Francesco Dodd

Francesco Dodd


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Francis Dodd è nato a Glasgow nel 1874. Si è formato alla Glasgow School of Art e ha sviluppato una reputazione come uno dei principali ritrattisti britannici.

Nel 1916 Charles Masterman, il capo del War Propaganda Bureau (WPB), reclutò Dodd per sostituire Muirhead Bone, come artista di guerra ufficiale della Gran Bretagna sul fronte occidentale. Mentre in Francia ha prodotto più di trenta ritratti di alti ufficiali militari.

Nel 1929 divenne Trustee della Tate Gallery e RA nel 1935.

Francis Dodd morì a Blackheath nel 1935.


Francesco Dodd


Nato a Holyhead, nel Galles, Francis Dodd era figlio di un pastore wesleyano. Si è formato alla Glasgow School of Art, prima di stabilirsi a Londra nel 1904. Durante la prima guerra mondiale, Charles Masterman, capo dell'Ufficio per la propaganda di guerra, nominò Dodd un artista di guerra e lo incaricò di servire sul fronte occidentale, qui produsse oltre trenta ritratti di militari di alto livello. Dopo la guerra, Dodd rivolse la sua attenzione agli acquerelli e ai ritratti su commissione.

Creato durante una visita in Italia, Verona – Veduta di Piazza delle Erbe è un'acquaforte e una puntasecca della Piazza delle Erbe, la principale piazza del mercato di Verona. Durante l'Impero Romano, la Piazza era il foro cittadino e faceva parte della corte romana di Verona. Con i suoi negozi e la sua storia, è stato per secoli il centro della vita economica e politica della città. La vista specifica della Piazza delle Erbe è il Palazzo Maffei nella parte nord-occidentale della piazza. La famiglia Maffei acquistò proprietà sulla piazza nel XVII secolo e vi costruì un bel palazzo. La grande casa è progettata in stile barocco e si trova leggermente più in alto rispetto al suolo della piazza per esporre i resti dell'antico Campidoglio romano sottostante. Nel tempo la famiglia aggiunse una ringhiera adorna di statue di sei divinità romane e greche, nonché punto focale del palazzo, la sua tour de force scala elicoidale, che curva attraverso il centro dell'edificio. Il palazzo è ora un popolare ristorante in piazza.

L'acquaforte e la puntasecca di Dodd raffigurano anche una colonna di marmo, che contiene una statua del Leone di San Marco. Questa caratteristica è un aspetto curioso di Piazza delle Erbe, in quanto il Leone è un simbolo della Repubblica di Venezia. Verona entrò a far parte della Repubblica di Venezia nel 1405, ma la città fu catturata da Massimiliano I nel 1508 e rimase sotto la mano dell'Impero fino al 1517. Dopo il ritorno di Verona alla Repubblica, i cittadini festeggiarono ponendo in piazza un monumento al Leone di San Marco, a significare la fedeltà di Verona alla Repubblica di Venezia.

L'incisione di Verona di Dodd risale al 1914, proprio all'inizio della prima guerra mondiale. È un ottimo esempio del suo lavoro di metà carriera, caratterizzato da linee ricche e vellutate. Dieci anni dopo - dopo l'esperienza di Dodd come ritrattista in tempo di guerra - il suo lavoro dimostra una maggiore competenza. C'è una qualità morbida e sfocata nelle sue stampe precedenti, tra cui Verona – Veduta di Piazza delle Erbe, che non è così visibile nei suoi lavori successivi, più dettagliati, dove ha sperimentato colori più profondi.

Francis Dodd visse e lavorò a Blackheath, Londra, fino alla sua morte nel 1949.


Sonora Louise intelligente Dodd (1882-1978)

Sonora Louise Smart Dodd è conosciuta come la "Festa della mamma". Ha iniziato a cercare di rendere la festa del papà una festa ufficialmente riconosciuta nel 1909.

Sonora Smart è nata il 18 febbraio 1882 a Jenny Lind (Contea di Sebastian), figlia di William Jackson Smart, agricoltore e veterano della Guerra Civile, e di Ellen Victoria Cheek Smart. Era la maggiore di sei figli e l'unica femmina. Quando Smart aveva cinque anni, la sua famiglia lasciò l'Arkansas e si stabilì a Spokane, Washington, dove visse per il resto della sua vita. Nel 1898, sua madre morì di parto e Smart aiutò suo padre a crescere i suoi fratelli minori.

Smart sposò John Bruce Dodd, un agente assicurativo, il 4 novembre 1899, e ebbero un figlio, Jack Dodd, nel 1909. Nel 1909, Dodd ascoltò un sermone in chiesa sulla festa della mamma, che era recentemente diventata una festa riconosciuta, e lei si chiedeva perché non ci fosse la festa del papà. Il 6 giugno 1910, Dodd suggerì di istituire una vacanza del genere alla Spokane Ministerial Association e alla Young Men's Christian Association (YMCA). La prima festa del papà fu celebrata a Spokane il 19 giugno 1910, quattordici giorni dopo il compleanno del padre di Dodd.

Sebbene la vacanza proposta abbia guadagnato molti sostenitori nel corso degli anni, inclusi i presidenti Woodrow Wilson e Calvin Coolidge, ci sono voluti diversi decenni per essere riconosciuta a livello nazionale. Nel 1966, il presidente Lyndon B. Johnson dichiarò il 19 giugno di quell'anno la festa del papà. Infine, nel 1972, il presidente Richard M. Nixon fece della festa del papà una festa nazionale permanente da osservare ogni anno la terza domenica di giugno.

Oltre al suo lavoro che istituiva la festa del papà, Dodd era un'artista e una poetessa e ha scritto un libro per bambini sui nativi americani di Spokane.

Dodd morì il 22 marzo 1978 ed è sepolto a Greenwood Memorial Terrace a Spokane.

Per ulteriori informazioni:
"Nativo dell'Arkansas, il proponente della festa del papà muore a 96 anni." Gazzetta dell'Arkansas, 23 marzo 1978, pag. 16A.

"Morta la donna che ha festeggiato la prima festa del papà". Democratico dell'Arkansas, 23 marzo 1978, pag. 5B.


