Elmo del sultano Qaitbay

Elmo del sultano Qaitbay


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


MameluccaCasco

Le arti applicate prosperarono sotto il Sultanato mamelucco, una dinastia che governava l'Egitto e il Levante, dal Cairo. Questo elmo è il più antico esempio conosciuto di elmo mamelucco e uno dei campioni più raffinati di lavorazione dei metalli mamelucchi di questo periodo.

Una fascia dorata corre circonda l'elmo, con un'iscrizione in calligrafia Thuluth su uno sfondo di arabeschi.

. elencando il nome e il titolo del sultano al-Nasir Muhammad ibn Qalawun, che regnò dal 1293 al 1341.

La protezione del naso potrebbe scivolare verso il basso. Le piume erano originariamente fissate su entrambi i lati e sulla parte superiore dell'elmo.

Vieni a vedere questo oggetto con i tuoi occhi nella nostra collezione Art of the Islamic World.

Art & History Museum utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Scopri di più.


Dove trovare Cittadella di Qaitbay in Egitto?

La cittadella di Alessandria si trova nell'ultimo punto della sezione occidentale della costa di Alessandria, un luogo piuttosto significativo per il costruttore di questo meraviglioso monumento islamico poiché proteggeva la città dalle minacce dei crociati nel XV secolo e in seguito.

La Cittadella di Qaitbay ad Alessandria è stata costruita e costruita utilizzando le rovine dell'antico faro costruito nel 3° secolo d.C. da Tolomeo II. Il faro è stato danneggiato durante il terremoto che si è verificato in Egitto nel 1303 durante il regno del re mamelucco Sultan Qalaun. Questo ci ha fatto perdere il faro che era una delle 7 meraviglie.

La Cittadella di Qaitbay è facile da raggiungere ed è abbastanza consigliato a tutti i turisti che viaggiano per esplorare l'Egitto di visitare la cittadella durante i loro tour ad Alessandria. Molti pacchetti turistici in Egitto oggi includono un tour di una o mezza giornata ad Alessandria. Semplicemente il tuo viaggio dovrebbe includere Kornish Street, la strada principale di Alessandria, portare il mare alla sua destra, guidare fino in fondo senza svoltare o cambiare direzione fino a trovare la cittadella alla fine della strada, direttamente sul Mar Mediterraneo .


Sultan Mohammad Ali

Mohammad Ali è considerato il padre dell'Egitto moderno. Fondò il Khedivato d'Egitto e del Sudan nel 1805, capitalizzando il disordine in Egitto che seguì l'occupazione francese (1798-1801), e i suoi discendenti governarono l'Egitto fino alla Rivoluzione dei Liberi Ufficiali nel 1952. Una volta al potere, Khedive Ali operò indipendentemente da il sultano ottomano, minacciando persino di invadere Istanbul a un certo punto. Sotto il suo governo, l'Egitto ha subito una rapida e drammatica modernizzazione ed espansione economica.

Dopo il ritiro dell'esercito di occupazione francese nel 1801, Mohammed Ali fu inviato in Egitto alla testa di un esercito ottomano per rioccupare la provincia. Riuscì a ottenere il sostegno dell'establishment religioso egiziano e il popolo, che chiese che diventasse Wali (protettore) dell'Egitto nel 1805, tuttavia, non era soddisfatto dell'autorità di governare l'Egitto.

Voleva costruirsi un regno fuori dal declino dell'impero ottomano e prese misure drastiche per modernizzare e rafforzare il suo territorio usando l'Europa come modello. Il suo programma di modernizzazione ebbe un tale successo che alla fine minacciò l'autorità del sultano ottomano, che avrebbe dovuto servire.

In che modo Mohammad Ali ha contribuito alla crescita economica dell'Egitto?

Ali ha nazionalizzato tutte le terre agricole egiziane per finanziare le sue forze armate e ha iniziato a migliorarle con un massiccio programma di costruzione di canali. Con i profitti della nazionalizzazione dell'agricoltura, Ali stabilì una base industriale che sostenne principalmente il suo esercito, producendo armi e navi per un esercito e una marina moderni. Ha anche costruito l'industria tessile egiziana per competere con l'Europa e ha formato una nuova generazione di direttori di fabbrica, lavoratori e burocrati egiziani. Ha anche ampliato notevolmente il sistema educativo egiziano per riempire i ranghi della sua nuova burocrazia.

Mentre Muhammad Ali aveva una reputazione di brutalità e mantenne un'autorità altamente centralizzata sull'Egitto e sulle altre terre che conquistò, il risultato di tutte queste riforme fu un aumento della mobilità sociale, la crescita dell'economia egiziana e l'emergere dell'Egitto come nazione moderna, anche se non ottenne mai la piena indipendenza legale dall'Impero Ottomano che desiderava.

Com'era l'Egitto sotto il governo di Mohammad Ali?

Sotto Khedive Muhammad Ali le terre agricole dell'Egitto furono espanse e nazionalizzate, diventando fattorie fiscali statali per generare entrate per le riforme. Ali ha usato questo reddito per stabilire una base industriale per la produzione di attrezzature per un moderno esercito, marina e tessuti. Ha istituito un progetto per i militari e il lavoro nelle fabbriche statali.

Ha anche inviato spedizioni in Europa per imparare le lingue e riportare nuove tecnologie e strategie organizzative. Il sistema educativo è stato ampliato per produrre burocrati e manager per riempire le posizioni in questa nuova economia e governo. Il risultato fu rivoluzionario in Egitto, facendo crescere rapidamente l'economia e aumentando drammaticamente la mobilità sociale in una società che fino a quel momento era rimasta in gran parte feudale.

Mohammad Ali e l'Egitto moderno:

Oggi, Mohammad Ali è ancora considerato il padre dell'Egitto moderno, anche se la sua eredità è alquanto controversa dato il grande costo che gli egiziani medi hanno pagato per i cambiamenti che ha istituito. Rimane molto popolare agli occhi degli egiziani moderni. L'eredità fisica più significativa di Mohammad Ali visibile oggi è la Moschea di alabastro che domina il Cairo dalle alture della Cittadella, completata come memoriale al figlio defunto di Khedives nel 1848.


Guardia

Attaccato alla parte anteriore del casco è una protezione per il viso. Questo dovrebbe essere un po' più basso di quello che è attualmente, in modo che chi indossa il casco possa guardarlo. Tuttavia, si è fissato in una posizione alta e le linguette in pelle che lo tengono in posizione sono ora troppo fragili per essere regolate.

Realizzata in acciaio azzurrato e finemente decorata con oro, la guardia ha la forma di sei bubris congiunti. Ogni punto della guardia termina con la testa di una tigre, riflettendo il profondo fascino di Tipu per quell'animale, che ha portato gli inglesi a soprannominarlo "la tigre di Mysore".

La decorazione incorpora versi del Sacro Corano scritti in Nastaliq, uno stile calligrafico persiano di corte. Si dice anche che l'elmo sia stato immerso nel pozzo sacro di Zum Zum alla Mecca per rendere invincibile chi lo indossava.​​​​

Un guerriero Mysorean che indossa una protezione per il viso e un elmo simili, 1792

La guardia facciale del turbante da guerra di Tipu Sultan, c1799


Minbar

Un minbar, o pulpito, si trova a destra della nicchia del mihrab nelle principali moschee. Viene utilizzato per i sermoni pronunciati durante la preghiera di mezzogiorno del venerdì, il servizio principale della settimana.

Diverse tecniche di lavorazione del legno sono state utilizzate per decorare la struttura, come qui. I più sorprendenti sono i pannelli assemblati da centinaia di piccoli pezzi di legno accuratamente modellati. Molti, incluso questo, sono incastonati con elementi in avorio intagliato, che mettono in risalto i complessi disegni geometrici.

La decorazione includeva spesso iscrizioni scolpite. Qui includono il nome del sultano Qa'itbay, che governò l'Egitto e la Siria dal 1468 al 1496. Durante questo periodo, si guadagnò una reputazione di devozione. Ha fondato e restaurato molti edifici religiosi e li ha forniti di minbar (pulpiti delle moschee).

  • Jameel Gallery Minbar per Sultan Qa'itbay Egitto, probabilmente Cairo 1468-1496 Un minbar, o pulpito, viene utilizzato per i sermoni pronunciati durante la preghiera di mezzogiorno del venerdì, il servizio principale della settimana. Diverse tecniche di lavorazione del legno sono state utilizzate per decorare la struttura. I più sorprendenti sono i pannelli assemblati da centinaia di piccoli pezzi di legno accuratamente modellati. Elementi in avorio intagliato evidenziano i complessi disegni geometrici. Il sultano Qa'itbay, che governò l'Egitto dal 1468 al 1496, è nominato in molte delle iscrizioni. Cedro con intarsio di avorio e legno, tracce di pittura e doratura Museo n. 1050-1869 (2010)
  • Galleria Jameel Minbar per Sultan Qa'itbay Egitto, probabilmente Cairo 1468-96 Un minbar, o pulpito, è posto a destra della nicchia del mihrab nelle principali moschee. Viene utilizzato per i sermoni pronunciati durante la preghiera di mezzogiorno del venerdì, il servizio principale della settimana. Diverse tecniche di lavorazione del legno sono state utilizzate per decorare la struttura. I più sorprendenti sono i pannelli assemblati da centinaia di piccoli pezzi di legno accuratamente modellati. Molti sono incastonati con elementi in avorio intagliato, che mettono in risalto i complessi disegni geometrici. Il nome del sultano Qa'itbay, che governò l'Egitto e la Siria dal 1468-96, compare in molte delle iscrizioni. Cedro con decorazione unita, intagliata, tornita e traforata, intarsio di placche scolpite in avorio, legno e mosaico in avorio, tracce di pittura e doratura Museo n. 1050-1869 (2006-2009)
  • MIMBAR (pulpito) Legno intarsiato con avorio. Eretto dal sultano Qaitbay nella sua moschea al Cairo. EGIZIANA (MAMLUK) fine del XV secolo. (Utilizzata fino al 11/2003)

Acquistato a Parigi come parte della "Collezione del dottor Meymar", un gruppo di oggetti storici inviati in Francia dal governo egiziano, per essere esposti all'esposizione internazionale del 1867. Nel 1869, a seguito di discussioni in un comitato ristretto parlamentare a Londra, il South Kensington Museum (oggi V&A) è stato autorizzato ad acquistare questa collezione, con fondi del governo britannico.

