Biografia di Franz Roh, il creatore del termine "realismo magico"

Biografia di Franz Roh, il creatore del termine


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Franz roh (21 febbraio 1890 - 30 dicembre 1965) è stato uno storico, fotografo e critico d'arte tedesco noto per essere stato colui che ha creato il termine "realismo magico"Nel 1925.

Roh è nato ad Apolda (l'attuale Turingia), in Germania, e ha studiato presso le università di Lipsia, Berlino e Basilea, conseguendo il dottorato a Monaco con un studio sui dipinti olandesi del XVII secolo.

Franz Roh è ricordato per essere stato il critico che ha coniato il termine realismo magico, che, sebbene la sua discendenza sia diretta, il suo realismo magico è diverso da quello usato per descrivere il lavoro di scrittori di realismo magico come Gabriel García Márquez.

Questo è affermato nel suo libro del 1925 "Nach Expressionismus: Magischer Realismus: Probleme der neuesten europäischen Malerei” (“Dopo l'espressionismo: realismo magico: problemi della pittura europea più recente”).

Roh, incoraggiato dal ritorno post-espressionista delle arti visive alla rappresentazione figurativa, ha utilizzato la fenomenologia di Edmund husserl Y Martin heidegger per sottolineare che “bisogna godere dell'autonomia del mondo oggettivo che ci circonda.

Al momento, Roh ha identificato i dettagli precisi del realismo magico: la fluida nitidezza fotografica e il ritratto della natura “magica” del mondo razionale.

Roh credeva che il realismo magico fosse correlato al surrealismo, ma essendo un movimento diverso a causa del focus del realismo magico sull'oggetto materiale e sulla reale esistenza delle cose nel mondo.

Così, nel suo libro, Roh sottolinea la magia del mondo normale così come ci viene presentato, cioè come quando guardiamo gli oggetti che ci circondano in modo reale e che possono sembrare strani e fantastici; e non il mondo della magia, in cui gli oggetti vengono letteralmente trasformati in qualcosa di fantastico.

Negli anni '50 e dopo aver visto la confusione che il suo termine causava a questo proposito, sottolineò che il suo uso della parola magia era "ovviamente, non nel senso religioso-psicologico dell'etnologia”.

Il roh realismo magico, sebbene non molto frequente negli ultimi anni, è stato il grande contributo alla teoria fenomenologica o esistenziale dell'estetica, e più quando in quello stesso anno (1925), Fernando Vela, scrittore di “Rivista occidentaleFondato da José Ortega y Gasset nel 1923 e di cui Vela era un discepolo, tradusse e pubblicò il saggio di Roh in spagnolo su quella rivista, ponendo le basi per la sua appropriazione da parte del movimento letterario.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di diffusione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: 577 Realismo mágico


Commenti:

  1. Vrba

    In questo qualcosa è. Ora tutto risulta, grazie mille per l'aiuto di questa domanda.

  2. Zulukazahn

    Confermo. Sono d'accordo con tutto quanto sopra per detto. Esamineremo questa domanda.

  3. Alfrid

    Direttamente sul bersaglio

  4. Madu

    Mi dispiace interferire, vorrei anche esprimere la mia opinione.



Scrivi un messaggio