I tedeschi utilizzano per la prima volta la macchina di codifica Enigma

I tedeschi utilizzano per la prima volta la macchina di codifica Enigma


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il 27 giugno 1940, i tedeschi stabilirono la comunicazione radio bidirezionale nel loro territorio francese appena occupato, utilizzando la loro macchina di codifica più sofisticata, Enigma, per trasmettere informazioni.

I tedeschi stabilirono stazioni radio a Brest e nella città portuale di Cherbourg. I segnali sarebbero stati trasmessi ai bombardieri tedeschi in modo da dirigerli verso obiettivi in ​​Gran Bretagna. La macchina per codificare Enigma, inventata nel 1919 da Hugo Koch, un olandese, sembrava una macchina da scrivere ed era originariamente utilizzata per scopi commerciali.

L'esercito tedesco adattò la macchina per l'uso in tempo di guerra e considerò il suo sistema di codifica indistruttibile. Avevano torto. I britannici avevano decifrato il codice fin dall'invasione tedesca della Polonia e avevano intercettato praticamente ogni messaggio inviato attraverso il sistema. La Gran Bretagna ha soprannominato i messaggi intercettati Ultra.

LEGGI DI PI: Note del team di Alan Turing trovate nei muri di Code-Breaking Hut


Svelare la più grande spia della seconda guerra mondiale

Chi era la più grande spia della seconda guerra mondiale? Con questo, non intendo il più colorato, il più simile a James Bond, il più romantico o il più abile artigiano. Intendo il più efficace. Intendo dire i più colpiti nel corso della guerra.

Alcuni diranno che è stato Richard Sorge, il comunista segreto tedesco in Giappone, motociclista, donnaiolo e con gli occhi azzurri, che ha nascosto il suo spionaggio lavorando come corrispondente di giornali e riviste. Dopo che Adolf Hitler attaccò la Russia, Sorge dovette imparare cosa avrebbe fatto il Giappone. L'impero si sposterebbe a nord per colpire alle spalle il suo nemico tradizionale durante una lotta per la vita o la morte, o il Giappone si sposterebbe a sud, verso il petrolio e l'impero dell'uomo bianco in Asia? E infatti, alla fine di settembre 1941, Sorge riferì: "L'Estremo Oriente sovietico può essere considerato al sicuro dagli attacchi giapponesi".

Ma il suo successo non è stato puro. La decifrazione russa aveva rivelato che le truppe giapponesi non si stavano muovendo a nord. Inoltre, la necessità spinse Josef Stalin a ritirare le truppe dall'Estremo Oriente per combattere i tedeschi che si avvicinavano a Mosca. L'influenza di Sorge è quindi nella migliore delle ipotesi offuscata, quindi non può quindi presentarsi chiaramente come la più grande spia della seconda guerra mondiale.

Che ne dici di Juan Pujol, nome in codice "Garbo"? Questo trentaduenne spagnolo antifascista aveva promesso ai tedeschi che avrebbe potuto fornire loro informazioni dall'Inghilterra, dove sarebbe andato per motivi di lavoro. Una volta lì, convinse gli inglesi che poteva servirli come doppiogiochista. E infatti, sotto la loro tutela, forniva ai tedeschi informazioni accurate ma insignificanti, o che si presumeva fossero già note a loro.

Poi, quando la loro fiducia si fu solidificata, trasmise loro via radio la grande bugia: che l'assalto anglo-americano alla Normandia serviva semplicemente come una finta per l'invasione principale, che sarebbe arrivata più a nord, di fronte a Dover, nel Pas de Calais in Francia. I tedeschi gli credettero. Il suo rapporto corse a Berlino e di nuovo al fronte occidentale, dove quattro divisioni erano tenute nel nord della Francia in attesa di quello che i tedeschi pensavano sarebbe stato il vero assalto.

Ciò ha certamente contribuito al successo dell'invasione, e si può anche dire che abbia piantato l'ultimo chiodo nel piano di inganno. Tuttavia, era davvero solo un chiodo in un'operazione enorme. Per quanto prezioso fosse Garbo, non può essere considerato la più grande spia della guerra. Nella migliore delle ipotesi, ha confermato un equivoco tedesco che non l'ha creato.

Un paio di tedeschi hanno sfidato la Gestapo e hanno fornito informazioni ad Allen Dulles, il capo delle spie dell'Ufficio dei servizi strategici in Svizzera. Hans Bernd Gisevius, un agente del controspionaggio che operava sotto copertura come viceconsole a Zurigo, riferì, ad esempio, che i tedeschi stavano preparando due tipi di missili - in seguito chiamati V-1 e V-2 - che consentivano agli alleati di comprendere apparentemente contraddittori rapporti di intelligence.

Tuttavia, questa informazione è stata fornita dopo che le fotografie aeree britanniche avevano trovato le installazioni a Peenemünde. Fritz Kolbe, nome in codice "George Wood", un membro dello staff di un alto funzionario del Ministero degli Esteri, ha passato le fotografie dei messaggi diplomatici a Dulles. Descrissero le V-armi, i problemi di trasporto del Reich, il Volksturm, e la cosiddetta ridotta alpina. Il suo biografo ha definito Kolbe "la spia più importante della seconda guerra mondiale". Una valutazione più sobria dello storico Christoph Mauch afferma che "Quando ci si rese conto di quanto fosse prezioso il materiale presentato da Wood, una buona parte del suo significato era già andata perduta".

Sul lato dell'Asse, "Cicerone" occupa un posto d'onore. Era un truffatore albanese, Elyesa Bazna, che si era infilato in un lavoro come maggiordomo per l'ambasciatore britannico in Turchia. Nell'autunno del 1943, copiò la chiave del diplomatico nella sua cassaforte, ne prese documenti segreti, li fotografò e vendette i film ai tedeschi. La Turchia, un alleato della Germania nella prima guerra mondiale e un vecchio nemico della Russia, potrebbe minacciare il controllo alleato del Mediterraneo, ma i progressi degli alleati hanno precluso qualsiasi azione significativa basata su queste informazioni privilegiate. Le informazioni di Cicerone, per quanto interessanti, non avevano importanza.

No, credo che la più grande spia sia stata quella che ha lavorato prima della guerra ma le cui informazioni hanno influenzato quel conflitto più di qualsiasi altro agente segreto. Il suo nome è... ma questo sta anticipando la mia storia.

Nel 1973 ero all'Università di Oxford per scrivere la mia tesi sull'intelligence militare tedesca nella seconda guerra mondiale. Il mio supervisore era Hugh Trevor-Roper, il cui lavoro nell'intelligence britannica durante la guerra era stato quello di studiare proprio quell'argomento.

Un giorno di primavera ricevetti un messaggio da un conoscente, J. Rives Childs. Un ambasciatore di carriera degli Stati Uniti in pensione che durante la prima guerra mondiale aveva decifrato i codici per le forze di spedizione americane, Childs mi aveva prestato i suoi documenti da quel lavoro quando stavo scrivendo I Codebreaker. Più tardi ci siamo incontrati a New York ea Parigi.

Childs ora mi stava invitando a pranzo con alcuni amici inglesi vicino a Oxford. Durante il pasto, la conversazione si è spostata su un nuovo libro francese del generale Gustave Bertrand, un ufficiale dell'intelligence francese in pensione. Aveva gestito una spia all'inizio degli anni '30 che forniva informazioni sulla principale macchina di cifratura tedesca che portava alla sua soluzione. Questa macchina, chiamata Enigma, fu messa in servizio nella marina tedesca nel 1926 e nell'esercito tedesco nel 1928 nascose molti dei segreti trasmessi dalla Wehrmacht durante la seconda guerra mondiale. Bertrand ha raccontato la storia della spia nel suo libro Enigma, ou la Plus Grande Enigme de la Guerre 1939-1945.

Se quest'uomo avesse effettivamente fornito le informazioni che hanno permesso agli Alleati di decifrare i messaggi Enigma e quindi di accedere alle informazioni chiave dell'esercito tedesco, come gli ordini degli U-Boot, sarebbe davvero la più grande spia della seconda guerra mondiale. Ma chi era?

Ho comprato il libro di Bertrand. Descriveva in dettaglio come nell'ottobre 1932 un impiegato del Ministero della Difesa tedesco Chiffrierstelle, o Cipher Center, "offriva i suoi servizi" ai francesi. Ha fornito molto colore sui diciotto incontri di Bertrand con la spia nelle città e nei resort di tutta Europa, e alcuni dettagli sulle informazioni da lui fornite, prima su Enigma, poi su altri crittosistemi tedeschi e sul lavoro del Forschungsamt, l'agenzia di intercettazione di Hermann Göring, alla quale la spia si trasferì nel 1934.

Anche con questo aiuto, però, i crittoanalisti francesi non riuscirono a risolvere i crittogrammi Enigma. Bertrand raccontò come, con il permesso dei suoi supervisori, diede le informazioni della spia ad altri paesi preoccupati per il revanscismo tedesco: Gran Bretagna, Cecoslovacchia e Polonia. Unica tra tutti questi paesi - e "grazie alle informazioni" dell'agente, come il capo dei crittoanalisti polacchi ha riconosciuto a Bertrand - la Polonia ha ricostruito la macchina nel dicembre 1932 e ha letto i messaggi in essa cifrati.

In una riunione a Varsavia nel luglio 1939, i polacchi raccontarono agli inglesi e ai francesi come tre giovani crittoanalisti polacchi avevano risolto Enigma. La Polonia ha regalato ai suoi amici due copie dell'Enigma. Entrambi li usarono dopo lo scoppio della guerra: la Francia aveva meno successo della Gran Bretagna. Ma in tutta la sua storia, Bertrand ha usato solo il nome di copertura della spia, le iniziali H.E., pronunciate in francese asché. Non ha mai fornito il vero nome.

Lì la questione rimase fino all'estate del 1974, quando il capitano in pensione della Royal Air Force Group, Frederick William Winterbotham, ottenne il permesso di rivelare che gli Alleati avevano intercettato, risolto e sfruttato i messaggi cifrati da Enigma tedeschi, aiutandoli così a vincere la seconda guerra mondiale. Il suo libro L'Ultra Segreto esplose nei titoli della stampa britannica. La storia era assolutamente sorprendente ed estremamente significativa. Nessun precedente scritto in inglese, francese o tedesco ne aveva nemmeno accennato. Churchill aveva epurato le sue memorie da ogni riferimento a intercettazioni e soluzioni. Agli storici ufficiali non era stato detto di Ultra: l'intercettazione, la soluzione e lo sfruttamento dei messaggi tedeschi in codice durante la seconda guerra mondiale.

Le rivelazioni di Winterbotham hanno mostrato quanto i comandanti alleati sapessero dei piani tedeschi, dei rifornimenti, dell'ordine di battaglia e molto altro ancora, e quindi come gli Alleati avessero vinto la guerra in modo più rapido ed economico in uomini e materiali di quanto avrebbero altrimenti potuto fare. Alcuni giornalisti e storici hanno affermato che le rivelazioni dell'Ultra avrebbero richiesto una riscrittura totale della guerra.

Questa era un'iperbole. Nella migliore delle ipotesi, la conoscenza di Ultra ha aiutato a spiegare perché alcune cose sono accadute non ha cambiato gli eventi. Tuttavia, come ha affermato il critico letterario George Steiner, la rottura e lo sfruttamento dei crittogrammi tedeschi è stata la più grande conquista britannica del ventesimo secolo.

Non so perché a Winterbotham, che gestiva il sistema di distribuzione estremamente limitato delle intercettazioni risolte ai comandanti militari, sia stato permesso di rivelare questo segreto ben custodito prima delle altre decine di migliaia di decodificatori della seconda guerra mondiale. Molti di loro erano stati più centrali di lui nella produzione e nell'impiego di questa intelligenza vitale, e avevano mantenuto il segreto per decenni.

Ho saputo in seguito perché il governo di Sua Maestà aveva deciso di pubblicare la storia dopo tre decenni di silenzio. Alla fine delle ostilità europee nel 1945, gli Alleati raccolsero migliaia di macchine Enigma dalla Luftwaffe, dalla Kriegsmarine, dalle SS, dalle forze di terra dell'ex Wehrmacht, persino dall'amministrazione ferroviaria. Ben presto iniziò la decolonizzazione e i nuovi membri indipendenti del Commonwealth britannico - India, Pakistan, Nigeria, Ghana e gli altri - chiedevano a gran voce sistemi crittografici per i loro diplomatici e i loro soldati. Solo un'azienda al mondo, la Cryptoteknik dello svedese Boris Hagelin, vendeva macchine per la cifratura in qualsiasi quantità. Alcuni dei nuovi paesi hanno acquistato queste macchine. Altri si sono rivolti all'ex madrepatria per chiedere aiuto. La Gran Bretagna ha offerto loro gli Enigmi in eccesso, sistemi più sicuri di quelli di Hagelin.

Ora, i funzionari di questi paesi non erano così ingenui da pensare che, se la Gran Bretagna avesse fornito loro macchine per la cifratura, non sarebbe stata in grado di leggerle. Ma erano meno preoccupati per la Gran Bretagna che per i loro vicini: il Pakistan era preoccupato per l'India, per esempio. Quei paesi, molti dei quali nel Terzo Mondo, non avevano e non potevano comprare l'esperienza crittoanalitica per rompere Enigma. Molti paesi hanno acquistato le macchine a codice.

Tuttavia, l'Enigma era elettromeccanico. Aveva rotori, nottolini e contatti. All'inizio degli anni '70, le macchine si erano esaurite. I paesi li hanno sostituiti con crittosistemi più avanzati, spesso elettronici. A questo punto, la Gran Bretagna non doveva più tenere segreto il fatto che poteva leggere i messaggi crittografati da Enigma.

Sir Joe Hooper, un ex capo dell'agenzia britannica di decodificazione dei codici, mi ha spiegato tutto questo. Eravamo in una sala decorata del Foreign and Commonwealth Office britannico, lo stesso edificio in cui il ministro degli Esteri Sir Edward Grey, osservando i lampionai a Whitehall alla vigilia della prima guerra mondiale, disse: "Le lampade si stanno spegnendo in tutta Europa. Non li vedremo più accesi nel corso della nostra vita”. Per me, come storico della crittografia, il momento è stato quasi altrettanto storico.

Il libro di Winterbotham mi ha stupito, affascinato e dispiaciuto, forse più di chiunque altro. Il mio libro I Codebreaker, pubblicato nel 1967, non aveva nulla sulla più grande storia crittologica di tutti i tempi. Sapevo che diecimila persone lavoravano a Bletchley Park, il centro britannico di decodificazione dei codici, ma non riuscivo a scoprire cosa facessero o che effetto avessero avuto. Non conoscevo nessuno che potesse parlare, e sebbene durante le ricerche su quel libro avessi scritto Winston Churchill e Dwight Eisenhower, chiedendo quale effetto avesse avuto la decrittazione del codice sulla guerra, nessuno dei due aveva risposto.