"Dottor Meymar" era Husayn Fahmi (c.1827-1891), chiamato anche Husayn Pasha al-Mi`mar o al-Mi`mari (traslitterato come "Meymar", che significa architetto), un alto funzionario dell'amministrazione egiziana. Fu (nel 1864) il capo architetto del Majlis al-Tanzim wa'l-Urnatu, un comitato incaricato dei lavori pubblici al Cairo, e successivamente (1882-5) membro del Comite de Conservation des Monuments de l' Arabe d'arte, che ha curato il patrimonio storico del Cairo. Durante la sua carriera, è stato responsabile del salvataggio e della rimozione di arredi storici architettonici e della costruzione di monumenti e strade moderni nella capitale egiziana.

Riferendo alla mostra di Parigi del 1867, Adalbert de Beaumont notò che il "Dr Meymarie" aveva recuperato frammenti di legno decorativo dalla moschea di Ibn Tulun al Cairo, danneggiati durante i lavori di ristrutturazione nell'area del mihrab.

Un minbar, o pulpito, si trova a destra della nicchia del mihrab nelle principali moschee. Viene utilizzato per i sermoni pronunciati durante la preghiera di mezzogiorno del venerdì, il servizio principale della settimana.

Diverse tecniche di lavorazione del legno sono state utilizzate per decorare la struttura, come qui. I più sorprendenti sono i pannelli assemblati da centinaia di piccoli pezzi di legno accuratamente modellati. Molti, incluso questo, sono incastonati con elementi in avorio intagliato, che mettono in risalto i complessi disegni geometrici.

La decorazione includeva spesso iscrizioni scolpite. Qui includono il nome del sultano Qa'itbay, che governò l'Egitto e la Siria dal 1468 al 1496. Durante questo periodo, si guadagnò una reputazione di devozione. Ha fondato e restaurato molti edifici religiosi e li ha forniti di minbar (pulpiti delle moschee).


Storia

Sul promontorio proteso nel Mediterraneo si erge il Forte del Sultano Qaitbay. L'attuale forte fu costruito nel 1480 e ampliato dai successivi sovrani, tra cui Mohammad Ali.


vista della torre principale di qaitbay

All'interno del forte, che era chiuso il giorno della nostra visita, ci sono diversi piani di cimeli napoleonici e britannici e un museo navale. Il forte è un enorme castello, a cui si accede da una lunga strada rialzata lungo la spiaggia che finisce tra le torri principali, l'originario ingresso al forte. L'ingresso moderno, ad est, non è così evidente. Ci sono colonne di granito e marmo costruite nella facciata delle mura, provenienti da altri templi ed edifici di Alessandria.


avvicinandosi all'ingresso originario del forte

Mentre il forte è interessante, è il posto questo è importante: Qaitbay si trova sulle fondamenta del faro di Pharos, una delle meraviglie del mondo antico. Questo enorme faro - alto da 125 a 150 metri - era una meraviglia dell'architettura quando fu costruito. Si dice che Alessandro Magno l'abbia progettato, e il faro stesso fu costruito durante il regno di Tolomeo II.


camminando lungo il porto fino al forte

La prima sezione, che era quadrata, conteneva presumibilmente 300 stanze e macchinari idraulici per aumentare il carburante al secondo piano ottagonale. Il terzo piano era rotondo e ospitava la lanterna, la cui luce era visibile a circa 56 km di distanza. È possibile che ci fosse una lente nel faro uno specchio è citato più di una volta nei documenti che lo descrivono.


Storia della costruzione della moschea del Profeta

  • 1/3
  • 2/3
  • 3/3

Oggi è la seconda moschea più grande del mondo, coprendo un'area tentacolare, ma non è sempre stato così. Iniziò come un'umile moschea all'aperto che era adiacente agli alloggi del Profeta (P.B.U.H.)

Negli ultimi 1400 anni la moschea ha visto molti progetti di espansione realizzati da diversi governanti. I progetti di espansione continuano fino ad oggi, ecco una breve storia della costruzione del 2° sito più sacro dell'Islam.

La moschea fu costruita dal Profeta Muhammad (P.B.U.H.) nel 622 d.C. dopo il suo arrivo (P.B.U.H.) nella città di Medina. La terra della moschea era di proprietà di Sahal e Suhayl. Una parte era utilizzata per l'essiccazione dei datteri e un'altra parte era un cimitero.

Al Profeta (P.B.U.H.) fu offerta la terra in dono, ma lui (P.B.U.H.) la acquistò dai proprietari e iniziò la costruzione. Lo stesso Profeta (P.B.U.H.) prese parte alla costruzione che durò per circa 7 mesi.

La dimensione in quel momento misurava 30,5 metri × 35,62 metri e serviva in gran parte come moschea a cielo aperto. C'erano 3 ingressi alla moschea, questi erano chiamati Bab Al Rahma, Bab Al Jibril e Bab Al Nisa. Adiacente alla moschea c'erano gli alloggi del Profeta (P.B.U.H.).

Dopo la battaglia di Khaybar nel 628 d.C., la moschea fu ulteriormente ampliata e si estendeva per una lunghezza di oltre 47 metri su ciascun lato.

Rimase in gran parte inalterato durante la restante parte della vita del Profeta e durante il regno del primo Califfo, Abu Bakr (R.A). Tuttavia, durante il regno del secondo califfo Umar (R.A.), le case vicine alla moschea furono abolite per aprire la strada a un'ulteriore espansione. Le case delle mogli del Profeta nel frattempo rimasero intatte.

Fu durante il regno del califfo Uthman (R.A.) che la moschea subì grandi cambiamenti. La moschea fu demolita e la moschea fu ricostruita in una forma rettangolare di fronte alla Mecca. I muri erano in pietra posata a malta e le colonne in pietra erano unite da grappe di ferro.

Quindi, nel 707 d.C., il califfo Al Walid del califfato omayyade intraprese importanti programmi di ristrutturazione della moschea. La dimensione della moschea è stata aumentata da 5094 metri quadrati a 8672 metri quadrati. Alcune delle principali aggiunte che questo sforzo di ristrutturazione ha visto sono state la costruzione di un muro che segregava gli alloggi delle mogli del Profeta e la moschea spostata su una pianta trapezoidale, rispetto a quella rettangolare che aveva in precedenza. Una cosa interessante di questo periodo è che per la prima volta nella moschea furono installati minareti. Erano quattro.

Per più di 1000 anni che seguirono i lavori di ristrutturazione del califfo Al Walid, la moschea non si espanse di dimensioni. Sono state apportate alcune modifiche, ma ciò non ha alterato di molto le dimensioni della moschea. Le aggiunte durante questo periodo includevano la costruzione di una cupola di legno nel 1279 d.C. sopra la tomba del Profeta (P.B.U.H.) durante il regno del sultano mamelucco Al Mansur Qalawun.

Importanti lavori di ristrutturazione avvennero sotto il patrocinio del sultano Qaitbay, nel 1481 dopo che gran parte della moschea fu abbattuta da un fulmine.

La cupola fu finalmente dipinta di verde nel 1837 e nel corso della sua storia portò vari colori tra cui il bianco e il blu/viola.

Gli Ottomani che seguirono i Mamelucchi continuarono con piccoli cambiamenti qua e là, fino a quando nel 1849 il sultano Abdul Majid I aumentò le dimensioni della moschea di 1293 metri quadrati, rendendola una delle più grandi espansioni della moschea nei secoli. Diverse cupole più piccole sono state installate nelle sale di preghiera e il muro di fronte alla Kaaba è stato decorato con calligrafia. Fu installato un quinto minareto e i pavimenti della sala di preghiera e del cortile furono pavimentati con pietra rossa e marmo.

Dopo la formazione dell'Arabia Saudita, furono apportate importanti modifiche alla moschea. Le demolizioni sono state effettuate intorno alla moschea per far posto all'ampliamento delle sale di preghiera e del cortile. Le aree più recenti portavano colonne di cemento con archi a sesto acuto tra di loro. Anche le vecchie colonne sono state rinforzate con cemento. Due minareti sono stati sostituiti con due nuovi. I nuovi aderirono agli stili architettonici mamelucchi. Fu anche costruita una biblioteca che ospitava molti libri religiosi.

Nel 1973 il re saudita Faisal bin Abdul Aziz ordinò la costruzione di rifugi temporanei a ovest della moschea per accogliere il crescente numero di fedeli. Poi, nel 1981, la vecchia moschea fu circondata da nuove aree di preghiera su questi lati, ingrandendo di cinque volte le sue dimensioni, rendendo questa la più grande espansione di sempre nella storia della moschea.

Oggi il recinto della moschea è cento volte più grande della prima moschea costruita dal Profeta e può ospitare più di mezzo milione di fedeli.

L'anno scorso, il re Salman ha approvato una versione rivista di un progetto di espansione per la Moschea del Profeta che vedrà le sue dimensioni crescere per accogliere il crescente numero di fedeli che visitano la moschea.


Elmo del sultano Qaitbay - Storia

– Una sorgente è una pozza d'acqua collegata a una serie di rubinetti, costruiti durante il dominio dei musulmani sulla città di Gerusalemme e sulla moschea di Al-Aqsa, in particolare durante le ere mamelucca e ayyubide.
– Nella moschea di Al-Aqsa, ci sono quasi 16 molle la più famosa è: le sorgenti AlKaas e Qaitbay.
– Alcuni di loro sono esposti e possono immagazzinare l'acqua piovana. Alcune sorgenti sono usate per bere e per le abluzioni, e molte di esse sono state rinnovate dall'Impero Ottomano e recentemente dai Comitati di Ricostruzione.

Bab Al-Rahma Primavera

Luogo di riferimento
Lato occidentale di Bab Al-Rahma, di fronte alle scale delle scuole di Al-Ahmadia nel lato orientale della moschea di Al-Aqsa.

Relativo alla Cupola della roccia: Il lato sud occidentale della cupola della roccia (Qubbat AL-Sakhra).

Storia del punto di riferimento:
In settembre 1416 AH 1995 ANNO DOMINI.

Motivo del nome:
Rispetto alla sua posizione.

Nome costruttore:
Comitato per il patrimonio islamico.

Una panoramica del punto di riferimento:
Il motivo del suo nome è dovuto alla sua posizione, che si trova nel lato occidentale di Bab Al-Rahma e Al-Tawba di fronte alle scale delle scuole di Al-Ahmadia nel lato orientale della moschea di AL-Aqsa, il lato sud occidentale della cupola della roccia ( Qubbat Al-Sakhra ), costruita dal Comitato del Patrimonio Islamico, a settembre 1416 AH 1995 dC

Bab Al-Asbat minareto primavera

Luogo di riferimento:
A est del minareto di Bab Al-asbat, a nord della moschea di Al-Aqsa.

