Trovano la tomba di Cleopatra a 50 km da Alessandria! O si?

Trovano la tomba di Cleopatra a 50 km da Alessandria! O si?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La notizia del giorno, della settimana, del mese, dell'anno e del secolo è stata pubblicata questa settimana: ¡Hanno trovato la tomba di Cleopatra! Più avanti nel testo puoi leggi la vera notizia, ma prima, una breve riflessione.

È così che lo troviamo in media come "El Confidencial", "El Español" o anche in "Bolsamanía". Sì! Anche Bolsamanía, un sito web specializzato in ... in ... Beh, anche loro l'hanno pubblicato ...

È una vera notizia? La risposta è no.

La verità: non hai idea se è sepolta lì. E non è nemmeno chiaro se è il sito da scavare! Suppongono solo.

Cosa si intende? Semplice, il "clic facile". Il famoso "clickbait", un po 'cyber, che permette aumentare le visite, e quindi, aumentare le entrate pubblicitarie, a costo di pubblicare un titolo falso.

E i risultati sono evidenti, almeno nel enorme impatto che hanno sui social network, che, per esperienza, ci dà l'idea delle migliaia di visite che si ottengono solo mettendo un titolo irrealistico.

Ci siamo stancati di questo. E (lo dico personalmente) lo stesso accade con tante persone, esperti, divulgatori, blog e media del settore.

Nel nostro caso, come in quello di tanti altri blog e media dedicati all'archeologia, alla storia e alla cultura in generale, abbiamo centinaia di notizie pubblicate a cui cambiamo il titolo (e il testo) anche da studi diversi che sono più categorici di quanto dovrebbero, al fine di offrirti le informazioni più accurate possibili, perché affermazioni infondate, ce ne sono molte.

Questo ci permette di offrirti notizie affidabili e reali, ma in cambio ci impedisce di ottenere gli stessi risultati degli altri. È semplice, non è lo stesso porre al lettore un'ipotesi ("Gli archeologi credono ...") che un'affermazione ("Trova").

Ed è logico. ¿Chi non entra in una notizia come questa?

Questo ci mette in una situazione molto difficile perché la nostra portata, sebbene aumenti ogni giorno, non raggiunge i numeri dei media mainstream, quindi è quasi impossibile per noi contrastare un tipo di notizia con titoli discutibili (quando non "notizie false«), Nonostante il fatto che all'interno del testo si suggerisce che tale affermazione non sia vera.

Questa sarebbe la vera notizia, come l'avremmo pubblicato, se non fosse stato per il parere precedente.

L'archeologo Zahi Hawass pensa di sapere dove potrebbe essere la tomba di Cleopatra

In una presentazione a Palermo (Italia) sabato scorso, Zahi Hawass, il famoso egittologo, ha commentato che "Finalmente andremo a portare alla luce la tomba perduta di Cleopatra e Marco Antonio", rivelando il luogo esatto in cui lui e la sua squadra credere trovato la sua tomba.

Spiega che “Abbiamo già determinato il luogo di sepoltura e si stima che si trovi a Taposiris Magna, A 50 chilometri da Alessandria ”.

Inserisci "Siamo così vicini a scoprire la posizione esatta… siamo sulla strada giusta”.

Questa è la notizia e questo sarebbe il suo vero titolo perché è solo un'ipotesi Fino ad ora, il luogo esatto dello scavo è sconosciuto e se davvero ci sarà la tomba di Cleopatra.

Teoricamente, si trova in un tempio allagato dall'acqua del lago che si trova nelle vicinanze del tempio, quindi deve essere rimosso prima di poter eseguire gli scavi.

Abbiamo parlato con (e intervistato) Hawass alcuni anni fa e gli abbiamo chiesto precisamente della tomba di Cleopatra, affermando che sarebbe stato molto difficile trovarla. Che pensava fosse ad Alessandria, ma non aveva informazioni sul luogo.

Kathleen Martinez, un archeologo dominicano che ha condotto scavi a Taposiris dal 2005, è colui che ha sempre creduto che Cleopatra fosse in quel luogo (Hawass non la pensava così, sebbene abbia apprezzato gli sforzi e le scoperte di Martínez), facendo un lavoro anche pagato di tasca propria per aver inseguito gli indizi che la portano a pensarlo.

Tuttavia, il famoso archeologo ora afferma qualcosa in modo categorico quando in realtà le sue parole emanano solo dubbi e convinzioni al riguardo. Estraiamo tre frasi pubblicate su tutti i media in modo che tu possa vederlo più chiaramente:

"Finalmente scopriremo la tomba perduta di Cleopatra e Marco Antonio."

"Abbiamo già determinato il luogo di sepoltura e stimiamo che si trovi a Taposiris Magna, a 50 chilometri da Alessandria".

"Siamo così vicini a scoprire la posizione esatta ... siamo sulla strada giusta."

Alla fine la dissotterreranno come hanno trovato il luogo di sepoltura, anche se non conoscono ancora la posizione esatta. Deve essere che ci manca che siano in arrivo ...

Nessun altro è colpito dalla grande incongruenza in tre frasi?

E non fraintendetemi, vorrei che fosse una notizia vera, e che dove pensano che sia, la trovano! Ma il reclamo dovrebbe essere lasciato per il momento in cui la scoperta diventa effettiva, e non prima, quando stai ancora cercando di vedere come si può fare lo scavo.

Ad ogni modo, le parole di Hawass non sono il problema, la stampa lo è, e non per aver fatto eco alle sue parole, dal momento che tutti potrebbero pubblicare la notizia dell'ultima presentazione dell'archeologo, ma per aver rivendicato una scoperta che non è stata ancora fatta, pubblicandolo consapevolmente conoscendo i vantaggi che questa pratica porterà loro.

Abbiamo pensato di lanciare diverse domande nell'aria, ma ha senso farlo? Vale la pena chiedere dov'è stata l'etica giornalistica? Rispetto per il lettore? La vocazione a scoprire e mostrare la verità?

Ma soprattutto,come facciamo per competere con loro e come possiamo combattere queste pratiche?

È chiaro che continueremo sulla strada che ci ha portato qui, per cercare di darvi le informazioni nel modo più onesto e veritiero possibile, che ci ha reso degni della vostra fiducia. Allo stesso modo, i suggerimenti sono ben accetti.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di diffusione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: La drammatica esplosione del Cadavere di Guglielmo il Conquistatore


Commenti:

  1. Richardo

    Mi congratulo, che parole..., un'idea magnifica

  2. Raedanoran

    Hai risposto rapidamente ...

  3. Dunleigh

    Ben fatto, mi sembra che questa sia la straordinaria idea

  4. Kurt

    Voglio dire, permetti l'errore. Inseriamo che discuteremo. Scrivimi in PM, parleremo.

  5. Tripp

    Sono sicuro, che cos'è - una bugia.

  6. Mikalrajas

    Scusa se ti interrompo, vorrei anche esprimere la mia opinione.



Scrivi un messaggio