Due giorni dopo vola al Pacific Coast Ladies' Derby a Pasadena.

22 ottobre 1922
Amelia stabilisce un record di altitudine non ufficiale per le donne pilota dopo aver volato il Canarino a 14.000 piedi.

16 maggio 1923
Amelia ottiene la licenza di pilota internazionale dalla Fédération Aéronautique Internationale (FAI), diventando la sedicesima donna in assoluto a raggiungere questo obiettivo.

1924: Pausa dall'aviazione
I genitori di Amelia divorziano e Amelia guida con sua madre dalla California al Massachusetts dove si trasferiscono con la sorella Muriel. Amelia va brevemente a New York per reiscriversi alla Columbia, ma presto torna a Boston dove lavora prima come insegnante e poi come assistente sociale alla Denison House, insegnando inglese a immigrati siriani e cinesi.

1927
Amelia si unisce alla sezione di Boston della National Aeronautic Association e occasionalmente compare sui giornali come sostenitrice dell'aviazione e delle donne pilota.

Amelia Earhart, c. 1928, per gentile concessione: Biblioteca del Congresso

17-18 giugno 1928: Stardom durante la notte
Amelia Earhart, il pilota Wilmer Stultz e il copilota e meccanico Louis Gordon partono da Terranova nel Amicizia , un idrovolante trimotore. Arrivano in Galles più di 20 ore dopo e vengono accolti da una folla esultante.

Amelia non pensa di meritare alcun plauso per essere stata la prima donna passeggera su un volo transatlantico – “Stultz ha fatto tutto il volo – ha dovuto. Ero solo un bagaglio, come un sacco di patate". Aggiunge: "Forse un giorno ci proverò da sola".

Estate 1928
Il libro di Amelia sul Amicizia volo, 20 ore 40 minuti , viene pubblicato. Amelia collabora con il pubblicista George Putnam per scriverlo, e lui la promuove rapidamente allo status di celebrità. Amelia partecipa a un tour nazionale del libro, sostiene prodotti come le sigarette Lucky Strike e il bagaglio Modernaire Earhart e diventa nota come "Lady Lindy" per la sua somiglianza con Charles Lindbergh. Diventa anche Aviation Editor per Cosmopolita rivista.

Agosto 1929: Prendere l'iniziativa
Amelia acquista un altro aereo, un Lockheed Vega monomotore. Nella Vega partecipa alla gara Women's Air Derby da Santa Monica a Cleveland, classificandosi al terzo posto.

2 novembre 1929
Amelia aiuta a fondare The Ninety-Nines, Inc., la prima organizzazione per aviatrici. Diventerà il suo primo presidente nel 1931 e occuperà quella posizione per due anni, durante i quali utilizzerà anche il suo status di celebrità per promuovere la crescita delle compagnie aeree commerciali americane.

5 luglio 1930
Amelia stabilisce il record mondiale di velocità di volo femminile di 181,18 miglia all'ora. Tra il 1930 e il 1935 Amelia stabilì sette record femminili di velocità e distanza.

7 febbraio 1931
Amelia Earhart sposa George Palmer Putnam. Diffidando dell'istituzione del matrimonio, Amelia ha rifiutato le proposte di George sei volte prima di accettare. Sottolineerà che il suo matrimonio è una "partnership" con "doppio controllo".

1932
Amelia scrive il suo secondo libro, Il divertimento di esso .

Amelia con il sindaco di New York James Walker, 1932. Courtesy: Library of Congress

20-21 maggio 1932: Il recordman
Amelia Earhart diventa la prima donna a volare da sola attraverso l'Oceano Atlantico. Parte da Terranova e atterra in un pascolo nell'Irlanda del Nord.

Questo atto le fa guadagnare la Distinguished Flying Cross dal Congresso, la Croce di Cavaliere della Legion d'Onore dal governo francese e la Medaglia d'Oro della National Geographic Society dal Presidente Hoover, diventando la prima donna a ricevere questo prestigioso premio. Il luogo del suo sbarco in Irlanda ora ha un piccolo museo, l'Amelia Earhart Centre.

24-25 agosto 1932
Amelia Earhart diventa la prima donna a volare da sola attraverso il continente nordamericano e ritorno.

1933
Amelia visita la Casa Bianca. Da questa visita sviluppa un'amicizia con la First Lady Eleanor Roosevelt.

Amelia vola per la seconda volta attraverso il Nord America, battendo il suo stesso record con un tempo di volo più veloce.

1934
Amelia riceve per il terzo anno consecutivo l'Harmon Trophy per l'eccezionale Airwoman americana.

11 gennaio 1935
Amelia è la prima persona a volare da sola da Honolulu, nelle Hawaii, a Oakland, in California. Quest'anno volerà anche da sola da Los Angeles a Città del Messico (19-20 aprile) e successivamente da Città del Messico a New York (8 maggio). Tra un volo e l'altro lavora come consulente di carriera per le donne alla Purdue University.