Luogo di riferimento relativo alla Cupola della roccia:
A est del minareto di Bab Al-asbat, a nord della moschea di Al-Aqsa.

Dettagli della forma:
4 rubinetti basato su un quadro mistico.

Una panoramica del punto di riferimento:
Si trova nella parte orientale del minareto di Bab AL-Asbat, a nord della moschea di Al-Aqsa e a nord-ovest della roccia sacra, ha 4 rubinetti che si basa su un quadro mistico.

Bab Hatta primavera

Luogo di riferimento:
Si trova sul lato sinistro della scala che porta al bagno di Bab Hatta. Il nord della moschea di Al-Aqsa.

Luogo di riferimento relativo alla Cupola della roccia:
Il nord di Qubbat Al-Sakhra (cupola della roccia).

Storia del punto di riferimento:
L'era ottomana.

Motivo del nome: Per la sua presenza nel lato orientale del muro di Bab Hatta.

Nome del costruttore:
Gli Ottomani, è stato restaurato dalla Fondazione Al Aqsa per la Ricostruzione dei Luoghi Santi

Dettagli della forma:
Una semplice molla di fare una collana affusolata che copre il bacino della sorgente e sopra l'arco è la decorazione dei Persiani, che caratterizzano gli edifici ottomani.

Ulteriori informazioni sul punto di riferimento:
-Ali Jarallah, figlio del Mufti di Gerusalemme, fermò la primavera in 1060 AH / 1650 dC, dove ci sono molte proprietà appartenenti alla famiglia di Jarallah tra le porte di Hatta e l'onore dei profeti.

-È stato rinnovato dalla Fondazione Al-Aqsa per la Ricostruzione dei Luoghi Santi Islamici durante la costruzione della vicina unità di latrina e successivamente è stato abolito.

Una panoramica del punto di riferimento:
Per la sua presenza nel lato orientale del muro di Bab Hatta fu chiamata sorgente di Bab Hatta. Si trova sul lato sinistro della scala che porta al bagno di Bab Hatta.

- Il nord della moschea di Al-Aqsa. È stato costruito nell'era ottomana, è stato restaurato dalla Fondazione Al Aqsa per la ricostruzione dei luoghi santi. È stato rinnovato dalla Fondazione Al-Aqsa per la ricostruzione dei luoghi santi islamici durante la costruzione della vicina latrina e successivamente è stato abolito.

- Una semplice molla di fare una collana affusolata che copre il bacino della sorgente e sopra l'arco è la decorazione dei Persiani, che caratterizzano gli edifici ottomani.
- Ali Jarallah, figlio del Mufti di Gerusalemme, fermò la primavera in 1060 AH / 1650 dC, dove ci sono molte proprietà appartenenti alla famiglia di Jarallah tra le porte di Hatta e l'onore dei profeti.

Primavera di Sulieman Al-Qanouni

Luogo di riferimento:
Di 20 metri da Bab Faisal vicino alla Cupola degli amanti del Profeta&rdquoQubbat Oshaq Al-Nabi&rdquo , sul lato settentrionale della Moschea di Al-Aqsa.

Posizione del punto di riferimento rispetto alla Cupola della roccia:
A nord-ovest la Cupola della Roccia.

Storia del punto di riferimento:
Il periodo ottomano.

Motivo del nome:
Relativo a Sulieman Al-Qanouni che ordinò la costruzione della sorgente.

Nome del costruttore:
Sulieman Al Qanouni.

Dettagli della forma:
-La facciata della sorgente e la sua decorazione è simile alla porta della sorgente a catena &ldquo Bab Al-Silsila &ldquo e ad altre sorgenti del Sultano Suleiman, sparse nella città antica e intorno ad essa.

-Al centro della sorgente e sopra il bacino c'è una targa che incide i titoli del sultano Suleiman Al-Qanouni che ordinò la costruzione della sorgente. C'è una piccola lastra di marmo sopra il dipinto precedente con due linee in lingua ottomana e in lettere molto piccole e l'iscrizione viene utilizzata per ricostruire questa primavera più tardi.

Ulteriori informazioni sul punto di riferimento:
-C'è una terrazza direttamente dietro la sorgente, così che la facciata posteriore del viale è un mihrab &rdquo nicchia&rdquo di questo mausoleo e sopra il mihrab &ldquoniche &rdquo c'è un dipinto di rinnovamento di esso, per ordine del sultano Suleiman Al-Qanouni.

-La sorgente veniva fornita attraverso il canale che trasportava l'acqua dallo stagno di Sulieman a Gerusalemme. Ma la molla è disabilitata ora.

&ndashIn 1418 AH / 1997 dC. Attorno alla sorgente di Solimano fu costruito un luogo di abluzione, costituito da 34 rubinetto con panchine in pietra.

Una panoramica del punto di riferimento:
Relativo a Sulieman Al-Qanouni che ordinò la costruzione della sorgente. Di 20 metri da Bab Faisal vicino alla Cupola degli amanti del Profeta&rdquoQubbat Oshaq Al-Nabi&rdquo , sul lato settentrionale della Moschea di Al-Aqsa.

- A Nord Ovest la Cupola della Roccia. La facciata della sorgente e la sua decorazione è simile alla porta della sorgente a catena &ldquo Bab Al-Silsila &ldquo e ad altre sorgenti del Sultano Suleiman, sparse nella città antica e intorno ad essa.

- Al centro della sorgente e sopra il bacino c'è una targa che incide i titoli del sultano Suleiman Al-Qanouni che ordinò la costruzione della sorgente. C'è una piccola lastra di marmo sopra il dipinto precedente con due linee in lingua ottomana e in lettere molto piccole e l'iscrizione viene utilizzata per ricostruire questa primavera più tardi. C'è una terrazza direttamente dietro la sorgente, così che la facciata posteriore del viale è un mihrab &rdquo nicchia&rdquo di questo mausoleo e sopra il mihrab &ldquoniche &rdquo c'è un dipinto di rinnovamento di esso, per ordine del sultano Suleiman Al-Qanouni.

- La sorgente veniva alimentata attraverso il canale che trasportava l'acqua dallo stagno di Sulieman a Gerusalemme. Ma la primavera è disabilitata ora.
In 1418 AH / 1997 dC. Attorno alla sorgente di Solimano fu costruito un luogo di abluzione, costituito da 34 rubinetto con panchine in pietra.

Al-basiri (Ibrahim Al-roumi) primavera

Luogo di riferimento:
A est di Bab Al-Nathir, a ovest della moschea di Al-Aqsa.

Luogo di riferimento relativo alla Cupola della roccia: A sud-est di Qubbat Al-Sakhra &ldquo cupola della roccia&rdquo

Storia del punto di riferimento:
È stato riparato in 839 AH 1435 dC.

Motivo del nome:
Relativo ad Alaa Al-Din AL-Basiri, che la costruì, e il nome della sorgente è attribuito a Ibrahim Al-Roumi che la riparò.

Dettagli della forma:
-È un edificio di forma quadrata con una lunghezza di tre metri e mezzo. Ogni lato ha una grande finestra con sopra una ringhiera in ferro. La finestra orientale è utilizzata come ingresso alla sorgente. sale due passi e c'è un'apertura per il pozzo nel mezzo della primavera.
-Sembra che lo stile dell'edificio della sorgente dove la decorazione dei denti persiani, sul bordo superiore, dal basso (basso e senza collo) che non assomigliano alle cupole mamelucche, sia stato ricostruito in epoca ottomana .
- È interessante notare che nell'iscrizione è stato affermato: che il costruttore Haj Ibrahim Al-Roumi voleva far bere i poveri dal pozzo, e non è permesso a chiunque voglia riempire la sua bottiglia (allo scopo di vendere acqua) usare il pozzo.

Una panoramica del punto di riferimento:
Relativo ad Alaa Al-Din AL-Basiri, che la costruì, e il nome della sorgente è attribuito a Ibrahim Al-Roumi che la riparò. A est di Bab Al-Nathir, a ovest della moschea di Al-Aqsa. A sud-est di Qubbat Al-Sakhra &ldquo cupola della roccia&rdquo Fu costruito da Alaa AL-Din Al-basiri e riparato da Ibrahim AL-roumi. È stato riparato in 839 AH 1435 dC. È un edificio di forma quadrata con una lunghezza di tre metri e mezzo. Ogni lato ha una grande finestra con sopra una ringhiera in ferro. La finestra orientale è utilizzata come ingresso alla sorgente. sale due passi e c'è un'apertura per il pozzo nel mezzo della primavera.

Sembra che lo stile dell'edificio della sorgente, dove la decorazione dei denti persiani, sul bordo superiore, dal basso (basso e senza collo) che non assomigliano alle cupole mamelucche, sia stato ricostruito in epoca ottomana.
È interessante notare che nell'iscrizione è stato affermato: che il costruttore Haj Ibrahim Al-Roumi voleva far bere i poveri dal pozzo, e non è permesso a chi vuole riempire la sua bottiglia (per vendere acqua) di usa il pozzo.

Al-Shaikh Al-Bderi ( Mustafa Agha ) Primavera

Luogo di riferimento:
La sorgente si trova a circa 20 metri a sud-est di Bab al-Nazer, a ovest della moschea di Al-Aqsa.

Luogo di riferimento relativo alla Cupola della roccia:
Cupola sud-ovest della roccia.

Storia del punto di riferimento:
1153 AH 1740 d.C.

Motivo del nome:
Rispetto al suo costruttore Mustafa Agha, e Al-Bderi, perché Al-Shaikh Mohammed Bdeir l'ha costruito più tardi, o forse solo perché la sorgente si trova di fronte alla casa di Al-Shaikh Bder e al suo mausoleo.

Nome del costruttore:
Mustafa Agha con un ordine del governatore &ldquo Osman Bey Al-Faqari&rdquo.