Francis Dodd - Storia

Billy Francis Dodd è nato il 29 dicembre 1948. Secondo i nostri registri, la California era la sua casa o stato di arruolamento e la contea di Los Angeles era inclusa nei documenti d'archivio. Abbiamo Wilmington elencato come la città. Si era arruolato nell'esercito degli Stati Uniti. Entrato in servizio tramite regolare militare. Servito durante la guerra del Vietnam. Ha iniziato il suo tour il 22 agosto 1968. Dodd aveva il grado di Specialist Five. La sua occupazione o specializzazione militare era il riparatore di elicotteri. Il numero di servizio assegnato era 561708059. Collegato alla 101a divisione aviotrasportata, 101a battaglione di aviazione, compagnia B. Durante il suo servizio nella guerra del Vietnam, lo specialista dell'esercito Five Dodd ha vissuto un evento traumatico che alla fine ha provocato la perdita della vita il 10 febbraio 1970. Circostanze registrate attribuite a: morte per azione non ostile, omicidio accidentale. Luogo dell'incidente: Vietnam del Sud, provincia di Thua Thien. Billy Francis Dodd è stato ucciso da una ferita da arma da fuoco accidentale. fu originariamente sepolto nel cimitero di Wilmington, in California, dove vivevano i suoi genitori. In seguito fu trasferito al Ringling Memorial, nella contea di Jefferson, in Oklahoma, dove sono sepolti i suoi genitori. Billy è onorato al Vietnam Veteran's Memorial a Washington DC. Nome iscritto su VVM Wall, Panel 14w, Line 120.

Francesco Bacone

L'Inghilterra elisabettiana era tutt'altro che una società libera. Come l'Europa continentale dell'epoca, l'autorità delle monarchie e della Chiesa era indiscussa. I sovrani detenevano il potere di vita o di morte sui loro sudditi. Le autorità hanno incoraggiato gli informatori – spie– a consegnare eretici e radicali politici, che sono stati poi torturati in confessioni prima delle loro esecuzioni. L'Inghilterra era divisa sulla religione e il suo rinascimento imminente non era che un barlume nelle menti di una piccola élite istruita.

In mezzo a questo contesto instabile, Elisabetta I salì al trono nel 1558. Quando Carlo I salì al trono nel 1625, la lingua inglese era stata trasformata e il commercio e il commercio inglesi guidavano il mondo. L'America veniva colonizzata e si erano gettate le basi per una rivoluzione nel pensiero politico e nella scienza. W.T. Smedley, un biografo di Bacon, afferma:

“Dal 1576 al 1623 la lingua inglese fu resa l'esempio migliore delle sue capacità oggi esistenti: Ma la conoscenza e la saggezza possedute dagli scrittori classici, le storie delle principali nazioni del mondo, praticamente tutto ciò che valeva la pena conoscere nel letteratura di altri paesi, furono per la prima volta rese disponibili in lingua inglese. Hanno fatto conoscere a Bacone tradizioni misteriche come lo gnosticismo, i misteri egizi e i Cavalieri Templari, che hanno influenzato i suoi scritti successivi. Quindi la successiva carriera politica di Bacon nel parlamento elisabettiano e sotto Giacomo I fu una sorta di baraccone per la vasta impresa filosofica che si era prefissato come pratica di avvocato. Anche così, rappresentò molti collegi elettorali, in particolare la sede principale del Middlesex, e in seguito contemporaneamente St Albans, Ipswich e Cambridge. Bacon è l'unica persona nella storia ad essere membro della Camera dei Lord e della Camera dei Comuni allo stesso tempo. In Parlamento ha fatto parte di non meno di 29 comitati ed è stato considerato uno degli oratori più eloquenti che si siano mai presentati alla Camera dei Comuni.

Eppure vide che il governo onnipotente non era la risposta. “La verità non può mai essere raggiunta ascoltando la voce dell'autorità”, disse Bacon. Si oppose ai sussidi per le imprese e ai monopoli concessi dal governo. Nel 1589 Bacone propose che un sussidio (un disegno di legge fiscale) per dare soldi alla regina fosse straordinario, in altre parole fosse destinato alla guerra e solo per la guerra. L'emendamento è stato approvato, stabilendo così finalmente la base per l'eventuale ascesa del Parlamento sulla Corona. Nel 1593, sotto la minaccia di imprigionamento da parte di Elisabetta, Bacon parlò di nuovo contro l'invasione della Corona sul diritto della Camera dei Comuni di stabilire i livelli di tassazione. Bacon credeva che l'importo richiesto avrebbe esercitato una forte pressione sui poveri e molti non sarebbero stati in grado di pagarlo. Bacon vinse contro la Corona e si assicurò la libertà di parola inglese nel proprio Parlamento e il diritto dei Comuni di stabilire l'importo della fornitura alla Corona. 10

Bacone parlò contro i privilegi feudali e si oppose alla recinzione delle terre comuni da parte dei proprietari terrieri. Propose anche di modificare il linguaggio delle leggi per renderle accessibili all'uomo comune. “Le leggi sono fatte per tutelare i diritti delle persone, non per sfamare gli avvocati.”, ha detto Bacon in Parlamento. Francesco ha combattuto in Parlamento per l'unione con gli scozzesi per aumentare la forza dell'Inghilterra contro le minacce del continente e ha spinto per l'espansione della colonizzazione in America, in particolare Terranova e Virginia. 11 Era rispettato da tutti, soprattutto per la sua virtù, ma geloso dei suoi nemici come il gobbo Robert Cecil, che conosceva il vero segreto della sua nascita e desiderava tenerlo a freno. Sotto Giacomo I, Bacone salì nel 1606 a Procuratore Generale, nel 1613 ottenne la carica di Procuratore Generale. Nel 1618 divenne Lord Cancelliere d'Inghilterra, fino alla sua caduta dalla carica pubblica nel 1621 dopo essere stato incastrato dal suo collega parlamentare e nemesi dei tempi elisabettiani, Edward Coke. 12

La filosofia di Bacon
Il metodo di Bacon per permeare le sue idee filosofiche nell'inconscio collettivo dell'epoca può essere riassunto al meglio nel suo motto: bene visit qui bene latuit – Si vive meglio della vita nascosta. Bacon resuscitò la scuola dei Misteri Rosacroce e la massoneria, e iniettò nuova vita in queste società segrete di confraternite in modo che diventassero veicoli per la nuova filosofia baconiana della ragione e dell'indagine scientifica. Bacon, come Goethe, disprezzava la conoscenza che non portava all'azione e disprezzava anche la negazione del male in noi stessi. Bacone era grato a Machiavelli per la sua franca valutazione del lato oscuro della natura umana in politica: “Siamo in debito con Machiavelli, e scrittori di questo tipo, che dichiarano apertamente e smascherato ciò che gli uomini fanno in realtà, e non ciò che dovrebbero fare perché è impossibile unire la saggezza del serpente e l'innocenza della colomba, senza la preziosa conoscenza della natura del male.” 13 Le opere di Bacon toccano tutti gli aspetti dell'umanità – politica, religione, teologia, metodo scientifico, ma le sue osservazioni più brillanti sono psicologiche. Prefigurando le scoperte di Carl Jung sulla natura dell'inconscio e sul lato oscuro dell'uomo, Bacon riconobbe che la bassezza dell'uomo dovrebbe essere riconosciuta e affrontata apertamente, non repressa e personificata come il diavolo.

