Harvard pubblica una scoperta di Cervantes dell'Università di Oviedo

Harvard pubblica una scoperta di Cervantes dell'Università di Oviedo


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il Bollettino della Biblioteca di Harvard pubblica nell'ultimo numero l'edizione e l'introduzione di Emilio Martínez Mata (Università di Oviedo) e Clark Colahan (Whitman College) dal manoscritto di una ricreazione teatrale sconosciuta di Don Chisciotte nell'Inghilterra dell'Illuminismo.

Il manoscritto, conservato nella Biblioteca Houghton dell'Università di Harvard, contiene un'opera teatrale di James Wadham Whitchurch, intitolata Don Chisciotte, A Comedy (1774-1776), mai stampato o rappresentato, di cui non si ha notizia.

Il ricreazione di James Whitchurch segui la linea di Cardenio, il perduto William Shakespeare gioca e John Fletcher, nel dare un posto centrale alla storia di Cardenio, Luscinda, Dorotea e Don Fernando, una delle storie intervallate nel romanzo di Cervantes.

A differenza di loro predecessori inglesi (Shakespeare-Fletcher, D'Urfey e Fielding), Whitchurch offre una versione abbastanza fedele all'originale Cervantes premiando Don Chisciotte e Sancho un rilievo e una caratterizzazione molto vicini a quelli del romanzo di Cervantes.

Martinez Mata spiega che "se Cervantes usa le storie intervallate in Don Chisciotte per sollevare problemi etici (le conseguenze per gli altri del comportamento malvagio di alcuni personaggi), Whitchurch, pur mantenendo la fedeltà della trama, salvo le modifiche necessarie per adattare la storia all'ambientazione teatrale, riesce a riflettere il sentimentalismo etico caratteristico dell'Illuminismo inglese. '

Carica etica di Cervantes nella rappresentazione trovata

Per carico etico delle storie intercalate di Cervantes (alcuni comportamenti possono causare infelicità in altri), James Whitchurch incorpora una concezione benevola della natura umana basato sull'idea di moralità di Shaftesbury, che avrà a enorme influenza sui pensatori britannici del XVIII secolo, particolarmente, David Hume, Francis Hutcheson e Adam Smith.

“Attraverso Whitchurch”, sottolinea il professore, “Don Chisciotte diventa un'esemplificazione dell'idea che sta alla base della filosofia di Shaftesbury, in opposizione alla concezione pessimistica di Hobbes e di altri pensatori barocchi: ci sentiamo naturalmente rifiuto del male e soddisfazione del bene, così che anche la persona più perversa ha una certa capacità di empatia. La preoccupazione per la condizione degli altri, anche quella dei malvagi - l'arrogante nobile Don Fernando, in questo caso - è vista come qualcosa di naturale, poiché la benevolenza è il più piacevole degli affetti.

Con pochissimi cambiamenti nel dialogo e nell'atteggiamento dei personaggi, senza modificare minimamente la trama del romanzo cervantino, Whitchurch fa della sua versione di Don Chisciotte un manifesto dei nuovi valori dell'Illuminismo inglese, benevolenza ed empatia, rese popolari da Adam Smith di La teoria dei sentimenti morali (1759).

Fonte: Università di Oviedo


Video: Meglio bidella che ricercatrice


Commenti:

  1. Asad

    Sorprendentemente, questo messaggio divertente

  2. Cus

    Puoi cercare un link a un sito con un numero enorme di articoli sull'argomento che ti interessa.

  3. Covyll

    Deve essere più modesto

  4. Vortigem

    È lo scandalo!



Scrivi un messaggio