Più tardi, nell'estate del 1974, mia moglie e mio figlio erano in vacanza a Jesolo, vicino a Venezia, e io dovevo unirmi a loro. Volevo saperne di più sulla soluzione Enigma. La Francia era in viaggio per l'Italia e il generale Bertrand accettò di lasciarmi intervistare. L'ho incontrato il 12 luglio all'Hôtel la Tour de l'Esquillon, in cima a una scogliera ai margini del Mediterraneo a Théoule-sur-Mer, vicino a Nizza. Tra gli altri dettagli, come quello che la crittoanalisi francese aveva ottenuto nei primi mesi di guerra, volevo conoscere l'identità della spia.

Ma sebbene Bertrand fosse d'aiuto su altre questioni, dicendo che l'uomo era stato catturato e fucilato poco prima della guerra e che suo fratello era un famoso generale di panzer, ha rifiutato di nominarlo. Mi scusai e feci una telefonata a Walther Seifert a Osnabrück, nella Germania occidentale. L'avevo intervistato due volte per il mio libro Le spie di Hitler. Seifert, basso, naso carlino, fumatore di sigari, era stato il capo della valutazione del... Forschungsamt, l'agenzia in cui in seguito aveva lavorato la spia di Bertrand. Il Forschungsamt aveva lasciato poche tracce documentarie nella Germania nazista, e avevo bisogno di venirne a conoscenza. Seifert era estremamente interessato al suo lavoro ed era bravo. Lui e io siamo andati molto d'accordo sono stati tra i miei colloqui più produttivi.

Quando ha risposto alla mia telefonata di Théoule, gli ho chiesto se qualche impiegato del Ministero della Difesa... Chiffrierstelle e poi il Forschungsamt era mai stato arrestato per aver tradito informazioni segrete. Dapprima diede il nome di un Plaas, fucilato nel 1944, ma poi ci ripensò e osservò che Plaas non aveva mai prestato servizio nella Chiffrierstelle.

Poi disse che Hans-Thilo Schmidt, a Forschungsamt dipendente sotto di lui, aveva lavorato nel Chiffrierstelle. Ha detto che intorno al 1942 fu catturato e fucilato per aver dato informazioni al nemico. Lo aveva fatto per soldi e donne. Seifert lo ha caratterizzato come a Waschlappen- uno straccio, un debole. E ha detto che suo fratello era un generale panzer! (Questo era il colonnello generale Rudolf Schmidt, che comandò il XXXIX Panzer Corps in Russia e poi sostituì il generale Heinz Guderian, il famoso apostolo tedesco della guerra tra carri armati, come comandante della Seconda Armata Panzer. Era uno dei preferiti di Hitler.)

Ho ringraziato Seifert, ho riattaccato, sono tornato da Bertrand e gli ho presentato queste informazioni. Speravo che lo avrebbe scioccato in una conferma. Non è stato così. Ha rifiutato di confermare o smentire l'identificazione, dicendo che la moglie e i figli dell'uomo erano ancora vivi e non dovevano essere esposti a questa ulteriore mortificazione.

Poche settimane dopo, il 7 agosto, Seifert digitò il nome di Schmidt in una lettera e aggiunse che era un membro del partito nazista. Ho controllato i registri del partito nel Berlin Document Centre, un archivio sotto il controllo americano, e ho trovato la tessera di Hans-Thilo Schmidt. Nato il 13 maggio 1888, si era iscritto al partito il 1° dicembre 1931, come iscritto numero 738.736.

Poi, ottenendo il certificato di servizio di suo fratello, ho appreso i nomi dei suoi genitori: suo padre era un "Professor Doktor", un titolo prestigioso in Germania, e sua madre era una baronessa. Quel documento mostrava anche che Rudolf, un ufficiale dei segnali nella prima guerra mondiale, aveva servito come capitano dal 1926 al 1928 come capo della Chiffrierstelle, l'unità che ha violato i codici stranieri e ha ideato e autorizzato i sistemi crittografici per l'esercito tedesco. Nella Germania oppressa dalla depressione e dall'inflazione, aveva dato a suo fratello minore un lavoro in quell'unità.

Ora conoscevo l'identità della più grande spia della seconda guerra mondiale. Ma non ho avuto occasione di usarlo. Poi, quando il libro di Winterbotham fu pubblicato in America nel 1974, lo recensii per Il New York Times. L'ho elogiato, dicendo che la decrittazione britannica, e poi americana, è stata "il più grande segreto della seconda guerra mondiale dopo la bomba atomica". Ho raccontato la storia della spia e ho dato il suo nome. Era la prima volta che veniva identificato pubblicamente, e credo che tutti i successivi riferimenti possano essere ricondotti a questa affermazione.

Ho inviato una copia della recensione a Bertrand, pensando che lo avrebbe interessato. Di ritorno arrivò una nota furiosa che diceva: "Non ti nascondo che sono molto arrabbiato per l'indiscrezione che hai commesso nello svelare il nome dell'impiegato del Centro di cifratura, che avevo sempre accuratamente nascosto, poiché suo fratello e il suo moglie (così come i suoi figli) sono ancora in vita”. Bertrand confermò così inavvertitamente che l'identificazione era corretta.

In realtà il fratello era morto nel 1957 non so della vedova, ma viveva ancora una figlia. Ulteriori conferme sono arrivate, ho scoperto in seguito, da due fonti tedesche. Un articolo del 1967 dello storico dell'intelligence tedesco Gert Buchheit affermava che "Thilo Schmidt" aveva fornito alcuni dettagli su Enigma ai francesi, ampliandolo nel suo libro del 1975 Spionaggio a Zwei Weltkriegen. E i diari del ministro della propaganda nazista Josef Goebbels, pubblicati in parziale traduzione inglese nel 1948, menzionano nella nota del 10 maggio 1943, l'arresto per tradimento del fratello del colonnello generale Schmidt. (Bertrand si era sbagliato quando aveva detto che Schmidt era stato catturato prima della guerra.) Il traditore non è stato nominato e nessuno sembra aver prestato attenzione alla notizia.

Infine, per il suo libro sulla decrittazione alleata, Enigma (2001), l'autore britannico Hugh Sebag-Montefiore ha sorprendentemente rintracciato la figlia di un uomo il cui cognome era Schmidt. Ha raccontato di un padre che ha sedotto le sue domestiche, confermando in qualche modo l'affermazione che aveva tradito il suo paese per soldi e donne. Ha così riempito l'immagine umana dell'uomo che è, a mio avviso, non solo la più grande spia della seconda guerra mondiale, ma anche forse la spia più importante di tutti i tempi.

Il contributo di Schmidt, tuttavia, racconta solo metà della storia della soluzione Enigma. Come hanno fatto i polacchi a farlo quando inglesi e francesi, che avevano anche quelle informazioni, avevano fallito? La storia ruota ancora una volta intorno a Oxford.

A cavallo tra il 1973 e il 1974, il preside della facoltà di storia moderna di Oxford mi chiese di aiutare un altro dottorando con la sua tesi sull'intelligence durante le guerre napoleoniche. Lo studente, Alfred Piechowiak, mi ha incontrato a febbraio a casa mia.Ho offerto quel poco di aiuto che potevo, e in una conversazione, allora o più tardi, ha detto che suo padre, un tenente colonnello in pensione dell'esercito polacco, era stato nell'intelligence durante la seconda guerra mondiale e aveva alcuni documenti che si occupavano di decodificazione. Naturalmente, ho chiesto se potevo vederli. Egli acconsentì prontamente e il 26 luglio andammo a casa loro a South Hinksey, un sobborgo di Oxford.

Mi diedero una copia carbone viola di trentadue pagine di un dattiloscritto anonimo intitolato "Enigma, 1930-1940". Era in polacco e pesantemente matematico. Non riuscivo a capirne niente, ma Piechowiak me ne tradusse una parte oralmente. Con il suo permesso, l'ho fotocopiato.

A quel punto Tadeusz Lisicki, un colonnello in pensione che viveva in Inghilterra, mi aveva contattato, probabilmente perché la storia di Enigma si stava rompendo e sapeva che avevo scritto di crittografia. Mi disse che Henryk Zygalski, uno dei tre originali risolutori di Enigma, viveva in Inghilterra. Il 29 luglio, Lisicki ed io abbiamo intervistato Zygalski nella sua casa di Liss, circa 30 miglia a sud-ovest di Londra. Ero entusiasta di incontrare un uomo che aveva contribuito a una crittoanalisi che aveva avuto effetti di così vasta portata. Non mi forniva dettagli tecnici, che comunque sarebbero nebbiosi sessant'anni dopo l'evento, ma a colori: dove lavoravano i crittoanalisti, in particolare.

Mi scrisse anche il nome e l'indirizzo a Varsavia del suo ex collega, Marian Rejewski, che si rivelò il principale risolutore dell'Enigma e l'autore del dattiloscritto anonimo. Oltre a Zygalski, Rejewski fu l'unico sopravvissuto dei tre crittoanalisti originali.

Lisicki ha identificato le correzioni sul dattiloscritto come nella calligrafia di Rejewski. Alla fine, credo che attraverso Lisicki, abbia raggiunto un pubblico più ampio. Ciò contribuì a spiegare perché la Polonia fosse stata l'unica nazione a risolvere l'Enigma sebbene altri due paesi avessero avuto le informazioni da Schmidt.

Uno dei motivi era che la Polonia aveva più bisogno: la Germania tuonava minacce contro di essa più che contro gli altri, odiando che gran parte della terra polacca fosse stata un tempo posseduta dalla Germania, furiosa che il corridoio polacco dividesse la Prussia orientale da quella occidentale, risentita dell'indipendenza di quella era stato un tempo il porto tedesco di Danzica, chiedendo la "rettifica" dei suoi confini.

L'altro motivo era che la Polonia aveva una maggiore capacità crittoanalitica. Con più lungimiranza degli altri paesi, è stato l'unico dei tre ad impiegare matematici come crittoanalisti e solo la matematica potrebbe consentire di ricostruire i cablaggi interni del rotore Enigma. Successivamente, ho corrisposto in tedesco, la nostra migliore lingua comune, con Rejewski, completando alcuni dettagli del lavoro.

Il suo memorandum è stato successivamente tradotto e pubblicato. Descriveva come la crittoanalisi fosse avanzata abbastanza bene, ma poi si fosse bloccata. Poi Rejewski ricevette le informazioni di Schmidt. Ha convertito alcuni dei termini sconosciuti nelle equazioni crittoanalitiche in termini noti, consentendo a Rejewski di risolverli. In un commento, ha generosamente riconosciuto, "il materiale informativo fornitoci dovrebbe essere considerato decisivo per la soluzione della macchina". Quindi ha insinuato indipendentemente ciò che avevo già concluso: che Hans-Thilo Schmidt era la spia più importante della seconda guerra mondiale.

Questa storia non può essere completata senza menzionare due notevoli coincidenze. Uno è che il trisnonno dell'autore Sebag-Montefiore, Sir Herbert Leon, un tempo possedeva Bletchley Park, la sede della decodificazione britannica della seconda guerra mondiale.

L'altro è l'ironia più squisita nella storia dell'intelligence. Come capo del Chiffrierstelle, Rudolf Schmidt approvò l'uso della macchina cifratrice Enigma che suo fratello in seguito tradì!

Pubblicato originariamente nel numero dell'autunno 2007 di Trimestrale di storia militare. Per iscriverti, clicca qui.


Nel 2001, l'uscita del lungometraggio Enigma ha suscitato un grande interesse per il mondo di tweed dei bifolchi che hanno infranto i codici segreti di comunicazione della Germania nazista in tempo di guerra. Ma non tutti coloro che hanno visto Dougray Scott nel ruolo principale del film si sono resi conto che il titolo si riferiva a una macchina come una macchina da scrivere, che crittografava i messaggi segreti.

Ancora meno persone sapevano che questo pezzo di hardware spettrale è stato inventato da un tedesco (basato su un'idea di un olandese), che le informazioni su di esso sono trapelate ai francesi e che è stato ricostruito da un polacco, prima di essere offerto a I decodificatori britannici per decifrare il traffico dei segnali tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Come risultato delle informazioni ottenute attraverso questo dispositivo, è stato affermato, le ostilità tra la Germania e le forze alleate sono state ridotte di due anni.

L'importanza dell'intelligenza dei segnali divenne evidente durante la prima guerra mondiale.

L'importanza dell'intelligence dei segnali divenne evidente durante la prima guerra mondiale, poiché il personale della British Admiralty's Room 40, sotto il comando del capitano Reginald 'Blinker' Hall, lavorava per intercettare le comunicazioni tedesche.

Tra questi, famoso, c'era il telegramma di Zimmermann, un messaggio del ministro degli esteri tedesco al suo ambasciatore a Città del Messico che lo informava dei piani per invadere gli Stati Uniti. Quando furono informati di questi piani, i funzionari di Washington furono comprensibilmente turbati e si affrettarono a far entrare gli Stati Uniti in guerra.


Il "Enigma universale" simulazione

Anche se qualsiasi decodificatore serio vuole essere preparato per ciò che è là fuori, creare e mantenere simulazioni separate per tutti i diversi modelli sarebbe piuttosto noioso. Questo è dove il "Enigma universale" arriva. Contiene praticamente ogni modello con rotori a 26 posizioni che ha specifiche sufficientemente documentate disponibili in questo momento. Inoltre, è anche dotato di a Stecker-Uhr e, dalla versione 2.5, con il riflettore ricablabile UKW-D.

Ovviamente non esisteva davvero un tale Enigma, storicamente! Tuttavia, raggruppare tutto in un'unica entità uniforme ha il vantaggio di rendere disponibili tutti i modelli in qualsiasi momento e in modo compatto, il che rende possibile passare facilmente da uno all'altro e confrontare le loro caratteristiche e funzionalità. (Dal rilascio di Enigma universale, questo approccio è stato ampiamente adottato per la simulazione Enigma.) Ogni preset del modello selezionato si comporterà come una simulazione separata, comprese le possibili limitazioni per la selezione della ruota, il tipo di riflettore e così via. Ma oltre a questo, a "Modalità personalizzata consente l'impostazione individuale delle funzionalità (incluso il meccanismo di azionamento delle ruote) e la combinazione libera di tutti i componenti inclusi, quindi per la creazione di modelli Enigma completamente nuovi!


I tedeschi impiegano per la prima volta la macchina di codifica Enigma - STORIA

Utilizzando processi di intelligenza artificiale su 2.000 server DigitalOcean, gli ingegneri di Enigma Pattern hanno compiuto in 13 minuti e al costo di soli $ 7 l'impresa per cui Alan Turing e Gordon Welchman, lavorando su una base fornita da crittografi polacchi, hanno costruito le macchine Bombe e Colossus a Bletchley Parco durante la seconda guerra mondiale.