Nel volgare politico moderno, Bacon era un conservatore. Vedeva un governo ideale come uno che fosse benevolo senza i peggiori eccessi di dispotismo da parte dei governanti o della maggioranza. “È quasi senza istanza che un governo non fosse prospero sotto governatori dotti.” 14 Bacone aveva l'obiettivo di essere quel governatore – un re-filosofo – come Francesco I d'Inghilterra, fino alla fine della morte di Elisabetta. questo sogno.

Nella scienza, Bacon ha cercato niente di meno che la ricostruzione di un sistema che potesse essere applicato al sollievo della sofferenza dell'uomo. Ha costruito una nuova classificazione della scienza (The Advancement of Learning, 1603-05), ha descritto un nuovo metodo per l'interpretazione della natura (Things Thought and Seen, 1607, Thread of the Labyrinth, 1606, Novum Organum, 1608-20). Indagò i fenomeni della natura in Natural History (1622), e mostrò come gli scrittori del passato avessero avanzato le loro verità al tempo di Bacon in Forest of Forests, pubblicato nel 1624. Bacon registrò “anticipazioni” di risultati scientifici che sentito verrebbe dall'applicazione dei suoi metodi in On Origins (1621). Come risultato dell'applicazione di questi principi, descrisse le basi di una nuova società che sarebbe emersa in The New Atlantis (1624). Questa Magna Instauratio, la grande ricostruzione, è stata ispirata dalla visione che Bacone ha avuto nella sua giovinezza, ed è stata un'impresa erculea senza precedenti nella storia del pensiero. Come ha affermato Bacone nella prefazione alla Magna Instauratio. “e mi sto adoperando per gettare le basi non di una setta o di una dottrina, ma di utilità e potere”. Per Bacon, “La conoscenza è potere, non semplice argomento o ornamento.” In Advancement of Learning, Bacon ha suggerito che tutte le aree della vita avevano regole razionali e una base empirica: medicina, psicologia, persino sogni, predizioni e altri fenomeni occulti. . Eppure chiude il cerchio alla fine di questa indagine, concludendo che la scienza ha bisogno di essere guidata dalla filosofia. Bacon lo applica alla politica. Il perseguimento della politica diventa una bolgia distruttiva quando si separa dalla scienza e dalla filosofia, in altre parole dalla razionalità e da obiettivi più alti. Così Bacon suggerì l'organizzazione della scienza stessa, della comunicazione tra centri di apprendimento per condividere ricerche e risorse, e del mecenatismo regio delle scienze. Un risultato diretto fu la Royal Society in Gran Bretagna, costituita con il sostegno finanziario della Corona.

Novum Organum
Il Novum Organum rappresenta il culmine delle opere aperte di Francis Bacon. Era per introdurre un nuovo metodo di logica nell'apprendimento, per sostituire i vecchi modi che avevano dato così poco frutto. Indicò gli errori di pensiero che dovevano essere corretti affinché l'uomo potesse avanzare. La prima era che l'esperienza del mondo dovesse avere il primato, non le realtà – o le idee sbagliate – nelle menti degli uomini. L'osservazione doveva essere la pietra angolare del metodo scientifico. Il secondo errore che ha osservato è stato il fatto che uomini diversi guardano la stessa esperienza in modi diversi: filtriamo la realtà per adattarla al nostro stato presente, senza vedere cosa c'è veramente. In terzo luogo, Bacone vedeva l'uso inappropriato e negligente del linguaggio come un nemico della vera comprensione. Bacon, infine, vedeva errori nel guardare il mondo con gli occhi di altri filosofi. Il mondo di Platone dice di più su Platone che sul mondo, per esempio. Spetta a Francis Bacon spiegare il metodo scientifico di indagine – sperimentazione e osservazione. Accumulando dati, dice Bacon, arriviamo alla forma del fenomeno, alla sua essenza.

La moderna era secolare della scienza è stata prefigurata in The New Atlantis, la storia di un'utopia insulare nel Pacifico in cui la scienza ha prevalso sull'ignoranza e sulla superstizione in tutte le sfere della vita umana. Politicamente, l'isola non ha elezioni, nessun governante, solo un dotto consiglio di uomini che si sono dimostrati validi con risultati scientifici. In altre parole, un governo senza politici. La maggior parte delle volte questi “governanti” erano impegnati nel tentativo di controllare la natura piuttosto che i loro simili.

Il futuro della libertà
Bacone, consapevole che la sua filosofia e i suoi schemi non erano perfetti, gettò tuttavia le basi per una nuova era di saggezza secolare. Quando la Royal Society fu costituita nel 1662, i fondatori nominarono Bacon come loro modello e ispirazione. Le grandi menti dell'Illuminismo francese hanno dedicato il loro capolavoro cyclopdie a Francis Bacon. Diderot disse di lui “Quel genio straordinario, quando era impossibile scrivere una storia di ciò che era noto, ne scrisse una di ciò che era necessario imparare.” Will Durant afferma in The Story of Philosophy: “Il tutto il tenore e la carriera del pensiero britannico hanno seguito la filosofia di Bacon. Il metodo induttivo ha dato a John Locke l'idea di una psicologia empirica, vincolata dall'osservazione e liberata dalla teologia e dalla metafisica e la sua enfasi su “merci” e “frutti” ha trovato formulazione nell'identificazione di [Jeremy] Bentham dell'utile e il bene.” 15

Edmund Burke fu anche fortemente influenzato dal Lord Cancelliere: “Genius il più profondo, della letteratura il più esteso, della scoperta il più penetrante, dell'osservazione della vita umana il più illustre e raffinato.” 16 Anche Thomas Jefferson era profondamente influenzato dagli scritti di Bacon, e lo stesso Jefferson pensava di realizzare i sogni di Bacon, come riassunto in "La Nuova Atlantide", fondando gli Stati Uniti. Il biografo Hepworth Dixon riassume il contributo delle opere aperte di Bacon al nostro mondo:
“Gli obblighi del mondo verso Francis Bacon sono di un tipo che non può essere trascurato. Ogni uomo che viaggia in treno, che invia un telegramma, che segue un aratro a vapore, che si siede su una poltrona, che attraversa il canale o l'Atlantico, che mangia una buona cena, che gode di un bel giardino, o si sottopone a un indolore operazione chirurgica, GLI DEVE QUALCOSA. “A lui anche il patriota, lo statista, il riformatore del diritto, il giurista scientifico, lo storico, il collezionista di aneddoti, l'amante del buon senso, della saggezza umoristica e della nobile scrittura, gli DEVONO QUALCOSA.” 17

Spirito guida dietro i piani di Raleigh e di altri per stabilire nuove colonie in un continente selvaggio, Francis Bacon era instancabile nel fare pressioni sul re e sui suoi connazionali per esplorare e colonizzare l'America. E sotto lo pseudonimo di Shakespeare, Bacon ha avuto l'effetto più significativo sulla letteratura inglese di ogni singola persona nella storia. Ha letteralmente ricreato l'intera lingua inglese, scrivendo le più grandi opere letterarie del mondo occidentale. È senza precedenti che un uomo possa ottenere così tanto in una vita. Ma a Bacon si possono attribuire le basi per la nostra era moderna di ragione, scienza e libertà in Occidente.

