Bajadasaurus pronuspinax: nuovo dinosauro con incredibili armi di difesa

Bajadasaurus pronuspinax: nuovo dinosauro con incredibili armi di difesa


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

140 milioni di anni fa, per difendersi dai predatori, una specie fino ad allora sconosciuta di dinosauro erbivoro sviluppò un tratto curioso: il Bajadasaurus pronuspinax ne indossava un po ' spine lunghe e sottili che cresceva dalla sua schiena e dal collo.

Nessuno ha idea di come fossero quelle battaglie e lotte per la sopravvivenza, ma cosa sanno gli scienziati ha trovato nel nord della Patagonia argentina i resti di questo esemplare, di circa 9 metri di lunghezza, è che l'animale era il più colorato.

“Questa specie non si distingueva per le sue dimensioni ma per altre caratteristiche anatomiche particolari: spine inclinate in avanti che percorrevano il collo e la schiena come continuazione delle sue vertebre. Erano ricoperti di guaine che contenevano lunghe corna con funzione difensiva ”, ha raccontato SINC Il paleontologo argentino Pablo Gallina, ricercatore presso CONICET e la Fondazione Azara-Universidad Maimónides.

Dal 2010, questo team di ricercatori lavora in un'area nota come Bajada Colorada, nel sud-est della provincia di Neuquén, dove alcuni colleghi avevano trovato piccoli resti di schegge di ossa di vertebrati e avevano raccomandato di andare a vederli.

La prima campagna è stata esplorativa: "Siamo andati con la crema solare, un cappello, occhiali neri, una mensa e abbiamo appena iniziato a camminare", dice questo scienziato. Quel primo anno abbiamo preso cose che allora non sapevamo nemmeno cosa fossero e le abbiamo inviate al laboratorio del Museo Municipale Ernesto Bachmann, a Villa El Chocón ”.

A metà del 2013, Gallina è tornata in questa città di Neuquén a studiare i materiali. E lì, in laboratorio, con le ossa già pulite, si accorse che si trattava di una specie sconosciuta: erano i resti di un brontosauro chi ha battezzato Leikupal laticauda.

Nel corso del tempo, i ricercatori si sono resi conto che quell'area di rocce rossastre, situata tra le città di Picún Leufú e Piedra del Águila, nascondeva molti altri tesori.

I paleontologi hanno trovato denti di dinosauro carnivoro e parti dello scheletro di un sauropode sconosciuto che hanno identificato quando hanno visto gran parte del cranio e le prime vertebre del collo, dalle quali spiccava una vistosa spina dorsale lunga 60 centimetri.

Quando questi fossili sono stati preparati e puliti in laboratorio, gli scienziati sono stati in grado di determinarlo era una nuova specie. Questa volta, lo chiamavano Bajadasaurus pronuspinax: Bajada, in relazione alla località di scoperta, Bajada Colorada; saurus, che significa "lucertola"; pronus, "proteso in avanti"; e spinax per "spina" in greco. In altre parole, "Bajada Colorada lucertola con spine protese in avanti".

Dopo anni di studio meticoloso, il lavoro scientifico è finalmente pubblicato oggi sulla rivista scientifica Rapporti scientifici, accesso libero.

Meccanismi di deterrenza

A causa dei pochi elementi trovati, I paleontologi non possono stimare quanto avrebbe pesato questo esemplare. Sanno che il suo collo avrebbe misurato 2,5 metri e che si trattava di un esemplare adulto, dal momento che molte delle ossa craniche sono ben fuse, cosa che non si vede nei fossili dei sauropodi più giovani.

Mentre tra alcune specie di dinosauri erbivori dal collo lungo il loro principale meccanismo di difesa era la combinazione di grandi dimensioni e crescita rapida, altre hanno sviluppato strategie creative, come code di frusta, pelle corazzata o mazze d'osso sulla punta della coda.

Bajadasaurus, del gruppo dei dicreosáuridos, esibiva, invece, una serie di lunghe spine con le quali cercava di scoraggiare i predatori. Come ricorda il paleontologo Sebastián Apesteguía, il primo a farsi conoscere fu Dicraeosaurus, trovato dagli esploratori tedeschi in Tanzania all'inizio del XX secolo. Ma il più rappresentativo è l'Amargasaurus, scoperto da José Fernando Bonaparte - l'eroe della paleontologia argentina - anche a Neuquén negli anni '80.