Dettagli della forma:
-È la costruzione della scatola di base con un metro e mezzo di lunghezza e un'altezza di 4 metri.
-La sorgente è unita da un balcone con lo stesso nome. Ci sono due scale per la persona che vuole salire al bacino dove era solito prendere l'acqua attraverso l'abbeveratoio. Portava l'acqua alla sorgente per 24 pani di pane.
-Sopra la base ci sono quattro corte colonne di marmo decorato, e la facciata anteriore settentrionale, occidentale e meridionale è aperta e ciascuna ha una ringhiera di ferro con un foro per riempire la tazza dal bacino.
-La quarta zona è quella est è un muro in pietra, sul tetto della sorgente una cupola in pietra, e nella parete est chiusa ad un'altezza di circa due metri sopra la mastaba, un 62 * 40 cm pannello con sette righe di poesia in un testo mano&ldquo Naskh&rdquo in lettere minuscole e attraverso il testo descrizione poetica della sorgente, che la sua acqua guarisce l'eco.

Ulteriori informazioni sul punto di riferimento:
-La molla è disabilitata ora.

Circa il punto di riferimento:
- Relativo al suo costruttore Mustafa Agha, e Al-Bderi, perché Al-Shaikh Mohammed Bdeir l'ha costruito più tardi, o forse solo perché la sorgente si trova di fronte alla casa di Al-Shaikh Bder e al suo mausoleo. La sorgente si trova a circa 20 metri a sud-est di Bab al-Nazer, a ovest della moschea di Al-Aqsa. Mustafa Agha con un ordine del governatore &ldquo Osman Bey Al-Faqari&rdquo 1153 AH 1740 dC . È la costruzione della scatola di base con un metro e mezzo di lunghezza e un'altezza di 4 metri.
- La sorgente è unita da un balcone con lo stesso nome. Ci sono due scale per la persona che vuole salire al bacino dove era solito prendere l'acqua attraverso l'abbeveratoio. Portava l'acqua alla sorgente per 24 pani di pane. Sopra la base ci sono quattro corte colonne di marmo decorato. E le facciate anteriori nord, ovest e sud sono aperte e ciascuna ha una ringhiera in ferro con un foro per riempire la tazza dal bacino. La quarta zona è quella di levante è un muro di pietra, sul tetto della sorgente una cupola di pietra, e nella parete di levante chiusa ad un'altezza di circa due metri sopra la mastaba, un 62 * 40 cm pannello con sette versi di poesia in un testo a mano&ldquo Naskh&rdquo in lettere minuscole e attraverso il testo descrizione poetica della sorgente, che la sua acqua guarisce l'eco.

Primavera Shalaan

Luogo di riferimento:
Sotto la scala dei pilastri nord-occidentali che conducono alla Cupola della Roccia, dalla porta dell'osservatore a ovest della Moschea di Al Aqsa.

Luogo di riferimento relativo alla Cupola della roccia:
Il western della Cupola della Roccia.

Storia del punto di riferimento:
Nel periodo ayyubide (613 Egiri 1216 d.C.) e fu rinnovato nel periodo mamelucco (832 AH / 1429) e poi l'ottomano.

Motivo del nome:
In relazione alla famiglia di Shaalan, i cui figli hanno preso l'incarico di annaffiare in questa primavera, e Ibrahim Bin Shalaan era uno di loro.

Nome del costruttore:
La sorgente è stata fondata da Muhammad ibn Erwa al-Musli in 613 AH 1216 dC al tempo del re Issa al-Ayyubi.
E poi rinnovato nell'era mamelucca al tempo di Ashraf Barbesai in 832 AH / 1429 dal capo della moschea Al-Aqsa Shaheen Al-Shuja'i. Fu ristrutturato nel periodo ottomano da Pirm Pasha, governatore dell'Egitto sotto la supervisione del governatore di Gerusalemme, Mohammed Basha.

Dettagli della forma:
-Sull'interfaccia della strada ci sono tre dipinti della prima iscrizione da sinistra, che indica la costruzione ayyubide e il pannello di destra alla ristrutturazione ottomana.
-La molla è stata fornita dal pozzo Erwa sotto la porta. Il pozzo si trova all'interno di una sala di registrazione, un piccolo ambiente sormontato da una bella cupola in pietra.

Ulteriori informazioni sul punto di riferimento:
- La presenza di tre incisioni mostra la grandezza di questa sorgente e la sua importanza e si trova davanti alla porta dell'osservatore una delle porte principali della Moschea di Al-Aqsa dove ha sede il Custode delle Due Sacre Moschee.
-È interessante notare che la sorgente non è stata nominata da persone in nome dei re e dei principi che vissero, ma era in nome della famiglia Shaalan, i cui figli presero il compito di annaffiare in questa sorgente, Ibrahim bin Shaalan. Tuttavia, la primavera è stata fino all'ultima era dell'occupazione britannica, ma oggi è disabilitata.

Una panoramica del punto di riferimento:
- Sotto la scala dei pilastri nord-occidentali che conducono alla Cupola della Roccia, dalla porta dell'osservatore a ovest della Moschea di Al Aqsa.

- La sorgente è stata fondata da Muhammad ibn Erwa al-Musli in 613 AH 1216 dC al tempo del re Issa al-Ayyubi. E poi rinnovato nell'era mamelucca al tempo di Ashraf Barbesai in 832 AH / 1429 dal capo della moschea di Al-Aqsa Shaheen Al-Shuja&rsquoi. Fu ristrutturato nel periodo ottomano da Pirm Pasha, governatore dell'Egitto sotto la supervisione del governatore di Gerusalemme, Mohammed Basha.
Nel periodo ayyubide (613 Egira 1216 d.C) ed è stata rinnovata in epoca mamelucca (832 AH / 1429) e poi l'ottomano. Sull'interfaccia della strada sono tre dipinti della prima iscrizione da sinistra, che indica la costruzione ayyubide e il pannello di destra al rinnovamento ottomano.

- La molla è stata fornita dal pozzo Erwa sotto la porta. Il pozzo si trova all'interno di una sala di registrazione, un piccolo ambiente sormontato da una bella cupola in pietra.
La presenza di tre incisioni mostra la grandezza di questa sorgente e la sua importanza e si trova davanti alla porta dell'osservatore una delle porte principali della Moschea di Al-Aqsa dove ha sede il Custode delle Due Sacre Moschee.
È interessante notare che la sorgente non è stata nominata da persone in nome dei re e dei principi che vivevano, ma era in nome della famiglia Shaalan, i cui figli hanno assunto il compito di annaffiare in questa sorgente, Ibrahim bin Shaalan. Tuttavia, la primavera è stata fino all'ultima era dell'occupazione britannica, ma oggi è disabilitata.

Qayt Bay primavera

Luogo di riferimento:
Di fronte a Bab Al-Mtahra vicino alla strada che porta alla scalinata occidentale per il
musica rock.Posizione del punto di riferimento rispetto alla Cupola della roccia:
Nella parte occidentale di Qubbat Al-Sakhra, cupola della roccia.

Storia del punto di riferimento:
Nel periodo mamelucco in AH 859 / 1455 d.C, l'edificio è stato ricostruito nel 887 AH / 1482 dC. L'edificio è stato rinnovato nel 1300 AH / 1882 dC

Motivo del nome:
In relazione al sultano mamelucco, Ashraf Qaitbay, che ordinò la ricostruzione della sorgente.

Nome del costruttore: Il sultano mamelucco, Inal Sabila, fu ricostruito dal sultano mamelucco Al-Ashraf Qaitbay. Poi la nuova primavera nell'era del sultano ottomano Abdul Hamid II.

Dettagli della forma:
-Alto e bello, altezza di 13 metri e la larghezza del quadrato di base 4,5 metri ha aperto tre grandi finestre per fornire acqua man mano che sale a gradi e sul lato ovest si trova la porta della sorgente.
-Era usato nella costruzione di pietre colorate in quello che è noto come Al-Mashhar o Al-Ablaq. Ha una bella cupola in pietra decorata con motivi floreali dall'esterno. È l'unico nella moschea di Al-Aqsa, che è decorato dall'esterno.
-Una delle sue caratteristiche estetiche è il fatto che non si è spostato dal quadrato alla cupola direttamente in contrasto con le cupole ottomane poco profonde, dalla forma quadrata ai triangoli.

Ulteriori informazioni sul punto di riferimento:
-Sulla sorgente c'è una grande terrazza con una nicchia in pietra risalente al periodo mamelucco.
-Sotto la sorgente c'è un grande pozzo ben irrigato che si estende alla galleria occidentale di Al-Aqsa lunghezza di 28 metri e larghezza 6 metri e profondità di 11 metri e mezzo.
-C'è un libro squisito che racconta i sultani che vivono la via e spiega lo scopo di costruire la sorgente e un versetto del Santo Corano.
-In 140 AH / 1981 dC. Sono stati trovati scavi sionisti che si estendevano da ovest a est sotto Bab Al-mtahar e portati al pozzo per una lunghezza di oltre 25 metri all'interno dei cortili della Moschea di Al-Aqsa e non separati solo a pochi metri dalla Cupola della Roccia nella Moschea di Al-Aqsa e passano ancora attraverso due serie di rubinetti nelle sue regioni meridionali e settentrionali.

Una panoramica del punto di riferimento:
È di fronte a Bab Al-Mtahra vicino alla strada che porta alla scala occidentale alla roccia. Nella parte occidentale di Qubbat Al-Sakhra, cupola della roccia. Il sultano mamelucco, Inal Sabila, fu ricostruito dal sultano mamelucco Al-Ashraf Qaitbay. Poi la nuova primavera nell'era del sultano ottomano Abdul Hamid II. Nel periodo mamelucco in AH 859 / 1455 d.C, l'edificio è stato ricostruito nel 887 AH / 1482 dC. L'edificio è stato rinnovato nel 1300 AH / 1882 dC
Alta e bella, altezza di 13 metri e la larghezza del quadrato di base 4,5 metri ha aperto tre grandi finestre per fornire acqua man mano che sale a gradi e sul lato ovest si trova la porta della sorgente.
È stato utilizzato nella costruzione di pietre colorate in quello che è noto come Al-Mashhar o Al-Ablaq. Ha una bella cupola in pietra decorata con motivi floreali dall'esterno. È l'unico nella moschea di Al-Aqsa, che è decorato dall'esterno. Una delle sue caratteristiche estetiche è il fatto che non si è spostato dal quadrato alla cupola direttamente in contrasto con le cupole ottomane poco profonde, dalla forma quadrata ai triangoli. Sulla sorgente c'è una grande terrazza con una nicchia in pietra risalente al periodo mamelucco. Sotto la sorgente c'è un grande pozzo ben irrigato che si estende fino alla galleria occidentale di Al-Aqsa lunghezza 28 metri e larghezza 6 metri e profondità di 11 metri e mezzo metri. C'è un libro squisito che racconta i sultani che vivono la via e spiega lo scopo di costruire la sorgente e un versetto del Santo Corano. In 140 AH / 1981 dC. Sono stati trovati scavi sionisti che si estendevano da ovest a est sotto Bab Al-mtahar e portati al pozzo per una lunghezza di oltre 25 metri all'interno dei cortili della Moschea di Al-Aqsa e non separati solo a pochi metri dalla Cupola della Roccia nella Moschea di Al-Aqsa e attraversano ancora due set di rubinetti Nelle sue regioni meridionali e settentrionali.