Il 23 giugno è stato l'anniversario della nascita di Alan Turing - il 2018 è stato il 106° - e questa notizia è emersa di conseguenza. Nel frattempo abbiamo pubblicato la notizia che la replica Bombe si era trasferita in una nuova sede nella sua galleria dedicata al TNMOC, il National Museum of Computing del Regno Unito, nel parco di Bletchley Park, vicino al colosso ricostruito. Se si considera che la decifrazione del codice a Bletchley Park ha utilizzato 210 Bombe insieme a un massimo di 10 macchine Colossus sono state utilizzate per l'attività quotidiana di decifrazione del codice, è possibile vedere che Enigma Pattern utilizzava l'intelligenza artificiale con buoni risultati e che il costo della potenza di calcolo richiesta per un numero estremamente impegnativo lo scricchiolio si è infatti ridotto drasticamente.

Enigma Pattern è una startup che utilizza AI e Machine Learning per aiutare le aziende che raccolgono big data a metterli in pratica. Poiché l'intelligenza artificiale è ancora una disciplina così nuova e l'azienda è alla ricerca di nuovi usi per l'intelligenza artificiale, i suoi dipendenti trascorrono il 20 percento del loro tempo in progetti collaterali a loro scelta che incoraggiano gli usi fuori dagli schemi dell'intelligenza artificiale.

Lukasz Kuncewicz, un cofondatore di Enigma Pattern e il suo responsabile della scienza dei dati, desideroso di ripercorrere le orme di Turing, ha deciso di applicare le moderne tecniche di intelligenza artificiale per rompere la macchina "indistruttibile" Enigma utilizzata dai nazisti per crittografare i messaggi dal suo alto comando per controllarne il funzionamento. Ha anche scelto questo progetto per fare riferimento alla storia comune di inglesi e polacchi usando l'intelligenza umana per superare i più grandi ostacoli della seconda guerra mondiale. dato che il terzo cofondatore dell'azienda, Mike Gibbons, è britannico.

Secondo il co-fondatore di Enigma Pattern, Rafal Janczyk, il progetto è partito dalla domanda:

'Cosa sarebbe in grado di fare Alan Turing al giorno d'oggi se avesse l'attuale potenza di calcolo e tutto lo sviluppo intorno all'IA.'”

Kuncewicz decise di ricreare la versione della macchina della marina nazista, che era la più sofisticata e forniva oltre 15 miliardi di varianti di password. Il suo team ha iniziato ricreando la macchina, i rotori e le spine in Python. Inizialmente, hanno cercato di insegnare alla loro intelligenza artificiale a decodificare il codice Enigma stesso, ma non ha funzionato. Né le funzioni Lambda di Amazon, a causa della quantità di calcoli richiesti e delle limitazioni di AWS relative al tempo di esecuzione. La svolta è arrivata quando Digital Ocean ha accettato di fornire 1.000 ML di goccioline 1-Click.

Come descritto su GitHub, dove puoi trovare il codice per il progetto, così come il simulatore Enigma di cui avevano bisogno per addestrare un'intelligenza artificiale a classificare la lingua tedesca. Questo è stato fatto usando Keras su TensorFlow con le Fiabe di Grimm come fonte di semplice vocabolario. I ricercatori hanno utilizzato una rete neurale ricorrente a due strati (primo strato: 50 neuroni LSTM, secondo strato: semplice neurone sigmoideo come output). Hanno addestrato la rete su parole tedesche di 10 lettere contro stringhe casuali di 10 lettere commentando:

Poiché sono MOLTO diversi, anche questo semplice approccio si è rivelato vincente.

In un post sul blog che riportava il progetto nel settembre 2017, Kuncewicz ha scritto:

Ricordo ancora quando abbiamo gestito l'intero progetto per la prima volta. Dopo pochi minuti, due cose sono diventate evidenti. La buona notizia era che il progetto stava funzionando come un incantesimo, il simulatore Enigma stava testando le combinazioni e l'intelligenza artificiale stava classificando i messaggi decifrati. La cattiva notizia era che ci sarebbero volute 2 settimane per trovare la password.

La soluzione è stata quella di distribuire il carico computazionale su più server virtuali e l'utilizzo di 1.000 gocce di Digital Oceans ha ridotto il tempo a 19 minuti con 13 milioni di combinazioni testate al secondo. Più tardi nel 2017, e all'Imperial War Museum di Londra, il numero di goccioline è stato raddoppiato a 2.000, che ha attraversato 41 milioni di combinazioni al secondo, e il tempo impiegato per decifrare il codice è stato ridotto a 13 minuti. Il fatto notevole riportato da Digital Ocean è stato che il costo sostenuto è stato di soli $7.

È la potenza computazionale di oggi a prezzi accessibili che significa che possiamo aspettarci che l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico risolvano problemi che sembravano intrattabili anche nel recente passato.

Per dare l'ultima parola a Janczyk di Enigma Pattern che vede il suo lavoro come quello di trovare nuovi usi per l'IA:

"Con AI e ML, c'è una quantità illimitata di possibilità, che è ciò che lo rende così eccitante."


Macchina Enigma della Seconda Guerra Mondiale trovata al mercato delle pulci venduta per $ 51.000

Ogni appassionato di mercatino delle pulci sogna il giorno in cui troverà un vero tesoro. Non molto tempo fa, quel giorno arrivò per un collezionista in un mercatino delle pulci a Bucarest, in Romania, che trovò una macchina tedesca Enigma intatta, il gadget di codifica super-segreto utilizzato dal Terzo Reich durante la seconda guerra mondiale. Dopo aver pagato circa $ 114 per la macchina, Reuters riferisce che la macchina per la crittografia è stata venduta all'asta per circa $ 51, 620 a un offerente online anonimo all'inizio di questa settimana.

Il venditore non era un normale acquirente di un negozio dell'usato. "Apparteneva a un matematico che ha passato la maggior parte della sua vita a decifrare codici", racconta Judith Vonberg alla CNN. Mentre il venditore del mercato delle pulci pensava che la macchina fosse una macchina da scrivere unica, il matematico sapeva esattamente cosa stava comprando e si sentiva "in dovere di acquistarlo".

Non ha venduto subito l'Enigma. Invece, riferisce Vonberg, ha armeggiato con la macchina, pulendo, riparandola e scoprendo come funziona. George Dvorsky di Gizmodo riferisce che la macchina è stata prodotta a Berlino dai produttori Heimsoeth & Rinke nel 1941 e che la macchina è funzionante e ancora nella scatola di legno originale, entrambe rarità.

La macchina Enigma è il dispositivo di crittografia più leggendario della storia moderna. Originariamente sviluppata all'inizio degli anni '20, la tecnologia è stata adottata dalle forze armate tedesche tra la fine degli anni '20 e l'inizio degli anni '30. La macchina essenzialmente ha permesso al suo operatore di codificare i messaggi impostando i rotori in una certa posizione. Se l'operatore dall'altra parte conoscesse l'impostazione del rotore, potrebbe decifrare il messaggio. In caso contrario, le comunicazioni di Enigma erano quasi impossibili da decifrare.

Ma le forze alleate hanno rotto le macchine. Lavorando con i documenti ottenuti dall'intelligence francese, il Polish Cipher Bureau è stato in grado di ricostruire una versione della macchina Enigma, che gli ha permesso di decifrare i comunicati tedeschi entro il 1933. I polacchi hanno passato il loro lavoro agli inglesi nel 1939 prima che fossero invasi. Una volta iniziata la guerra, le macchine e i codici Enigma sono diventati più complicati. Fu allora che il matematico Alan Turing e i decifratori di Bletchley Park presero il comando, creando sistemi in grado di tenere il passo e rompere i codici Enigma in continua evoluzione. Secondo Reuters, i tedeschi erano così sicuri che il loro codice non potesse mai essere decifrato che si affidavano a esso per tutti i tipi di comunicazione. Alcuni credono che decifrare il codice Enigma abbia accorciato la seconda guerra mondiale di due anni. I contributi di Turing alla guerra sono presenti nel film candidato all'Oscar Il gioco dell'imitazione.

Dalla fine della guerra, le varie iterazioni delle macchine Enigma sono diventate oggetti da collezione. Dvorsky riferisce che circa 20.000 delle macchine sono state prodotte prima e durante la seconda guerra mondiale, ma si sa che solo una cinquantina sono rimaste nei musei con un numero imprecisato detenuti da collezionisti privati. La macchina del mercato delle pulci è la più comune macchina Enigma I a tre rotori. Secondo Dvorsky, un Enigma M4 più raro, con quattro rotori, è stato venduto per $ 365.000 nel 2015. E solo a giugno Christie's a New York ha venduto un Enigma a quattro rotori per un record di $ 547.500.

A proposito di Jason Daley

Jason Daley è uno scrittore di Madison, Wisconsin, specializzato in storia naturale, scienza, viaggi e ambiente. Il suo lavoro è apparso in Scoprire, Scienza popolare, Al di fuori, Diario maschile, e altre riviste.


Mein Enigma

La macchina di codifica tedesca Enigma della seconda guerra mondiale è una specie di icona nei circoli ingegneristici non solo per la sua ingegnosità meccanica, ma per il lavoro del personale di guerra a Bletchley Park nella decodifica dei suoi messaggi. Senza di essa non avremmo avuto Colossus, il primo computer elettronico digitale programmabile, e i successivi sviluppi tecnologici avrebbero potuto rallentare il passo verso ciò che oggi diamo per scontato.

Purtroppo per gli appassionati di Enigma, però, le macchine reali sono ormai poche e lontane tra loro. La generazione dei nostri nonni ha provveduto a questo attraverso il caos e i bombardamenti della lotta in tutta Europa. Se vuoi gestirne uno dovrai avere una somma di denaro oltraggiosa, lavorare per un museo o forse per l'archivista del GCHQ.

Questo non ha impedito alla nostra comunità di creare repliche di Enigma, e l'ultima che è giunta alla nostra attenzione qui ad Hackaday mostra alcune promesse. [lpaseen]’s meinEnigma è un Enigma elettronico guidato da un Arduino Nano, con encoder rotativi per rappresentare i rotori Enigma e display alfanumerici multi-segmento che sostituiscono le lettere illuminate nell'originale. Supporta tutte le diverse varianti di rotori dall'originale nel software, ha una scheda fisica e una porta seriale su USB attraverso la quale tutte le funzioni della macchina possono essere controllate. La macchina così com'è è un prototipo completamente funzionante, il piano è che la macchina finale assomigli il più possibile all'originale.

Nel corso degli anni abbiamo presentato alcune macchine Enigma su Hackaday. Uno è stato costruito in un orologio da polso, un altro in un giocattolo per bambini hackerato, ma l'obiettivo più vicino all'offerta di [lpaseen] è questa replica piuttosto attraente, anch'essa guidata da un Arduino. Vale anche la pena ricordare che se i tuoi viaggi dovessero mai portarti nel Buckinghamshire, puoi visitare il Bletchley Park Museum e il vicino National Museum of Computing, per ottenere la storia di Enigma e Colossus dalla fonte.


"Decodificare i segreti nazisti"

Durante il seguente programma, cerca i marcatori Web di NOVA che ti portano a maggiori informazioni sul nostro sito Web.

NARRATORE: Nella primavera del 1946, arrivò l'ordine di distruggere tutti i registri di quella che era stata l'operazione più segreta degli Alleati durante la seconda guerra mondiale: l'unità di decodifica a Bletchley Park.

DONNA NON IDENTIFICATA: Tutto è stato distrutto, non è rimasto un pezzo.

NARRATORE: A metà del 1940, l'esercito tedesco aveva conquistato tutta l'Europa occidentale. Hitler stava stringendo il cappio intorno alla Gran Bretagna. Nell'Atlantico, gli U-Boot tedeschi stavano decimando i convogli alleati, minacciando di tagliare l'unica ancora di salvezza della Gran Bretagna. Ma Churchill aveva un'arma segreta, l'establishment militare più strano del mondo. Fanatici dei cruciverba, campioni di scacchi, matematici, studenti e professori, americani e britannici, sono venuti tutti qui con un obiettivo comune: svelare i segreti dell'Enigma, una macchina che nascondeva i piani di guerra della Germania in un codice apparentemente indecifrabile. Se Enigma potesse essere penetrato, tutto ciò che Hitler tramava sarebbe noto in anticipo. A Bletchley Park si svolse una delle imprese più sorprendenti della Seconda Guerra Mondiale. Molti qui non avevano mai visto un codice prima, ma era compito loro trovare un modo per decifrare Enigma. Nel processo, hanno ideato ingegnose macchine per la decodifica del codice che erano i precursori del computer moderno. Ma tutto ciò che hanno fatto è rimasto riservato per 30 anni. Stasera NOVA rivela i segreti degli uomini e delle donne che hanno contribuito a cambiare le sorti della vittoria e plasmare il futuro.

Importanti finanziamenti per NOVA sono forniti dalla Fondazione Parco, dedicata all'istruzione e alla televisione di qualità.

C|Net, mettendo al centro l'era digitale. C|Net.com, la fonte di computer e tecnologia.

Questo programma è finanziato in parte dalla Northwestern Mutual Life, che da generazioni protegge famiglie e imprese. Hai sentito dalla società tranquilla? Vita reciproca nordoccidentale.

E dalla Corporation for Public Broadcasting e dai contributi alla tua stazione PBS di telespettatori come te. Grazie.

NARRATORE: Nel 1939, la Germania introduce un nuovo devastante tipo di guerra, la guerra lampo. I fulmini di carri armati e aerei mettono l'Europa in ginocchio. Blitzkrieg dipende dalla sorpresa, richiedendo una comunicazione rapida. Quindi la radio è cruciale per i piani di attacco. Ogni giorno i cieli sono pieni di segnali radio tedeschi. L'alto comando tedesco ha formato migliaia di operatori wireless in preparazione alla conquista dell'Europa. Il loro compito è essere in grado di interpretare il codice Morse in qualsiasi condizione. Ma c'è ancora il problema di come mantenere segreti i messaggi.Quindi l'esercito tedesco ha adottato una macchina per la creazione di codici apparentemente invincibile. L'Enigma trasforma un messaggio in parole incomprensibili, lettera per lettera. Quando il messaggio viene inviato in codice Morse, tutto ciò che un nemico vedrebbe è una stringa di lettere senza significato. Ma quando l'operatore tedesco all'estremità ricevente riscrive le lettere in codice nella sua macchina Enigma, appare il vero messaggio. In questo modo i piani di guerra vitali rimangono totalmente segreti. L'alto comando non smette mai di credere nella sicurezza di Enigma. Sono così fiduciosi che schierano l'Enigma in tutta la macchina da guerra tedesca. Non immaginano mai cosa sarebbe successo a Bletchley Park.

NARRATORE: Questa è la macchina che l'alto comando tedesco credeva avrebbe protetto i loro segreti. Questo è l'enigma.