Luglio 1936: Tlui volo intorno al mondo
La Purdue University finanzia un nuovo aereo per Amelia, un Lockhead Electra 10E che lei chiama "Laboratorio volante", sebbene l'aereo sia stato acquistato meno per la ricerca scientifica e altro per il nuovo sogno di Amelia: un "premio - un volo che volevo tentare - una circumnavigazione del globo il più vicino possibile alla sua cintura”.

Amelia e suo marito George Putnam pianificano il suo volo mondiale, raccogliendo fondi e consultando consulenti, meccanici e navigatori.

17 marzo 1937
Amelia e il suo navigatore, Fred Noonan, insieme al capitano Harry Manning e al pilota acrobatico Paul Mantz, volano la prima tappa del viaggio da Oakland, in California, a Honolulu, nelle Hawaii, in 15 ore e 47 minuti.

Quando cercano di continuare da Honolulu tre giorni dopo, l'aereo si blocca durante il decollo e devono annullare il volo.

1 giugno 1937
Amelia parte per un secondo tentativo, questa volta da Miami, in Florida, con il piano di viaggiare da ovest a est. Fred Noonan è il suo unico membro dell'equipaggio su questo secondo volo. Completano quasi 22.000 miglia del volo, fermandosi in Sud America, Africa, India e Lae, Nuova Guinea.

2 luglio 1937
Amelia Earhart e Fred Noonan partono da Lae. La loro destinazione è Howland Island, una minuscola isola nel Pacifico lunga solo 13.200 piedi e larga 2.650 piedi. Tuttavia, Amelia e Noonan non riescono a trovare l'isola e perdono il contatto radio con la motovedetta della Guardia Costiera Itasca , che può sentire di essersi perso ma non può restituire la comunicazione.

Scompaiono nell'Oceano Pacifico. Il presidente Roosevelt effettua una massiccia ricerca di Amelia e Noonan, e George Putnam finanzia la propria ricerca fino all'ottobre 1937, ma i loro sforzi non hanno successo.

5 gennaio 1939
Amelia Earhart viene dichiarata legalmente morta in un tribunale di Los Angeles.


Un altro notevole volo di Earhart

L'11 gennaio 1935, Amelia Earhart fu la prima persona a volare da sola dalle Hawaii alla California.

Nata nel 1897, Amelia Earhart ha avuto un amore per l'avventura fin dalla giovane età. È rimasta affascinata dal volo dopo aver guidato sulle montagne russe da bambina e ha guidato per la prima volta su un aereo nel 1920.

Di quell'evento quando aveva 23 anni, Earhart ha dichiarato: "Non appena ho lasciato il suolo, sapevo che dovevo volare io stesso". Ha subito preso lezioni di volo, ha conseguito la licenza di pilota e ha acquistato il suo aereo.

Earhart ha guadagnato l'attenzione nazionale nel 1928 quando ha viaggiato come passeggero su un volo transatlantico. Ma voleva ottenere il riconoscimento per i suoi talenti di volo e, nel processo, aiutare a promuovere la causa delle donne pilota.

USA #68 – Nuovo foglio di 50 francobolli Earhart. Clicca l'immagine per acquistare.

Quattro anni dopo, Earhart ha raggiunto il suo obiettivo, diventando la prima donna (e la seconda persona dopo Charles Lindbergh) a volare da sola attraverso l'Oceano Atlantico. Ha anche fatto il volo in meno della metà del tempo impiegato da Lindbergh. E più tardi, nel 1932, stabilì il record per un volo pilotato da donne attraverso gli Stati Uniti.

USA #C68 – Copertura classica del primo giorno. Clicca l'immagine per acquistare.

Successivamente, Earhart ha messo gli occhi su un nuovo obiettivo: volare da sola dalle Hawaii alla California. Un'azienda alle Hawaii stava offrendo un premio di $ 10.000 al pilota che poteva completare per primo il volo. Quel volo era 400 miglia più lungo del viaggio transatlantico e più pericoloso. Nel dicembre 1934 un pilota tentò il viaggio e scomparve nell'oceano.

Articolo #M11006 è stato emesso per il 75° anniversario della scomparsa di Earhart. Clicca l'immagine per acquistare.

Ma Earhart era determinata a raggiungere il suo obiettivo, quindi ha preso ulteriori precauzioni. Ha rimosso il sedile del passeggero dal suo aereo e ha installato serbatoi di carburante aggiuntivi lì. Ha anche creato un avanzato sistema radio bidirezionale per tenersi in contatto con gli operatori radio a terra.

