Lo studio considera "unico" in Europa il rapporto visivo tra il Menga Dolmen ad Antequera e il Matacabras Cave Paintings Shelter

Lo studio considera


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Sebbene con non pochi soggetti in sospeso e la continua domanda di aumento degli investimenti, è necessario riconoscere che il Patrimonio storico andaluso passa attraverso una serie di successi che dimostra il potenziale innegabile dei suoi siti e monumenti.

Nel 2016, senza andare oltre, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura (Unesco per il suo acronimo in inglese) dichiarato il sito archeologico dei dolmen di Antequera come Patrimonio dell'Umanità (Málaga), costituito dalle costruzioni megalitiche di Menga, Viera e El Romeral, e nel 2018 le rovine dell'antica città sontuosa di Medina Azahara hanno ricevuto lo stesso sigillo, costruito nel X secolo dalla dinastia degli Omayyadi come sede del Califfato di Córdoba.

Alla fine dello scorso ottobre, inoltre, la Spagna includeva le rovine del Città romana di Italica, con sede a Santiponce (Siviglia) e culla del imperatore traiano, nella sua lista di nuovi spazi e monumenti da elevare all'UNESCO per la sua dichiarazione di Patrimonio dell'Umanità.

Ovviamente, il riconoscimento mondiale ottenuto dal Dolmen di Antequera e il sito archeologico di Medina Azahara E 'stato uno shock per entrambi gli spazi in termini di proiezione e visite, implicando anche l'obbligo assunto dalle amministrazioni in merito ad un ottimo trattamento e gestione di questi beni patrimoniali.

In questo senso, la ricerca scientifica gioca un ruolo essenziale quando si tratta di approfondire la conoscenza di queste enclave e la diffusione dei loro valori eccezionali.

Il paesaggio megalitico di Antequera

Prova di ciò è l'opera intitolata 'Punto di riferimento del passato nel paesaggio megalitico di Antequera: un approccio multidisciplinare all'arte rupestre del rifugio Matacabras', Che affronta la "relazione" tra Monumento megalitico di Menga, –Il più noto dei dolmen di Antequera per i suoi colossali ortostati e coperte–, e il Peña de los Enamorados, situato a circa sei chilometri da questo megalite e verso il quale è orientato il suo asse.

Lo studio, firmato da nove specialisti in vari campi di istituzioni come le università di Alcalá de Henares (Madrid), Granada, Lisbona (Portogallo), Siviglia o Southampton (Regno Unito), ricorda che tra i valori eccezionali riconosciuti dall'UNESCO per i dolmen di Antequera c'è “la loro associazione con formazioni naturali ”nella tua zona.

Nello specifico, è lo spettacolare sistema carsico del Torcal de Antequera, che si estende per circa undici chilometri a sud del sito archeologico, e il ha menzionato Peña de los Enamorados, che sorge a sei chilometri dai dolmen Menga e Viera e appena due chilometri dalla tholos di El Romeral.

A tal proposito, gli autori di questo documento ricordano che già nel 2001, l'archeoastronomo Michael Hoskin aveva sottolineato la "natura estremamente insolita" del dolmen Menga, poiché il suo allineamento non corrisponde al luogo del sorgere del sole come è "comune" nelle costruzioni megalitiche nel sud della penisola iberica, ma con la già citata Peña de los Enamorados.

Questa montagna, come sottolineano gli autori di questo studio, sorge fino a 880 metri sul livello del mare "Domina visivamente la pianura di Antequera" e presenta da est e ovest una caratteristica "sagoma antropomorfa" simile a una "gigantesca donna addormentata".

Tali particolarità non si traducono solo nel "importanza topografica”Di questa“ massiccia ”formazione rocciosa, –specificano questi ricercatori–, ma anche in una“ riflessione ”nel“ folklore locale ”. Proprio a questo punto, lo studio salvare la leggenda medievale secondo la quale quando i regni di Siviglia e Granada si contendevano il controllo dell'area, un cristiano e un musulmano si sono suicidati gettandosi da una delle scogliere di questa montagna quando il loro amore era impossibile.