TONY SALE: La sua complessità è enorme. Voglio dire, se inviassi solo un messaggio su una macchina Enigma oggi, ci vorrebbe ancora un computer Super Cray, il più veloce del mondo, un anno per cercare quel messaggio senza supportare prove su cosa potrebbe essere stato quel messaggio .

NARRATORE: Molto prima dell'inizio della guerra, le onde radio erano piene di messaggi in codice mentre Hitler si preparava per la battaglia. Decifrare i codici tedeschi divenne la priorità di una speciale unità di intelligence britannica. Nel 1938, l'unità, nota come Government Code and Cipher School, o GC&CS, si trasferì a Bletchley Park, un palazzo decorato a 50 miglia a nord di Londra. Da questa stanza sul tetto, gli operatori wireless hanno contattato le stazioni di ascolto in tutta la Gran Bretagna che stavano intercettando i messaggi tedeschi. Il nome in codice di Bletchley Park era Station X. La sfida di rompere l'Enigma richiedeva un talento speciale. GC&CS ha iniziato a reclutare.

ANDREW HODGES: Le persone che qualche anno prima erano considerate troppo giovani e non sapevano nulla di importante, di non essere persone reali, di non avere, di non essere grandi persone significative, improvvisamente erano le persone che detenevano le chiavi del reich.

ARTHUR J. LEVENSON: La decrittazione dei codici era una professione alquanto esoterica. Ma non era chiaro esattamente chi sarebbe stato un buon decodificatore. Alle persone reclutate è stato chiesto se facevano i cruciverba. E se dicevano che lo facevano e si divertivano a farli, e li facevano bene, in genere era abbastanza per farti entrare. Abbiamo scoperto che persone di un'intera varietà di background se la cavavano molto bene. Antropologi, egittologi, paleontologi e persino un avvocato occasionale si sono rivelati avere il talento.

NARRATORE: Bletchley Park si è evoluto in un'operazione unica in cui la disciplina militare, le uniformi e il grado non avevano più importanza. L'unico imperativo era rompere l'Enigma, e romperlo il più presto possibile.

DONALD MICHIE: A quell'età puoi semplicemente prendere fuoco e fiammeggiare, un po' fuori di testa con entusiasmo e dedizione, non sei sposato, non devi preoccuparti dei bambini e dell'affitto e così via. E durante quel breve periodo della tua vita puoi vivere come un pazzo e, sai, non dormire quasi e - determinato a farlo.

NARRATORE: Ma la giovinezza e la determinazione non sono bastate. I matematici furono arruolati per affrontare la scoraggiante complessità dell'Enigma. Solo un approccio completamente nuovo alla decifrazione del codice potrebbe aiutare a penetrarne i segreti. Ma se il lavoro a Bletchley Park doveva avere successo, era essenziale l'assoluta segretezza. Alcune delle reclute non avevano idea dello scopo del loro lavoro.

GWEN WATKINS: La maggior parte di noi che eravamo tra i... che dire, l'hoi polloi, i gradi inferiori, non hanno mai saputo cosa succedesse a Bletchley Park. L'unica volta che mi sono reso conto di cosa stavamo facendo è stato quando mi è stato mostrato un libro di codici che era stato appena catturato e portato di corsa a Bletchley da un aereo catturato, e ovviamente non avevamo buste di plastica o altro, la poverina è stata appena data per me com'era e sono rimasto inorridito nel vedere un'enorme macchia di sangue su di esso, il sangue intorno ai bordi si stava asciugando, ma il sangue nel mezzo era ancora bagnato e mi sono reso conto che da qualche parte c'era questo tedesco - questo equipaggio aereo tedesco sanguinante , ancora sanguinante mentre stavo decodificando - stavo scrivendo in tedesco moderno il loro nuovo libro di codici, e questo ha portato la guerra molto vicina.

NARRATORE: I tedeschi erano estremamente fiduciosi nell'Enigma. Il suo principio di base era semplice, ma poteva codificare i messaggi in milioni di modi diversi. Premendo un tasto della macchina da scrivere si accenderebbe una lettera completamente diversa. Una corrente elettrica veniva inviata dai tasti alle lettere attraverso una serie di rotori. Ogni volta che si premeva un tasto, un rotore girava, alterando il cablaggio e cambiando così la lettera che veniva prodotta.

TONY SALE: Il numero totale di modi in cui la macchina Enigma può essere configurata per un particolare messaggio è di 150 milioni di milioni di milioni. Quindi era un'enorme complessità ed era per questo che i tedeschi pensavano che fosse completamente sicuro.

NARRATORE: L'Enigma è stato sviluppato per la prima volta come dispositivo di crittografia commerciale negli anni '20 e brevettato a Londra. Le banche e le ferrovie tedesche furono tra i suoi primi clienti, ma l'esercito tedesco si rese presto conto del suo potenziale. Ogni giorno gli operatori tedeschi sul campo ricevevano una nuova serie di istruzioni dalla base su come impostare l'Enigma. Hanno dovuto fare tre regolazioni in modo che le macchine del mittente e del destinatario corrispondano. Innanzitutto, quali rotori inserire nella macchina e in quale ordine.

TONY SALE: I rotori contenevano uno dei segreti centrali della macchina Enigma, ovvero il cablaggio incrociato all'interno delle ruote. L'intero labirinto di cablaggi all'interno cambiava ogni volta che veniva inserita una lettera ed è questo che ha dato alla macchina Enigma la sua vasta complessità.

NARRATORE: Il secondo passo è stato quello di cambiare il cablaggio di ciascun rotore regolando l'anello di lettere attorno al cerchio - 26 combinazioni su ogni ruota. Il terzo passo è stato il plugboard. Usando le sue istruzioni segrete per il giorno, l'operatore poteva collegare ogni tasto della macchina da scrivere a una lettera completamente diversa.

TONY SALE: Questo era ciò che i tedeschi pensavano fosse l'assassino crittograficamente. Questo plugboard ti ha permesso di trasporre completamente le lettere, una coppia di lettere. Ora, poiché ci sono 26 prese sulla parte anteriore della macchina Enigma, puoi collegare queste coppie di lettere insieme in un numero assolutamente astronomico di combinazioni, circa un milione e mezzo di combinazioni che puoi usare sulla parte anteriore.

NARRATORE: Una volta che la macchina è stata impostata, il messaggio è stato codificato lettera per lettera. Queste lettere sono state poi inviate tramite codice Morse al destinatario all'altra estremità. I tedeschi non furono mai scossi nella loro fede nell'invincibilità di Enigma. All'inizio, tutti i decifratori di codici erano gruppi privi di significato di lettere in codice e pazienza infinita. E nei primi mesi di guerra le nuove reclute non andavano da nessuna parte.

TONY SALE: All'inizio della guerra c'è stata una grande difficoltà perché sebbene avessimo delle intercettazioni che sapevamo essere state cifrate usando la macchina Enigma, non conoscevamo abbastanza dettagli sulla macchina per essere in grado anche solo di iniziare a trovare un metodo di romperlo. A meno che tu non abbia la chiave esatta, non puoi andare da nessuna parte con essa e questa è una grande differenza rispetto a qualsiasi sistema di codice precedente, che la macchina Enigma, non c'è senso di vicinanza, non sei quasi a una soluzione . O hai la soluzione o non hai la soluzione.

NARRATORE: La ricerca di una soluzione è iniziata molto prima della guerra. A partire dal 1931 e continuando per sette anni, un impiegato dell'esercito tedesco incallito ottenne segretamente più di 300 documenti, comprese le istruzioni e le impostazioni per le macchine Enigma. Li vendette ai servizi segreti francesi, ma i loro crittografi mostrarono scarso interesse. Successivamente i documenti rubati sono stati offerti ai servizi segreti britannici. In questa fase, GC&CS era scettico sul fatto che Enigma potesse essere rotto e ha gentilmente rifiutato l'offerta. Alla fine i documenti andarono ai polacchi. Con la Germania con il fiato sul collo, la loro risposta è stata molto diversa. È stato raggiunto un accordo. Con i documenti rubati in mano, tre brillanti giovani matematici polacchi, Zygalski, Rozycki e Rejewski, si misero al lavoro sull'Enigma. I polacchi si resero presto conto che dovevano capire come i tedeschi avevano collegato la tastiera dell'Enigma al primo rotore. Poiché qualsiasi tasto della macchina da scrivere poteva essere collegato a qualsiasi lettera sul rotore, il numero di possibili ordini di cablaggio era astronomico. Ma se i polacchi riuscissero a risolverlo, sarebbe un primo passo fondamentale per rompere l'Enigma.

TONY SALE: Rejewski ha avuto un lampo di ispirazione e ha pensato, e se fossero stati così stupidi da usare semplicemente ABCD come ordine intorno al rotore, e avessero, tutta la moltitudine di milioni e milioni di modi in cui potevano hanno criptato la connessione dalla tastiera al punto di ingresso, e avevano appena scelto ABCD. E Marian Rejewski, disperato, ci ha provato, ha funzionato, e all'improvviso ha ottenuto i collegamenti interni dell'intera macchina delle forze armate tedesche.

NARRATORE: Ma nel 1939, alla vigilia dell'invasione della Polonia, i tedeschi aggiunsero un'ulteriore scelta di rotori all'Enigma ei polacchi non potevano più leggere nessuno dei messaggi. Disperati, invitarono funzionari britannici e francesi a un incontro segreto in una foresta vicino a Varsavia. Hanno rivelato come avevano precedentemente rotto l'Enigma. Gli inglesi rimasero sbalorditi.

TONY SALE: E Dilly Knox, era uno dei membri della squadra che è andato lì, e la prima cosa che ha chiesto a Rejewski è stata, qual è questa mappatura dalla tastiera al rotore di ingresso, e Rejewski ha detto, ABCD. E Dilly Knox ha detto, oh Dio, non ci abbiamo mai pensato, è troppo ovvio, perché non ci abbiamo pensato?

NARRATORE: Entro poche settimane da quell'incontro, la Polonia fu invasa e scoppiò la guerra. I crittografi polacchi avevano dato a Bletchley Park la loro replica della macchina Enigma, ma i rotori extra che i tedeschi avevano aggiunto significavano che i decifratori erano ancora all'oscuro. Con l'aumentare del flusso di messaggi tedeschi, finalmente cominciarono a vedere un modo per raggiungere l'impossibile. Il punto di partenza sono stati i messaggi stessi. Gli inglesi avevano istituito una rete mondiale di postazioni di ascolto radio gestite dai militari, dall'ufficio postale e persino dalla polizia di Londra. Erano conosciuti come stazioni Y.

JOAN NICHOLLS: Ovunque fossero i tedeschi, stavamo ascoltando. Quando c'era molta eccitazione, i fili ronzavano assolutamente con Morse, trasmettevano dappertutto. A volte avevamo davvero un crampo alle dita, cercando di scriverlo senza sosta.

NARRATORE: 24 ore su 24 e in tutto il mondo, migliaia di operatori scrivevano gruppi insignificanti di lettere in codice, la materia prima per Bletchley Park. Il loro approccio per decifrare l'Enigma iniziò con un'altra svolta polacca. Una delle procedure speciali seguite dai tedeschi nell'allestimento delle loro macchine era nota come doppio indicatore. Doveva essere il tallone d'Achille dell'Enigma. I fogli di istruzioni per ogni giorno dicevano all'operatore tedesco come impostare il suo Enigma. Hanno specificato l'ordine dei rotori e la posizione dell'anello di lettere attorno a ciascun rotore. I fogli fornivano poi le istruzioni per il cablaggio della scheda. Tutti gli Enigmi su una rete dovevano essere impostati in modo identico affinché il sistema funzionasse. Ma c'era un ulteriore livello di sicurezza. Se il nemico avesse catturato i fogli di istruzioni, sarebbe stato in grado di leggere tutti i messaggi. Per evitare ciò, ogni messaggio aveva la propria impostazione segreta del rotore, scelta dall'operatore. Per prima cosa l'operatore doveva scegliere tre lettere a caso. Li ha inviati in chiaro all'operatore all'estremità ricevente, consentendo all'altra persona di allineare la sua macchina in modo identico.

TONY SALE: Ma ora l'operatore doveva essere in grado di dire all'operatore all'estremità ricevente quali erano le impostazioni effettive del messaggio da cui avrebbe iniziato a cifrare il messaggio e che doveva essere trasmesso all'operatore dall'altra parte ma non rivelato a qualsiasi intercettore, e il modo in cui hanno scelto di farlo è stato quello di utilizzare la stessa macchina Enigma per nascondere questa impostazione del messaggio.

NARRATORE: Quindi l'operatore ha codificato un secondo gruppo di tre lettere come impostazione del messaggio segreto stesso.

TONY SALE: E supponiamo che abbia pensato a SWJ, e quando digita SWJ le lampade accendono ITV. Poiché i tedeschi ritenevano che le trasmissioni radio potessero essere inaffidabili, fecero un ulteriore passo avanti e in realtà chiesero all'operatore all'estremità dell'invio di digitare due volte l'impostazione del messaggio. Quindi la procedura era di digitare SWJ SWJ e annotare tutte e sei le spie accese e questo è stato un errore cruciale perché la ripetizione dell'impostazione del messaggio dà a un crittografo un punto di forza per scoprire di cosa si tratta realmente, le ripetizioni sono sempre cattive notizie in crittografia.

NARRATORE: Codificando due volte le stesse lettere, i tedeschi hanno dato ai decifratori il primo indizio sull'impostazione dei rotori Enigma. Presto ci fu un secondo indizio. I polacchi avevano notato una strana stranezza nel modo in cui funzionavano i rotori. In circa una intercettazione su otto, l'Enigma trasformava due volte una delle lettere nell'impostazione del messaggio nella stessa lettera codificata. L'errore di inviare due volte l'impostazione del messaggio stava rivelando un difetto nella macchina stessa. Sebbene fosse stato progettato per produrre lettere codificate casuali, c'erano alcune situazioni in cui l'Enigma era molto meno casuale di quanto credessero i tedeschi.

DONALD MICHIE: Non esiste una sequenza casuale, veramente casuale che può essere generata da una macchina puramente deterministica. Non può essere così. Fa parte della definizione di casualità che non può essere spiegata o prevista in alcun modo.

L'intero gioco del disegno di cifratura consiste nel progettare macchine che sono imperfette, devono esserlo, ma in cui le imperfezioni sono le più piccole e poco appariscenti possibile.

NARRATORE: È stato proprio un tale difetto a rompere l'Enigma. Bletchley Park chiamava le lettere ripetute "femmine". Solo poche configurazioni della macchina potevano produrre queste femmine. Se i decifratori ora si fossero fatti strada attraverso di loro, avrebbero trovato le impostazioni di quel giorno. I decodificatori hanno prodotto enormi carte, note come fogli di Jeffries, con fori perforati in una griglia alfabetica che rappresenta le posizioni delle ruote che potrebbero produrre femmine. Allineando questi fogli uno sopra l'altro, i decodificatori potevano cercare tra le posizioni delle ruote per scoprire come era stato impostato l'Enigma per quel giorno.