Articolo #M11007 è stato anche emesso per il 75° anniversario della scomparsa di Earhart. Clicca l'immagine per acquistare.

L'11 gennaio 1935, Earhart lasciò Wheeler Field a Oahu, nelle Hawaii, nonostante una leggera pioggerellina. Ha volato per tutta la notte e ha ascoltato una trasmissione sinfonica alla radio per una parte del viaggio. Dopo 18 ore e 2.400 miglia, Earhart è atterrato a Oakland, in California, il giorno successivo. Lì, migliaia di spettatori eccitati l'hanno vista avvicinarsi e hanno inondato la pista per congratularsi con lei. È stata la prima persona a completare con successo il viaggio dalle Hawaii alla California da sola. Poco dopo, la First Lady Eleanor Roosevelt invitò Earhart a visitare la Casa Bianca.


Amelia Earhart vola dalle Hawaii alla California - STORIA

Earhart visto uscire dopo il suo volo nel Pacifico:

Cattivo umore: Earhart visto uscire dopo il suo volo nel Pacifico:

pianura: Così triste che alla fine i nazisti l'hanno catturata :/

ma abbiamo ancora i suoi diari

some_beer_drinker: impressionante per una ragazza cieca e sorda

E ha giocato a un flipper cattivo.

Poltrona_Invettiva: Amy Johnson: "Oh, è adorabile".
[immagine pbs.org 400x433]

Buttarci sopra dell'acqua fredda, eh?

Non capisco mai perché qualcuno sia il primo, ma non proprio, quindi inventiamo alcune regole per farlo prima, cosa.

Quindi non è la prima, solo una femmina.

O Lindberg, nemmeno il più vicino ad essere il primo, che mancava di 9 anni, che è un lungo periodo in cui l'aviazione era appena stata inventata, ma non aveva un navigatore, quindi, evviva!?

Ketchuponsteak: Non ho mai capito perché qualcuno è il primo, ma non proprio, quindi inventiamo alcune regole per farlo prima, cosa.

Quindi non è la prima, solo una femmina.

È stata la prima a fare da solista tra le Hawaii e gli Stati Uniti continentali. Non la prima donna, la prima.

E riguardo alla "prima donna", ho delle lettere di rifiuto che mia madre ha ricevuto nei primi anni '60 dicendo: "Non assumiamo ragazze per questo lavoro". La mamma aveva 30 anni.

Come si suol dire, gli uomini bianchi giocano il gioco della vita in un ambiente facile. Altri devono ancora lavorare di più.

Scherzi, ma la corrispondenza con suo marito è affascinante.
https://lettersofnote.com/2010/04/01/​y​ou-must-know-again-my-reluctance-to-ma​rry/
.
"Sulla nostra vita insieme voglio che tu capisca che non ti terrò a nessun codice di fedeltà nei miei confronti né mi considererò legato a te allo stesso modo. Se possiamo essere onesti, penso che le difficoltà che sorgono possano essere evitate nel modo migliore se tu oppure mi interesso profondamente (o di sfuggita) a chiunque altro.

"Per favore, non interferiamo con il lavoro o il gioco degli altri, né lasciamo che il mondo veda le nostre gioie o disaccordi privati. A questo proposito potrei dover mantenere un posto dove posso andare per essere me stesso, di tanto in tanto, perché non posso garantire di sopportare in ogni momento i confinamenti anche di una bella gabbia.".

La Purdue University ha un archivio di materiali e lettere di lei e di suo marito.

jaytkay: Ketchuponsteak: Non ho mai capito perché qualcuno è il primo, ma non proprio, quindi inventiamo alcune regole per farlo prima, cosa.

Quindi non è la prima, solo una femmina.

È stata la prima a fare da solista tra le Hawaii e gli Stati Uniti continentali. Non la prima donna, la prima.

E riguardo alla "prima donna", ho delle lettere di rifiuto che mia madre ha ricevuto nei primi anni '60 dicendo: "Non assumiamo ragazze per questo lavoro". La mamma aveva 30 anni.

Come si suol dire, gli uomini bianchi giocano il gioco della vita in un ambiente facile. Altri devono ancora lavorare di più.

In realtà, la cosa di Charles Lindberg è un po' la cosa che mi infastidisce. Farlo nel 1927 o era il 1928, non è impressionante, rispetto a qualcuno che usava un bombardiere della prima guerra mondiale nel 1919.

Quindi l'ha fatto da solo, ladida. Alcuni direbbero che una bussola occupa meno peso di un navigatore, consentendo più carburante.

Tuttavia, il navigatore si rivelò cruciale nel 1919, poiché il navigatore dovette uscire sulle ali e abbatterle sul ghiaccio.

Tuttavia, Lindberg è diventato famoso perché gli americani, almeno a quel tempo, ignoravano i primi, o cambiavano le regole, fino a quando non lo faceva un americano.


