La rana di San Antonio, grande sopravvissuta alle ere glaciali

La rana di San Antonio, grande sopravvissuta alle ere glaciali


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il Rana di San Antonio, Hyla molleri, è una specie ampiamente distribuita in Penisola Iberica. Nonostante le sue piccole dimensioni, ha una maggiore tolleranza al freddo rispetto agli altri anfibi; esistono infatti popolazioni che vivono a livello del mare, sulle coste atlantiche e cantabriche, e altre a più di 2.000 metri di altitudine nel Sistema Centrale.

I ricercatori del Museo Nazionale di Scienze Naturali (MNCN-CSIC) e dell'Università di Évora (Portogallo) hanno scoperto che, contrariamente a quanto accaduto con altri anfibi, le rane di San Antonio riuscirono a sopravvivere alle glaciazioni quaternarie e oggi continuano a mantenere alti livelli di diversità genetica.

Le estinzioni causate dalle glaciazioni non si sono verificate solo nel nord Europa, ma hanno colpito anche le popolazioni del nord della Spagna. Ci sono stati periodi particolarmente sfavorevoli durante l'ultimo periodo glaciale, circa 20.000 anni fa, che ha colpito specie come il gallipato, il valzer Pleurodeles o il rospo speronato, Pelobates cultripes.

“Nel tempo, entrambe le specie sono riuscite a ricolonizzare queste aree, ma è stato a costo di una forte perdita di diversità genetica nelle nuove popolazioni. Infatti, abbiamo verificato che le popolazioni nel sud della Spagna mostrano generalmente una diversità genetica molto più elevata di quelle che abitano il nord ”, spiega Martínez-Solano.

Con contro, la rana di San Antonio mantiene alti livelli di diversità genetica nelle zone sia a nord che a sud del suo areale e non sembra che i cambiamenti climatici degli ultimi 140.000 anni nella penisola iberica abbiano influenzato la specie.

[Tweet «La rana di San Antonio ha impedito grandi estinzioni che peggiorano l'attuale situazione di altri anfibi tipici degli ambienti mediterranei. #Storia"]

Apparentemente, la tua maggiore tolleranza al freddo e la sua capacità di dispersione, rispetto ad altre specie di anfibi con le quali convive abitualmente, l'ha aiutata a sopravvivere con successo alle ultime glaciazioni nel suo rifugio glaciale iberico. "Questa piccola rana ha impedito grandi estinzioni, nonché perdite di diversità genetica, che peggiorano l'attuale situazione di altri anfibi tipici degli ambienti mediterranei", conclude Martínez-Solano.

Il fattore migratorio della rana di San Antonio di fronte al cambiamento climatico

Uno dei fattori che condiziona il La risposta della specie ai cambiamenti climatici è la sua capacità di dispersione. Pertanto, gruppi come gli anfibi, che sviluppano il loro ciclo di vita completo in aree di pochi chilometri quadrati, sono più sensibili a questi cambiamenti, poiché di regola non sono in grado di migrare verso altre aree con climi più favorevoli alla velocità necessaria.

In effetti, la tua risposta come specie altamente dipendente dalla capacità di disperdersi e colonizzare nuove zone durante i periodi di clima favorevole. La scarsa mobilità di alcune specie, tra gli altri fattori, è alla base di molti degli episodi di estinzione diffusi che si sono verificati durante i periodi più freddi nella maggior parte dell'Europa centrale.

Riferimento bibliografico:

Sánchez-Montes, G.; Recuero, E .; Barbosa, A.M.; Martínez-Solano, I. 2019. «A complemento della biogeografia del Pleistocene degli anfibi europei: testimonianza di una specie dell'Atlantico meridionale«. Giornale di biogeografia. DOI: 10.1111 / jbi.13515.
Tramite Sync.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto di incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Ghiacciai - Memorie glaciali


Commenti:

  1. Kataxe

    E quindi non lo è))))

  2. Weardleah

    A qualcuno alfabetico алексия)))))

  3. Kazrale

    Mi dispiace, ma secondo me, hai torto. Cerchiamo di discuterne.

  4. Kazil

    Con puro umorismo.

  5. Grant

    Certo, mi scuso, ma potresti per favore fornire ulteriori informazioni.

  6. Raedburne

    Sì, è tutta una fantasia



Scrivi un messaggio