PAM BREWSTER: Erano, John Jeffries, erano davvero il suo bambino piuttosto speciale. Ed erano su una specie di carta a grammatura. Carta non molto spessa, hanno ottenuto molto orecchie da cane. E per quanto mi ricordo c'erano due alfabeti in quel modo e in quel modo. Era come risolvere un cruciverba molto difficile. Potresti davvero vederlo accadere. E il trionfo quando hai scoperto che funzionava, è stato affascinante.

LEVA: Meraviglioso. Assolutamente meraviglioso. Non c'è niente come vedere un codice rotto. Questo è davvero assolutamente il massimo.

LESLIE YOXALL: L'unica cosa che è stata molto interessante è che le persone erano molto riluttanti a tornare a casa alla fine del turno. C'era una certa quantità di "Spostati!" Sai "Fammi sedere e andare avanti con esso". La gente voleva restare lì.

ALAN ROGERS: In un'occasione facevo il turno di sera, ma quando è arrivata mezzanotte sono rimasto bloccato in un messaggio che era, mi aveva afferrato così tanto che ho lavorato fino all'ora di colazione. Dalle quattro del pomeriggio alla colazione del giorno successivo. Semplicemente perché questo doveva essere fatto.

NARRATORE: Nella primavera del 1941 si stava preparando la guerra navale nel Mediterraneo. Hitler aveva unito le forze con il fascista italiano Mussolini. Entrambi i dittatori sognavano imperi globali. Gli Alleati sapevano che i tedeschi avevano dato macchine Enigma agli italiani. Uno dei decifratori che ha cercato di violare i messaggi italiani è stata la diciannovenne Mavis Lever.

MAVIS LEVER: A volte dovevi passare l'intera notte assumendo ogni posizione che poteva esserci sulle tre diverse ruote, e lì le chiamavamo Rosse, Blu e Verdi, le ruote, penso che lo facessero anche loro. Quindi avresti dovuto lavorarci molto, molto duramente ed è stato che penso che ha reso uno con gli occhi rosa e dopo che l'hai fatto per alcune ore ti sei chiesto se avresti mai visto qualcosa quando era prima del tuo occhi perché eri così ringhioso in tutto questo.

NARRATORE: Mavis e gli altri decodificatori non lo sapevano, ma stavano per avere il loro primo grande impatto sulla guerra.

MAVIS LEVER: Quella che è venuta fuori era roba davvero buona, dramma, "Oggi è il giorno meno tre", solo questo e nient'altro. E quindi naturalmente sapevamo che sarebbe successo qualcosa, gli italiani avrebbero fatto qualcosa, la Marina italiana, tra tre giorni. Perché hanno dovuto dire che non riesco a immaginare, sembra piuttosto sciocco, ma lo hanno fatto.

NARRATORE: La flotta britannica era basata nel porto egiziano di Alessandria sotto il comando dell'ammiraglio Andrew Cunningham. Bletchley Park ha intercettato un messaggio che avrebbe portato l'Ammiraglio a escogitare un piano intelligente.

MAVIS LEVER: Bene, allora è arrivato un messaggio molto, molto grande che era gli ordini di battaglia, quanti incrociatori c'erano e quanti sottomarini dovevano essere lì e dove dovevano essere in questo e in quel momento, assolutamente incredibile che dovrebbero spiega davvero tutto.

NARRATORE: Mavis aveva decodificato proprio il messaggio di cui Cunningham aveva bisogno per superare in astuzia gli italiani.

MAVIS LEVER: Erano le 11 di sera e pioveva a dirotto quando mi precipitai, corsi, assolutamente abbattuto per portarlo all'italiano - all'intelligence per farlo arrivare a Cunningham.

NARRATORE: In poche ore il messaggio decodificato era in viaggio per Cunningham in Egitto. La flotta italiana si stava radunando al largo di Capo Matapan, sulla costa greca. Il loro piano era di attaccare un convoglio britannico a mezzanotte. Alessandria era un nido di spie. Il problema per Cunningham era come agire sul messaggio senza rivelare i suoi piani. Se avesse condotto la flotta in mare aperto, gli italiani lo avrebbero saputo immediatamente. Cunningham ha intrapreso un elaborato stratagemma per ingannare le spie. Voleva che i suoi nemici credessero che tutto fosse tranquillo.

MAVIS LEVER: Ha fatto un vero Drake su di loro, ben più di Drake, perché giocava a golf e faceva finta di avere, sai, solo per avere, sai, un fine settimana libero.

SIR ROBERT ATKINSON: L'ammiraglio Cunningham era un tipo astuto, e con un sotterfugio era in grado di indurre il nemico a pensare che fosse socialmente impegnato a fare qualcos'altro, e non ho dubbi che quando sbarcò ad Alessandria per giocare a golf, quell'informazione fu in Italia entro circa cinque minuti.

NARRATORE: Ma di notte Cunningham è risalito a bordo e ha condotto la flotta britannica in mare aperto, nel punto preciso in cui erano radunate le navi italiane. Lo stratagemma ha funzionato. Cunningham ha colto completamente alla sprovvista gli italiani. Quella notte gli italiani persero quasi 3000 uomini, la crema della loro marina. Fu il primo grande colpo di stato per Bletchley Park.

NEWSREEL: La Marina lo fa di nuovo. Ecco la flotta britannica del Mediterraneo che si prepara a quello che si è rivelato il più grande scontro navale finora combattuto in questa guerra. La battaglia di Matapan è un'ulteriore prova che la Gran Bretagna è il dominatore incontrastato delle onde del Mediterraneo.

NARRATORE: La Marina fu l'eroe della battaglia di Matapan. Bletchley Park ovviamente non è mai stato menzionato, ma i decodificatori hanno avuto la loro ricompensa.

MAVIS LEVER: Poi è arrivato Cunningham in persona, la prima cosa che voleva fare quando è arrivato è stato vedere il messaggio vero che era stato infranto, ed è stato molto gentile e abbiamo bevuto qualcosa, ed eravamo in questo piccolo cottage e le pareti erano appena state imbiancate, ora questo ti mostrerà quanto fossimo un po' sciocchi, giovani e ridicoli, ma abbiamo pensato che sarebbe stato molto carino se potessimo parlare con l'ammiraglio Cunningham e farlo appoggiare alla calce bagnata e vai via con una poppa bianca. Quindi è quello che abbiamo fatto, sai, è piuttosto terribile, non è vero, che da un lato tutto è così... sembra così molto organizzato, e questi stupidi giovani vogliono intrappolare l'Ammiraglio.

NARRATORE: Ma la loro gioia fu di breve durata.

TONY SALE: E poi è successo il disastro. I tedeschi hanno emesso un decreto, non più doppia cifratura dell'impostazione del messaggio, solo cifratura singola. Catastrofe, improvvisamente i fogli di Jeffries non funzionavano e così all'improvviso è calata l'oscurità.

NARRATORE: L'oscurità è scesa non solo su Bletchley Park ma su tutte le città britanniche. Per mesi, i bombardamenti incessanti erano diventati parte della vita di tutti i giorni. Il Blitz è stata una guerra di sangue e nervi.

SARAH BARING: Beh, c'era un'osservazione molto buona: l'unico tedesco buono è quello morto. Ci siamo sentiti molto, molto forti. Beh, ci avevano bombardato, ogni giorno, ogni notte, con Heinkel e Dorniers. Avevano ucciso molte persone a Londra e nelle città, non si poteva avere pietà dei tedeschi in quelle circostanze.

WINSTON CHURCHILL [voce fuori campo]: Che trionfo è la vita di queste città martoriate sul peggio che fuoco e bombe possono fare.

NARRATORE: Durante i tristi mesi del Blitz, Bletchley Park è stato uno dei pochi barlumi di speranza di Churchill. L'accesso ai segreti più intimi del nemico potrebbe fare la differenza tra vittoria e sconfitta. I decifratori stavano lavorando 24 ore su 24 per rompere l'Enigma. Si erano divisi in capanne per attaccare diverse parti della macchina da guerra tedesca. La capanna 6 si stava ora concentrando sull'Enigma dell'Air Force.

NARRATORE: Il codice della Luftwaffe, soprannominato RED, si dimostrò presto vulnerabile. Ironia della sorte, l'aeronautica tedesca si riteneva così tecnologicamente avanzata da trascurare la sicurezza. Per mesi, Bletchley Park aveva cercato di decifrare i messaggi segreti dagli aeroporti tedeschi al loro quartier generale a Berlino. Dovevano trovare un modo, e in fretta. Hitler si stava preparando a invadere la Gran Bretagna.

JOHN HERIVEL: Era come cercare qualcosa in una stanza buia, non si sapeva davvero cosa si stesse cercando, e ho pensato e ho pensato. Ma avevo grande fiducia, sentivo, che troverò un modo per tornare in RED.

NARRATORE: John Herivel ha rivolto i suoi pensieri all'operatore Enigma. C'erano delle procedure da eseguire per preparare ogni Enigma ai messaggi di quel giorno. Le regolazioni dei rotori e del Ringstellung, l'anello alfabetico attorno ai rotori, sono state cruciali. Se le istruzioni segrete non fossero seguite esattamente, la sicurezza dell'intero sistema sarebbe a rischio. Ma John Herivel ha scoperto che gli operatori stavano commettendo un errore fatale. Divenne noto come la punta di Herivel.

TONY SALE: Quello che l'operatore dovrebbe fare, ovviamente, è che dopo aver eseguito un'impostazione su una macchina cifratrice, dovresti sempre far girare le ruote in modo che la posizione sia casuale. Ma l'intera punta di Herivel dipendeva dal fatto che l'operatore tedesco fosse sotto pressione o fosse pigro e non lo facesse.

NARRATORE: L'operatore doveva inviare le tre lettere casuali di Morse alla persona all'altro capo in modo che entrambe le macchine fossero impostate sulla stessa posizione di partenza. Ma Herivel si rese conto che se l'operatore non fosse riuscito a far girare i rotori come avrebbe dovuto, le tre lettere che stava inviando sulle onde radio - non codificate - sarebbero state l'impostazione segreta dell'anello. Sono state rapidamente inviate istruzioni alle stazioni Y per prestare particolare attenzione ai primi messaggi che intercettavano ogni giorno. In quel momento si sarebbe manifestato l'errore. La capanna 6 studiò i gruppi di lettere iniziali delle intercettazioni non appena arrivarono per vedere se la punta di Herivel avrebbe funzionato. A volte l'operatore faceva solo un timido tentativo di far girare i rotori. Quindi LWZ diventerebbe LYB - solo un clic o due di distanza - o forse LUX. Ma mentre i decodificatori tracciavano ogni gruppo di lettere, iniziavano a vedere gruppi di lettere che rivelavano l'impostazione segreta originale. Il consiglio di Herivel stava funzionando. Alla fine, avevano un modo per sconfiggere la Luftwaffe RED. I decifratori ora potevano fornire alla RAF informazioni vitali su come era organizzata la Luftwaffe e cosa stava pianificando, anche se non sempre conoscevano i dettagli.

PETER CALVOCORESSI: Non ricevi un messaggio che dice, faremo le seguenti grandi cose nei prossimi sei mesi dell'anno, firmato Hitler. Niente del genere, non ottieni niente nel piatto. C'è stato un caso di un'intercettazione che consisteva interamente di cifre, cifre casuali, e qualcuno dice, mi chiedo se sono coordinate su una mappa, e si sono rivelate tutte aeroporti. In effetti da ciò si deduceva che stavano preparando e costruendo aeroporti, perché avrebbero concentrato le loro forze sull'attacco alla Gran Bretagna. Hut 6 ha rotto l'Enigma dell'Aeronautica ogni giorno fino alla fine della guerra. E continuavano a scoprire nuovi tipi di errori negligenti da parte degli operatori tedeschi che li tradivano. Per evitare l'intercettazione, i tedeschi hanno dovuto mascherare ogni impostazione del messaggio. Pensavano di aver trovato la soluzione perfetta: usare l'Enigma stesso per nascondere l'ambientazione. All'operatore era già stato detto di pensare a tre lettere casuali per l'impostazione iniziale del rotore. Ora gli è stato detto di inventarne altri tre e di digitarli nell'Enigma. Sarebbero stati la chiave per quel particolare messaggio e, poiché venivano codificati, potevano essere trasmessi in completa sicurezza.

ARTHUR J. LEVENSON: In superficie sembra un sistema di indicatori infallibile, la vera impostazione del messaggio è nascosta. Tuttavia, la debolezza era lasciare la selezione delle tre lettere all'operatore a caso, e gli esseri umani semplicemente non sono casuali.

NARRATORE: La capanna 6 ha presto visto le connessioni tra i due insiemi di lettere apparentemente casuali. Una volta ricevute le prime tre lettere inviate in chiaro, spesso potevano indovinare le seconde tre, che erano in codice. Un operatore chiamato Walter è diventato leggendario a Bletchley Park. Ogni giorno impostava i suoi rotori sulle prime tre lettere del suo nome e poi digitava le prime tre lettere del nome della sua ragazza, Klara.

LEVENSON: Uno meraviglioso: l'indicatore esterno era TOM, e abbiamo pensato oh, tam-tom, e abbiamo pensato che non ha funzionato. Era TOM MIX, l'attore cowboy americano degli anni '20, non lo so, non sapevo che in Germania nessuno sapesse chi fosse Tom Mix, ma a quanto pare aveva un seguito in Germania.

NARRATORE: HIT è stato quasi invariabilmente seguito da LER. Anche Hitler stava aiutando a rompere l'Enigma.

TONY SALE: Gli sono stati dati i manuali, gli è stato detto esattamente cosa fare e come usare la macchina, ma parte del problema era questo mito che la macchina Enigma fosse completamente indistruttibile. E questo è stato sepolto nel profondo della psiche tedesca, quindi hanno pensato perché preoccuparsi, sai, nessuno può rompere questi messaggi se usiamo queste chiavi perché sono facili.

ARTHUR J. LEVENSON: Se vedevi LON come i primi tre, era quasi certo che DON fosse il secondo. MAD era RID, BER era LIN.

MAVIS LEVER: Nel vivo della battaglia avresti usato parole sporche, e io sono l'esperto mondiale di parole sporche tedesche. Il messaggio peggiore che mi sia mai arrivato vicino è stato quello dell'alto comando tedesco a qualcuno dell'Abwehr, l'intelligence tedesca, che li rimprovera per aver usato queste parole perché, non sapevano che le ragazze dovevano decifrarle? E ovviamente una giovane ragazza a Bletchley era devastata perché erano - tuttavia, hanno continuato a farlo, potrei dire, non importava il rimprovero, ma era bello pensare che i tedeschi avessero quel lato di loro che avrebbero pensato che forse non dovrebbero usare parole sporche nelle loro codifiche.

