2019: Celebrazione dei 150 anni della tavola periodica creata da Mendeleev

2019: Celebrazione dei 150 anni della tavola periodica creata da Mendeleev

Gli elementi della natura sono stati raggruppati in vari modi nel corso della storia, ma era 150 anni fa che il russo Dmitri Ivanovich Mendeleev (Tobolsk, 1834 - San Pietroburgo, 1907) ha presentato una tavola periodica per riunirli tuttianche quelli ancora da scoprire.

Con il contributo di altri scienziati, questo tavolo è diventato il cuore colorato della chimica che conosciamo oggi.

Cos'è un elemento chimico?

È la parte di materia composta da atomi della stessa classe e che non può essere scomposta in atomi più semplici attraverso una reazione chimica. Qualsiasi essere, vivente o inerte, è costituito da elementi chimici. Ad esempio, su un telefono cellulare se ne trovano circa 30 diversi, e sul corpo umano quasi il doppio: 59 elementi.

Finora sono stati scoperti e confermati 118 elementi chimici. Gli ultimi quattro sono i file nihonium, moscovio, tenese e oganeson. Grandi laboratori provenienti da Giappone, Russia, Stati Uniti e Germania competono per essere i primi ad ottenere quanto segue: il 119 e il 120.

Qual è la tavola periodica?

È un tavolo dove tutti gli elementi sono ordinati in base al loro numero atomico (numero di protoni), una disposizione che mostra trend periodici e riunisce quelli con comportamento simile nella stessa colonna.

È uno strumento unico, che consente agli scienziati di prevedere l'aspetto e le proprietà della materia sulla Terra e nel resto dell'universo. Al di là del suo ruolo cruciale nella chimica, la tavola periodica trascende altre discipline, come fisica e biologia, ed è diventata un'icona della scienza e della cultura.

Come è stato realizzato?

Entro la metà del 19 ° secolo, 63 elementi erano già noti, ma i chimici non erano d'accordo sulla terminologia e su come ordinarli. Per risolvere questi problemi, nel 1860 fu organizzato a Karlsruhe (Germania) il primo Congresso Internazionale dei Chimici, un incontro che sarebbe stato epocale.

C'è l'italiano Stanislao Cannizzaro ha stabilito chiaramente il concetto di peso atomico (massa atomica relativa di un elemento), in cui tre giovani partecipanti al congresso (William Odling, Julius Lothar Meyer e Dmitri Ivanovich Mendeleev) sarebbero stati ispirati per creare le prime tabelle.

Quella di Mendeleev è stata la più innovativa nel fare previsioni e lasciare spazi vuoti di elementi che sarebbero stati scoperti in seguito, come il gallio (1875), il scandio (1879) e il germanio (1887). Per alcuni autori, la versione definitiva del tavolo è stata ottenuta grazie ai contributi matematici degli inglesi Henry Moseley.

Quando Mendeleev completa la sua tavola?

La data ufficiale - presa come riferimento per l'anniversario di quest'anno - è la 1 marzo 1869 secondo il calendario gregoriano, perché secondo il calendario giuliano usato in Russia a quel tempo sarebbe il 17 febbraio, come appare nel suo documento intitolato L'esperienza di un sistema di elementi basato sul loro peso atomico e somiglianza chimica.

La leggenda vuole che l'idea del sistema periodico degli elementi sia venuta a Mendeleev quel giorno durante un sogno, ma il chimico russo una volta rispose: "Ci penso da 20 anni, anche se pensi che fossi seduto e all'improvviso ... è tutto”.

Chi promuove la celebrazione dell'Anno internazionale della tavola periodica?

Il Assemblea generale delle Nazioni Unite è quello che ha proclamato il 2019 come Anno internazionale della tavola periodica degli elementi chimici (IYPT2019), gestito dall'UNESCO. La cerimonia di apertura si terrà presso la sua sede di Parigi il 29 gennaio.

Tra i relatori ci sarà il chimico britannico Sir Martyn Poliakoff, molto apprezzato per i suoi video su YouTube e colui che inizialmente ha proposto di organizzare l'IYPT2019 alla professoressa Natalia Tarasova, presidente della International Union of Pure and Applied Chemistry (IUPAC).

