Trovano un messaggio inciso su una bottiglia 1.600 anni fa in una villa romana a Gijón

Trovano un messaggio inciso su una bottiglia 1.600 anni fa in una villa romana a Gijón


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Un bicchierino, al quale fino ad ora non era stata data quasi importanza, si è rivelato essere il frammento di bottiglia contenente un messaggio edonistico, destinato all'aristocrazia 1.600 anni fa.

Il pezzo si trovava nel file Villa romana di Veranes (Gijón), scavato dal 1997 da Carmen Fernández Ochoa, Professore Emerito di Archeologia presso l'Università Autonoma di Madrid (UAM), e Fernando Gil Sendino, della Fondazione UAM.

Bicchiere, destinato al proprietario della villa, è stato appena datato e valorizzato grazie all'analisi dettagliata effettuata dal professore di Archeologia dell'UAM, Javier Salido Domínguez, e dall'archeologa Belén Madariaga, membri del Gruppo archeologico di Veranes.

Gli autori dimostrano che chiunque abbia inciso la bottiglia intendeva trasmettere al signor de Veranes "un desiderio edonistico di gioia e godimento della vita". E questa conclusione è il risultato del messaggio scritto sul suo corpo: "Bevi e vivi tanti anni, brav'uomo".

Secondo il lavoro, pubblicato sulla rivista Journal of Glass Studies, ad oggi non era stata documentata un'iscrizione che riunisse in un'unica iscrizione registrata quanto segue tre espressioni di buon augurio: due in latino (Mvltis Annis; Homo Bone) e un terzo in greco (Pie Zeses), perfettamente verificate separatamente in vasi vitrei simili.

Ciò consente loro di pensare di aver trovato il messaggio che un giorno è stato inciso sulla bottiglia.

Buon campione di eccezionalità del pezzo, assicurano gli autori, è “la scarsità di pezzi di questo tipo trovati nel territorio dell'antica Hispania.

Inoltre, tecniche di lavoro laboriose hanno trasformato questi contenitori in oggetti unici e talvolta personalizzati, che li distinguono da altre produzioni seriali come i contenitori soffiati a stampo, il che li rende oggetti rari ed esclusivi accessibili solo ad una élite economica e sociale ”.

Bottiglia senza impurità

Il vetro proviene da un'unità stratigrafica che contiene materiali datati al V secolo d.C. C. (Diverse copie della tarda terra sigillata ispanica e una moneta datata 383 d.C.).

Secondo Javier Salido Domínguez, si tratta di un frammento di vetro incolore, alto 4 cm per 3 cm di larghezza e con uno spessore della parete da 0,33 a 0,125 cm, senza impurità, ma con la presenza di alcune piccole bolle. Questa analisi è stata possibile grazie al SECYR (Servizio per la Conservazione, Restauro e Studi Scientifici dei Beni Archeologici) dell'UAM.

«Corrisponde ad un pezzo soffiato all'aria e la qualità che lo contraddistingue è proprio l'iscrizione incisa che corre orizzontalmente sulla sua superficie. Sia il profilo del frammento, sia la disposizione dell'iscrizione e le linee che la delimitano, fanno pensare che corrisponderebbe alla parte superiore di una bottiglia a corpo globulare ”, aggiunge il professore allo UAM.

Questi pezzi erano fabbricati soffiando con la canna nell'aria per definire il corpo e attraverso il modellatura del collo e del bordo, mentre il vetro era ancora malleabile.

D'altra parte, il file origine del vetro, che si trova all'interno della loggia aperta a sud, ci permette di riflettere un uso domestico, forse come servizio in tavola o per la conservazione di prodotti cosmetici, come è stato documentato in pezzi simili.

Tuttavia, la sua eccezionalità, il ricchezza della sua incisione e l'alto valore della sua produzione porta l'equilibrio verso la convinzione che si tratti di un regalo fatto al proprietario della villa o tenuta romana.

Riferimento bibliografico:

Salido Domínguez, Javier & Madariaga, Belén (2018): «Frammento di bottiglia con iscrizione dalla città romana di Veranes (Asturie, Spagna)«, Journal of Glass Studies 60, 25-39.
Tramite Sync.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Espacios Virtuales: Casa Salvius en Carthago Nova


Commenti:

  1. Audel

    Sei diventato allontanato dalla conversazione

  2. Lorimar

    Sono totalmente d'accordo con l'autore! A proposito, con i vieni!



Scrivi un messaggio