Primavera di Qasem Basha Primavera di Bab Al-Mahkmeh

Luogo di riferimento:
A est della scuola di Al-Ashrafieh ea sud del pind di Narang nel lato occidentale della moschea di Al-Aqsa.

Posizione del punto di riferimento rispetto alla Cupola della roccia:
Southwest Qubbat Al-Sakhra &ldquo Cupola della Roccia&rdquo.

Storia del punto di riferimento:
933 AH 1527 dC
. In epoca ottomana.

Motivo del nome:
Ristrutturato e ricostruito dal governatore di Gerusalemme Qasim Basha.

Nome del costruttore:
Ristrutturato e ricostruito dal governatore di Gerusalemme Qasim Basha, durante il regno del sultano Suleiman Al-Qanouni.

Dettagli della forma:
-La molla è ottagonale, sormontata da una cupola a forma di elmo. Consiste di sedici rubinetti, che cadono su 1,43 metri dalla moschea, così che l'acqua del canale proveniente da sotto Bab Al-Silsila, scorre nel suo serbatoio e scende ai rubinetti della sorgente per quattro gradi dai suoi otto lati.
- Il legno ricoperto di piombo impedisce alla luce solare di raggiungere le persone durante le piogge estive e invernali.
-È probabile che la sorgente sia stata costruita nel sito di Fesqiyah, fondato dal sultano mamelucco Qaitbay, a sud della sorgente a terrazza di Qaitbay, come menzionato da Mujair Al-Din.

Ulteriori informazioni sul punto di riferimento:
-Ciò è stato confermato da Muhammad ibn Khudr al-Roumi datato 982 AH / 1574 d.C, che visse all'inizio dell'era ottomana dicendo: Ci sono anche due sorgenti verso la scuola Al-Ashrafiyya, che è attribuita al defunto Sultan Qaitbay, una è per Al-Hanafyah e l'altra è per Al-Shafeyah.
-Comprendiamo dal punto di vista di Al-Rumi che la sorgente di Qaitbay era il wudoo &lsquoof Al-Shafi&rsquoiyah (la dottrina statale mamelucca). La primavera di Al-Fesqiyah Qasem basha più tardi, fu il wudoo di Al-Hanafyah (la dottrina dello stato ottomano).
-Fornire la sorgente attraverso il canale della sorgente dagli stagni di Sulieman fino al periodo del mandato britannico, per poi essere rifornita di acqua dai tubi di scarico.
-La molla è stata riparata in 1418H (1997 dC).

Una panoramica del punto di riferimento:
Relativo alla rinnovata e ricostruita Qasim Basha, ed è chiamata sorgente Bab Al-Makhmeh rispetto alla sorgente Bab Al-Silsila che si trova vicino ad essa. Si trova a est della scuola di Al-Ashrafieh e a sud del pind di Narang nel lato occidentale della moschea di Al-Aqsa e a sud-ovest di Qubbat Al-Sakhra &ldquo Dome of the Rock&rdquo. È stato rinnovato e ricostruito dal governatore di Gerusalemme Qasim Basha, durante il regno del sultano Suleiman Al-Qanouni, in 933 AH 1527 dC. In epoca ottomana. La molla è ottagonale, sormontata da una cupola a forma di elmo. Consiste di sedici rubinetti, che cadono su 1,43 metri dalla moschea, così che l'acqua del canale proveniente da sotto Bab Al-Silsila, scorre nel suo serbatoio e scende ai rubinetti della sorgente per quattro gradi dai suoi otto lati. Il legno ricoperto di piombo impedisce alla luce solare di raggiungere le persone durante le piogge estive e invernali.
È probabile che la sorgente sia stata costruita nel sito di Fesqiyah, fondato dal sultano mamelucco Qaitbay, a sud della sorgente a terrazza di Qaitbay, come menzionato da Mujair Al-Din. Ciò è stato confermato da Muhammad ibn Khudr al-Roumi datato 982 AH / 1574 d.C, che visse all'inizio dell'era ottomana dicendo: Ci sono anche due sorgenti verso la scuola Al-Ashrafiyya, che è attribuita al defunto Sultan Qaitbay, una è per Al-Hanafyah e l'altra è per Al-Shafeyah.
Comprendiamo dal punto di vista di Al-Rumi che la sorgente di Qaitbay era il wudoo &lsquoof Al-Shafi&rsquoiyah (la dottrina statale mamelucca). La primavera di Al-Fesqiyah Qasem basha più tardi, fu il wudoo di Al-Hanafyah (la dottrina dello stato ottomano).
Fornire la sorgente attraverso il canale della sorgente dagli stagni di Sulieman fino al periodo del mandato britannico, per poi essere rifornita di acqua dai tubi di scarico. La molla è stata riparata in 1418H (1997 dC).

Bab Al-Mgharba primavera

Luogo di riferimento:
L'est di Bab Al-Mgharba, il nord della moschea di Al-Mgharba, nel lato occidentale della moschea di AL-Aqsa.

Posizione del punto di riferimento rispetto alla Cupola della roccia:
Il lato sud-ovest della Cupola della Roccia.

Storia del punto di riferimento:
L'inizio dell'era ottomana.

Motivo del nome:
A causa della sua posizione, a est di Bab Al-Mgharaba.

Nome del costruttore: Gli ottomani

Dettagli della forma:
La molla consiste nella costruzione di un quadrato di circa 3.5 m spalancata in ciascuno dei suoi lati occidentale e meridionale e la finestra settentrionale per l'irrigazione, mentre la parte orientale della porta per salire una scalinata. Il pozzo si trova al centro della sorgente ed è sormontato da una cupola ottomana poco profonda. Ed è simile alla primavera di Ibrahim al-Roumi.

Una panoramica del punto di riferimento:
È stato chiamato per la sua posizione, l'est di Bab Al-Mgharaba. Fu costruito all'inizio dell'era ottomana.
L'est di Bab Al-Mgharba, il nord della moschea di Al-Mgharba, nel lato occidentale della moschea di AL-Aqsa. Il lato sud-ovest della Cupola della Roccia. La molla consiste nella costruzione di un quadrato di lunghezza di circa 3,5 m spalancata in ciascuno dei suoi lati occidentale e meridionale e la finestra settentrionale per l'irrigazione, mentre la parte orientale della porta per salire una scalinata. Il pozzo si trova al centro della sorgente ed è sormontato da una cupola ottomana poco profonda. Ed è simile alla primavera di Ibrahim al-Roumi.

Sorgente doppia terrazza

Luogo di riferimento:
Nella parte meridionale di Al-Aqsa tra le due terrazze.

Posizione del punto di riferimento rispetto alla Cupola della roccia:
A sud-ovest di Qubbat Al-Sakhra, &ldquodome of the rock&rdquo.

Storia del punto di riferimento:
È stato costruito nella nuova era.

Motivo del nome:
Rispetto alla sua posizione tra le due terrazze.

Una panoramica del punto di riferimento:
- Si trova nella parte meridionale di Al-Aqsa tra le due terrazze, a sud-ovest di Qubbat Al-Sakhra, &ldquodome of the rock&rdquo.
- Il suo nome relativo alla sua posizione tra le due terrazze, nel lato meridionale di AL-Aqsa tra le due terrazze, a sud-ovest di qubbat Al-sakhra, "cupola della roccia", fu costruito nella nuova era.

La coppa primavera Mayda'at Al-Kaas

Luogo di riferimento: Si trova di fronte alla Moschea Al-Qibli nel mezzo della distanza tra essa e i pilastri meridionali che conducono alla Cupola della Roccia, il lato meridionale della Moschea Al-Aqsa.

Posizione del punto di riferimento rispetto alla Cupola della roccia:
Il sud della Cupola della Roccia.

Storia del punto di riferimento:
737 AH. 1339 d.C
. nell'era mamelucca.

Motivo del nome:
La tazza primavera Mayda's Al-Kaas (luogo di abluzione Il luogo dove le persone fanno wudoo 'in preparazione alla preghiera Al-Kaas primavera. Chiamata Al-Kaas primavera a causa della sua forma che sembra una tazza. Inoltre, ha altri nomi, come come: &ldquo Benedizione&rdquo.

Nome del costruttore:
Il Nazareno

Dettagli della forma:
-Consiste in un laghetto circolare con una tazza al centro, da cui l'acqua scorre nello stagno. Versa dalla tazza allo stagno, magnificamente, e poi dalla piscina ai rubinetti 20 toccare.
-La gente molla la coppa per il wudoo&rsquo (abluzione) in particolare, dove scendono alle belle sedie di pietra, con diversi gradi.