“Nessuna età ha mai affinato l'ingegno così grasso,
Eppure li calma con la sua Politica:
A Lei TUO FIGLIO deve fare il suo SACRIFICIO
Se avrà il mattino dei suoi occhi.”

Sir Francis Bacon scrive un sonetto a sua madre, la regina Elisabetta I, 1596.


Disclaimer

La registrazione o l'utilizzo di questo sito implica l'accettazione del nostro Accordo con l'utente, dell'Informativa sulla privacy e dell'Informativa sui cookie e dei diritti sulla privacy della California (Accordo per l'utente aggiornato il 21/01/21. Informativa sulla privacy e Informativa sui cookie aggiornato il 1/5/2021).

© 2021 Advance Local Media LLC. Tutti i diritti riservati (Chi siamo).
Il materiale su questo sito non può essere riprodotto, distribuito, trasmesso, memorizzato nella cache o altrimenti utilizzato, salvo previa autorizzazione scritta di Advance Local.

Le regole della community si applicano a tutti i contenuti che carichi o invii in altro modo a questo sito.


Ritenere Wall Street responsabile

La crisi finanziaria è stata il risultato di un fallimento fondamentale da Wall Street a Washington. Alcuni a Wall Street si sono assunti rischi irresponsabili che non hanno compreso appieno e Washington non aveva l'autorità per monitorare o limitare adeguatamente l'assunzione di rischi nelle aziende più grandi. Quando la crisi ha colpito, non avevano gli strumenti per smantellare o liquidare una società finanziaria in fallimento senza mettere a rischio il contribuente americano e l'intero sistema finanziario. La riforma finanziaria include una serie di disposizioni che limiteranno l'assunzione di rischi eccessivi e riterranno Wall Street responsabile.

I contribuenti non dovranno sostenere i costi dell'irresponsabilità di Wall Street: Se un'impresa fallisce in futuro, sarà Wall Street, non i contribuenti, a pagarne il prezzo.

Separa il "commercio proprietario" dall'attività bancaria: La &ldquoVolcker Rule&rdquo assicurerà che le banche non siano più autorizzate a possedere, investire o sponsorizzare hedge fund, fondi di private equity o operazioni di trading proprietario per il proprio profitto, estranee al servizio dei propri clienti. Il trading responsabile è una buona cosa per i mercati e per l'economia, ma le imprese non dovrebbero essere autorizzate a gestire hedge fund e fondi di private equity mentre gestiscono una banca.

Fine dei salvataggi: La riforma limiterà la crescita delle più grandi società finanziarie, limiterà le attività finanziarie più rischiose e creerà un meccanismo per il governo per chiudere le società finanziarie in fallimento senza scatenare un panico finanziario che lascerà i contribuenti e le piccole imprese ai ganci.


La mamma della festa del papà

Quando Sonora Louise Smart Dodd aveva 16 anni, suo padre rimase vedovo e fu lasciato a crescere Dodd e i suoi cinque fratelli minori da soli. Nel 1909, Dodd stava ascoltando un sermone per la festa della mamma quando si rese conto della necessità di un giorno per celebrare i padri, specialmente il suo. (Vedi i fotografi di Nat Geo condividere le immagini toccanti dei loro padri.)

Ispirata, Dodd ha redatto una petizione per la prima festa del papà, che secondo lei dovrebbe essere celebrata il compleanno di suo padre all'inizio di giugno. Anche se la petizione ha ottenuto solo due firme, Dodd ha convinto diverse comunità ecclesiali locali a partecipare, a condizione di posticipare la data alla fine di giugno per dare loro più tempo per prepararsi. La celebrazione risultante, a Spokane, Washington, ha dato il via alla missione quasi permanente di Dodd di promuovere la festa del papà per lo status nazionale. Nel mezzo secolo successivo, Dodd avrebbe viaggiato negli Stati Uniti, parlando a nome della festa del papà e facendo una campagna per la causa.

Nelle case della nostra Nazione, guardiamo ai padri per fornire la forza e la stabilità che caratterizzano la famiglia di successo. Se le responsabilità del padre sono molte, anche le sue ricompense sono grandi: l'amore, l'apprezzamento e il rispetto dei figli e del coniuge.

Sebbene la festa della mamma sia stata dichiarata festa nazionale nel 1914, la festa del papà non è stata riconosciuta a livello nazionale fino al 1972. Nel corso degli anni, i presidenti Woodrow Wilson, Calvin Coolidge e Lyndon B. Johnson hanno scritto tutti a favore della festa, ma nessuno ha approvato una legislazione che ratificasse la vacanza durante il loro mandato. Nel 1970, il Congresso approvò finalmente la Risoluzione congiunta 187, che invitava i cittadini a "offrire espressioni pubbliche e private di tale giorno all'amore costante e alla gratitudine che portano per i loro padri". Il presidente Richard Nixon ha firmato la risoluzione in legge due anni dopo.


Bella Dodd — Da comunista a cattolica

Com'è stato che una ragazzina cattolica – nata in Italia – è diventata una delle figure più potenti del Partito Comunista Americano al culmine della sua potenza durante la fine degli anni '30 e '40? La storia del viaggio di Maria Assunta Isabella Visono da un povero villaggio del sud Italia agli intrighi della penetrazione comunista sovietica in America è affascinante e spaventosa. Dovrebbe essere meglio conosciuto di quello che è.

La madre di Maria Assunta, Teresa, viveva a Potenza in una fattoria che apparteneva alla sua famiglia da generazioni. Era una giovane vedova e madre di nove figli quando conobbe Rocco, di Lugano, che si innamorò di lei. Rocco voleva sposarsi e trasferirsi in America, ma Teresa amava la sua fattoria ed era riluttante a lasciare la terra. Alla fine accettò di permettere a Rocco di portare con sé i suoi figli più grandi a New York, di fondare una casa e presto sarebbe seguita con i più piccoli. Così fece, e Teresa e Rocco si sposarono nella chiesa di Santa Lucia a East Harlem nel 1904. Problemi con i custodi della sua fattoria la riportarono in Italia fu solo durante il viaggio che Teresa si rese conto che presto sarebbe stata madre per la decima volta.