Amelia Earhart: primo volo in solitaria dalle Hawaii alla California

Amelia Earhart ha elettrizzato il mondo durante gli anni '20 e '30 con le sue audaci imprese di volo e i numerosi record dell'aviazione che ha stabilito. Nel 1932 è diventata la prima donna a volare da sola attraverso l'Atlantico - per questa impresa di resistenza e coraggio di 15 ore è diventata la prima donna a ricevere la Distinguished Flying Cross. Nello stesso anno, è diventata la prima donna a volare senza scalo negli Stati Uniti.

Foto: Amelia Earhart, c. 1928. Fonte: Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, Divisione stampe e fotografie.

Poi, in questo giorno del 1935, Earhart decollò dalle Hawaii e divenne il primo pilota, maschio o femmina, a volare da solo dalle Hawaii alla California, compiendo questa impresa senza precedenti in 18 estenuanti ore.

Earhart era una celebrità affermata al momento del suo volo Hawaii-California del 1935, con enormi folle che salutavano le sue apparizioni pubbliche e voli da record. Durante le ultime tre ore del suo volo Hawaii-California non c'era stato alcun contatto radio con lei, ma quando è atterrata a Oakland, in California, il 12 gennaio una folla estasiata di 5.000 persone l'attendeva, inondando lei e il suo aereo di fiori e con impazienza raggiungendo per stringerle la mano.

Il volo da record di Earhart era una grande notizia all'epoca ed era apparso in primo piano sulle prime pagine dei giornali della nazione, come questo del Sud Dakota.

Aberdeen Daily News (Aberdeen, South Dakota), 13 gennaio 1935, pagina 1

Questo articolo ha fornito i dettagli del suo volo impegnativo e l'accoglienza selvaggia e allegra che ha ricevuto quando è finalmente atterrata.

Aberdeen Daily News (Aberdeen, South Dakota), 13 gennaio 1935, pagina 1

Ecco una trascrizione di questo articolo di giornale:

Amelia Earhart completa il volo negli Stati Uniti

Completa il primo volo in solitaria in 18 ore

"Lady Lindy" esprime stanchezza mentre le ruote toccano la terra dell'aeroporto
Non ha avuto grossi problemi
Dichiara la traversata del Pacifico peggiore di Atlantic Prophesies Airways

di Louis Ashlock
(Diritto d'autore, 1935, dell'AP)

Oakland, California, 12 gennaio—(AP)—Amelia Earhart Putnam, aviatrice conquistatrice dell'oceano, è arrivata a Oakland oggi per completare il primo volo in solitaria mai effettuato tra le Hawaii e la California—e si è frettolosamente pettinata i capelli biondi arruffati prima di voltarsi verso il viso una folla follemente acclamante.

"Sono stanca", ha detto la famosa detentrice di molti record di aviazione mentre faceva capolino dalla cabina di pilotaggio, vedeva la folla e prendeva il pettine.

Le ruote del suo veloce monoplano rosso toccarono la terraferma alle 13:31. PST (15:31 CST), solo 18 ore e 16 minuti dopo il suo entusiasmante decollo da Wheeler Field, a 25 miglia da Honolulu e a 2.408 miglia da Oakland. Due ore dopo l'atterraggio andò a letto senza il beneficio della vestaglia, in un hotel di Oakland.

Ospite d'onore

Non soddisfatta di due viaggi aerei attraverso l'Atlantico e di una miriade di altri onori nell'aviazione, l'aviatrice 36enne ha sfidato il Pacifico come nessun altro uomo o donna. È arrivata in modo ordinato, ma solo dopo aver combattuto una varietà di condizioni atmosferiche e aver concesso agli osservatori della California tre ore di disagio durante le quali la sua posizione non era nota.

"Era peggio del volo sull'Atlantico", ha detto. "Non c'era alcuno scopo o motivo per questo."

Alla domanda sui rapporti secondo cui stava pensando di proseguire immediatamente per Chicago o Washington, ha sorriso misteriosamente e ha detto: "Beh, dovrò controllare il tempo prima di saltare, ma non andrò per tre o quattro ore".

Ma la signorina Earhart sembrava piuttosto stanca e le circostanze smentirono l'idea. Gli assistenti aeroportuali hanno detto che aveva lasciato istruzioni di non fare rifornimento al suo aereo. Le condizioni meteorologiche a est sono state segnalate sfavorevoli.

Le città costiere della California l'aspettavano da tre ore e quando è piombata sull'aeroporto ha colto di sorpresa la folla.

Salutato dalla folla

Un grande applauso si levò dalle 5.000 persone radunate sul campo. La folla si scagliò verso l'aereo e si fermò poco prima del ronzare delle pale dell'elica.

