La culla dell'umanità si estende a tutta l'Africa e non solo all'Africa orientale

La culla dell'umanità si estende a tutta l'Africa e non solo all'Africa orientale


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Un team di scienziati guidato da Mohamed Sahnouni, archeologo del Centro nazionale per la ricerca sull'evoluzione umana (CENIEH), ha appena pubblicato sulla rivista Scienza un articolo che rompe con il paradigma che la culla dell'umanità è nell'Africa orientale.

Il lavoro si è basato sui resti archeologici rinvenuti nei siti della regione di Ain hanech (Algeria), il il più antico attualmente conosciuto in Nord Africa.

Per molto tempo, L'Africa orientale è stata considerata il luogo di origine dei primi ominidi e la tecnologia litica, perché fino ad ora si sapeva molto poco delle prime occupazioni e delle loro attività nel nord del continente.

Due decenni di ricerca sul campo e di laboratorio hanno dimostrato che i primi ominidi producevano strumenti litici in Nord Africa che sono quasi contemporanei con i primi utensili in pietra conosciuti nell'Africa orientale, 2,6 milioni di anni fa.

Riguarda manufatti e ossa di animali con segni di taglio di utensili in pietra, con una cronologia stimata in 2,4 e 1,9 milioni di anni, che si trova in due livelli dei depositi di Ain Boucherit.

Fossili di animali come maiali, cavalli ed elefanti, provenienti da siti molto antichi, sono stati utilizzati dal paleontologo Jan Van Der Made, dal Museo Nazionale di Scienze Naturali di Madrid, per corroborare l'età derivata dal paleomagnetismo ottenuta dal geocronologo CENIEH Josep Parés e risonanza paramagnetica elettronica (RPE) eseguita da Mathieu Duval, della Griffith University.

Più che spazzini

Il Artefatti di Ain Boucherit Erano realizzati con pietra calcarea e selce disponibili localmente e includevano bordi intagliati come elicotteri, poliedri e subsferoidi, nonché strumenti da taglio a spigoli vivi utilizzati per la lavorazione di carcasse di animali.

Questi manufatti sono tipici della vecchia tecnologia litica, noto da 1,9 a 2,6 milioni di anni fa in Africa orientale, anche se quelli di Ain Boucherit mostrano sottili variazioni.

"Il industria litica di Ain Boucherit, che è tecnologicamente simile a Gona e Olduvai, mostra che i nostri antenati si avventurarono in ogni angolo dell'Africa, non solo nella sua parte orientale. Le prove dall'Algeria cambiano la precedente visione secondo cui l'Africa orientale è la culla dell'umanità. In effetti, tutta l'Africa è stata la culla dell'umanità ”, afferma Mohamed Sahnouni, leader del progetto Ain Hanech.

[Tweet «I test dimostrano che i nostri antenati hanno gareggiato con successo con i carnivori #Preistoria»]

Ain Boucherit è uno dei pochi siti archeologici in Africa che ha fornito prove di ossa con segni di taglio e percussione associati in situ con strumenti litici, che mostrano inequivocabilmente che gli ominidi ancestrali imbrigliavano la carne e il midollo osseo di animali di tutte le dimensioni e parti scheletriche, coinvolgendo scuoiatura, eviscerazione e carnagione degli arti superiori e medi.

Isabel Cáceres, tafonoma dell'IPHES, ha commentato a questo proposito che “l'uso efficace di strumenti litici con tagli taglienti in Ain Boucherit suggerisce che i nostri antenati non erano semplici spazzini. Non è chiaro in questo momento se cacciassero o meno, ma i test mostrano chiaramente che stavano competendo con successo con i carnivori e che godevano di un accesso prioritario alla carne degli animali ".

Chi ha realizzato questi strumenti?

In questo momento, la domanda più importante è chi ha realizzato gli strumenti di pietra scoperti in Algeria. Resti di ominidi non sono stati ancora trovati in Nord Africa contemporanei ai primi manufatti litici. In effetti, nessun ominide è stato documentato in associazione diretta con i primi strumenti litici conosciuti nell'Africa orientale.

Tuttavia, una recente scoperta in Etiopia ha rivelato la presenza del primo Homo circa 2,8 milioni di anni fa, molto probabilmente il miglior candidato anche per i materiali rinvenuti sia a est che a nord del continente.

Per molto tempo gli scienziati lo hanno creduto gli ominidi e la loro cultura materiale avevano avuto origine nella Great Rift Valley dell'Africa orientale.

Sorprendentemente, il primo ominino conosciuto datato a circa 7 milioni di anni, e Australopithecus bahrelghazali, da 3,3 milioni di anni fa, sono stati scoperti in Ciad, situato nel Sahara, a 3000 km dai cimiteri dell'Africa orientale.

Come spiega Sileshi Semaw, uno scienziato del CENIEH, che ha anche partecipato a questo articolo, "Gli ominini contemporanei di Lucy, di circa 3,2 milioni di anni, probabilmente vagavano per il Sahara, ei suoi discendenti potrebbero essere stati responsabili dell'abbandono delle sfide archeologiche ora scoperte in Algeria, che sono quasi contemporanee a quelle dell'Africa orientale”.

"Le prossime indagini si concentreranno sul ricerca di fossili di ominidi nei vicini siti del Miocene e del Plio-Pleistocene, alla ricerca dei produttori di utensili e anche di strumenti litici più antichi ”, conclude Sahnouni.

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di divulgazione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto di incontro per tutti dove poter condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: IL FURTO DEL DEBITO PUBBLICO, SPIEGATO BENE - Guido Grossi


Commenti:

  1. Goltimi

    Mi piace la tua idea. Proponiti di fare una discussione generale.

  2. Adorjan

    No, non posso dirtelo.

  3. Gervaso

    Sono d'accordo, questa è una frase meravigliosa.

  4. Calvert

    Non unyvay! Divertimento!

  5. Uchechi

    Mio Dio! Bene e bene!

  6. Jamile

    È notevole, una frase molto utile

  7. Deanne

    Ovviamente. E mi sono imbattuto in questo. Possiamo comunicare su questo tema.



Scrivi un messaggio