Dall'Italia all'America

Poiché la sua attività a Potenza ha richiesto più tempo del previsto, la sua nuova piccola figlia è nata in terra italiana. In queste circostanze insolite, la piccola Maria Assunta Isabella è entrata nel mondo. Teresa tornò a New York poco dopo, lasciando la bambina alle cure dei genitori adottivi, Taddeo e “Mamarella”, semplici contadini che l'amavano come se fosse loro. Teresa aveva programmato di tornare per sua figlia entro un anno, ma, poiché la depressione economica in America ha reso difficile raccogliere fondi per il viaggio, quel periodo si è allungato in più di cinque anni. La piccola Maria Assunta aveva quasi sei anni quando incontrò per la prima volta suo padre, sua sorella e i suoi fratelli, non parlava inglese e sentiva terribilmente la mancanza dei suoi genitori adottivi. Fu sua sorella Caterina, americanizzata in "Katie", che soprannominò la bambina "Bella" perché non le piacevano i suoi nomi. Inizia così il lento processo di americanizzazione (di pari passo con la de-cattolicizzazione) della bambina.

Fin dall'inizio Bella amava la scuola, aveva una mente veloce e presto era abbastanza abile nella sua nuova lingua da diventare una leader di classe. Ha perso gradualmente la memoria del suo padre adottivo pastore e della sua amorevole "mamarella" e ha assorbito il suo nuovo ambiente. Amava l'eccitazione della grande città. Sua madre, d'altra parte, desiderava ardentemente uscire dalla città rumorosa e sporca e dall'appartamento angusto. Su sollecitazione di Teresa, trovarono una grande casa circondata da molti acri nella contea di Westchester, dove si prendeva cura delle due anziane sorelle fanciulle che possedevano il posto. Quando le sorelle sono morte, la famiglia si è trasferita in casa. Alla fine Teresa aveva la sua fattoria Rocco proprietaria di un negozio di alimentari di successo, e la famiglia era felice.

I Visono si consideravano cattolici, ma le due vicine chiese cattoliche di Westchester erano frequentate da cattolici irlandesi e tedeschi. Non sembravano adattarsi alla loro "italianità". Così, man mano che diventavano meno italiani, diventavano anche meno cattolici. Bella non è stata istruita nella sua fede, ma ha sempre saputo che c'era qualcosa che mancava nella sua vita. Man mano che cresceva, la sua mente cercava la realizzazione spirituale nel circolo femminile locale della comunità della Chiesa episcopale, frequentando lì studi di libri e letture bibliche, cantando inni, ma rifiutandosi sempre di partecipare alle funzioni perché era cattolica. Era un'avida lettrice e si divertiva nelle biblioteche pubbliche locali.

Scioperi tragici

Proprio mentre Bella si stava preparando per entrare al liceo nel 1916, ha avuto un terribile incidente, che l'ha segnata per sempre e ha ritardato il suo tanto atteso ingresso al liceo. Stava tornando a casa sul tram e fece segno al motociclista di fermarsi. Quando è scesa dal veicolo, è stata scaraventata in strada e il suo piede sinistro è rimasto incastrato sotto la ruota del carrello. Suo padre è arrivato, l'ha portata nello studio del medico e lei è stata prontamente portata all'ospedale locale dove è stato rimosso il suo piede mutilato. Purtroppo, Bella ha trascorso un anno angosciante in ospedale, subendo cinque interventi chirurgici, tutti falliti e lenti a guarire. Alla fine, sua madre l'ha portata a casa per riprendersi. Mentre le sue ferite guarivano lentamente, Bella leggeva tutto ciò che sua madre le portava dalla biblioteca locale. In quell'anno terribile, ha perso la sua amata sorella Katie a causa dell'epidemia di influenza mondiale. Fu davvero un periodo triste per la famiglia Visono.

Gli anni della formazione

L'anno successivo ha trovato Bella abbastanza bene da iscriversi al liceo pubblico locale. Sebbene il suo corpo fosse handicappato, la sua volontà era imperterrita. Con le stampelle, ha percorso i dieci isolati fino alla sua scuola e si è costretta a partecipare alle attività scolastiche. L'aggiunta di un elettrodomestico, sebbene scomoda, le ha permesso di scartare le stampelle e persino di partecipare a escursioni come membro del Club dei Naturalisti. Eccelleva negli accademici, in particolare l'inglese e le scienze, e ha vinto molti premi, il suo più caro è stato essere stata selezionata alla laurea come la ragazza più popolare della classe. Aveva già sviluppato un interesse per la politica, ed è stato al liceo, con il suo mix di studenti di tutte le religioni, etnie e razze che Bella è stata esposta per la prima volta a una nuova visione delle questioni sociali quando ha letto il giornale socialista, La chiamata, portato a scuola da un compagno di classe dell'East Bronx.

Con i soldi della borsa di studio che ha vinto, Bella ha scelto di frequentare l'Hunter College for Women a New York City. A quel tempo, Hunter stava iniziando a subire un cambiamento da una raffinata scuola di perfezionamento femminile a un college di preparazione per insegnanti. Influenzata dalla sua insegnante preferita, una certa Miss Sarah Parks, una giovane donna dallo spirito libero che ha avuto l'audacia di andare a scuola in bicicletta, Bella è stata coinvolta in questo nuovo atteggiamento di libertà. Senza cappello, con i lunghi capelli al vento, Sarah scandalizzò i docenti più anziani e seri e deliziò le ragazze. Era una “donna nuova” – una libera pensatrice, che spronava gli studenti a esaminare i problemi sociali del giorno e a pensare con la propria testa.

Dal momento che Bella non aveva mai avuto un vero fondamento negli insegnamenti morali, è andata alla deriva da un gruppo all'altro, stabilendosi infine con un gruppo di ragazze che erano altamente intellettuali e preoccupate per i problemi sociali. Divenne la migliore amica di Ruth Goldstein, la cui casa era ebrea ortodossa dell'Antico Testamento. Ruth, invece, era più interessata ai problemi del “proletariato”. Insieme, sono diventati parte di un gruppo amorfo che si è innamorato del nuovo modo di pensare. Ecco le sue stesse parole: “…abbiamo sviluppato una sorta di proletariato intellettuale tutto nostro. Abbiamo discusso di rivoluzione, sesso, filosofia, religione, non guidati da alcun criterio di giusto e sbagliato. Abbiamo parlato di una futura "unità delle forze della mente", di una "nuova tradizione", di un "nuovo mondo", che avremmo aiutato a costruire fuori dall'attuale egoismo". I giovani intellettuali scivolarono nell'agnosticismo, molti nell'ateismo.

È interessante notare che in molte fasi della sua vita, Bella ha flirtato con la spiritualità tradizionale. Amava l'osservanza da parte della signora Goldstein degli Alti Giorni Santi Ebraici per la bellezza delle letture dell'Antico Testamento e dei commoventi canti e cerimonie e durante il suo anno nell'ospedale cattolico aveva desiderato discutere il dogma cattolico con un prete o una sorella, ma non l'ha mai fatto . Al suo secondo anno alla Hunter, Bella credeva fermamente nella scienza, nell'evoluzione e nelle conquiste intellettuali. Le credenze spirituali non erano dimostrabili dalla scienza, quindi non degne di considerazione. Il suo era un gruppo di giovani desiderosi di trasformare il mondo ma non avevano veri valori propri, nessuna bussola morale con cui guidarli. Erano maturi per accettare la teoria marxista.

