Perché alcuni cavalli del Miocene europeo erano nani?

Perché alcuni cavalli del Miocene europeo erano nani?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Più di 10 milioni di anni fa, a gruppo di equidi tridattili chiamati hyparions, che avevano dimensioni simili a un grande pony moderno (circa 150 chili di peso) e si nutrivano di una maggiore varietà di risorse, come foglie, cortecce e frutti, rispetto agli odierni cavalli, asini e zebre, che pascolano principalmente.

Queste I primi iparioni a raggiungere l'Europa si diversificarono rapidamentee in alcuni casi hanno ridotto notevolmente le loro dimensioni.

Nella Grecia odierna, specie di grandi dimensioni coesistevano con un piccolo hyparion, che stava diminuendo di dimensioni fino a pesare solo circa 70 chili, nove milioni di anni fa.

Nella penisola iberica, invece, la diminuzione delle dimensioni delle iparioni è avvenuta successivamente, alla fine di Miocene più alto, circa sei milioni di anni fa.

Ma perché e come si verificano questi cambiamenti di dimensione durante l'evoluzione? I ricercatori affermano che i cambiamenti di altezza possono essere una conseguenza indiretta dell'azione della selezione naturale sui cicli di vita.

Analizzando il dentro le ossa lunghe Molte informazioni su questi cicli possono essere raccolte dagli animali.

"Nei fossili si osservano alcuni segni che - in modo simile a quello che vediamo negli anelli dei tronchi degli alberi - ci informano delle fermate nella crescita annuale dell'animale", spiega Guillem Orlandi, ricercatore del Gruppo di Paleobiologia Evoluzionistica dell'Istituto Català de Paleontologia Miquel Crusafont (ICP) e autore principale dello studio.

Il confronto tra i tassi di crescita ossea e le età di maturità relativa dell'iparia ci consente di affermare che il I cavalli balcanici e iberici hanno seguito due diverse strategie ma questo li ha portati parallelamente a una diminuzione delle dimensioni del corpo.

"Da un lato, vediamo che le iparioni nane iberiche sono cresciute più lentamente e sono maturate in seguito, mentre i loro analoghi greci hanno smesso di crescere presto e hanno raggiunto la maturità prima", afferma Meike Köhler, professore di ricerca ICREA e capo del gruppo di ricerca paleobiologica Evolutivo dell'ICP che ha anche partecipato alla ricerca.

“Riteniamo che queste diverse strategie rispondano a diverse situazioni ambientali. Probabilmente sarebbero legati ai diversi habitat e, con essi, alle diverse pressioni selettive, che esistevano in passato su entrambe le sponde del Mediterraneo ”, spiega il ricercatore.

Cavalli nani in diversi habitat

Gli habitat dell'attuale Grecia nel tardo Miocene erano aperti, con poca densità di alberi. In questo ambiente, gli hypariones sarebbero più esposti alla predazione dei carnivori, come iene e denti a sciabola.

Quando una popolazione è soggetta a alta predazione –E, di conseguenza, ad un alto tasso di mortalità negli individui adulti– le perdite di popolazione sono ridotte al minimo con l'avanzare della maturazione sessuale.

Grazie a questo sistema, il tempo tra una generazione e l'altra si accorcia e la popolazione può rimanere stabile nonostante i predatori.

Invece, a quei tempi, la penisola iberica era dominata da ambienti più chiusi e boscosi. In queste circostanze, i piccoli erbivori sono meno inclini agli attacchi dei predatori.

Allo stesso tempo, però, questi ecosistemi tendono ad essere più poveri di cibo per gli equini, situazione che si aggraverebbe in periodi di siccità come quelli dell'area da cui provengono i resti.

In queste condizioni, hyparions avrebbe avuto meno cibo disponibile, un'eventualità che colpisce principalmente la mortalità degli individui giovanili. La strategia ottimale in questo scenario è riprodursi in ritardo, poiché una maturità ritardata porta ad un aumento del tasso di sopravvivenza giovanile come conseguenza di genitori più esperti.

Allo stesso tempo, bassi livelli di risorse provocano una diminuzione dei tassi di crescita (come accade nelle popolazioni umane) e favoriscono una diminuzione delle dimensioni corporee. In questo contesto, gli animali crescono lentamente e per un tempo più lungo, come si è visto nella popolazione di piccoli iparioni iberici.

I risultati dello studio pubblicati in Rapporti scientifici, oltre a fornire nuove informazioni sul complesso storia evolutiva degli equidi, forniscono nuove prove che indicano come cambiamenti simili nelle dimensioni possono essere causati da adattamenti dei cicli di vita a diverse pressioni di selezione.

L'evoluzione dei cavalli

La stirpe dei cavalli è stata un classico esempio di evoluzione nei libri di storia naturale da oltre 100 anni. Alla fine del XIX secolo, alcuni autori americani hanno proposto un'evoluzione lineare che si sarebbe conclusa con la comparsa dei cavalli attuali e che avrebbe attraversato una diminuzione delle dita degli arti e un aumento dell'altezza dei denti e delle dimensioni del corpo.

Questa concezione eccessivamente semplicistica è stata a lungo scartata e l'idea di un complesso albero di lignaggi di cui solo le specie del genere Equus, come cavalli o zebre.

Il ramo dell'iparia, sebbene totalmente estinto, era molto prolifico e ampiamente diversificato per forma e dimensioni, come testimonia la presenza nella penisola iberica di forme di oltre 300 chili e altre di poco più di 30. Lo studio di queste I lignaggi confermano l'idea di un'evoluzione ramificata e complessa degli equidi.

Riferimento bibliografico:

Orlandi-Oliveras, G., Nacarino-Meneses, C., Koufos, G. D., Köhler, M., 2018. «L'istologia ossea fornisce approfondimenti sui meccanismi della storia della vita alla base del nanismo nelle ipparionine». Rapporti scientifici. DOI: 10.1038 / s41598-018-35347-x

Dopo gli studi di Storia all'Università e dopo molte prove precedenti, è nato Red Historia, un progetto che è emerso come mezzo di diffusione dove si possono trovare le notizie più importanti di archeologia, storia e scienze umane, oltre ad articoli di interesse, curiosità e molto altro. Insomma, un punto d'incontro per tutti dove condividere informazioni e continuare ad apprendere.


Video: Suggerimento:Nomi per I Cavalli


Commenti:

  1. Shasho

    Informazioni molto divertenti

  2. Quoc

    Bravo, fantastico))))

  3. Prince

    L'era del buon blog sta volgendo al termine. Presto saranno tutti pieni di commenti di merda. Paura, o piccoli fedeli, perché questo sta arrivando molto presto!

  4. Fresco

    Assolutamente è d'accordo con te. In questo qualcosa è ed è la buona idea. È pronto a supportarti.

  5. Grosida

    Penso che l'argomento sia molto interessante. Chiacchieriamo con te in PM.

  6. Huntley

    Secondo me ti sbagli. Mi offro di discuterne. Scrivimi in PM.



Scrivi un messaggio