Fu a quel punto che l'istinto femminile ebbe la meglio sul volantino giramondo e lei prese il pettine.

Spinsero il suo aereo in un hangar e chiusero le porte contro la folla ammirata, ma solo dopo che molti erano riusciti ad afferrarle la mano e gridarle parole di lode.

"Non voglio sedermi", disse con fermezza quando un inserviente vide la sua stanchezza e le offrì una sedia. "Sono seduto da molto tempo."

Qualcuno ha detto che non era stata sentita da molto tempo prima di atterrare che c'erano rapporti che stava combattendo contro la nebbia che aveva deviato dalla sua rotta che la sua benzina stava finendo prima che raggiungesse la costa. Hanno chiesto se fosse stata preoccupata.

"Preoccupato?" ha fatto eco. "Oh, ho pensato che mi sarebbe piaciuto avere la vista della terra un paio di volte."

Prima sega la terra

La signorina Earhart ha affermato di non essersi mai persa, ma ha detto di aver virato a sud del suo percorso e di aver avvistato per la prima volta la terra a circa 60 miglia a sud di San Francisco.

"Non ero sicura che fosse terra che ho avvistato", ha detto. “Ho rallentato il motore di proposito per risparmiare carburante e non capisco perché qualcuno avrebbe dovuto preoccuparsi per me. Il motivo per cui non ho dato la mia posizione è stato perché non ho "sparato" le stelle (con un sestante) e quindi non potevo darlo".

Un intervistatore ha detto di aver visto un arcobaleno sopra il Golden Gate mentre la signorina Earhart si stava avvicinando alla costa.

"Oh, arcobaleni!" esclamò. “Ho volato attraverso molti di loro.

“Ho perso molto tempo perché parte dell'attrezzatura era nuova e un nuovo tipo di bussola mi ha spiazzato. I ventilatori si sono spenti e anche questo mi ha dato molto fastidio".

Il motore non ha mai vacillato

“Ma il motore funzionava perfettamente e solo piccole cose, come il ventilatore, mi davano fastidio.

“Avevo molti panini con me ma non ne ho mangiato nessuno. Ho mangiato un uovo sodo, che era un vero lusso, e ho bevuto del succo di pomodoro. Mi sento solo sporco e voglio un bagno.”

La signorina Earhart ha affermato che i voli commerciali tra le isole e la California sono "del tutto fattibili".

"Sono inevitabili", ha detto, "e voleremo ovunque in breve tempo".

Alla domanda sulle tre ore durante le quali il mondo esterno ha sentito poco o nulla dal suo aereo, ha detto: “Ho ascoltato un messaggio trasmesso da mio marito (George Palmer Putnam, editore di New York) e sono stata molto rallegrata dalla sua voce. Ho anche ascoltato i programmi musicali trasmessi per tutta la notte”.

La signorina Earhart ha affermato di ritenere che l'uso della comunicazione radio vocale bidirezionale fosse consigliabile per gli aerei che effettuano voli a distanza. Questo tipo di radio era una parte del suo elaborato equipaggiamento.

Mentre si rannicchiava in un morbido letto nella sua camera d'albergo, sospirò e disse:

ha bisogno di dormire

"Voglio dormire più di ogni altra cosa."

In un attimo stava dormendo profondamente e gli addetti all'hotel hanno detto che aveva intenzione di dormire dalle due alle sei ore - "o forse di più".

Il finale del volo epocale è stato breve quanto rapido. Raggiunta la costa, si diresse a nord verso l'aeroporto.

Non ha perso un piede di distanza o un secondo di tempo. Non ha fatto il giro del campo come un gesto di gioia per la sua impresa straordinaria ed eccitante. Scivolò dritta sulla pista e guidò l'aereo verso le porte di un hangar.

Per un momento sembrò che la folla potesse incastrarsi all'impazzata nell'elica, ma si fermò appena prima della linea di pericolo.

Il campo era una bolgia di rumore, applausi e azione, colorato con innumerevoli mazzi di rose americane di bellezza e altri fiori per la donna che è diventata "one up" sulla confraternita volante maschile.