Il futuro arriva

Nel giugno del 1924, Bella si diplomò alla Hunter con lode. Aveva pensato poco al suo futuro, ma sapeva che voleva funzionare con il minor handicap possibile. To that end she visited Saint Francis Hospital in New York City to inquire after their finest surgeon. She then called upon Dr. Edgerton who promised to undo the damage that the botched surgeries had done and fit her with a proper prosthesis. Bella had no money, but the doctor believed her promise to pay him over time, and the deed was done. Reflecting back upon the time spent in the Catholic hospital, she regretted that no sister or nurse approached her about the Faith. “Perhaps I might have responded,” she wrote.

True to Dr. Edgerton’s promise, Bella was walking well within six weeks after the surgery. Soon she was teaching history in a local high school. It was in teaching that she found her calling. After one semester in the high school, Bella was offered a position at Hunter College in the political science department. She accepted and began her college teaching career in February of 1926. More and more young women were entering higher education at this time as a result, classes were large and schedules full. Many of the teachers were “freethinkers” who passed on their philosophies to their students. Bella also began graduate studies at Columbia University, one of the hotbeds of liberal thinking. This step only made her more critical of the role that her country played in international politics.

In later years, after she left the Communist Party, Bella concluded that “Communists usurp the position of the left, but when one examines them in light of what they really stand for, one sees them as the rankest kind of reactionaries and Communism as the most reactionary backward leap in the long history of social movements. It is one which seems to obliterate in one revolutionary wave two thousand years of man’s progress.”

In 1927, Bella received her Master’s degree from Columbia. She then enrolled in New York University Law School while she continued teaching at Hunter. When her former undergraduate idol and colleague Sarah Parks committed suicide in 1928, Bella was thrown into an emotional tailspin. She did not yet realize that she herself was on the same, albeit slower, path to self-destruction, always seeking a moral core, finding it only in steeping herself in futile attempts to serve the masses and right the wrongs she saw in society. A trip to Europe with friends showed her the terrible unrest and fear gripping Italy as a result of fascism. The same fear was palpable in Austria and Germany although they were not yet in the clutches of fascist governments. She was shocked at the blatant immorality and open decadence she saw in Germany. Perhaps it is telling that she made a special side trip to Dresden to view the Sistine Madonna, her happiest time in that country. It was also on this European trip that she met her future husband, John Dodd.

Economic Depression, Lawyering and Marriage

When the Great Depression hit in 1929, Bella’s family was not affected immediately. She was able to leave her post at Hunter College to take a law clerk position with a prestigious firm in New York City in preparation for the bar exams. In 1930, her close associate John Dodd, ten years her senior, asked her to marry him. He, too, was a freethinker, but very different from Bella. He was a Southerner, from Georgia, and an engineer. In any case, they shared a great love for their country, and Dodd helped her overcome certain problems in her political outlook. It was through his eyes that she saw how the liberal Northern press presented a “twisted picture” of his part of these United States, which had great reservoirs of strength, based not on material wealth but upon the integrity of its people. They married in a civil ceremony in the county clerk’s office in New York City.

By 1932, both John Dodd and Bella’s family had felt the furious impact of the Depression. Because of this she returned to her post at Hunter College. It was at this time, when she could see that teachers were expected to work for very little pay and no benefits, that she became active in organizing the college faculty to seek fairness for teachers in the political sphere. Thus was born the Hunter College Instructors Association, the first grass roots teachers association in the country and the precursor of the later, more politically powerful teachers unions.

The Thunderbolt

In 1933, the government of the United States officially recognized the Soviet Union. This was the impetus for the many young Communists on campuses to “come out of the woodwork” and speak and act openly. At Hunter, the respectability that recognition brought completely changed the complexion of student activity and organization on campus. Overnight such groups as the Friends of the Soviet Union, the Young Communist League, and the League of Industrial Democracy arose. It was obvious to Bella that these organizations were not springing up spontaneously, that some greater force was behind them.

Because she was the brains behind the original Instructors Association, Bella found herself being courted by Communist Party functionaries who appreciated her organizational ability, knowledge and intelligence. Of course, she only became aware of their Communist affiliation later. By the time she realized this, she was already entrapped in their web. Like all lower level Party members and sympathizers, Bella became valuable because it was deemed that she could serve the cause. In the bigger picture, the “masses” were ripe for entrapment because of the hard economic times. In preparing a country for the Revolution, the Communist Party tries to enlist the masses, especially those who are unattached and disaffected.

Bella did not become a Communist overnight. Her primary goals were to help the teachers achieve proper salary and benefits and to help the “little people” – the forgotten man of the city who lived on the verge of destitution. She was not interested in the “dictatorship of the proletariat,” nor was she aware that they were all expendable chess pieces in the huge and dangerous game being orchestrated by Moscow.

Because of her expertise in organizing the unions, Bella was chosen Legislative Representative of the American Federation of Labor to the New York Legislature. This move made her all the more valuable to the Party. She became known in Albany and Washington as a force to be reckoned with. From there she moved up the ranks lobbying not only for the teachers, but for seamen, the unemployed, any group deemed “downtrodden.” The Communist Party became more and more powerful in the New York teachers unions as well as in the A. F. of L. itself.

The Spanish Civil War

Intellectuals of America during the tragic Civil War in Spain were in full support of the so-called Loyalists, who were in reality socialists and Communists. Because the Party had taken the stance as the main enemy of fascism, this emotional appeal attracted many Americans to the cause of the leftists in Spain. The Communists used this emotion in rallying anti-Catholic feeling in this country, calling those who supported the Church and the nationalists in Spain reactionaries, fascists, against freedom and indifferent to the poor. Anticlericalism was rampant. This was a common Communist tactic, particularly with the Catholic Irish, Polish and Italians – to drive a wedge between the people and their priests.

The truth of the matter here is that Communist Russia wanted the United States to come into line with its own foreign policy regarding Spain. To this effect, the International Brigade was set up with the intention of sending foreign soldiers to fight for the Loyalist (Communist) side. Many thousands of dollars were raised in the midst of depression for arms and materiel for the American Lincoln Brigade and to send supply ships to help the “Spanish poor.” Most of these ships were diverted to Russia. Bella herself was active in recruiting her fellow teachers to join the Lincoln Brigade, many of whom did not return from that horrible war. Even in our own time, the Lincoln Brigade is eulogized. Many Americans still do not realize that the victory of the nationalists in the Spanish Civil war was a victory of the Spanish people over the Soviet Union’s plans to communize that nation.

