I resti umani più antichi trovati nell'America centrale meridionale

I resti umani più antichi trovati nell'America centrale meridionale


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Un team di archeologi ha trovato nella cittadina nicaraguense di Bleera Kaanu, il resti di una giovane donna sepolta 5.900 anni fa, essendo i resti umani più antichi dell'America centrale meridionale, aggiungendo un capitolo significativo alla documentazione archeologica della regione.

I resti della donna erano protetti da a antico tumulo di conchiglie assortite (progettato per contrassegnare i luoghi di sepoltura o alcuni luoghi nel paesaggio) che lo preservarono dalle condizioni tropicali dei Caraibi, consentendo alla sepoltura di rimanere intatta per quasi sei millenni.

Il team, composto da ricercatori canadesi, tedeschi e nicaraguensi, ha spiegato in un articolo pubblicato sul Rivista di antichità, che la scoperta "rappresenta un contributo importante alla nostra comprensione della prima popolazione caraibica".

Hanno anche osservato che le donne era ancora nella sua posizione di sepoltura originale quando la tomba fu riaperta. Sebbene lo scheletro fosse in gran parte completo, la qualità delle ossa è stata in qualche modo compromessa dal clima della regione.

Antichi resti umani sono molto rari nelle regioni più meridionali dell'America centrale e nelle regioni tropicali, poiché i terreni aridi tendono a danneggiare le ossa. Mirjana Roksandic, antropologa dell'Università di Winnipeg in Canada e autrice principale della ricerca, ha spiegato che "il cumulo di conchiglie posto sulla tomba ha ridotto l'acidità del suolo e ha contribuito a preservare i resti".

La donna era alta circa 1,48 cm e aveva una muscolatura dell'avambraccio fortemente sviluppata, "forse a causa del canottaggio o di attività di rafforzamento simili".

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di diffusione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Messico: scoperti resti umani in fosse comuni