Finora hanno trovato altre specie di questo gruppo spinoso: Lingwulong shenqui in Cina; Suuwassea emiliae in Montana, Stati Uniti; Brachytrachelopan mesai nel centro della Patagonia e, un po 'più a nord di questa regione, Amargatitanis macni Y Pilmatueia faundezi ritrovata nel 2018 dal paleontologo argentino Rodolfo Coria.

Nel corso degli anni, le sue vistose spine hanno suscitato le più svariate congetture. Alcuni paleontologi hanno proposto di regolare la loro temperatura corporea.

Altri hanno assicurato che le spine formato una cresta di visualizzazione che ha migliorato la loro comunicazione o li ha resi sessualmente attraenti. È stato anche proposto che avrebbero potuto avere una gobba carnosa tra le spine, che ha permesso loro di immagazzinare riserve di energia.

Ma Gli scienziati argentini sono più inclini all'ipotesi del meccanismo di difesa. “Pensiamo che se fossero state solo strutture ossee nude o con qualche rivestimento cutaneo, avrebbero subito rotture o fratture facilmente con un colpo o se attaccate dai predatori - avverte Gallina, prima autrice della ricerca -. Per questo motivo, in questo nuovo lavoro suggeriamo che avrebbero avuto bisogno della protezione di una guaina corneale cheratinica come accade nelle corna di molti mammiferi, che darebbe resistenza e forza a queste delicate spine di fronte a qualsiasi imprevisto ”.

Altri dinosauri, altre domande

140 milioni di anni fa, La Patagonia argentina era molto diversa di quanto non sia oggi. La catena montuosa delle Ande non esisteva ancora. E i fiumi andavano al contrario: scorrevano con tutta la forza da est per sfociare nel Pacifico, a ovest.

Il Zona di Bajada Colorada era dominata da prati poco umidi. Era un ambiente aperto in un'ampia valle fluviale, abbastanza caldo e paragonabile alle odierne savane africane, ma con altra vegetazione: felci, equiseti, conifere a cespuglio e alcune specie delle prime piante da fiore.

"Supponiamo che questo luogo fosse a quel tempo il gomito di un fiume dove sono stati depositati i resti di vari animali", dice il ricercatore.

Dallo studio dei denti e della mascella lunghi 30 cm, i paleontologi lo concludono questi animali avrebbero passato buona parte della loro vita a sradicare piccole piante: "Grazie alla forma delle orbite, vicino al tetto del cranio, questi animali avevano la capacità di osservare l'ambiente circostante mentre si nutrivano a livello del suolo."

Bajadasaurus ora si unisce alle circa 250 specie di dinosauri finora trovate in Argentina. Mentre i resti sono stati trovati da nord a sud, La provincia di Neuquén è un vero paradiso fossile. Fu lì nel 1882 che furono trovate le prime ossa di dinosauro in Sud America.

"Nella provincia di Neuquén sono state descritte circa 35 specie di dinosauri, a cui vanno aggiunte le forme conosciute solo da impronte fossili e gli esemplari su cui non sono state erette nuove specie perché molto incomplete", avverte il paleontologo Juan Ignacio Canale del Museo Civico "Ernesto Bachmann", Villa El Chocón–. Negli ultimi anni la conoscenza di nuovi dinosauri e altri vertebrati si è moltiplicata per il fatto che ci sono sempre più gruppi scientifici che lavorano ”.

Più che risposte, il nuovo dinosauro incoraggia nuove domande. "La funzione di queste spine neurali continuerà a essere una questione controversa", afferma Pablo Gallina. La nostra proposta per la copertura della cornea è un'altra, anche se riteniamo che sia la più praticabile. Non sappiamo perché ci siano differenze nell'orientamento e nella lunghezza di queste spine all'interno dello stesso gruppo o quali fossero le loro abitudini alimentari e altri aspetti della loro paleobiologia ”.

Riferimento:

«Un nuovo dinosauro dalla lunga spina dorsale della Patagonia fa luce sul sistema di difesa dei sauropodi«. Rapporti scientifici.
attraverso Sincronizza.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di diffusione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Non solo pistole, armi alternative di difesa


Commenti:

  1. Lludd

    Sì, la risposta quasi uguale, così come con me.

  2. Gokazahn

    Lo accetto con piacere. La domanda è interessante, prenderò anche parte alla discussione. Insieme possiamo arrivare alla risposta giusta.

  3. Destan

    ennto di sicuro

  4. Kazrajar

    Che frase eccellente

  5. Abdul-Tawwab

    Grazie per l'informazione. Non lo sapevo.

  6. Torn

    Non spendere parole superflue.

  7. Mulkree

    È semplicemente un argomento senza corrispondenza



Scrivi un messaggio