La storia della primavera:
-La menzione più antica della primavera della coppa risale a 737 AH / 1339 dC nel periodo mamelucco, dove il viaggiatore Khalid bin Issa al-Balawi ha ricordato durante la sua visita, dicendo: &ldquoIn questa ciotola, un serbatoio d'acqua viene da una distanza ardua, e un lontano camuffamento da terra. Le sue montagne furono tagliate e le grandi rocce furono incrinate con denaro duro e mani pesanti, finché l'acqua non si riversò sulla moschea di Al-Aqsa e fu schiacciata e rovesciata che portò a una (piscina o bacino) di un grande marmo di fronte a la Grande Moschea in mezzo alla quale un'acqua frizzante. È chiaro dalla descrizione di Balawi che la sorgente della coppa ritornava dal canale dell'acqua.&rdquo
-Molti dei libri sui monumenti di Al-Aqsa attribuiscono la costruzione della sorgente al grande sultano ayyubide, il fratello di Salah Al-Din, 589 AH. 1193 d.C. e fu ristabilito al tempo del principe Al-Mamelucco Il Nazareno.
Tuttavia, non troviamo alcuna indicazione storica dell'attribuzione della coppa agli Ayyubidi. Per discuterne, si veda il testo dello storico Majier al-Din: al-Nasseri, che attraversò il canale d'acqua fino alla città di Al-Quds Al-Sharif (Gerusalemme), l'inizio della sua architettura a Shawwal, ventisette e settecento, è arrivato ad Al-Quds Al-Sharif (Gerusalemme) ed è entrato nel centro della Moschea di al-Aqsa nella tarda primavera, ventotto e settecento e ha lavorato lo stagno di marmo tra roccia e Al-Aqsa ad Al-Sabil (la sorgente), la coppa è relativa al canale della sorgente. I libri di storia non menzionano Adel al-Ayoubi come costruttore del canale primaverile. Il testo di Majier al-Dins ci dice che Al-Nasri ha fatto lo stagno di marmo, non costruendolo, perché se lo ha costruito, diremmo che lo ha fatto dopo un danno, ma cosa intendeva con "costruire" è "fare" &ldquo funzionante&rdquo . Tuttavia, in un altro testo, Ibn Katheer menzionò il tempo della costruzione dello stagno con un ordine di Al-Nasri:&rdquo alla fine del mese di marzo, il canale raggiunse Gerusalemme che ne ordinò la costruzione e l'istituzione, Al-Nasri, lo fece con i governatori di quelle zone musulmani erano contenti, raggiunse persino la spiaggia della moschea di Al-Aqsa, che ha causato un enorme stagno è, tuttavia, un marmo tra la roccia e Al-Aqsa, la sua costruzione è iniziata nel mese di Shawwal nell'ultimo anno .&rdquo

-L'era ottomana:
La sorgente di Al-Kaas fu rinnovata al tempo del sultano ottomano &ldquo Sulieman Al-qanouni&rdquo, come cita il viaggiatore Olia Jalabi nel suo libro &ldquosayiaihtinamuh&rdquo: &ldquo I gradini procedono poi direttamente verso un grande bacino d'acqua costruito in marmo, tagliato da un blocco secondo alle stesse istruzioni del Sultano. È un punto di riferimento unico e senza pari sul terreno.&rdquo

-Riassunto della Storia della Primavera:
Sulla base delle testimonianze di storici e viaggiatori, che indicano che la sorgente quando Tankz Al-Nasri costruì era un bacino (o stagno &ndash come detto Majier Al-Din) e che Sulieman aggiunse la coppa &ldquo Al-Kaas&rdquo da cui esce l'acqua del bacino di un pezzo di marmo &ndash come vediamo fino ad oggi. Inoltre, la sorgente è rimasta un grande bacino per bere l'acqua direttamente dai visitatori. L'acqua in eccesso dalla tazza "Al-Kaas" è passata attraverso un canale di terra fino al vicino pozzo del lago, come ha sottolineato Abdul Ghani Nabulsi, "Abbiamo trovato la tazza davanti alle porte della Moschea di Al-Aqsa, un grande armadio di marmo, cinque cubiti di profondità in cinque braccia, in una fontana al centro del grande, e viene versato nei lavandini intorno ad esso ed essendo un grande serbatoio nel terreno della moschea circa quaranta cubiti e larghezza pure, e ha quattro bocche costruite con pietre &ndash per estrarre l'acqua con secchi &ndash sotto forma di umani »| In 1340 AH / 1922, il Consiglio Supremo Islamico ha deciso di mettere Darbizin &ldquo recinzioni &ldquo intorno allo stagno per impedire la manomissione degli aggressori e poi ha rinnovato le sedie di pietra intorno a lui e ha funzionato i rubinetti per le abluzioni.

Lo sceicco Raed Salah, capo del Movimento islamico in Palestina 48, Moschea dello sceicco al-Aqsa, ha affermato che gli scavi dei sionisti nelle vicinanze della moschea di Al-Aqsa e sotto di essa hanno raggiunto sotto questa coppa &ldquo Al-Kaas&rdquo, il che indica che ha raggiunto una fase pericolosa che minaccia il cuore della moschea di Al-Aqsa e non solo le parti esterne.

Una panoramica del punto di riferimento:
La sorgente della coppa o la sorgente Al-kaas di Mayda. Si trova di fronte alla Moschea Al-Qibli nel mezzo della distanza tra essa e i pilastri meridionali che conducono alla Cupola della Roccia, il lato meridionale della Moschea Al-Aqsa. È stata chiamata la tazza per via della sua forma che ricorda una tazza. Inoltre, ha altri nomi, come: &ldquo Blessing&rdquo. Tnkz Al-Nasri l'ha costruito dentro 737 AH e 1339 d.C. nell'era mamelucca. Consiste in un laghetto circolare con una tazza al centro, da cui l'acqua scorre nello stagno. Versa dalla tazza allo stagno, magnificamente, e poi dalla piscina ai rubinetti 20 toccare. Le persone balzano alla coppa per il wudoo' (abluzione) in particolare, dove scendono alle belle sedie di pietra, con diversi gradi.

La storia della primavera:
La più antica menzione della primavera della coppa risale a 737 AH / 1339 dC nel periodo mamelucco, dove il viaggiatore Khalid bin Issa al-Balawi ha ricordato durante la sua visita, dicendo: &ldquoIn questa ciotola, un serbatoio d'acqua viene da una distanza ardua, e un lontano camuffamento da terra. Le sue montagne furono tagliate e le grandi rocce furono incrinate con denaro duro e mani pesanti, finché l'acqua non si riversò sulla moschea di Al-Aqsa e fu schiacciata e rovesciata che portò a uno (stagno o bacino) di un grande marmo di fronte a la Grande Moschea in mezzo alla quale un'acqua frizzante. È chiaro dalla descrizione di Balawi che la sorgente della coppa ritornava dal canale dell'acqua.&rdquo
Molti dei libri sui monumenti di Al-Aqsa attribuiscono la costruzione della sorgente al grande sultano ayyubide, il fratello di Salah Al-Din, 589 AH. 1193 d.C. e fu ristabilito al tempo del principe Al-Mamelucco Il Nazareno.

Tuttavia, non troviamo alcuna indicazione storica dell'attribuzione della coppa agli Ayyubidi. Per discuterne, si veda il testo dello storico Majier al-Din: al-Nasseri, che attraversò il canale d'acqua fino alla città di Al-Quds Al-Sharif (Gerusalemme), l'inizio della sua architettura a Shawwal, ventisette e settecento, è arrivato ad Al-Quds Al-Sharif (Gerusalemme) ed è entrato nel centro della Moschea di al-Aqsa nella tarda primavera, ventotto e settecento e ha lavorato lo stagno di marmo tra roccia e Al-Aqsa ad Al-Sabil (la sorgente), la coppa è relativa al canale della sorgente. I libri di storia non menzionano Adel al-Ayoubi come costruttore del canale primaverile. Il testo di Majier al-Dins ci dice che Al-Nasri ha fatto lo stagno di marmo, non costruendolo, perché se lo ha costruito, diremmo che lo ha fatto dopo un danno, ma cosa intendeva con "costruire" è "fare" &ldquo funzionante&rdquo . Tuttavia, in un altro testo, Ibn Katheer menzionò il tempo della costruzione dello stagno con un ordine di Al-Nasri:&rdquo alla fine del mese di marzo, il canale raggiunse Gerusalemme che ne ordinò la costruzione e l'istituzione, Al-Nasri, lo fece con i governatori di quelle zone musulmani erano contenti, raggiunse persino la spiaggia della moschea di Al-Aqsa, che ha causato un enorme stagno è, tuttavia, un marmo tra la roccia e Al-Aqsa, la sua costruzione è iniziata nel mese di Shawwal nell'ultimo anno .&rdquo

&ndash Al-Kaas la sorgente fu rinnovata al tempo del sultano ottomano &ldquo Sulieman Al-qanouni&rdquo, come menzionato dal viaggiatore Olia Jalabi nel suo libro &ldquosayiaihtinamuh&rdquo: &ldquo I gradini procedono poi direttamente verso un grande bacino d'acqua costruito in marmo, tagliato da un blocco secondo le stesse istruzioni del Sultano. È un punto di riferimento unico e senza pari sul terreno.&rdquo

-In base alle testimonianze di storici e viaggiatori, che indicano che la sorgente quando Tankz Al-Nasri costruì era un bacino (o stagno &ndash come detto Majier Al-Din) e che Sulieman aggiunse la coppa &ldquo Al-Kaas&rdquo da cui l'acqua esce dal bacino di un pezzo di marmo &ndash come vediamo fino ad oggi.
- Inoltre, la sorgente è rimasta una grande bacinella per bere acqua direttamente dai visitatori. L'acqua in eccesso dalla tazza "Al-Kaas" è passata attraverso un canale di terra fino al vicino pozzo del lago, come ha sottolineato Abdul Ghani Nabulsi, "Abbiamo trovato la tazza davanti alle porte della Moschea di Al-Aqsa, un grande armadio di marmo, cinque cubiti in profondità cinque braccia, in una fontana al centro del grande, e viene versato nei lavandini intorno ad esso ed essendo un grande serbatoio nel terreno della moschea circa quaranta cubiti e larghezza pure, e ha quattro bocche costruito con pietre &ndash per estrarre l'acqua con secchi &ndash sotto forma di umani »| In 1340 AH / 1922, il Consiglio Supremo Islamico ha deciso di mettere Darbizin &ldquo recinzioni &ldquo intorno allo stagno per prevenire la manomissione degli aggressori e poi ha rinnovato le sedie di pietra intorno a lui e ha lavorato i rubinetti per le abluzioni.

-Sheikh Raed Salah, capo del Movimento islamico in Palestina 48, Moschea dello sceicco al-Aqsa, ha affermato che gli scavi dei sionisti nelle vicinanze della moschea di Al-Aqsa e sotto di essa hanno raggiunto sotto questa coppa "Al-Kaas", il che indica che ha raggiunto una fase pericolosa che minaccia il cuore di Al-Aqsa Moschea e non solo parti esterne

AL-Zaytona primavera

Luogo di riferimento:
Il lato meridionale della moschea di Al-Aqsa, il nord della sorgente di Al-Kaas.

Posizione del punto di riferimento rispetto alla Cupola della roccia:
Il lato sud occidentale di Qubbat Al-Sakhra (cupola della roccia)

Storia del punto di riferimento:
Nella nuova era.

Motivo del nome:
Relativo all'ulivo che si trova al centro della sorgente, circondato da rubinetti.

Dettagli della forma:
C'è un antico ulivo nel sito della sorgente, nel periodo ottomano, chiamato Al-Zaytouna del Profeta, e il suo ulivo dove il racconto popolare racconta che il profeta Maometto, la pace sia su di lui, lo piantò. Si dice che all'inizio del secolo scorso, i bagliori della stagione del profeta Mosè erano intorno a quell'albero.