NARRATORE: Nonostante il suo successo nell'infrangere il codice RED della Luftwaffe, Bletchley Park non era arrivato da nessuna parte con l'Enigma della Marina tedesca - ed era la Marina il problema ora. Nella primavera del 1941, gli U-Boot tedeschi stavano seminando il caos nella Battaglia dell'Atlantico. Ogni nave mercantile affondata privava la Gran Bretagna dei rifornimenti di cui aveva bisogno per sopravvivere. Convogli lenti di navi mercantili attraversavano regolarmente l'Atlantico da e per l'America. Gli Stati Uniti non erano ancora entrati in guerra, ma i convogli fornivano metà del cibo alla Gran Bretagna e tutto il suo petrolio. Sebbene protetti da scorte, i suoi convogli erano ancora facili bersagli per gli U-Boot tedeschi. Hitler aveva ordinato all'ammiraglio Karl Donitz di distruggere l'ancora di salvezza della Gran Bretagna.

SIR ROBERT ATKINSON: Fu Donitz a realizzare molto presto che avrebbe potuto sconfiggere gli Alleati mettendo in ginocchio l'Inghilterra facendoci morire di fame, se fosse riuscito a spezzare quella rotta del Nord Atlantico allora non ci sarebbero stati cibo, carburante, truppe, munizioni questo paese e lui potrebbero vincere quella guerra con gli U-Boot, e ci è quasi riuscito.

HJ KRUG: Donitz ha cercato di costruire una sorta di spirito d'élite e tutti erano orgogliosi di prenderne parte ed eravamo molto ansiosi di unire quella forza, e ovviamente siamo stati educati ad adorare il rischio nel periodo nazionalsocialista quando eravamo ragazzi. Quindi non eravamo veramente consapevoli del rischio.

NARRATORE: Donitz costruì giganteschi recinti per U-boat fortificati sulla costa francese. Da qui i suoi U-Boot potevano lanciarsi nell'Atlantico. Per attaccare i convogli, Donitz organizzò i suoi U-Boot in gruppi di cacciatori o branchi di lupi, operando lungo linee di pattugliamento specifiche. Mentre i lenti convogli attraversavano l'Atlantico, branchi di lupi di 30 o più U-Boot sarebbero rimasti in attesa.

SIR ROBERT ATKINSON: Quasi tutti i convogli ci sarebbero perdite. Erano molto furbi, questi comandanti di sommergibili tedeschi. Avrebbero anticipato la nostra rotta e si sarebbero sommersi alla luce del giorno proprio davanti al convoglio e avrebbero lasciato che il convoglio passasse sopra di loro e silurassero a destra, a sinistra e al centro e non avremmo saputo da dove fosse venuto l'attacco.

NARRATORE: Donitz controllava i branchi di lupi tramite messaggi radio codificati nell'Enigma navale. Rompere sarebbe stata la più grande sfida affrontata da Bletchley Park. Se fallissero, la Battaglia dell'Atlantico - e la guerra - potrebbero essere perse. Una mente aveva la chiave per rompere l'Enigma, e apparteneva ad Alan Turing.

PETER HILTON: Alan Turing era unico, voglio dire che era un genio, e quello che ti rendi conto quando conosci bene un genio è che c'è tutta la differenza tra una persona molto intelligente e un genio. Con persone molto intelligenti, parli con loro, escono con un'idea e dici a te stesso, se non a loro, avrei potuto avere quell'idea. Non hai mai avuto questo feeling con Turing. Ti sorprendeva costantemente con l'originalità del suo pensiero, era meraviglioso.

NARRATORE: Poco dopo essere diventato ricercatore a Cambridge a soli 22 anni, Alan Turing ha inventato il primo concetto di base di una macchina informatica. Bletchley Park si addiceva sia al suo genio che alla sua eccentricità.

ANDREW HODGES: Aveva modi buffi. Non gli piaceva indossare la cravatta, sembrava sempre disordinato, ma gli piaceva molto stare in campagna dove andava in bicicletta, andava in bicicletta con una maschera antigas durante il periodo della febbre da fieno. Non gli importava che aspetto avesse, pensava solo che fare il lavoro fosse ciò che contava.

SARAH BARING: Era molto timido con le donne, in particolare le ragazze. Non credo che avesse mai incontrato nessuna ragazza prima. Una volta gli ho offerto una tazza di tè e si è tirato indietro come se gli avessero sparato. E lui, benedetto il suo cuore, scendeva alla mensa con un curioso movimento di traverso, a testa bassa. Ma era una tale star, pensavamo tutti che fosse la cosa migliore e meravigliosa.

NARRATORE: Alan Turing si è posto la sfida di decifrare l'Enigma. In una mansarda a Bletchley Park, Turing iniziò a studiare i messaggi degli U-Boot. Tutto quello su cui doveva andare avanti erano le lettere confuse. Con una sorprendente impresa di deduzione, Turing scoprì esattamente come i tedeschi nascondevano l'impostazione cruciale del messaggio. A differenza della Luftwaffe, la marina tedesca non lasciava nulla al caso. Invece di lasciare che l'operatore scegliesse tre lettere a caso per l'impostazione del messaggio, doveva prenderle da un elenco. Sebbene Turing non avesse informazioni sulle procedure navali, riuscì a identificare esattamente come selezionavano le loro chiavi quotidiane da una serie di tabelle segrete. Invece di sostituire una lettera con un'altra, queste cosiddette tabelle di bigrammi sostituivano coppie di lettere.

UOMO NON IDENTIFICATO: Questi codici erano stampati su carta rosa con un inchiostro che sbiadiva immediatamente se si bagnava, quindi i nostri ordini erano, in caso di difficoltà, di gettare immediatamente questo materiale in mare o almeno di immergerlo nell'acqua in modo che potesse non essere letto.

NARRATORE: Per quanto brillante fosse la deduzione di Turing, era inutile senza le tabelle segrete dei bigrammi, e quelle erano a bordo degli U-Boot. Poi è arrivato un incredibile colpo di fortuna. Il capitano Fritz Julius Lemp era un eroe del Terzo Reich. Il suo U-Boot, l'U-110, aveva affondato la prima nave in guerra. Nell'aprile 1941 parte per quella che sarebbe stata la sua ultima missione. David Balme aveva appena compiuto 20 anni. Era un ufficiale della H.M.S. Bulldog, che stava scortando un convoglio da Liverpool diretto in America.

DAVID BALME: Eravamo nel sud dell'Islanda e sapevamo di essere pedinati, avresti ricevuto i rapporti dall'Ammiragliato - dall'Ammiragliato, sei pedinato dagli U-Boot. E abbiamo sempre saputo che saremmo stati attaccati in quest'area. Improvvisamente due navi furono silurate, una dopo l'altra. Era ovvio da dove provenisse l'attacco, e il Corvette Aubretia ha fatto un attacco molto accurato all'U-Boot, deve aver ricevuto le bombe di profondità alla giusta profondità.

NARRATORE: Georg Hogel era l'operatore Enigma sull'U-110. Era stato con il capitano Lemp durante la guerra.

GEORG HOGEL [voce fuori campo]: La luce si è spenta e ci siamo ritrovati seduti al buio. Si sono accese solo le luci di emergenza. Abbiamo quindi provato a ripristinare l'alimentazione e verificare la presenza di perdite d'acqua.

DAVID BALME: È stato un attacco classico, bombe di profondità sotto l'U-Boot, l'hanno fatto esplodere in superficie. Era il sogno di ogni nave di scorta vedere un sommergibile portato in superficie, perché di solito affondano quando si ha un attacco riuscito e scendono sul fondo.

NARRATORE: Questa era solo l'occasione che Turing e Bletchley Park stavano aspettando. A bordo dell'U-110 c'erano i tavoli segreti dei bigrammi.

GEORG HOGEL [voce fuori campo]: Laggiù non avevamo idea di cosa stesse succedendo sopra di noi. Ma il comandante sul ponte continuava a gridare: "vai fuori, fuori!" Abbiamo chiesto, "cosa dobbiamo fare con i documenti segreti?" L'ordine è tornato per lasciare tutto e cercare semplicemente di uscire. Non lo so, ma non possiamo essere biasimati per aver eseguito gli ordini. Non puoi immaginare come sarebbe stato se tu non fossi stato lì.

NARRATORE: I tedeschi abbandonarono la nave, lasciandosi dietro i codici. Ma Georg Hogel aveva un prezioso documento da salvare: un libro di poesie d'amore per la sua ragazza.

GEORG HOGEL [voce fuori campo]: Sono tornato giù e ho preso la chiave del luogo dove erano tenuti i libri. Ho tirato fuori il mio libro e ho provato a mettermelo in tasca. Ma non andava bene, era troppo grande. Così mi sbottonai la camicia e me la infilai dentro. Stava contro il mio petto ed è così che ho nuotato per mezz'ora.

NARRATORE: David Balme ha guidato una squadra di abbordaggio verso il sottomarino colpito. Temendo che i tedeschi avessero lasciato degli uomini per affondare la barca, Balme salì a bordo per primo.

DAVID BALME: Non si poteva immaginare che i tedeschi avrebbero abbandonato questo sommergibile che galleggiava nell'Atlantico senza che qualcuno laggiù cercasse di affondarlo. Ad ogni modo sono salito, ho tirato fuori il mio revolver: l'illuminazione secondaria, una fioca illuminazione blu, era accesa e non riuscivo a vedere nessuno, solo un brutto sibilo di cui non mi piaceva il suono. Fino ad oggi non so cosa fosse.

NARRATORE: Il resto della squadra d'imbarco ha iniziato a perquisire l'U-Boot. Non avevano idea di cosa stessero cercando. Non conoscevano le tabelle segrete dei bigrammi. David Balme non aveva mai sentito parlare di Bletchley Park.

DAVID BALME: Mi sono seduto alla scrivania del capitano nella sua cabina, e improvvisamente tra tutte le cose, penso che la sua croce di ferro fosse lì e l'ho messa in una borsa e varie cianfrusaglie, ma mi sono anche imbattuto in una busta sigillata, Non l'ho aperta, non avrei comunque capito, visto che non parlo tedesco, ma ovviamente era una cosa abbastanza importante, essendo una busta sigillata nella sua scrivania, quindi me la sono infilata in tasca.

NARRATORE: David Balme non si rendeva conto che la busta in tasca avrebbe trasformato la battaglia di intelligence contro gli U-Boot. Conteneva manuali di procedura, una carta di navigazione per U-boat e le tabelle dei bigrammi vitali. Questi documenti hanno dato a Bletchley Park un importante passo avanti nella decodifica. Il capitano Lemp è morto nell'attacco. Nessuno saprà mai perché non ha affondato l'U-Boot o distrutto i codici.

GEORG HOGEL [voce fuori campo]: Non puoi cambiare le cose in retrospettiva. Ho dovuto andarmene perché quelli erano gli ordini. E l'ordine inequivocabile era di lasciarsi tutto alle spalle e salire e salire sul ponte. Non c'era altro modo.

NARRATORE: L'unico documento sull'U-110 che non è finito nelle mani degli inglesi è stato il libro di poesie d'amore per Edith. Le carte che sono state catturate, comprese le tabelle dei bigrammi, erano inestimabili. Quando i documenti hanno raggiunto Bletchley Park, i decodificatori si sono rallegrati. Le tabelle e le carte avrebbero portato a un drastico miglioramento nel fissare le posizioni degli U-Boot, in modo che i convogli potessero essere instradati in modo evasivo attorno ai branchi di lupi.

VALERIE EMERY: Il premio erano i tavoli bigram ed erano magnifici, anche se alcuni si erano un po' bagnati e abbiamo dovuto asciugarli. Geoffrey Tandy, essendo stato al Museo di Storia Naturale, ha avuto accesso a un'adeguata carta per asciugare che ha portato giù con un carico, e abbiamo dovuto asciugarli e pulirli e distribuirli secondo necessità.

NARRATORE: Quasi subito i risultati sono stati evidenti. Il 23 giugno 1941, Bletchley Park decodificò un messaggio di U-Boot che avrebbe salvato un convoglio. Si stava dirigendo verso l'Inghilterra carico di rifornimenti e i decodificatori scoprirono che un branco di lupi di 10 U-Boot era in agguato. Armato di questa conoscenza, l'Ammiragliato potrebbe reindirizzare il convoglio e impostare un contrattacco. L'attacco è durato cinque giorni due degli U-Boot sono stati affondati e il convoglio è arrivato sano e salvo. Gli Alleati avevano una nuova formidabile arma nella Battaglia dell'Atlantico. Ma la guerra era tutt'altro che finita. Frustrato nei suoi tentativi di schiacciare la Gran Bretagna, Hitler ora sognava la conquista dell'est. Nella primavera del 1941, i messaggi Enigma decodificati accennavano ai preparativi per una massiccia invasione della Russia. Una volta iniziata l'invasione, Bletchley Park iniziò a decodificare altri messaggi più allarmanti.

Mentre le truppe tedesche avanzavano, le SS e la polizia inviarono segnali che riportavano le loro uccisioni di massa di ebrei sovietici. Sebbene nessuno avesse previsto l'intera scala del genocidio, ora si sa che questo è il capitolo iniziale dell'Olocausto. Quando Churchill ha visto i codici in mezzo ad altre prove, ha voluto che l'intero paese condividesse la sua indignazione.

WINSTON CHURCHILL [archivio, discorso radiofonico]: Dalle invasioni mongole dell'Europa nel XVI secolo, non c'è mai stato un massacro metodico e spietato su tale scala. Siamo in presenza di un delitto senza nome.

NARRATORE: Churchill stava rischiando che i tedeschi si rendessero conto che i loro codici erano stati violati, esponendo il lavoro di Bletchley Park. È stata una grande scommessa. In effetti, il capo della polizia dell'ordine era sospettoso e ha disposto nuove restrizioni sull'invio di rapporti sulle uccisioni di massa via radio. Fortunatamente per Bletchley Park, l'alto comando tedesco non ha mai perso la fiducia nell'Enigma. Ma per evitare ulteriori rischi di esposizione, la sicurezza è stata rafforzata e tutte le informazioni risultanti dalla decodifica di Bletchley Park portavano la classificazione top secret, la parola in codice Ultra.

PETER CALVOCORESSI: All'inizio i tedeschi non davano molta importanza all'intelligence. Non lo fai se stai vincendo. Attribuirono importanza alla Blitzkrieg e vinsero rapidamente la guerra. Abbiamo attribuito grande importanza all'intelligenza perché eravamo con le spalle al muro e non avevamo nient'altro su cui poter contare.

NARRATORE: Nell'estate del 1941, Bletchley Park riuscì a decifrare l'Enigma navale in meno di due giorni, in parte grazie ai documenti dell'U-Boot e in parte perché avevano imparato a sfruttare una debolezza cruciale della macchina Enigma. Quando un operatore digitava un messaggio sull'Enigma, la macchina sostituiva ogni lettera con una diversa. La lettera digitata non è mai uscita la stessa. Questo era un altro difetto fondamentale dell'Enigma che poteva essere sfruttato. Il semplice fatto che nessuna lettera in codice potesse mai essere la lettera originale era vitale per i decodificatori nella loro ricerca di svelare i messaggi. Mentre studiavano le intercettazioni, divenne chiaro che i tedeschi continuavano a ripetere certe frasi prestabilite. Presto fu possibile prevedere quale messaggio contenesse una particolare frase. Bletchley Park ha chiamato queste frasi "presepi".