Complete Dedication to the Party

Because she began to spend so much time working for the Unions between 1936 and 1938, Bella devoted less and less time to her teaching duties at Hunter. Not a meeting of a learned society or an educational group happened without members of the Party present and ready to present the Marxist ideology. The object was to get Communists in key positions in the major teachers unions all over the country. Bella was at the forefront of this activity. As a consequence of her Party activity, she decided to resign her teaching position. She gave no thought to her future security her reason for living was the work of the Party. She took a huge cut in pay and settled for a salary of sixty dollars a week, which she accepted during the eight years she worked for the Party. This constant whirlwind of activity put a terrible strain on her marriage.

During this time her father had a stroke. Amazingly, her husband, who had always been very hostile to Catholicism, had called a priest and arranged for him to have the sacraments before he died. Bella held the funeral at a Catholic Church and the burial was in a Catholic cemetery. Shortly after that, John told Bella that he would seek a divorce. Bella and her mother took a small apartment in New York City where she could be close to her Party activity.

At this time — in 1939 and early 1940s — Communists were infiltrating all unions in the United States. The American Party higher-ups were taking orders directly from Stalin and the bosses in Moscow. With war in Europe on the horizon, the Communists did all they could to criticize Hitler and fascism in Germany. However, when the Soviet-Nazi pact was signed in 1939, it took the American Reds by surprise and caused a rift in the Party. The Party was now officially anti-war. Many Jewish members became alarmed and frightened by this alliance and quit their membership. There was much infighting between various factions of leftists, which, consequently, weakened the Party’s appeal. Then abruptly, on orders from Moscow, they were again pro-war and told to lobby for America’s entry into the war against Hitler. When the Japanese attacked Pearl Harbor in December of 1941, American Communists rejoiced because they knew that now the United States had to enter the war on the side of the Soviets. This signaled to them that the Soviet Union would have at its disposal the armed might of America.

Bella was deeply committed to Communism by this time, although, ironically, she had not yet become officially a member of the Party. She and her labor committee even met with Eleanor Roosevelt to enlist her help in securing the release of some union leaders who had been convicted of industrial sabotage. Mrs. Roosevelt was sympathetic to the Communist’s appeal, saying that she believed that Communists should be permitted to be members of unions, but not leaders. In her autobiography, written in 1954, Bella expressed the hope that Mrs. Roosevelt had eventually learned that there could be no meeting with the Communists half way – that “co-existence is not possible.”

A Lonely Life

When her mother, Teresa Visono, died in her arms in 1941, Bella was left completely alone in the world. She took a tiny apartment near the Hudson River in New York and immersed herself even more in the work of the Party, the only family that she had now. Because her organizational ability was so astute, Bella was put in charge of sending groups of young Communists into minority neighborhoods in New York – Black, Puerto Rican, poor Irish, poor Jews and other recent immigrants – to rev up the discontent of the disaffected and to enlist their support for Communist and left-wing candidates for local, state and national elections. The extent of Communist influence at the local level in the city was astounding, with many elective posts filled by Marxists or their sympathizers. Even at the state level, Communists had great influence, Bella included, because of her work with the teachers unions. At the national level, they canvassed neighborhoods to get out the vote for FDR.

There was new thinking on the national level now. Roosevelt had pledged mutual co-existence and continued postwar Soviet-American unity. If that pledge were kept, then America could be developed into a full-fledged socialist nation without a militant class struggle. In other words, Communist control of America would be done peacefully from within – not a shot need be fired.

When Bella was finally told that it was time for her to publicly declare her Communist affiliation, it was 1944, and it was done with great fanfare at the Party convention. She immediately became the head of the Garibaldi Branch of the Party on 116 th Street in East Harlem, an Italian neighborhood that contained a smattering of Puerto Ricans, West Indians, and other minorities. She loved being close to the little people and, in her naïve and still idealistic way, she still believed that Communism was a way to help them out of their poverty.

Confusing Changes

Earl Browder, the most powerful Communist in the American Party, had always worked for unity among diverse national groups within the Party – on instructions from Moscow, of course. Now, a reversal came about – on instructions from Moscow, not to Browder, but to a newly favored group – that Browder’s thinking was wrong. National differences were to be favored. Browder was expendable and ousted a new group was taking over. Suddenly, Browder’s former friends turned on him and spoke ill of his direction of the Party. Bella began to realize that tutti at some point could be shunned by the Party and dumped in disgrace without even being told what was happening or why. In Bella’s words: “Close friends of many years’ standing became deadly enemies overnight.”

It took Bella quite a while to realize and then accept that the turnaround

in attitude of the new Party higher-ups was not merely a local phenomenon, but was dictated by Moscow. Conditioning had been so thorough that for her “the last illusion to die was the illusion about the Soviet Union.” Communists worldwide considered Russia the great workers’ paradise. In 1946, the National Board of the Party expelled Earl Browder in disgrace. Several other high profile members, friends of Bella’s were also expelled for the slightest criticism or deviation from policy – a policy which shifted in the wind.

Bella could detect a stealth campaign being conducted against her, since she was outspoken against the mistreatment of Browder and others who had been loyal. Several times she was accused of “white chauvinism,” apparently a terrible crime by Party standards. Of all things, this was one “crime” of which she was not guilty she was the only Party official who lived and worked in Harlem with poor people of all races! When she tried to quit the Party, she was told “No one gets out of the Party. You die or you are thrown out.” By the end of 1947, Bella knew that her former colleagues were out to destroy her she had seen it happen to others. Her office was under constant surveillance her every move was watched. All the while she saw more clearly how the Party used people – rich and poor, black and white – only for what they could get out of them. Several of her acquaintances committed suicide. Bella had her doubts that those deaths were actually self-inflicted. Others she knew were murdered.

Twice she was called before boards for questioning. Finally, on June 17, 1949, she was formally expelled on the grounds that she was “anti-Negro, anti-Puerto Rican, anti-Semitic, and anti-labor.” Both the New York Times and the Communist Daily Worker carried the story of her expulsion. Bella was desolate, not because of her expulsion, but because all of her friends dared not approach her. As she expected, former friends and associates began to harass her. Her law practice was almost destroyed. She spent an awful year during which her only comfort was to read the New Testament, which she had never ceased to do in the long years she was a Communist. She thought of leaving New York and starting over some place where she was not known. But she was a stubborn woman, a born fighter, and something in her core told her she had to fight it out there.