Il IUPAC, che nel 2019 celebra anche il proprio centenario, è un'altra delle organizzazioni che sostiene questa iniziativa. È il autorità mondiale sulla nomenclatura chimica, incaricato di nominare in modo ufficiale i nuovi elementi della tavola periodica.

Altre associazioni che promuovono IYPT2019 sono l'International Union of Pure and Applied Physics (IUPAP), la European Association of Chemical and Molecular Science (EuCheMS), l'International Council for Science (ICSU), l'International Astronomical Union (IAU) e il Unione Internazionale di Storia e Filosofia della Scienza e della Tecnologia (IUHPS).

Quali attività si svolgeranno in Spagna?

Possono essere consultati nella sezione eventi della Royal Spanish Society of Chemistry e, insieme a quelli di altri paesi, sul sito web IYPT2019. Tra le attività ci sono il Simposio Internazionale sulle Donne e la Tavola Periodica organizzato all'Università di Murcia a febbraio, varie conferenze e film-forum all'Università di Jaén e il concorso Sponsorizza un elemento rivolto agli studenti delle scuole superiori, cicli di formazione professionale grado medio e 2 ° ciclo dell'ESO.

Anche, Correos rilascerà un francobollo commemorativo questo mese e le decime dell'estrazione della Lotteria Nazionale del 2 marzo saranno caratterizzate dalla facciata della Facoltà di Chimica dell'Università di Murcia, dove si trova la tavola periodica più grande del mondo.

Quanti elementi hanno scoperto gli scienziati spagnoli?

Due e mezzo o tre: tungsteno o wolfram (W), platino (Pt) e metà, secondo gli autori, vanadio (V).

Il tungsteno è l'unico elemento isolato in Spagna, un risultato raggiunto nel 1783 dai fratelli Juan José e Fausto de Elhuyar al Seminario Reale di Vergara (Guipúzcoa).

Mezzo secolo prima, il naturalista e il militare Antonio de Ulloa e de la Torre Giral aveva scoperto platino in America, nella provincia di Esmeraldas (Ecuador), un elemento prezioso che descrisse nel 1748.

Infine, nel 1801, lo scienziato ispano-messicano Andrés Manuel del Río Fernández trovato l'elemento 23 della tavola periodica in una miniera di piombo messicana. Chiamato eritronio per diventare rossastro quando riscaldato e ha dato alcuni campioni al suo amico Alexander von Humboldt per l'analisi dal chimico francese H. Victor Collet-Descotils.

Questo, erroneamente, ha risposto che si trattava di un composto di cromo, quindi ha pensato che la sua scoperta fosse sbagliata.

Tre decenni dopo, nel 1830, il chimico svedese Nils Gabriel Sefström riscoprì l'elemento colorato e lo chiamò vanadio in onore della dea della bellezza. Vanadis dalla mitologia scandinava. L'anno successivo, il suo collega tedesco Friedrich Wöhler confermò che si trattava dello stesso oggetto che Del Río aveva già trovato.

Donne che hanno scoperto elementi chimici

Il più noto è Marie Curie, uno scienziato polacco nazionalizzato francese che ha ricevuto un premio Nobel nel 1903 (in fisica) e un altro nel 1911 (in chimica) per la scoperta del radio (Ra) e del polonio (Po), ma c'è di più.

Fisici austriaci Berta Karlik e Lise Meitner scoperto, rispettivamente, il astato (At) e, in collaborazione con altri ricercatori, un isotopo di protoattinio (Papà).

Da parte sua, chimica e fisica tedesca Ida Noddack identificato il renio (Re) e fisica francese Marguerite perey scoperto il francio (Fr). Alcune delle attività dell'Anno Internazionale della Tavola Periodica ricorderanno i contributi e l'esempio che questi scienziati hanno dato.

Riferimento bibliografico:

Informazioni preparate con la collaborazione di Pascual Román, Professore di Chimica Inorganica presso l'Università dei Paesi Baschi (UPV / EHU); Inés Pellón, professore di Chimica presso la UPV / EHU Bilbao School of Engineering; e Bernardo Herradón, ricercatore presso l'Istituto di Chimica Organica Generale del CSIC. Tutti e tre sono membri della Royal Spanish Chemistry Society (RSEQ), che partecipa attivamente all'Anno internazionale della tavola periodica.

Tramite Sync


Video: La genialità della tavola periodica di Mendeleev - Lou Serico