Amelia Earhart: Hawaii celebra il grande aviatore

4 di 21 Lockheed Vega di Amelia Earhart, che avrebbe usato per il suo volo in solitaria per Oakland, arriva nel porto di Honolulu a bordo della SS Lurline il 27 dicembre 1934. Archivi della Matson Navigation Co. Mostra di più Mostra meno

5 di 21 L'Aloha Tower accoglie ancora i passeggeri delle crociere a Honolulu, come fece Amelia Earhart nel 1934. Archivi della Matson Navigation Co. Mostra altro Mostra meno

7 di 21 Già ​​famosa, Amelia Earhart riceve un saluto aloha dalla ballerina di hula Dorothy Leslie durante la sua prima visita alle Hawaii, alla fine del 1934. Archivi della Matson Navigation Co. Mostra altro Mostra meno

8 di 21 Amelia Earhart e suo marito George Putnam si rilassano su una veranda al Royal Hawaiian mentre ascoltano i musicisti dell'isola. Matson Navigation Co. Archivi Mostra di più Mostra di meno

10 di 21 La recente ristrutturazione del Royal Hawaiian Hotel ha restaurato le verande della hall con vista su un boschetto di cocco, di cui Amelia Earhart ha goduto durante i suoi soggiorni negli anni '30. Jeanne Cooper/Speciale per SFGate Mostra di più Mostra di meno

11 di 21 La leggenda del surf e lo sceriffo di Honolulu Duke Kahanamoku, che intratteneva regolarmente celebrità in visita, condivide un ananas con Amelia Earhart il 2 gennaio 1935. Gli archivi della Matson Navigation Co. Mostra altro Mostra meno

13 di 21 Lo storico volo di Amelia Earhart tra Honolulu e Oakland nel 1935 - il primo volo in solitario dalle Hawaii alla terraferma - partì da Wheeler Field, ora noto come Wheeler Army Airfield, nel centro di O'ahu. Archivi dell'aviazione delle Hawaii Mostra di più Mostra di meno

14 di 21 Amelia Earhart Putnam, prima del suo volo fatale a Oakland, CA, 1937. Mostra di più Mostra meno

16 di 21 Prima che Amelia Earhart (all'estrema destra) partisse per il suo volo in solitaria per la California l'11 gennaio 1935, si godette un volo panoramico per Maui e l'isola di Hawai'i. Nella foto (da sinistra) ci sono anche il marito del pilota californiano Paul Mantz Earhart, George Putnam Myrtle Mantz e Stanley Kennedy, presidente di Inter-Island Airways. Archivi dell'aviazione delle Hawaii Mostra di più Mostra di meno

17 di 21 I documenti relativi al famoso volo in solitaria di Amelia Earhart dalle Hawaii alla terraferma nel 1935 si trovano in una scatola di rame all'interno della base di questo monumento al Diamond Head Lookout su O'ahu. Jeanne Cooper/Speciale per SFGate Mostra di più Mostra di meno

19 di 21 L'albero di banyan piantato da Amelia Earhart durante il suo giro turistico il 6 gennaio 1935, si trova ancora lungo Banyan Drive di Hilo. Jan Wouterloot Mostra di più Mostra di meno

20 di 21 Un segno delle cose a venire? Il tentativo di Earhart di volare a ovest dalle Hawaii nel 1937 fu interrotto quando il pneumatico del carrello di atterraggio destro si spense a Ford Island, nel mezzo di Pearl Harbor. Archivi dell'aviazione delle Hawaii Mostra di più Mostra di meno

Sebbene nessuno possa sapere esattamente come o dove sia finita la vita di Amelia Earhart, il pilota pionieristico ha goduto di due viaggi ben documentati alle Hawaii prima di scomparire da qualche parte nell'Oceano Pacifico.

Per la prima volta, incontrò Duke Kahanamoku, assaggiò l'ananas e volò a Maui e alla Big Island per visitare la città prima di fare il suo storico volo in solitaria verso la terraferma l'11 gennaio 1935, arrivò a Oakland il giorno successivo tra una folla esultante. La fama di Earhart era aumentata solo quando tornò a Honolulu nel marzo 1937 nel suo tentativo di volare intorno al mondo. Tuttavia, un incidente al decollo l'ha costretta a tornare in California e il suo tentativo successivo ha preso una rotta verso est da Miami. Tuttavia, Earhart sarebbe atterrata a Honolulu sulla via del ritorno, se lei e il navigatore Fred Noonan non fossero scomparsi insieme all'aereo in rotta verso l'isola di Howland dalla Nuova Guinea il 2 luglio 1937.

Il 24 luglio 2010 – 113° compleanno di Earhart – una mostra di 65 fotografie scoperte di recente o poco viste del tempo dell'aviatore alle Hawaii sarà allestita al Royal Hawaiian Hotel, dove Earhart una volta soggiornò. Le foto provengono dagli archivi della Matson Navigation Company, proprietaria sia della S.S. Lurline, che ha trasportato il pilota e della sua Lockheed Vega alle Hawaii, sia della Royal Hawaiian. Sebbene Earhart abbia trascorso molto tempo al Wheeler Field per preparare il suo aereo per il viaggio, si è anche rilassata a Waikīkī, come rivelano le foto d'epoca. Saranno in mostra nella Coronet Lounge dell'hotel fino alla fine dell'anno.