Indictment of Communism

In 1950, Bella was called before the Tydings Committee of the United States Senate to testify as to whether or not she knew Owen Lattimore, who had been accused by Senator Joseph McCarthy of being a Soviet agent within the American government. She had not known Lattimore and as far as she knew, he was not a member of the American Communist Party. She stated those facts however, as she thought about the duplicity of the Party and how it had deceived her and thousands of others, she found herself revealing those facts as well. It was the first time that she had spoken out publicly against the Party. She began to see how the Russians had used the Spanish Civil War as a preview of the Red Revolution to come in western countries she thought of the Koreans killing each other in the name of Communism and the Americans dying in the cause she saw how the godless Communists used well-meaning Americans against their own country.

Seeing the Truth Again

There are no co-incidences with God. On a cool crisp day in the fall of 1950, an immigration appeal case took Bella to Washington, D.C. As she walked along Pennsylvania Avenue toward the House Office Building at the Capitol, she ran into an old friend from the East Bronx neighborhood of her childhood. Christopher McGrath was now a congressional representative of the Twenty-seventh District. He invited her to his office to talk of old times. He could see that she was clearly distressed and frightened and asked her if she wanted FBI protection. When she refused, he said he would pray for her safety. Then he asked, “Bella, would you like to see a priest?” He had caught her off guard, but she fervently answered, “Yes, I would.” On the spot, the Congressman’s secretary made calls and secured an appointment with Monsignor Fulton Sheen of Catholic University.

Bella saw Monsignor Sheen for the first time at his home that evening in suburban Washington. As Christopher drove her there, she thought of the many lies and canards she had let go by – even told herself – against her Church when she worked for the Communists. She was genuinely fearful of meeting the monsignor. She need not have worried, for the good priest listened as she sobbed to him, “They say that I am against the Negro,” the accusation that hurt her most. He took her into his private chapel and they knelt before a statue of Our Lady. Bella felt the battle within cease and peace took its place. He then gave her a Rosary and told her to see him on his visit to New York in the winter. Now she realized that the Communist promise of the “brotherhood of man” was impossible without the Fatherhood of God.

Return to the Church

As Christmas approached, she again felt a horrible loneliness. Poor friends, whom Bella had provided lodging in her own home years before, invited her to their coldwater walkup in Harlem for a Christmas Eve dinner. They had a simple meal and afterward read from the Psalms. When Bella boarded the bus to return to her apartment, she was so immersed in her thoughts that she passed her stop and rode many blocks farther. She got off at Thirty-Fourth Street, although she had no recollection of it. She walked and walked to the West Side until she found herself in a church, the Church of Saint Francis of Assisi. Midnight Christmas High Mass was in progress. Here she found the true brotherhood of man. So moved was she by the beautiful Mass and the devotion of the people, that she again walked the streets of New Manhattan for hours, thinking and praying, before she returned to her apartment. She felt that she had been guided by the Star of Christmas that night.

Seemingly by chance, she met Mary Riley, a former teacher whom Bella knew and who now worked at the Board of Education. Mary was a committed and active Catholic who knew what Bella had been through. They spoke of the Faith, and Mary sent her a packet of books about Catholic programs, which were actively helping the disadvantaged. One of these books was Father James Keller’s You Can Change the World. He had written, “There can be no social regeneration without personal regeneration.” She was introduced to Father Keller and began to work at the headquarters of the group he had founded, The Christophers. How these Catholics impressed Bella with their simple devotion to their work of helping others and their deep commitment to their Catholic Faith!

Bella began to attend daily Mass at Our Lady of Guadalupe Church. She read Saint Augustine, Saint Thomas Aquinas, and other classics of Catholic writers and thinkers. She purchased and studied prayer books and other books on the Faith. Then she began to receive regular instructions from Bishop Sheen himself. “I saw how history and fact and logic were inherent in the foundations of the Christian faith,” she states in her autobiography, School of Darkness.

As Easter of 1952 approached, the Bishop said that she was ready to be received into the Church. Since no baptismal record could be located in the little Italian town of her birth, Bishop Sheen conditionally baptized her in Saint Patrick’s Cathedral. She then confessed and received Our Lord from Bishop Sheen’s hands the next morning at Mass. “It was as if I had been ill for a long time and had awakened refreshed after the fever had gone,” she wrote.

The Ordeal Ahead

The year 1953 saw Bella called up by a Congressional committee investigating the infiltration of Communists in the high places of the United States government. Her newfound faith strengthened her to face this ordeal with courage and determination. She swore before the Senate Internal Security subcommittee that there were a number of Communists in legislative offices in Congress and in a number of groups advising the President of the United States. She also testified to the Communist takeover of labor unions in the country and of her personal experience securing posts for members of the Party in the unions.

Perhaps most frightening of all was her testimony that during her time in the Party, “more than eleven hundred men had been put into the priesthood to destroy the Church from within,” the idea here being that these men would be ordained to the priesthood and progress to positions of influence and authority as monsignors and even bishops. She stated that “right now they are in the highest places in the Church” where they were working to weaken the Church’s effectiveness against Communism. These changes, she declared, would be so drastic that “you will not recognize the Catholic Church.” A few years later, in a conversation with a new Catholic friend, Alice von Hildebrand, Bella told her that there are four cardinals within the Vatican “who are working for the Communists.” This was twelve years before Vatican II. The reader can draw his own conclusions.

Shortly after her conversion, Bella had great hope for the youth of America. She saw goodness and a giving, missionary spirit in the young Catholics she worked with. Bella died in 1964 at the age of sixty.

Bella Dodd did much harm to her country and her Church. It is a great blessing that she repented of those sins. We can pray that she has paid her reparation and is now with the saints in Heaven. If she is not yet, our prayers may help her to arrive Home soon.


An Aerial Battle

By downloading or embedding any media, you agree to the terms and conditions of the IWM Non Commercial Licence, including your use of the attribution statement specified by IWM. For this item, that is: © IWM Art.IWM ART LD 485

Accepted Non-commercial Use

Permitted use for these purposes:

Embed

Use this image under Non-Commercial licence.

You can embed media or download low resolution images free of charge for private and non-commercial use under the IWM Non-Commercial Licence.

By downloading or embedding any media, you agree to the terms and conditions of the IWM Non Commercial Licence, including your use of the attribution statement specified by IWM. For this item, that is: © IWM Art.IWM ART LD 485

Accepted Non-commercial Use

Permitted use for these purposes:

Embed

Use this image under Non-Commercial licence.

You can embed media or download low resolution images free of charge for private and non-commercial use under the IWM Non-Commercial Licence.


Guarda il video: Supermodels Who Sadly Met the Most Tragic Fates


Commenti:

  1. Dolabar

    Scusa, che ti interrompa, ma, secondo me, questo tema non è così reale.

  2. Stilwell

    Come può esserci contro l'autorità

  3. Ranit

    È un peccato che non sarò in grado di partecipare alla discussione ora. Pochissime informazioni. Ma questo argomento mi interessa molto.

  4. Ambrosius

    Mi dispiace, questo ha interferito... Questa situazione mi è familiare. Discutiamone.



Scrivi un messaggio