PETER HILTON: Ricordo "Nieder mit die Englander", abbasso gli inglesi. E ovviamente "Heil, Hitler". "Heil, Hitler" era enormemente prezioso, voglio dire che non dovresti mai inculcare nel tuo esercito, comunque, la tendenza ad avere esattamente la stessa frase che apre ogni dichiarazione di una grande vittoria.

NARRATORE: Man mano che la burocrazia militare diventava routine, i tedeschi inviavano spesso lo stesso messaggio alla stessa ora ogni giorno.

NIGEL FORWARD: Ce n'era uno straordinario a cui eravamo abituati, a volte per tirarci su di morale come una specie di grido del college, perché aveva un ritmo così meraviglioso. Andava così: nicht und fliebar, nicht auf Gebaude, gift zu Dusseldorf, puffel swoll", e puoi immaginare sei o sette adulti che non avevano niente di meglio da fare durante il turno di notte recitare questo e sentirsi molto meglio dopo, forse due o tre volte in alcuni casi. Voglio dire, quel messaggio in sé era inutile. Tutto ciò che diceva era "non puoi volare da questo posto, nessun edificio ha avuto luogo, firmato, qualunque cosa". Sarebbe stato molto meglio se avessero non l'avevano inviato, dal loro punto di vista, era semplicemente il modo per entrare nel codice.

NARRATORE: Quando hanno sospettato la presenza di una frase prestabilita, i decodificatori l'hanno cercata in un messaggio. Trovare la posizione corretta per il presepe si basava sul difetto dell'Enigma. I decifratori hanno allineato la loro culla al messaggio in codice. Poiché sapevano che l'Enigma non avrebbe mai duplicato una lettera nell'originale, se qualche coppia di lettere corrispondeva, la frase doveva essere nella posizione sbagliata. Fecero scivolare la culla lungo il messaggio finché non trovarono un punto in cui nessuna delle lettere era la stessa. Questo potrebbe essere dove si trovava la frase. In caso di successo, potrebbero quindi elaborare le impostazioni di Enigma per le prossime 24 ore. I decodificatori sono diventati così abili che avrebbero creato i propri presepi. Chiederebbero alla RAF di sganciare mine in un determinato tratto di mare. I tedeschi avrebbero inviato immediatamente un messaggio fornendo un riferimento alla griglia per le miniere. I decifratori sapevano che il riferimento di rete CF97 sarebbe stato enunciato nel messaggio in codice tedesco. Quindi hanno usato "caesar fritz nein sieben" come culla per trovare la chiave Enigma. Bletchley Park lo chiamava giardinaggio. Ormai i decifratori non stavano solo imparando a conoscere l'Enigma, ma l'intero sistema di comunicazione di guerra. La nuova intelligence potrebbe avere un impatto su un'intera campagna militare? Il test è arrivato nei deserti del Nord Africa. Un nuovo generale tedesco si stava facendo un nome con i suoi attacchi aggressivi agli inglesi: Erwin Rommel.

MANFRED ROMMEL: Mio padre era quello che si potrebbe definire un guerriero, era più un generale di soldati, non un generale di carta. È stato molto fortunato in Africa, non essendo stato ferito, tranne un giorno in cui una scheggia britannica da un proiettile ha colpito la sua cintura, ma la scheggia era conficcata nella cintura e non nel suo corpo. Per tutto il 1941 la guerra nel deserto ha oscillato avanti e indietro in tutta la Libia mentre i tedeschi cercavano di catturare il Nord Africa. Con solo la radio per le comunicazioni, la campagna nordafricana di Rommel dipendeva dall'Enigma.

MANFRED ROMMEL: Mio padre non aveva mai pensato che il codice tedesco fosse stato violato. Non poteva immaginare che potesse succedere una cosa del genere.

NARRATORE: Ma la strategia di Rommel aveva un grosso punto debole. Si affidava totalmente agli italiani per portare i rifornimenti. Le linee di rifornimento di Rommel erano un obiettivo naturale per gli inglesi.

La RAF è stata in grado di attaccare i convogli italiani che attraversavano il Mediterraneo verso Rommel perché i decifratori potevano leggere sia l'Enigma della Luftwaffe tedesca che il cifrario della macchina speciale italiana.

PETER HILTON: Non riuscivo a capire come Rommel non si rendesse conto che stavamo rompendo segnali importanti. Voglio dire, era un generale eccezionale, vinceva, ma poi ha iniziato a perdere perché le sue provviste erano sempre affondate nel Mediterraneo.

NARRATORE: Bletchley Park poteva individuare la posizione delle petroliere nemiche e persino sapere quanta benzina trasportavano. Ma per mantenere Ultra al sicuro, doveva sembrare che gli inglesi sapessero dei convogli da qualche altra fonte.

RALPH BENNETT: C'era una regola assolutamente rigida che non potevamo usare Ultra a meno che prima di tutto non fosse stato inviato un aereo in ricognizione. Una volta che l'Ultra era stato provato dai tedeschi che vedevano un aereo britannico che guardava il convoglio, allora potevi usarlo, ma non fino a quando. Potrebbero benissimo dire: "Chissà come facevano a saperlo", ma fortunatamente si sono sempre illusi dicendo che doveva essere un traditore italiano nel porto di Napoli.

MANFRED ROMMEL: Mio padre ha concluso la sua vita con il sospetto che ci fosse una lacuna nell'alto comando italiano attraverso la quale le notizie sfuggissero e arrivassero dalla parte britannica. Ma in paradiso deve scusarsi con gli italiani e dire: "Ho sbagliato".

NARRATORE: Ma nel gioco dell'intelligence, gli Alleati hanno avuto sia perdite che guadagni. Sebbene i servizi segreti tedeschi non siano mai riusciti a decifrare una macchina cifratrice alleata, Rommel ha ottenuto informazioni vitali dall'interno da una spia. L'incidente è iniziato all'inizio del 1941, quando un gruppo di decodificatori americani ha visitato Bletchley Park. Con l'America non ancora ufficialmente in guerra, i servizi segreti di entrambe le parti erano nervosi all'idea di collaborare.

CARL BOYD: Le spie non sono inclini a condividere molto subito, lo sai. Loro - ci vuole tempo perché le spie si riscaldino l'una con l'altra, e anche le spie britanniche e americane, hanno giocato le loro carte molto vicino al petto.

NARRATORE: Sebbene i britannici fossero preoccupati per la possibilità di perdite di sicurezza americane, iniziarono a condividere messaggi Enigma decodificati e rapporti diplomatici sulla guerra. I timori per la sicurezza britannica erano giustificati, poiché questi scambi diedero presto a Rommel la sua svolta nell'intelligence. I rapporti sulla campagna britannica in Nord Africa venivano inviati regolarmente a Washington dall'addetto militare statunitense al Cairo. I tedeschi intercettarono i messaggi, ma non riuscirono a violare il codice diplomatico. Poi, nel settembre 1941, i servizi segreti italiani irruppero nell'ambasciata degli Stati Uniti a Roma e rubò il codice usato per cifrare tutti i messaggi diplomatici degli Stati Uniti. I ladri hanno copiato il codice e l'hanno rimesso in cassaforte senza che nessuno lo sapesse. Ora Rommel poteva leggere tutte le trasmissioni dell'ambasciata sulla campagna britannica. Armato di informazioni su truppe e carri armati britannici, Rommel lanciò un audace assalto attraverso la Libia, spingendo indietro gli inglesi di 300 miglia in 17 giorni. La notizia che raggiunse Churchill dipinse un cupo quadro di sconfitta. Ora gli inglesi avevano bisogno del loro colpo di stato di intelligence per invertire il disastro. A Bletchley Park, i decodificatori si sono dati da fare per decifrare le impostazioni giornaliere del rotore. Alcune interruzioni sono arrivate in sole 6-12 ore. Tuttavia, le vite potrebbero essere salvate se l'operazione potesse essere accelerata. Il talentuoso decodificatore di codici Alan Turing era stato a lungo incuriosito dall'idea di costruire macchine per automatizzare il processo di decodifica. I polacchi avevano costruito un dispositivo del genere prima della guerra, ma Turing decise di migliorare le loro idee. L'obiettivo di Turing era quello di costruire una macchina che potesse capire come gli operatori tedeschi avevano impostato i loro Enigma per i messaggi di quel giorno.

L'uso di frasi standard, o presepi, per dedurre le impostazioni del rotore è stata la parte più dispendiosa in termini di tempo dell'intero processo di decifrazione del codice.

ANDREW HODGES: La grande svolta di Alan Turing è stata vedere che scoprire le impostazioni del rotore da quella culla era qualcosa che poteva essere fatto da una macchina, quello è stato il grande punto di partenza e ha portato il tutto nell'era moderna.

NARRATORE: La macchina di Turing era molto più potente del dispositivo precedente dei polacchi. Curiosamente, Bletchley Park l'ha chiamata la Bomba, forse a causa del ticchettio che faceva durante il funzionamento.

ARTHUR J. LEVENSON: Una corsa media di bombe era di circa 15 minuti. Di tanto in tanto ho sentito che abbiamo battuto i tedeschi alla decrittazione. Questo accadeva quando A inviava un messaggio a B e B quasi immediatamente rimandava indietro un messaggio, un messaggio molto breve, che diceva semplicemente: "Non riesco a leggerti". Avremmo ottenuto la soluzione più velocemente di quanto l'altro ragazzo potesse decifrare il secondo invio. E se fosse stato qualcosa di caldo, sarebbe uscito sul campo prima che il comandante tedesco prendesse il suo.

NARRATORE: La Bomba era una serie di tamburi elettromeccanici che simulavano i rotori delle macchine Enigma. I tamburi giravano lettera per lettera, testando le migliaia di possibili impostazioni di Enigma - 20 al secondo - fino a trovare quella corretta.

TONY SALE: Prima di Turing, la saggezza percepita era che devi solo andare in giro alla ricerca di questa soluzione che romperà un particolare messaggio. Turing ha detto di no, quello che fai è usare la tecnica matematica di rifiutare tutte le cose che non potrebbero essere. Quindi era un motore di ricerca molto potente, ma funzionava in senso negativo in quanto rifiutava milioni e milioni di possibilità molto, molto velocemente e arrivava alla risposta corretta.

NARRATORE: I Bombs hanno accelerato radicalmente il ritmo della decodifica. Alla fine della guerra c'erano 200 dispositivi in ​​sei diverse località, consentendo a Bletchley Park di decodificare 90.000 messaggi al mese.

ANDREW HODGES: Il processo algoritmico, come lo chiamiamo ora, mediante il quale il presepe e il testo cifrato venivano elaborati su questi sistemi meccanici, erano i processi più avanzati e complessi che fossero mai stati utilizzati nella storia del mondo. Non riesco a pensare a nient'altro con la sua raffinatezza logica e statistica. È qualcosa a cui dovresti pensare come anni e anni prima del suo tempo.

NARRATORE: Nel frattempo, nell'agosto 1942, Churchill si recò in Nord Africa, determinato a invertire le sorti degli Alleati. La sua prima azione fu quella di iniettare sangue fresco nella leadership dell'8° Armata. Ha nominato un nuovo generale decisivo, Bernard Montgomery, per assumere Africakorps di Rommel. Sapeva da Ultra che Rommel era pronto ad attaccare da qualche parte in Egitto - ma dove? Montgomery ha previsto la cresta di Alam Halfa.

RALPH BENNETT: Monty ha detto, guardando per terra, che andrà oltre la cresta dell'Alam Halfa. Alcuni giorni dopo abbiamo decodificato un segnale di Rommel che diceva, attaccherò il 30 settembre la cresta dell'Alam Halfa, che è esattamente quello che aveva detto Monty. Penso che da quel momento in poi Monty fosse così sicuro della propria intelligenza che non poteva essere battuto, non poteva - sapeva tutto.

NARRATORE: Ma Montgomery aveva un altro vantaggio. Gli Alleati si resero finalmente conto che i tedeschi stavano leggendo i rapporti dell'ambasciata americana sulla campagna britannica, quindi l'ambasciata cambiò il suo codice diplomatico. Rommel non sapeva più cosa stesse progettando il nemico. Montgomery stava ancora ricevendo Ultra da Bletchley Park. Ben presto, le forze tedesche furono sottoposte a enormi pressioni. Ma alcuni dei decodificatori iniziarono a sentirsi impazienti con Montgomery.

PETER HILTON: Sentivamo che Montgomery non si fidava delle informazioni di intelligence che Bletchley Park gli stava fornendo, perché credevamo nel nostro modo arrogante che probabilmente stavamo fornendo un servizio all'esercito che nessun altro esercito aveva mai avuto nella storia di guerra.

NARRATORE: Il 23 ottobre gli inglesi lanciarono il loro attacco a El Alamein.

ARCHIVIO RADIO: Il nostro mandato del Primo Ministro è distruggere le forze dell'Asse in Nord Africa. Finiremo con questo tizio Rommel una volta per tutte.

NARRATORE: Le stazioni di intercettazione britanniche registrarono oltre 300 messaggi al giorno nella battaglia che seguì. Bletchley Park conosceva i piani di Rommel, le sue forze e le sue perdite. Per la prima volta in guerra, un esercito entrava in battaglia con una precisa conoscenza anticipata del nemico. Ultra ha detto a Montgomery della grave carenza di carburante e serbatoi di Rommel. La sera del 2 novembre, Rommel fece segno a Hitler di ottenere il permesso di ritirarsi.

JOHN PRESTWICH: Alamein è stato meraviglioso, perché hai ricevuto questi messaggi disperati da Rommel che dicevano, l'esercito Panzer è esausto, abbiamo abbastanza benzina per 50 chilometri, le munizioni sono spregevoli, e così via, e abbiamo tra gli 11 e i 17 carri armati operativi nel l'intero Panzer Army Africa.

NARRATORE: Hitler replicò il giorno dopo, ordinando a Rommel di non cedere un passo, né vittoria né morte. Montgomery ha letto il messaggio in poche ore. A El Alamein le forze superiori di Montgomery schiacciarono Rommel. Eppure decise di non inseguire i resti dell'esercito tedesco in ritirata.

RALPH BENNETT: Abbiamo detto a Monty più e più volte quanti pochi carri armati aveva Rommel. Quindi Monty avrebbe potuto cancellare Rommel dalla faccia della terra. Perché non l'ha fatto, perché non l'ha cancellato dalla faccia della terra, semplicemente non lo so, nessun altro lo sa.