Una panoramica del punto di riferimento:
Relativo all'ulivo che si trova al centro della sorgente, circondato da rubinetti, è nel lato sud della moschea di Al-Aqsa, vi è un antico ulivo nel sito della sorgente, nel periodo ottomano, chiamato Al-Zaytouna o th profeta, e il suo ulivo dove il racconto popolare dice che il profeta Maometto la pace sia su di lui, lo piantò. Si dice che all'inizio del secolo scorso, i bagliori della stagione del profeta Mosè erano intorno a quell'albero. La primavera è stata costruita nella nuova era.

Primavera della scuola a sud di Al-Nahawya

Luogo di riferimento:
Il sud della scuola di Al-Nahwaya.

Posizione del punto di riferimento rispetto alla Cupola della roccia: Cupola sud-ovest della roccia.

Motivo del nome: Perché si trova a sud.

Dettagli della forma:
-Una delle più grandi sorgenti di Al-Aqsa, per le abluzioni, però, furono posti molti cubetti di pietra per far sedere le persone davanti ai rubinetti.
-Consiste 30 rubinetti.

Una panoramica del punto di riferimento:
Una delle più grandi sorgenti di Al-Aqsa, per le abluzioni, però, furono posti molti cubetti di pietra per far sedere le persone davanti ai rubinetti

Burhan Al-Din Rostrum primavera

Punto di riferimento Posizione:
Adiacente alle scale dei pilastri sud da ovest dietro il pulpito di Burhan al-Din a sud della moschea di Al-Aqsa.

Posizione del punto di riferimento rispetto alla Cupola della roccia:
A sud di Qubbat Al-Sakhra &ldquo Cupola della roccia &ldquo.

Storia del punto di riferimento:
Alla fine del 1418 AH 1998 dC.

Motivo del nome:
Rispetto alla sua posizione dietro la tribuna di Burhan al-Din.

Nome del costruttore:
Comitato per la ricostruzione.

Dettagli della forma:
-Esso ha 24 rubinetti

Una panoramica del punto di riferimento:
Si trova adiacente a sud dei pilastri a ovest dietro il rostro Burhan al-Din a sud della Moschea di Al-Aqsa, a sud della Cupola della Roccia.È stato recentemente istituito dal Comitato per la ricostruzione alla fine del 1418 AH / 1998. Esso ha 24 rubinetti.

Hasan Al-Dani primavera

Luogo di riferimento: Situato in base alla facciata del nord di Al-Qubba Al-nahawya.

Posizione del punto di riferimento rispetto alla Cupola della roccia: A sud-ovest della Cupola della Roccia.

Storia del punto di riferimento: 1137 AH 1724 AD.

Motivo del nome: Rispetto al suo costruttore.

Nome del costruttore:
Hasan Al-Dani.

Dettagli della forma:
Della sorgente non restava che un po' di cenere sul pavimento e delle incisioni.

Una panoramica del punto di riferimento:
Hasan Al-Dani primavera, è stato costruito da Hasan Al-Dani Al-Husainy, in 1137 AH 1724 dC. In epoca ottomana, motivo dietro il suo nome relativo al suo costruttore Hasan Al-Dani, si trova sulla facciata del nord di Al-Qubba Al-Nahawayh. Della sorgente non restava che un po' di cenere sul pavimento e sulle incisioni.


Elmo e corazza (peti)

Già nella collezione del principe Federico Augusto, duca di York (morto nel 1827), acquisito dalle Armerie alla Torre di Londra prima del 1841.

Descrizione fisica

La corazza è formata da una cintura o fascia in tessuto trapuntato, ricoperta di velluto rosso e ricamata con un motivo ripetuto di fiori in filo d'oro. È foderato con cotone blu e bianco, e fissato attraverso cinque paia di passanti in ottone nella parte anteriore, dal cordino originale ricoperto d'oro mancano due dei passanti a sinistra.

L'elmo ha un cranio basso diviso in sei segmenti, un picco, difese laterali a doppia forma di U e una profonda difesa del collo trapezoidale. È ricoperto di velluto rosso ricamato con pannelli di fiori d'oro, e legato intorno alla base del teschio con un turbante a cinque fasce di seta verde scuro. La corda dell'elmo è formata da due larghe lunghezze di seta nera. L'interno della difesa del collo è foderato in broccato di seta blu, lavorato con un pannolino di fiori in oro. Il lavoro di conservazione ha rivelato un anello incorporato di velluto rosso posizionato centralmente nella parte anteriore dell'elmo sotto la fascia di fissaggio, che fornisce una chiara evidenza che una volta era presente una protezione nasale, anche se ora è persa. Vedere XXVIA.57 come esempio di elmo con difesa nasale nello stile tipicamente associato all'India meridionale.

In primo piano in

CascoProfondità290 mm
CascoAltezza495 mm
CascoIl peso1.303 kg
CascoLarghezza370 mm
CorazzaAltezza230 mm
CorazzaLunghezza935 mm
CorazzaIl peso1.403 kg

Iscrizioni e marchi

Associazioni

Riferimenti bibliografici

La Torre: la sua storia, armerie e antichità

J. Hewitt, Catalogo ufficiale delle Armerie della Torre, Londra, 1859, n. xv.406-7, p. 111.

W. Egerton, Un manuale illustrato delle armi indiane, Londra, 1880, n. 587T, pag. 124.

Visconte Dillon, Guida illustrata alle armerie, Londra, 1910, n. xv.477-8, p. 14.

H.R. Robinson, Armatura orientale, Londra, 1968.

CIRCA. Bayly, The Raj, India and the British 1600-1947, Londra, National Portrait Gallery, 1990, n. 162, pag. 157.

S. Z. Haider, Armi e armature islamiche dell'India musulmana, Lahore, 1991, tav. 36.

Thom Richardson, Introduzione alle armi e alle armature indiane, Leeds, Royal Armouries, 2007: 36

Tipu era un tenace avversario e le forze britanniche hanno lottato per sconfiggerlo. Dopo essere stato ucciso durante l'assalto alla sua roccaforte a Seringapatam il 4 maggio 1799, il suo palazzo e la sua città furono saccheggiati, compresi gli arsenali, e il bottino di guerra distribuito o venduto all'asta. Una sorta di "Tipu mania" prese piede in Gran Bretagna, e qualsiasi oggetto che si credeva avesse avuto un'associazione con l'uomo stesso divenne estremamente di moda, per quanto tenue fosse il legame. Lord Mornington, il governatore generale, ordinò che molti degli oggetti più prestigiosi ritenuti direttamente collegati a Tipu fossero presentati al re e ad altri membri della famiglia reale. Il duca di York, il principe Federico Augusto (secondo figlio di Giorgio III, che divenne comandante in capo dell'esercito britannico), acquistò questa armatura. Dopo che la collezione del Duca di York fu messa all'asta dopo la sua morte nel 1827, diversi pezzi alla fine arrivarono alle Armerie della Torre, tra cui questo elmo e la corazza. La guida del 1841 alla Torre ha continuato a registrare un elmo e una cintura in mostra nel Vestibolo orientale che provenivano dalla collezione del defunto Duca di York ed erano appartenuti a "Tippoo Saib".

Sebbene non si possa accertare con certezza che questo elmo e corazza appartenessero allo stesso Tipu, l'armatura è di qualità superiore e probabilmente sarebbe stata indossata almeno da un cortigiano o da un ufficiale di alto rango. La presenza dell'elmo e della corazza nella collezione del Duca di York suggerisce che fossero tra gli oggetti appositamente selezionati per la distribuzione ai membri della famiglia reale britannica.

Queste armature in tessuto erano basate su forme antiche, indossate per secoli dai guerrieri nelle regioni meridionali del subcontinente. Il tessuto imbottito combinava una leggera flessibilità con una robusta efficacia come difesa, e sembra che sia rimasto popolare nonostante l'influenza della cotta di maglia metallica e delle armature a piastre che erano ampiamente utilizzate nell'India settentrionale e centrale.

Note precedenti su questa armatura riportavano che un altro elmo simile era stato venduto da Sotheby's, New York, 13 gennaio 1995, lotto 1341. Fu notato per la prima volta da Z Zygulski presso un rivenditore a New York nel 1994.

Questo elmo e armatura un tempo appartenevano all'armeria della famosa "Tigre di Mysore", il sovrano Tipu Sultan (regno 1782 - 1799).

Tipu ha combattuto per molti anni contro le forze britanniche in India. Tuttavia, il 4 maggio 1799, si trovò circondato nella sua fortezza a Seringapatam. Le mura furono prese d'assalto dalle truppe britanniche e indiane, portando ad aspri combattimenti contro i difensori del Sultano. Mentre la battaglia infuriava, Tipu fu ucciso e il contenuto del suo palazzo e degli arsenali divennero trofei di guerra. Gli oggetti più prestigiosi, ritenuti legati allo stesso Tipu, furono spediti in Inghilterra e inviati alla famiglia reale britannica. Il duca di York, il principe Federico, secondogenito di Giorgio III, acquistò questa armatura ricamata.

Armature in tessuto come questa si basano su antiche armature indossate dai guerrieri dell'India meridionale per secoli. Gli strati di cotone, seta e velluto formano una barriera spessa ma flessibile per proteggere le zone vulnerabili del corpo. Rimasero popolari nonostante l'influenza della posta metallica e delle armature a piastre ampiamente utilizzate nell'India settentrionale e centrale. Tipu Sultan modernizzò i suoi eserciti e commissionò armi avanzate. Tuttavia, il suo uso di alcune attrezzature tradizionali come questa armatura è continuato e questo gli ha permesso di mantenere forti legami con l'eredità dell'India meridionale del suo regno.

Licenza non commerciale (e licenza Crown Copyright)

Sei incoraggiato a usare:

  • Contenuti in cui Royal Armouries possiede i diritti di proprietà intellettuale e
  • Il nostro contenuto del copyright della corona
    in base ai seguenti Termini e condizioni e quando l'utente fa un uso non commerciale dei nostri contenuti o utilizza il nostro copyright Crown, che non è altrimenti consentito dalla legge, si riterrà che abbia accettato questi termini e condizioni per la sua condotta.

Se non si accettano questi Termini e condizioni, si prega di astenersi dal fare qualsiasi uso non commerciale dei nostri contenuti o qualsiasi uso dei nostri contenuti protetti da copyright di Crown, che non è altrimenti consentito dalla legge.

