Elenco di dei e divinità della mitologia slava

Elenco di dei e divinità della mitologia slava


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il mitologia slava definisce l'insieme delle credenze religiose e delle pratiche rituali degli slavi prima della cristianizzazione formale delle loro élite, avvenuta durante l'VIII e il XIII secolo.

Questa mitologia si ritiene che si sia sviluppato in oltre 3.000 anni, e si pensa addirittura che molte di queste credenze risalgano al Neolitico o al Mesolitico.

Tuttavia, contrariamente a quanto accade con la mitologia greca o il mitologia egizia, non ci sono prove di fonti di prima mano che facilitino lo studio della mitologia slava.

Le credenze slave venivano trasmesse oralmente Attraverso le generazioni ei dati che abbiamo su di loro li ritroviamo grazie agli scritti prodotti dai primi missionari cristiani giunti nella regione, anche se in molti casi non sono oggettivi.

Sì, abbiamo molti lavori successivi come "Prima la cronaca", Che è stato redatto all'inizio del 12 ° secolo e tratta della storia del primo stato slavo orientale, che offre molti riferimenti e copie di documenti più antichi.

Successivamente il lavoro "Cronaca di Nestore", In cui Nestor, il Cronista, descrive il pantheon degli dei principali introdotto dal principe Vladimir I di Kiev nel 980. In esso troviamo Perún, Dažbog, Stribog, Simargl e Mokosh.

A "Codice di Ipazio»Troviamo il dio Svarog e nel«Song of Igor's Hosts»A Veles, tra molte altre fonti e storie.

Qui ti lasciamo un elenco approssimativo di divinità slave.