Se non riesci a vedere la mostra prima di allora, una storia più dettagliata del tempo di Earhart alle Hawaii, insieme ad alcune delle immagini di Matson e ad altre foto, può essere trovata sul sito web Hawai'i Aviation, creato dal Dipartimento di Stato dei Trasporti, Divisione Aeroporti. E anche se potresti non essere in grado di visitare l'ultimo luogo di riposo di Earhart, l'albero di banyan che piantò a Hilo il 6 gennaio 1935, che ora torreggia sopra Banyan Drive, è contrassegnato da una targa. A O'ahu, un punto di osservazione lungo la strada su Diamond Head Road nel Kuilei Cliffs Beach Park ha anche una targa che commemora Earhart, in onore di quel primo volo in solitaria dalle Hawaii alla terraferma. È un luogo adatto dove fermarsi, guardare il mare e ricordare il coraggio della donna che l'ha attraversato da sola.


Aviazione delle Hawaii

Si prega di leggere attentamente i seguenti Termini e Condizioni d'uso prima di utilizzare questo sito web. Siete tenuti ad accettare espressamente i seguenti Termini e Condizioni d'Uso, senza alcuna modifica, prima di ogni utilizzo di questo sito web. La Divisione aeroportuale del Dipartimento dei trasporti dello Stato delle Hawaii (l'"HDOTA") può rivedere i Termini e le condizioni d'uso senza alcun preavviso specifico all'utente. I Termini e condizioni d'uso pubblicati al momento dell'utilizzo di questo sito Web regolano tale utilizzo. Se non sei d'accordo con qualsiasi parte dei seguenti Termini e Condizioni d'uso, non ti sarà permesso di utilizzare questo sito web.

Le immagini e altri contenuti, (i “Media”), su questo sito, http://aviation.hawaii.gov, sono protetti dalle leggi sulla proprietà intellettuale applicabili. Salvo diversa indicazione, i diritti di proprietà intellettuale nel sito Web sono amministrati da HDOTA per conto di se stessa e dello Stato delle Hawaii.

PER L'USO DEI MEDIA SI PREGA DI NOTARE:

È vietato utilizzare i Media per qualsiasi scopo commerciale. È severamente vietato qualsiasi uso, commerciale o meno, che possa tendere a degradare, offuscare la reputazione o mettere in imbarazzo il creatore di contenuti (fotografo, operatore video ecc.), lo Stato delle Hawaii o HDOTA.

PER TUTTI GLI UTILIZZI:

Di seguito sono riportati esempi generali di ciò per cui i Media non possono essere utilizzati o in relazione a. Il seguente elenco non è esaustivo.

  • Assunzione o tentativo di utilizzare i media per applicazioni commerciali, di marketing, di autopromozione o novità
  • Intraprendere o tentare di intraprendere qualsiasi azione che comporti la modifica o l'alterazione delle immagini: il ritaglio è accettabile
  • Intraprendere o tentare di intraprendere qualsiasi azione che comprometta il sito web
  • Intraprendere o tentare di intraprendere qualsiasi azione che implichi la ristampa su libri, indumenti, poster, tazze o qualsiasi altro supporto.

You agree that, upon notice from HDOTA, you will immediately cease all use of the Media and, to the extent possible, remove all Media from any and all materials in which they appear.

Credit is required for each of the Media as specified on this website. Credit must be placed adjacent to any use of the Media.

You, your successors and assigns, agree to release, indemnify and defend HDOTA and the State of Hawaii from and against all costs, liability, loss, damage, and expense, including all attorneys’ fees, and all claims, suits, and demands therefor, arising out of or resulting from your acts or omissions under these Terms & Conditions of Use and your use of the Media.


Amelia Earhart flies from Hawaii to California - HISTORY

In her early childhood, Amelia Earhart’s parents took her to an aviation show and paid a dollar to a pilot to take young Amelia up in the air for 10 minutes. That was all the motivation she needed: “By the time I had gotten two or three hundred feet off the ground,” she wrote, “I knew I had to fly.” Despite aviation being a predominantly male field, Earhart wanted to make her mark. Of course she knew just how.

On this day, August 24, in 1932, just two months after her solo transatlantic flight, “Lady Lindy” Amelia Earhart flew a Lockheed Vega from Los Angeles, California, to Newark, New Jersey, becoming the first woman to fly solo coast-to-coast. She also set a record time for the flight: 19 hours, 5 minutes.

Three years later, Earhart flew from the West Coast to Hawaii, a trip made somewhat easier by better navigational charts and instruments, but still the equivalent of finding a needle in the haystack of the Pacific Ocean. By 1937 Earhart was ready for her grand finale: a flight around the world. Earhart never completed it, disappearing midway, but before she left she told the press “I have a feeling there is just about one more good flight left in my system and I hope this trip is it. Anyway, when I have finished this job, I mean to give up long-distance ‘stunt’ flying.”


