Il cratere sotto il ghiaccio della Groenlandia potrebbe essere sorto in tempi umani

Il cratere sotto il ghiaccio della Groenlandia potrebbe essere sorto in tempi umani


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Per la prima volta un team internazionale di scienziati, guidato dal Museo di Storia Naturale della Danimarca (Università di Copenhagen), ha scoperto un cratere, prodotto dall'impatto di un meteorite, sotto il ghiaccio continentale della Terra.

Si trova nel nord-ovest di Groenlandia, nascosto dal ghiacciaio Hiawatha.

La scoperta è avvenuta nel 2015 e per tre anni i ricercatori hanno lavorato per verificare la loro scoperta, che hanno appena pubblicato sulla rivista I progressi della scienza.

Nello studio lo spiegano il cratere ha un diametro di oltre 31 km, che corrisponde a un'area grande quanto l'intera area metropolitana di Madrid, e la colloca tra i 25 più grandi crateri da impatto del nostro pianeta.

Il cratere si è formato quando un meteorite di ferro, circa un chilometro o 1,5 km di larghezza si è schiantato in quella zona della GroenlandiaMa da allora è stato nascosto sotto quasi un chilometro di ghiaccio.

"È eccezionalmente ben conservato e questo è sorprendente, perché il ghiaccio del ghiacciaio è un agente erosivo incredibilmente efficiente che avrebbe rimosso rapidamente le tracce dell'impatto, ma ciò significa che questo cratere deve essere piuttosto giovane da un punto di vista geologico", spiega il Professor Kurt H. Kjær del Centre for GeoGenetics presso il Natural History Museum of Denmark.

Tra tre milioni e 12.000 anni

Fino ad ora non è stato possibile datare direttamente il cratere, ma le sue caratteristiche indicano che si è formato dopo che le calotte glaciali hanno iniziato a coprire la Groenlandia. Ciò indica che ha solo tra tre milioni di anni e si avvicina a 12.000 anni fa, verso la fine dell'ultima era glaciale.

"Siamo inclini a pensare che l'impatto si sia verificato nella parte più recente di questo intervallo di tempo", sottolinea Kjær a Sinc, aggiungendo: "Gli esseri umani potrebbero non aver visto l'impatto, ma ne hanno sentito le conseguenze, come un cambiamento. clima. Venti di uragano e terremoti si verificherebbero in un raggio di 500 km intorno.

L'insegnante riconosce di aver provato vari metodi radiometrici per cercare di datare il cratere, "ma purtroppo i grani utilizzati erano contaminati".

Il suo team, insieme ad altri esperti, continuerà a studiare e discutere questo problema, così come i possibili collegamenti tra la collisione di meteoriti e alcuni cambiamenti evolutivi che potrebbero essere rilevati nelle antiche popolazioni umane attraverso il DNA.

Il cratere è stato scoperto per la prima volta nel luglio 2015 quando i ricercatori stavano ispezionando la topografia dietro la calotta glaciale della Groenlandia.

Fu allora che ho notato un'enorme depressione circolare sotto il ghiacciaio Hiawatha"Abbiamo capito subito che si trattava di qualcosa di speciale, ma allo stesso tempo è diventato chiaro che sarebbe stato difficile confermarne l'origine", ricorda il professor Kjær.

Nel cortile del Museo Geologico di Copenaghen, accanto alle finestre del Center for GeoGenetics, un meteorite ferroso di 20 tonnellate viene ritrovato recuperato nel nord della Groenlandia, non lontano dal ghiacciaio Hiawatha. "Non è stato molto difficile dedurre che la depressione potesse essere un cratere meteoritico non descritto in precedenza, anche se inizialmente non avevamo prove", afferma il coautore Nicolaj K. Larsen, professore all'Università di Aarhus.

Il potente radar di ghiaccio di un aeroplano

Per confermare i loro sospetti, il team ha inviato un aereo di ricerca tedesco dal Istituto Alfred Wegener, per sorvolare il ghiacciaio Hiawatha e mappare il cratere e il ghiaccio che lo ricopriva, con un nuovo potente radar di ghiaccio.

Joseph MacGregor, un glaciologo della NASA che ha partecipato allo studio, commenta: “Le precedenti misurazioni radar di questo ghiacciaio facevano parte di uno studio a lungo termine della NASA per mappare la mutevole copertura di ghiaccio della Groenlandia. Ciò di cui avevamo veramente bisogno per testare la nostra ipotesi era un'indagine radar esauriente focalizzata su quella posizione ".

"I nostri colleghi dell'Istituto Alfred Wegener e dell'Università del Kansas hanno fatto esattamente questo", aggiunge, "con un sistema radar all'avanguardia che ha superato ogni aspettativa e ha registrato la depressione con dettagli sorprendenti. Un bordo distintamente circolare, rigonfiamento centrale, lastre di ghiaccio alterate e indisturbate e detriti basali. Era tutto lì ”.

Durante le estati del 2016 e del 2017, il team è tornato nell'area a mappare le strutture tettoniche nella roccia vicino ai piedi del ghiacciaio e la raccolta di campioni di sedimenti trasportati dalla depressione attraverso un canale di acqua di disgelo.

“Alcune delle sabbie di quarzo 'lavate' dal cratere avevano caratteristiche di deformazione planare (piani disposti in parallelo in materiali vetrosi) indicative di un impatto violento, e questa è la prova conclusiva che la concavità sotto il ghiacciaio Hiawatha è un cratere meteorite ”, sottolinea il professor Larsen.

Precedenti studi hanno dimostrato che grandi impatti possono influenzare profondamente il clima terrestre, con importanti conseguenze per la vita sul nostro pianeta dopo la collisione. Un esempio è quello che ha spazzato via i dinosauri. Pertanto, gli autori ritengono importante indagare su quando e come si è verificato questo cratere.

Il prossimo passo sarà datarlo esattamente"Insiste Kjær, che conclude:" Sarà una bella sfida, perché probabilmente sarà necessario recuperare il materiale che si è sciolto nella parte inferiore della struttura, ma i risultati saranno fondamentali per capire come l'impatto di Hiawatha ha influenzato la vita sulla Terra”.

Riferimento bibliografico:

Kurt H. Kjær, Nicolaj K. Larsen, Joseph MacGregor et al. "Un grande cratere da impatto sotto il ghiacciaio Hiawatha nel nord-ovest della Groenlandia". Science Advances, novembre 2018. DOI: 10.1126 / sciadv.aar8173

Tramite Sync


Video: Lo SCIOGLIMENTO dei GHIACCI fa davvero innalzare gli OCEANI?


Commenti:

  1. Reeford

    Sono d'accordo, ottime informazioni

  2. Gabal

    Non posso partecipare ora in discussione - non c'è tempo libero. Ma sarò rilasciato - scriverò necessariamente che penso.

  3. Meztitaur

    I went to the forum and saw this topic. Posso aiutarti?

  4. Gagal

    Mi scuso, ma, secondo me, non hai ragione. Posso dimostrarlo.

  5. Lancelot

    Mi è piaciuto, è un peccato che ci abbia appena incontrato. Il post è stato salvato.

  6. Thutmose

    Dove sei così tanto tempo?

  7. Henri

    Ho dimenticato qualcosa?

  8. Barclay

    Ti ricorderò! Sarò considerato con te!



Scrivi un messaggio