BannikSpirito che abitava i box dei bagni che venivano consultati sul futuro.
BeretukDio della foresta, protettore anche degli animali selvatici.
Belabog (Bielobog)Il dio bianco, divinità della luce e del giorno. God of Good e compagno di Dazsbog.
Bogatir(I coraggiosi) Eroi dei poemi epici del popolo russo. Questi eroi sono scomparsi quando uno di loro ha sfidato le forze dell'aldilà e sono stati sconfitti.
BujanIsola mitica, dove è cresciuta la quercia sacra e si trovava la pietra magica di Alatyr. Per altri autori, il mondo dei morti, equivalente a Nav.
ChernabogDio della mitologia slava il cui nome significa "dio nero". Nelle poche fonti in cui viene menzionato, è descritto come una divinità oscura e maledetta.
CoiraCreatore Dio dei mestieri e della fertilità.
Dabog o Dajbog (Dažbog)Per i serbi, Dio che custodiva le porte degli Inferi. Altre teorie suggeriscono che fosse il Dio del Fuoco Celeste, associato al Sole, a trasportarlo attraverso il Cielo. Sposato con Messiatz, i suoi figli erano le stelle.
Domovoi (Domovik)Divinità della Casa e protettrice dei suoi abitanti.
DvorovoiSpirito dei cortili, associato ad una fattoria, stalle e stalle. È uno spirito simile al Domovoi anche se meno benevolo, essendo considerato più pericoloso poiché potrebbe rappresentare una minaccia per i bovini, soprattutto quelli con la pelle bianca.
SpiritiQuando il Dio Creatore aveva creato la Terra, un gruppo di spiriti si ribellò e fu scagliato da Lui dal Cielo alla Terra. Alcuni caddero sulle case, altri sui cortili e sui recinti e altri, infine, sulle foreste, sui campi e sui fiumi. Dove erano caduti si stabilirono, i primi diventarono benefattori e quelli che caddero nelle foreste, nei campi e nei fiumi in malfattori.
Kupala (o Kupalo)Dea che rappresentava la forza fisica dell'acqua. Figlia di Simargl e Kulpalnitsa. Sorella di Kostroma.
KostromaDea della fertilità slava orientale. La sorella di Kupalo. Gemelli nella leggenda di Kostroma e Kupala.
LadaDea dell'amore e del matrimonio (probabilmente inventata in seguito).
LechySpirito della foresta. Poteva prendere qualunque dimensione gli piacesse.
Mati-Syra-ZemliaMadre-Terra-Umida, per i russi. Dea Suprema, cosciente e giusta.
MessiatzDea della luna.
MikulaUno degli eroi (bogatir) della letteratura russa, punito per il suo orgoglio.
MokoshDea Madre, controllava il suolo e le colture. Proteggeva anche donne e bambini.
Morana o Marena o MaranaFiglia di Perún, sposata con suo fratello Yarilo, dea della natura e della morte. Uccide suo fratello che rinasce l'anno successivo, trasformandosi in una dea dell'oscurità e del freddo, morendo alla fine dell'anno, per rinascere l'altro.
NavPer gli slavi è il mondo dei morti.
OvinnikGuardian Spirit of the Barns
PerunDio del tuono, del fulmine e della guerra. Controlla il mondo dall'alto dell'Albero dell'Universo.
Polevoi o PolevikSpirito dei campi. Si divertiva con la gente che al crepuscolo attraversava i campi, prendendoli in giro.
PoloundnitzaSpirito femminile dei campi per i russi.
RodDio della creazione.
RusalkaNinfe dalla doppia esistenza, acquatica e forestale. Quando una giovane donna è annegata è diventata una di loro. Di notte ondeggiavano cantando tra i rami dei salici e delle betulle. Hanno fermato le ruote del mulino, hanno rotto le dighe e le reti dei pescatori.
Simargl (Semargl)Divinità slava rappresentata come un leone o un cane alato. Sua moglie è Kulpalnitsa, dea della notte. È il padre di Kupalo e Kostroma. Le Zoryas, le dee solari di Dažbog, lo tengono incatenato alla stella Polaris, nell'Orsa Minore, per impedire che la costellazione venga rilasciata e distrugga il mondo e quindi finisca il mondo. Simargl è anche il padre di Skif.
StribogDio del vento.
SvantevitDio associato alla divinazione, il suo dominio non è esattamente noto.
SvarogPadre degli Dei, Creatore. Padre di Dažbog (fuoco celeste, il sole) e Svarogich (fuoco terrestre)
SvarogichDio del fuoco terrestre, figlio di Svarog.
SvetovidDio rappresentato con quattro teste, dalla Guerra associata alla fertilità e all'abbondanza.
SviatovitDio degli dei per gli slavi della regione baltica. Ha preso il posto di Svarog ed era il padre del Dio del Sole e del Dio del Fuoco.
SvisagotorUno degli eroi (bogatir) della letteratura russa, punito per il suo orgoglio.
TriglavDio associato alla divinazione, un Dio vigile rappresentato con tre teste con le quali controllava il Cielo, la Terra e gli Inferi.
Veles o VolosDio ctonio, associato alle acque e Dio degli Inferi, che lo governa dalle radici dell'Albero dell'Universo.
VesnaDea della primavera e della giovinezza (probabilmente inventata in seguito)
VodianoiSpirito delle acque, divinità malvagia e pericolosa che abitava laghi, fiumi, torrenti e stagni. I bagnanti notturni correvano il rischio che li facesse scomparire. Ha distrutto le dighe cercando di liberare il corso d'acqua.
YariloDio dell'amore carnale, della primavera e della fecondità. Figlio di Perún e sposato con sua sorella Morana. Associato alla Luna. Morto da esso, rinasce ogni anno.
ZoriasFiglie del Sole che hanno aperto e chiuso le porte del palazzo del padre.

Video: Le 10 MIGLIORI DIVINITÀ dellANTICO EGITTO!


Commenti:

  1. Fenrikasa

    ben fatto, il messaggio eccellente

  2. Abdul-Hafiz

    tutto può essere

  3. Feldon

    Secondo me ti sbagli. Posso difendere la mia posizione.

  4. Caellum

    Per me, questa non è l'opzione migliore



Scrivi un messaggio