Granito di oltre 320 milioni di anni fa alle porte di un museo geologico

Granito di oltre 320 milioni di anni fa alle porte di un museo geologico


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Le rocce granitiche della città di Salamanca di Juzbado si sono formate tra 320 e 340 milioni di anni fa. Sono deformati, appunto, perché sono più vecchi della faglia del terreno su cui siedono.

I dati concordano con altre datazioni dei dintorni e rivelano che l'origine geologica dell'area risale alla collisione che ha portato al supercontinente Pangea, secondo un'indagine internazionale a cui hanno partecipato l'Università di Salamanca e il Museo de la Falla, situato in questo comune.

I risultati sono pubblicati sulla rivista scientifica Geogaceta.

Lo studio fa parte del lavoro di datazione delle rocce ignee nel nord-ovest della penisola che Gabriel Gutiérrez-Alonso, scienziato del dipartimento di geologia dell'istituzione accademica di Salamanca, svolge da anni.

In questa occasione il materiale utilizzato è stato a pochi metri dal museo geologico di Juzbado. "Proviene da una roccia che era quasi alla porta", dice il ricercatore.

Gli scienziati riescono a determinare l'età del granito grazie a uno dei minerali che lo compongono, zircone. "Di solito è abbondante, ma questa volta non siamo stati fortunati, perché da 25 chili di roccia abbiamo ottenuto solo sette zirconi di circa 100 micron", spiega.

Tuttavia, è stato sufficiente per ottenere risultati che "riflettono quando il granito si è formato e da quali rocce proveniva".

I campioni sono stati analizzati in un laboratorio a Dresda (Germania), dove vengono invecchiati mediante ablazione laser. Questa tecnica consiste nel sparare il laser sul materiale e studiare il rapporto tra uranio e isotopi di piombo contenente.

Questi elementi modificare il loro rapporto isotopico in funzione del tempo trascorsi dalla loro formazione, il che consente di datarli in modo abbastanza accurato. "È come un orologio geologico", dice il ricercatore.

Secondo i risultati ottenuti, lo zircone più giovane indicherebbe che questo granito ha 340 milioni di anni. Tuttavia, poiché abbiamo pochissimi campioni di questo minerale, "non possiamo essere sicuri che non ci siano zirconi più recenti, di 320 milioni di anni fa", il che, in linea di principio, sarebbe coerente con altre datazioni di quest'area, conosciuto in geologia come Domo del Tormes.

"I graniti circostanti hanno 320 milioni di anni e contengono tutti zirconi di 340 milioni di anni", afferma Gutiérrez-Alonso. Tuttavia, abbastanza vicino, nella città Zamora di Ricobayo, il granito è datato a 340 milioni, quindi una delle due possibilità potrebbe essere vera. "Dobbiamo frantumare più pietre per confermarlo", aggiunge.

Rocce deformate da Juzbado a Penalva do Castelo

I ricercatori hanno un'altra informazione essenziale: la faglia che va da Juzbado a Penalva do Castelo (Portogallo), una frattura lunga 160 chilometri nel terreno che ha 308 milioni di anni.

Questo te lo fa sapere i graniti del luogo sono più antichi, perché la faglia ha cambiato la loro forma originaria e li ha fatti acquisire la forma attuale, più allungata. Anche se a noi può sembrare che le rocce non possano cambiare perché sono molto dure, in realtà sono deformate e questi graniti erano già lì quando è successo ”, spiega.

Il grande evento geologico che ha segnato la formazione di queste rocce e quello che oggi è il suolo della Castilla y León occidentale è noto come Orogeno Varisco. “Circa 350 milioni di anni fa ci fu una collisione continentale che provocò il supercontinente Pangea", Commenta il geologo dell'Università di Salamanca.

Tutto quello che c'è ora ha a che fare con quello che è successo in quel momento, la geologia che osserviamo e le condizioni dell'ambiente naturale, perché Juzbado è in un punto alto e perché il fiume va dove va ”, sottolinea.

Maggiori informazioni per il Museo della Falla a Juzbado

Uno degli obiettivi di questi studi è aumentare il contenuto del Museo della Falla. "È l'unico museo di geologia dedicato a una faglia e si nutre, appunto, di queste opere scientifiche", sottolinea il suo direttore, Jerónimo Jablonski.

Con oltre 2.000 visite nel 2018, principalmente da parte di scolari, il suo obiettivo è avvicinare il mondo della geologia alla popolazione e per questo “è bene che seguiamo da vicino i progressi scientifici. Per questo siamo consapevoli di quello che fanno i laboratori e le università e cerchiamo di sostenerlo, ad esempio ricevendo stagisti ogni anno ”, sottolinea.

Il Museo della Falla Spiega come la geologia abbia lasciato il segno nel paesaggio e anche sulle facciate del paese, dove non mancano le rocce ornamentali. Scienza e cultura si fondono nelle attività che organizza, come i percorsi geologici. D'ora in poi, i visitatori sapranno anche che una roccia sulla porta è servita per conoscere la storia del terreno su cui camminano.

Riferimento bibliografico:

«Geocronologia U-Pb del granito Juzbado deformato (Salamanca, Spagna nordoccidentale)«. Gabriel Gutiérrez-Alonso, Alicia López-Carmona, Javier Fernández-Suárez, Jerónimo Jablonski, Mandy Hofmann e Andreas Gärtner. Geogaceta, 64 (2018), 163-166.

attraverso Sincronizza


Video: Museo Geologico Gemmellaro di Palermo


Commenti:

  1. Seaghda

    Mi dispiace, ma penso che tu abbia torto. Sono sicuro. Inviami un'e -mail a PM, discuteremo.

  2. Ur-Atum

    Certamente. Era e con me.

  3. Georg

    la tua idea ti sarà utile

  4. Kazill

    Bravo, che frase ..., il pensiero ammirevole



Scrivi un messaggio