I dipinti di Matacabra

E ricordando anche le indicazioni che indicano una "occupazione e frequentazione" umana della Peña de los Enamorados durante il Neolitico e l'Età del Rame e del Bronzo, gli autori di questa ricerca si concentrano sulle pitture rupestri scoperte nel rifugio Matacabras, adagiato ai piedi di una rupe alta quasi cento metri sulla parete nord della montagna.

Partendo dal presupposto che "nessuno studio completo" di questi dipinti è stato intrapreso, questo lavoro comprende un'indagine multidisciplinare di questa enclave, attraverso un ricostruzione fotogrammetrica del mantello, un'analisi dei loro motivi grafici mediante elaborazione digitale delle immagini e colorimetria, la datazione delle croste aderenti ai dipinti, o prove archeometriche di frammenti ceramici scoperti in questo rifugio e nel sito di Piedras Blancas I, situato a circa cento metri sotto il Rifugio Matacabras e corrispondente al tardo Neolitico.

Come risultato di questo enorme lavoro di ricerca, gli autori di questo lavoro lo affermano i dipinti del Matacabra Shelter sarebbero stati realizzati "probabilmente applicando vernice rossa con la punta delle dita" prima del 3.800 a.C.., poiché il Dolmen Menga sarebbe stato eretto in un arco di tempo che oscilla tra gli anni 3.800 e 3.600 a.C..

Tuttavia, i ricercatori sostengono di prendere la datazione con cautela, perché "né la cronologia di Matacabras né quella di Menga sono state stabilite con precisione a causa dei problemi significativi posti dalle registrazioni empiriche" disponibili riguardo a ciascuna di queste enclave.

Per questo motivo, e per diverse variabili, questo studio si è impegnato a “considerare la possibilità” che il rifugio Matacabras fosse già “in uso al momento della costruzione del dolmen Menga”, sebbene gli autori dello stesso precisino che “il rapporto cronologico tra entrambi i siti potrebbero non corrispondere necessariamente a una semplice diacronia ”secondo la quale "Prima" era il rifugio e poi il monumento megalitico.

"Al contrario, questo collegamento potrebbe essere sincrono o il rifugio potrebbe essere anche successivo alla costruzione del Menga", spiegano gli scienziati, senza escludere l'ipotesi che il suddetto rifugio abbia avuto nel tempo "fasi" di utilizzo differenti. .

La "rilevanza insolita" del rifugio

In ogni caso, Questo studio insiste sul fatto che il dolmen Menga è stato costruito con un asse di simmetria "quasi esattamente" orientato verso il rifugio Matacabras., che conferisce a quest'ultima "una rilevanza insolita in termini di progettazione e biografia del grande monumento megalitico".

Inoltre, per questi ricercatori, il collegamento "visivo" tra il dolmen Menga e il rifugio Matacabras è "unico" nella penisola iberica "e anche molto probabilmente in Europa". Proprio per questo, gli autori di questo studio prevedono che futuri scavi archeologici in detto rifugio e nello spazio "chiave" di Pietre bianche I , "Intrinsecamente associato" a Matacabras, getterà "più luce su queste complesse relazioni concettuali, visive e grafiche".

Giornalista di Europa Press, collaboratore di "Sevillanos de Guardia" in Onda Cero Radio e collaboratore scrittore di MRN Aljarafe.


Video: Condizioni di esistenza nei Reali sui radicali: 24 esercizi commentati


Commenti:

  1. Gugar

    I wanted to see for a long time thanks

  2. Tygobar

    Non stava ancora uscendo.

  3. Eadelmarr

    Hai colto nel segno. Mi sembra un ottimo pensiero. Sono d'accordo con te.

  4. Chagai

    Scusate non mio ... ..

  5. Goltilabar

    sei stato visitato da un'idea semplicemente magnifica



Scrivi un messaggio