Le donne hanno anche illustrato manoscritti nel Medioevo

Le donne hanno anche illustrato manoscritti nel Medioevo

Durante epoca medievale in Europa, il manoscritti miniati erano opere create per essere utilizzate dai membri delle istituzioni religiose e della nobiltà.

Generalmente, questi testi si caratterizzano per essere accompagnati da bordi, miniature e lettere maiuscole impreziositi, in alcuni casi, da pitture e pigmenti lussuosi come fogli d'oro e d'argento o blu oltremare.

Fino ad ora, questa performance artistica era stata associata esclusivamente agli uomini del tempo.

Tuttavia, uno studio pubblicato in I progressi della scienza suggerisce che anche le donne del passato hanno potuto partecipare attivamente nell'elaborazione di questi manoscritti.

[Tweet «La scoperta di un pigmento così prezioso potrebbe essere un'indicazione diretta del coinvolgimento delle donne nei manoscritti del Medioevo #Notizie #Storia»]

Questo nuovo approccio storico si basa sulla scoperta dei pigmenti di lapislazzuli –Un minerale blu intenso utilizzato nella pittura e negli ornamenti– incorporato nella placca dentale calcificata della mascella di una donna sepolta più di 900 anni fa, che è stato trovato e analizzato dai ricercatori del Max Planck Institute for the Science of Human History (Germania) e dell'Università di York (Regno Unito), tra gli altri.

Secondo gli esperti, questa scoperta La presenza inaspettata di un pigmento così prezioso e precoce nella bocca di una donna dell'XI secolo nella Germania rurale è senza precedenti, per potrebbe essere un'indicazione diretta del coinvolgimento delle donne nella creazione di questi manoscritti.

L'illustratore in un piccolo monastero in Germania

La placca dentale è stata ritrovata nel 2014 in un vecchio cimitero di un monastero medievale di religiose situato a Dalheim, Germania centrale. Anche se rimangono pochi documenti di questo monastero, si stima che questa comunità di donne si è formata nel X secolo.

I primi scritti conosciuti del monastero risalgono al 1244 d.C.. e suggeriscono che ospitasse approssimativamente 14 donne sin dal suo inizio, fino a quando fu distrutto da un incendio durante una battaglia nel XIV secolo.

Sergún spiega a Sincronizza Christina Warinner, autrice principale dello studio del Max Planck Institute, quasi nessun elemento del monastero sopravvive oggi. “Niente arte, niente libri, quasi niente artefatti. Anche l'edificio è in gran parte distrutto. Tutto ciò che rimane oggi sono le fondamenta di pietra, un pettine rotto e un cimitero", Commenta il ricercatore.

Warinner e il suo team hanno iniziato ad analizzare i resti trovati nel cimitero al fine di indagare sulle abitudini alimentari e sullo stato di salute delle persone nel Medioevo.

Le prime osservazioni lo stimarono Questa mascella apparteneva a una donna di età compresa tra i 45 ei 60 anni al momento della sua morte, avvenuta tra il 1000 e il 1200 d.C. Inoltre, nessuna patologia è stata identificata nello scheletro, né evidenza di traumi o infezioni nel corpo.

Tuttavia, dopo un ulteriore studio dei resti iniziarono a notare che questa donna aveva più storie da raccontare.

La storia di una protesi particolare

La co-leader dello studio, Anita Radini, dell'Università di York, ricorda che è stata "una vera sorpresa vedere come, quando la pietra si è dissolta, ha rilasciato centinaia di piccole particelle blu".

“Abbiamo scoperto per caso il pigmento blu nel calcolo dentale. In realtà stavamo facendo uno studio dietetico e cercavamo granuli di amido e polline. Una volta trovato, abbiamo cercato di identificare cosa fosse e poi cosa significasse ”, aggiunge Warinner.

Utilizzando varie tecniche è stato determinato che queste particelle provenivano dal lapislazzuli. "Abbiamo esaminato molti possibili scenari in cui questo minerale avrebbe potuto essere incorporato nel tartaro (tartaro e placca accumulati sui denti e fossilizzati nel tempo) dei denti di questa donna", dice Radini.

"In base alla distribuzione del pigmento in bocca, abbiamo concluso che era molto probabile che lei stessa stesse dipingendo con il pigmento e leccando l'estremità del pennello mentre dipingeva"Afferma la coautrice dello studio Monica Tromp del Max Planck Institute.

In breve, questo potrebbe essere "la prova diretta di una donna, non solo dipingere, ma utilizzando un pigmento molto raro e costoso, e in un luogo molto appartato. La sua storia sarebbe potuta rimanere nascosta per sempre senza l'uso di queste tecniche e mi chiedo quanti altri artisti potremmo trovare nei cimiteri medievali se guardassimo più da vicino ", spiega Warinner.

Lapislazzuli, un pigmento ambito come l'oro

Pigmento di lapislazzuli, noto anche come pigmento blu oltremare, era uno dei materiali artistici più costosi del Medioevo europeo. Macinato e rifinito con lapislazzuli, il colore era usato per rappresentare i cieli e le vesti della Vergine Maria.

L'uso di questo pigmento e della sua pietra, insieme a quello dell'oro e dell'argento, era riservato ai più esperti. "Solo scribi e pittori con abilità eccezionali sarebbero stati incaricati del suo uso", afferma Alison Beach, storica del progetto e ricercatrice presso Ohio State University (STATI UNITI D'AMERICA).

Dalla sua origine nelle miniere del Badakshan in Afghanistan, il lapislazzuli veniva scambiato via terra verso le città del Levante e dell'Egitto, da dove veniva spedito a Venezia, il principale porto di ingresso in Europa.

Tenendo conto di questi dati storici, gli esperti lo deducono il lapislazzuli analizzato in questo studio ha percorso più di 6.000 chilometri per raggiungere la sua destinazione finale, in quella piccola comunità religiosa di donne in Germania.

“Questa donna era collegata a una vasta rete commerciale globale che si estendeva dalle miniere dell'Afghanistan alla sua comunità nella Germania medievale, attraverso le metropoli commerciali dell'Egitto islamico e Costantinopoli bizantina. La crescente economia dell'Europa dell'XI secolo ha suscitato la richiesta del prezioso e squisito pigmento che ha viaggiato per migliaia di miglia attraverso carovane e navi mercantili prima di servire l'ambizione creativa di questa artista donna ", spiega lo storico e coautore Michael McCormick , dall'Università di Harvard.

Sebbene la Germania sia nota per essere un centro attivo della produzione di libri durante questo periodo, è stato particolarmente difficile per gli storici identificare i contributi delle donne in quel momento. In larga misura, questa complessa ricerca è dovuta principalmente all'assenza della firma degli artisti che hanno omesso il loro nome nelle opere in segno di umiltà.

“Ora possiamo avere un file nuovo modo di identificare gli artisti nella documentazione archeologica. Ho il sospetto che questo possa portare a non poche sorprese sulla storia dell'arte, sia nell'Europa medievale che altrove ", conclude Warinner.

Riferimento bibliografico:

Warinner, C. et al. "Il coinvolgimento precoce delle donne medievali nella produzione di manoscritti suggerito dall'identificazione del lapislazzuli nel calcolo dentale", gennaio 2019, Science Advances, DOI: http://advances.sciencemag.org/content/5/1/eaau7126.

Tramite Sync


Video: AMEDEO FENIELLO - Una donna nella Cina medievale