I presenti Termini e condizioni incorporano le definizioni e altre disposizioni stabilite nel corpo principale di questo sito Web di Royal Armouries e nella Dichiarazione sull'uso del copyright.

La tua licenza d'uso non commerciale in relazione ai nostri contenuti

Royal Armouries ti concede una licenza mondiale, esente da royalty e non esclusiva per fare un uso non commerciale solo del contenuto in cui Royal Armouries possiede i diritti di proprietà intellettuale alle condizioni seguenti. The Royal Armouries si riserva il diritto di rescindere questa licenza previo ragionevole preavviso.

A scanso di equivoci, dove Royal Armouries possiede i diritti di proprietà intellettuale in qualsiasi Contenuto Non ti è permesso esercitare uno qualsiasi dei diritti concessi all'utente da questa licenza in qualsiasi modo che sia principalmente inteso o diretto verso un vantaggio commerciale o un compenso o guadagno monetario privato.

La tua licenza per utilizzare il nostro contenuto del copyright di Crown

Royal Armouries ti concede una licenza mondiale, esente da royalty e non esclusiva per rendere l'uso commerciale o non commerciale del nostro contenuto protetto da copyright della corona soggetto alle condizioni seguenti. The Royal Armouries si riserva il diritto di rescindere questa licenza previo ragionevole preavviso.

Il resto di questa licenza si applica all'uso non commerciale dei nostri contenuti e a tutti gli usi dei nostri contenuti protetti da copyright di Crown.

Non devi fare nulla che sia proibito dalla sezione di questo documento intitolata "Restrizioni all'uso dei contenuti".

Devi , in cui l'utente fa un uso non commerciale dei nostri contenuti o qualsiasi uso dei nostri contenuti protetti da copyright di Crown:

  • riconoscere la fonte dei Contenuti includendo un'Attribuzione a condizione che se si utilizzano Contenuti da diversi proprietari di diritti e fonti e quindi elencare più attribuzioni non è pratico nel proprio prodotto o applicazione, è possibile includere un URL o un collegamento ipertestuale a una risorsa che contiene il dichiarazioni di attribuzione richieste
  • assicurarsi che, laddove il Contenuto viene utilizzato, la fonte del Contenuto sia identificata insieme all'Attribuzione, ad es. "Titolo, artista, data del lavoro, foto"
  • garantire che qualsiasi licenza successiva dei Contenuti, ad esempio laddove l'Utente permetta che il proprio lavoro includa riferimenti ai Nostri Contenuti o ai Contenuti protetti da copyright di Crown insieme ad altri Contenuti per l'utilizzo da parte di terzi, sia anch'essa soggetta a questi termini

Queste sono condizioni importanti di questa licenza e se non le rispetti o fai un uso commerciale dei nostri contenuti senza il nostro previo consenso scritto, i diritti concessi a te da questa licenza cesseranno automaticamente.

Questa licenza per fare un uso non commerciale dei nostri contenuti e/o uso commerciale e non commerciale dei nostri contenuti protetti da copyright di Crown insieme alla nostra licenza per fare un uso commerciale dei nostri contenuti non copre/non coprirà l'uso di:

  • qualsiasi dato personale all'interno del Contenuto
  • qualsiasi informazione che non è stata né pubblicata né divulgata all'utente ai sensi della legislazione sull'accesso alle informazioni (incluso il regime FOI) da o con il consenso delle Royal Armouries
  • loghi, stemmi, insegne militari e Royal Arms di organizzazioni dipartimentali o del settore pubblico, tranne nel caso in cui costituiscano parte integrante di un documento o di un set di dati all'interno dei Nostri Contenuti
  • DPI di terze parti (diversi dal contenuto del copyright della nostra corona) che le Royal Armouries non sono autorizzate a concedere in licenza
  • documenti di identità come il passaporto britannico.

Nessuna garanzia

Il Contenuto è concesso in licenza "così com'è" e Royal Armouries esclude tutte le dichiarazioni, garanzie, obblighi e responsabilità in relazione al Contenuto nella misura massima consentita dalla legge.

The Royal Armouries non è responsabile per eventuali errori o omissioni nel Contenuto (inclusi errori o omissioni derivanti dalla Nostra negligenza) e non sarà responsabile per eventuali perdite, lesioni o danni di qualsiasi tipo causati dal suo utilizzo. The Royal Armouries non garantisce la fornitura continua di Contenuti.

Legge governativa

Questa licenza è regolata dalle leggi della giurisdizione dell'Inghilterra e del Galles.

Informazioni su questa licenza

The Royal Armouries ha adattato questa licenza dalla Licenza governativa non commerciale sviluppata dal controllore dell'ufficio stazionario di Sua Maestà. Il Titolare può, di volta in volta, rilasciare nuove versioni della Licenza governativa non commerciale. Tuttavia, se lo desideri, puoi continuare a utilizzare i Contenuti concessi in licenza con questa versione.

Ulteriori contesti, migliori pratiche e linee guida sono disponibili nella sezione sul quadro delle licenze governative del Regno Unito sul sito web degli archivi nazionali

Sei incoraggiato a utilizzare e riutilizzare le informazioni disponibili con questa licenza in modo libero e flessibile, con solo alcune condizioni.

Questa licenza si applica alle informazioni che sono il copyright del Board of Trustees of the Armouries.

Utilizzo delle informazioni sotto questa licenza

L'uso del materiale sui diritti d'autore e sui diritti di database espressamente reso disponibile sotto questa licenza (le &lsquoInformazioni&rsquo) indica l'accettazione dei termini e delle condizioni di seguito.

Il Licenziante concede all'utente una licenza mondiale, esente da royalty, perpetua e non esclusiva per utilizzare le Informazioni per scopi non commerciali solo alle condizioni seguenti.

Questa licenza non pregiudica la tua libertà in condizioni di fair dealing o fair use o qualsiasi altra eccezione e limitazione del diritto d'autore o del database.

  • copiare, pubblicare, distribuire e trasmettere le Informazioni
  • adattare le informazioni
  • combinare le informazioni con altre informazioni.
  • esercitare uno qualsiasi dei diritti concessi all'utente da questa licenza in qualsiasi modo che sia principalmente inteso o diretto verso un vantaggio commerciale o un compenso monetario privato.

Dove si esegue una delle operazioni precedenti è necessario:

  • riconoscere la fonte delle informazioni includendo l'attribuzione e la copia di Royal Armouries e, ove possibile, fornire un collegamento a questa licenza
  • garantire che qualsiasi licenza successiva delle Informazioni, ad esempio quando combinata con altre informazioni, sia solo per scopi non commerciali
  • assicurati di non utilizzare le Informazioni in un modo che suggerisca uno status ufficiale o che le Royal Armouries approvino te o il tuo utilizzo delle Informazioni
  • assicurarsi di non fuorviare gli altri o travisare le Informazioni o la loro fonte
  • assicurarsi che l'utilizzo delle Informazioni non violi il Data Protection Act 1998 o il Regolamento sulla privacy e le comunicazioni elettroniche (Direttiva CE) 2003.

Queste sono condizioni importanti di questa licenza e se non le rispetti o non utilizzi le informazioni per scopi non commerciali, i diritti concessi a te da questa licenza, o da qualsiasi licenza simile concessa dal Licenziante, cesseranno automaticamente.

Questa licenza non copre l'uso di:

  • dati personali nell'Informativa
  • Informazioni che non sono state né pubblicate né divulgate ai sensi della legislazione sull'accesso alle informazioni (inclusi i Freedom of Information Acts per il Regno Unito e la Scozia) da o con il consenso delle Royal Armouries
  • loghi, stemmi, insegne militari e Royal Arms di organizzazioni dipartimentali o del settore pubblico, tranne nel caso in cui costituiscano parte integrante di un documento o di un set di dati
  • diritti di terzi che la Royal Armouries non è autorizzata a concedere in licenza
  • Informazioni soggette ad altri diritti di proprietà intellettuale, inclusi brevetti, marchi commerciali e diritti di design e
  • documenti di identità come il passaporto britannico.

Le Informazioni sono concesse in licenza &lsquoas is&rsquo e Royal Armouries esclude tutte le dichiarazioni, garanzie, obblighi e responsabilità in relazione alle Informazioni nella misura massima consentita dalla legge.

The Royal Armouries non è responsabile per eventuali errori o omissioni nelle Informazioni e non sarà responsabile per eventuali perdite, lesioni o danni di qualsiasi tipo causati dal loro utilizzo. The Royal Armouries non garantisce la continua fornitura delle Informazioni.

Questa licenza è regolata dalle leggi della giurisdizione del Regno Unito, se non diversamente.

In questa licenza i termini seguenti hanno i seguenti significati:

Per "Informazioni" si intendono le informazioni protette dal diritto d'autore o dal diritto di database (ad esempio, opere letterarie e artistiche, contenuti, dati e codice sorgente) offerte per l'uso in base ai termini di questa licenza.

"Licenziante" indica qualsiasi fornitore di informazioni che ha l'autorità di offrire informazioni secondo i termini di questa licenza.

"Scopi non commerciali" significa non destinati o diretti verso vantaggi commerciali o compensi economici privati. Ai fini della presente licenza, &lsquocompensazione monetaria privata&rsquo non include lo scambio di informazioni con altre opere protette da copyright tramite condivisione di file digitali o altrimenti, a condizione che non vi sia alcun pagamento di alcun compenso monetario in relazione allo scambio di informazioni.

&lsquoUtilizzare&rsquo come verbo, significa compiere qualsiasi atto limitato dal diritto d'autore o dal diritto di database, sia nel supporto originale che in qualsiasi altro supporto, e include, senza limitazioni, la distribuzione, la copia, l'adattamento, la modifica che potrebbe essere tecnicamente necessario per utilizzarlo in un modalità o formato diverso.

&lsquoLei&rsquo indica la persona fisica o giuridica, o ente di persone giuridiche o costituite, che acquisisce i diritti ai sensi della presente licenza.

The Royal Armouries ha adattato questa licenza dalla Licenza governativa non commerciale sviluppata dall'ufficio stazionario del controllore di Sua Maestà. Il Titolare può, di volta in volta, rilasciare nuove versioni della Licenza governativa non commerciale. Tuttavia, se lo desideri, puoi continuare a utilizzare le informazioni concesse in licenza con questa versione.

Ulteriori contesti, migliori pratiche e linee guida possono essere trovati nella sezione UK Government Licensing Framework sul sito web The National Archives.


Guarda il video: Qaitbay citadel Alexandria,Egypt