Today in History. Amelia Earhart flies from Hawaii to California

Amelia Earhart remains famous worldwide as a pioneer of flight, and a feminist icon.

Fascinated with flying from an early age (following a chaotic 'first flight' in a wooden box on a homemade rollercoaster) she was fearless in her flights, especially on her beloved 'Old Bessie' with which she crossed the Atlantic. She was the founder of the Ninety-Nines - a club of female pilots which exists to this day.

One of her more significant flights took place on January 11 1935 when she became the first person to fly solo from Hawaii to California - a journey which had claimed the lives of others in 1927. Two and a half years later, she was to mysteriously disappear whilst attempting a round the world trip.

Earhart memorabilia has retained its significance over the years, and much is preserved in museums, such as the Museum of Women Pilots in Oklahoma City.

On occasion, a piece has been used as a talisman. A scarf of Earhart's was taken into space by Eileen Collins, the first woman to pilot the space shuttle and another is expected to be taken up this spring along with her wristwatch.


Signed photo of Amelia Earhart

Certainly, the memorabilia which have been made available for auction have commanded substantial prices, which the recent film based on Earhart's life will not harm. In October, Earhart's goggles sold for a startling $141,600, whilst even a signed photo achieved $6,300 at a Bonhams auction.


Amelia Earhart


Women must try to do things as men have tried. When they fail, their failure must be but a challenge to others.
Amelia Earhart to George Putnam, 1935

Leaves Columbia University after one semester

Joins her parents in Los Angeles, California

Takes her first flight with Frank Hawks

Sells Kinner Airster and buys an automobile

Drives her mother to Massachusetts and settles with her younger sister, Muriel

Is recognized as the first woman to fly across the Atlantic Ocean as a passenger (June)

Writes 20 ore 40 Min

Completes the first transcontinental flight by a woman (Sept/October)

Acquires a single engine Lockheed Vega aircraft

Competes in Women's Air Derby (Santa Monica to Cleveland) - finishes in third place

Helps organize The Ninety-Nines (November)

Sets the women's world flying speed record of 181.18 mph (July)

Acquires her air transport license (October)

Becomes the first president of The Ninety-Nines

Marries George Palmer Putnam in Noank, Connecticut (February)

Acquires an autogiro and sets a women's autogiro altitude record of 18,415 feet (April)

Completes her first solo transcontinental flight in an autogiro for the Beechnut Company (May/June)

Writes The Fun of It (read an excerpt)

Becomes the first woman (and second person) to fly solo across the Atlantic Ocean in her single engine Lockheed Vega and the first person to cross the Atlantic twice by air

Sets women's record for fastest non-stop transcontinental flight (Los Angeles, California to Newark, New Jersey) in 19 hrs and 5 mins (August)

Is awarded the Army Air Corps Distinguished Flying Cross

Becomes the second non-British pilot to receive Honorary Membership in the British Guild of Airpilots and Navigators

Is awarded the Gold Medal of the National Geographic Society, presented by President Herbert Hoover

Receives honorary membership in the National Aeronautic Association

Wins the Harmon Trophy as America's Outstanding Airwoman

Participates in the National Air Races in Los Angeles, California

Breaks her own North American transcontinental record with a flying time of 17 hours, 7 minutes, 30 seconds

Is the first person to fly solo across the Pacific Ocean from Honolulu, Hawaii to Oakland, California in 17 hours and 7 minutes (January)

Is the first person to fly solo from Los Angeles, California to Mexico City, Mexico by official invitation from the Mexican Government (April)

Is the first woman to compete in the National Air Races in Cleveland, Ohio

Named America's Outstanding Airwoman by Harmon Trophy committee

Takes delivery of Lockheed twin-engined airplane financed by Purdue University (July)

Starts to plan her round-the-world flight

Begins her round-the-world flight in Oakland, California and sets a record for east-west (Oakland to Hawaii) travel in 15 hours and 47 minutes (March)

Ground loops plane while taking off from Hawaii for Howland Island and badly damages it (March)

Airplane is repaired and a second round-the-world attempt is started from Miami, Florida (June)


Guarda il video: Amelia Earharts Plane Was Finally Found


Commenti:

  1. Bemot

    Rustico e, molto probabilmente, non nella parte superiore.

  2. Fenrira

    Questa è la risposta divertente

  3. Kigagar

    Questo non è sempre così.

  4. Tataxe

    Vorrei incoraggiarvi a visitare il sito, con un gran numero di articoli sull'argomento che vi interessa.

  5. Chanoch

    Penso che permetterai l'errore. Mi offro di discuterne. Scrivimi in PM, lo gestiremo.



Scrivi un messaggio