JOHN PRESTWICH: Perché le informazioni di Hut 3 non sono state utilizzate? Era così pieno, voglio dire che era la nostra esasperazione. Stavamo dando a Monty ogni possibile informazione sullo stato delle truppe di Rommel, il numero di carri armati operativi, che era tremendamente cruciale. Voglio dire, sai, abbastanza - circa tanti carri armati quanti potrebbero essere parcheggiati sul prato sul retro di questa casa. Nella guerra nel deserto, niente carri armati e il gioco è fatto.

ARCHIVIO RADIO: Questo è il programma BBC Home and Forces. Ecco alcune ottime notizie che sono arrivate nell'ultima ora da GHQ Cairo. Dice che le forze dell'Asse nel deserto occidentale, dopo 12 giorni e 12 notti di incessanti attacchi da parte delle nostre forze di terra e aeree, sono ora in piena ritirata.

BARBARA QUIRK: "In qualche modo la guerra sembra lo stato naturale delle cose, e la pace quando arriverà ci vorrà un sacco di tempo per abituarsi."

NARRATORE: Al tempo di El Alamein, gli Stati Uniti erano in guerra con la Germania da quasi un anno. Anche prima di Pearl Harbor, l'Ammiragliato britannico aveva passato messaggi decodificati di U-Boot alla Marina americana. Churchill e Roosevelt sapevano che la Battaglia dell'Atlantico era cruciale e che Ultra aveva dato loro un vantaggio vitale nella lotta contro gli U-Boot. Nel febbraio 1942, l'Ammiragliato ricevette notizie disastrose. Un brusco cambiamento nel codice dell'U-boat ha fatto sprofondare Bletchley Park nell'oscurità. Non potevano più leggere i segnali degli U-Boot. Altrettanto grave fu un brusco cambiamento nelle tattiche degli U-boat. I sottomarini tedeschi passarono dal Nord Atlantico e iniziarono a perlustrare la costa orientale degli Stati Uniti. Lì, gli U-Boot predoni mantennero il silenzio radio. Quando trasmettevano, i loro segnali non potevano essere decodificati. In tutto l'Atlantico, le flotte alleate hanno lottato per far fronte alle crescenti perdite in mare. Con l'aggravarsi della crisi, il team navale Enigma di Bletchley Park ha lavorato 24 ore su 24 per decifrare il nuovo codice, che hanno chiamato Shark. Dal momento che nessuno dei vecchi trucchi per decodificare il codice avrebbe funzionato, era ovvio che Donitz aveva in qualche modo cambiato drasticamente l'Enigma. Per gli alleati su entrambe le sponde dell'Atlantico fu un duro colpo.

COLIN BURKE: Beh, sfortunatamente gli inglesi hanno perso il controllo dell'Enigma e l'America è rimasta senza il tipo di informazioni vitali necessarie per proteggere i suoi convogli. Ci sono state un sacco di proteste e l'Inghilterra ha esitato molto a dirci che avevano perso il controllo del codice.

NARRATORE: Prima del blackout, la sala di monitoraggio dei sottomarini dell'Ammiragliato era stata in grado di individuare gli U-Boot con l'aiuto delle posizioni di navigazione trasmesse via radio tra Donitz ei suoi equipaggi. Ora tutto ciò che avevano erano correzioni direzionali approssimative sui segnali stessi. Verso la fine del 1942, gli Alleati stavano perdendo navi a un ritmo quattro volte maggiore prima del blackout. Alla fine Bletchley Park capì cosa aveva fatto Donitz. Sebbene credesse ancora che gli Alleati non avrebbero mai potuto violare Enigma, era preoccupato per la sicurezza interna e ordinò l'aggiunta di un quarto rotore alla macchina. I rotori girevoli, con il loro labirinto di cavi elettrici in continua evoluzione, erano il segreto dell'Enigma. L'introduzione di un quarto ha notevolmente moltiplicato il numero di potenziali impostazioni. Ora i decifratori dovrebbero costruire un nuovo tipo di dispositivo per simulare l'Enigma a quattro rotori e pacificare gli americani sempre più impazienti.

COLIN BURKE: Arrivò al punto in cui a metà del 1942 gli americani dichiararono che, qualunque cosa accada, avrebbero fatto per la loro strada e si sarebbero assicurati di ottenere la propria capacità indipendente contro la minaccia dei sottomarini tedeschi e i suoi sistemi di codice. Ed è diventato piuttosto permaloso se le due parti avrebbero cooperato o meno.

NARRATORE: Le tensioni sono cresciute quando i segreti sono stati tenuti nascosti a un ufficiale dell'intelligence americana in visita a Bletchley Park. Ha scritto un rapporto arrabbiato a casa. Per risolvere la crisi, il secondo in comando di Bletchley Park si recò a Washington per un incontro con la Marina degli Stati Uniti. Hanno firmato un accordo per risolvere le preoccupazioni sulla sicurezza e per cooperare pienamente alla rottura dell'Enigma navale. Come parte dell'accordo, i decodificatori americani sarebbero stati inviati a Bletchley Park. Insieme avrebbero affrontato la sfida del quarto rotore.

SARAH BARING: Quello che penso ci abbia infastidito di più è stata la distruzione della nave mercantile e la distruzione delle navi militari, e sapere che se solo potessimo infrangere questo disgraziato codice, potremmo salvare così tante vite e affondare così tanti U-Boot.

NARRATORE: La prima possibilità di tornare nell'Enigma navale è arrivata quando una nuova serie di tabelle di codici degli U-Boot catturate è arrivata a Bletchley Park, consentendo ai decodificatori di scoprire una debolezza critica nel sistema a quattro rotori. L'Enigma a quattro rotori tedesco utilizzato principalmente sui sottomarini doveva comunicare con altre stazioni navali che utilizzavano solo una macchina a tre ruote.Per risolvere il problema, il quarto rotore poteva essere posizionato in una posizione speciale che consentisse alla macchina di simulare un vecchio Enigma a tre rotori. Con l'aiuto delle tabelle catturate, i decodificatori hanno elaborato le impostazioni dei primi tre rotori sulle bombe come avevano fatto in passato, quindi hanno semplicemente eseguito tutte le 26 posizioni del quarto rotore finché non hanno trovato quello giusto. Presto, le impostazioni quotidiane erano in viaggio per l'Ammiragliato e l'America. Dopo 10 mesi al freddo, Bletchley Park è tornato.

SHAUN WYLIE: L'eccitazione quando siamo tornati sugli U-Boot è stata fantastica. Ero al turno di notte e qualcuno è venuto di corsa e ha detto: "Siamo tornati negli U-Boot", ed era quello che significava che saremmo stati in grado di continuare a salire sugli U-Boot, quindi è stato fantastico . Non era solo una tantum, lo era - saremmo stati in grado di farlo costantemente. Churchill è stato informato il prima possibile. È stato un grande momento.

NARRATORE: Ancora una volta Bletchley Park potrebbe aiutare a reindirizzare i convogli intorno ai branchi di lupi. Il radar aviotrasportato e il supporto di scorta migliorato hanno contribuito ad assicurare la vittoria nella battaglia dell'Atlantico. Sebbene solo pochi uomini e donne di Bletchley Park fossero in grado di apprezzarlo, la rottura dell'Enigma navale fu il loro momento migliore. Nella primavera del 1943, stavano decodificando dozzine di messaggi al giorno e la cooperazione con gli americani fu portata a un nuovo livello. L'unità di decodifica degli Stati Uniti era conosciuta come Arlington Hall, dal suo quartier generale nel nord della Virginia. Dopo la guerra, sarebbe diventata la National Security Agency, o NSA. Qui furono selezionati i primi ufficiali americani per unirsi ai decodificatori di Bletchley Park.

WILLIAM BUNDY: Ricordo benissimo che un gruppo di noi fu convocato in una stanza lì, e nel momento in cui entrammo gli fu detto: "Quello che ascolterai oggi è qualcosa di cui non parlerai, e significa che non essere mai messo dove puoi essere catturato dal nemico." E sono stato scelto per essere il comandante di quella squadra, ed è così che sono arrivato a Bletchley Park.

NARRATORE: Durante il loro viaggio in Inghilterra, agli ufficiali fu ordinato di raccontare una bizzarra storia di copertura, che erano esperti di piccioni viaggiatori nel corpo di segnalazione. Ciò ha suscitato i sospetti di un ufficiale che stava verificando la loro identità.

ARTHUR J. LEVENSON: Ci hanno chiesto se avessimo fatto il test di classificazione generale dell'esercito, hanno detto che non riuscivano a trovare i nostri punteggi sui nostri registri. Hanno detto, ti dispiacerebbe fare il test, e abbiamo detto di no, non ci importa. Eravamo in cinque e abbiamo fatto il test, e questo sergente li ha valutati, e si è avvicinato di corsa, ha detto: "Santo cielo. Che voti! Ragazzi, dovreste essere in intelligenza!" Non credo di aver mai incontrato un inglese in vita mia fino a quel momento. Ero pieno di stereotipi sugli inglesi, sai, sono distanti e non hanno senso dell'umorismo, e queste erano le persone più estroverse e meravigliose. Ci ha dato da mangiare quando era un bel sacrificio, abbastanza svitati per essere davvero divertenti.

LORD BRIGGS: Era la prima volta che ero coinvolto nella mia vita in una discussione seria, sia sulla guerra che sulla politica con un americano. È stato lì che ho imparato per la prima volta a bere succo di pomodoro, è stata la prima esperienza che ho avuto con il caffè americano e il bacon americano, così che in un certo senso l'America mi è stata presentata attraverso questo preludio di Bletchley.

NARRATORE: Gli americani si sono presto ambientati a Bletchley Park. L'unica disputa seria sorse quando gli inglesi sfidarono gli americani a un gioco di rounders, la versione britannica del baseball.

BARBARA EACHUS: Abbiamo detto, naturalmente, che eravamo felici, sai, i nostri onorati alleati. Quindi sono venuti gli americani e abbiamo mostrato loro come potevano giocare con - hanno detto cosa, niente mazza da baseball? Abbiamo detto di no, usiamo solo questo manico di scopa. Quindi hanno detto bene. E abbiamo giocato. È stata una bella giornata. Abbiamo giocato tutti bene. E alla fine della partita, ci siamo tutti una sorta di pacche sulle spalle e gli americani hanno detto bene: "Siamo spiacenti di averti battuto", e il capitano britannico ha detto: "Mi dispiace di averti battuto". E questo è stato un piccolo incidente, perché gli americani hanno detto che pensavano di aver vinto, e noi abbiamo detto che sapevamo di aver vinto. E loro dissero: "Beh, con quali regole giochi?" E abbiamo detto: "Le nostre regole".

NARRATORE: Mentre gli americani si adattavano alla loro nuova vita, i loro colleghi parlavano loro di un misterioso e scoraggiante problema di decrittazione. Sapevano che oltre a Enigma, i tedeschi a volte usavano un altro tipo di macchina per cifrare completamente diverso.

TONY SALE: Ora non sapevamo nulla di questa macchina per cifrare, era tenuta completamente segreta dai tedeschi e abbiamo iniziato a intercettare le trasmissioni radio nel 1940. In realtà era un gruppo di poliziotti sulla costa meridionale dell'Inghilterra. Stavano ascoltando le trasmissioni degli agenti tedeschi dall'interno del Regno Unito. Ovviamente non ce n'erano perché avevamo catturato tutti gli agenti, ma stavano ancora ascoltando e hanno sentito questi strani segnali. E li hanno mandati a Bletchley Park.

NARRATORE: All'inizio, i decodificatori si sono perplessi sull'origine degli strani segnali. Hitler aveva richiesto una macchina di cifratura per l'alto comando tedesco che fosse più veloce e persino più sicura dell'Enigma. I suoi esperti hanno ideato un sistema di codifica basato sulla macchina della telescrivente. Le telescriventi operavano su un semplice codice binario universale che era ampiamente conosciuto. Ma i tedeschi collegarono la telescrivente a una macchina che sfruttava astutamente il linguaggio stesso della telescrivente per produrre un codice complesso. La macchina codificatrice segreta tedesca si chiamava Lorenz. Per codificare un messaggio, i Lorenz hanno utilizzato 12 rotori, non solo i tre o quattro dell'Enigma.

DONALD MICHIE: La macchina Lorenz trasmette una serie di lettere, ognuna delle quali è in realtà un mix della vera lettera del messaggio reale e un pezzo di gobbledygook fabbricato a macchina, quella macchina è di un'astuzia diabolicamente complessa. Quindi alla fine, ciò che esce e va oltre l'etere e viene trasmesso, è una singola stringa di totale gobbledygook.

NARRATORE: I Lorenz si affidavano a un sistema matematico chiamato "modulo due addizione". Ciò ha consentito di rimuovere la stringa di lettere prive di significato aggiunta a un'estremità del messaggio all'altra mediante un calcolo matematico simile.

TONY SALE: L'operatore preme un tasto sulla sua telescrivente, che genera un segnale elettrico, la macchina Lorenz aggiunge poi un carattere oscurante a questo segnale e il risultato viene quindi trasmesso. All'altra estremità del collegamento un'altra macchina Lorenz impostata esattamente sulla stessa configurazione rigenera esattamente lo stesso carattere oscurante, lo aggiunge di nuovo al testo cifrato e, grazie alla magia dell'aritmetica modulo due, si annulla e ti lascia con il testo in chiaro.

NARRATORE: La sicurezza del Lorenz dipendeva dal fatto che stava aggiungendo una stringa di lettere casuali per nascondere il vero messaggio.

TONY SALE: Ma poiché è una macchina, non può generare un insieme di lettere completamente casuale. È ciò che è noto come pseudo casuale. Sfortunatamente per i tedeschi era più pseudo che casuale, ed è così che è stato rotto.

NARRATORE: Bletchley Park ha dato al misterioso codice il nome FISH. Hanno scoperto che il pesce era basato sul linguaggio della telescrivente. Come rimuovere il codice oscurante era da indovinare. Ma il 30 agosto 1941, un pigro operatore tedesco diede via l'intero gioco.

TONY SALE: Quando è arrivato alla fine della digitazione manuale di questo messaggio di quasi 4.000 caratteri, l'operatore alla parte ricevente ha inviato in tedesco l'equivalente di "Non l'ho ricevuto, invialo di nuovo". E poi, come idioti, entrambi rimisero le loro macchine di cifratura Lorenz nella stessa posizione iniziale, e poi ricominciò a digitare di nuovo questo lungo messaggio.

NARRATORE: Quando l'operatore ha iniziato a codificare lo stesso messaggio una seconda volta, è diventato impaziente e ne ha abbreviato alcune parti. Le lievi modifiche risultanti hanno permesso ai decifratori di eliminare le lettere casuali che nascondevano il messaggio.

PETER HILTON: Per me la vera eccitazione è stata questa faccenda di estrarre questi due testi da una sequenza di parole senza senso, è stato meraviglioso. Mai, mai incontrato niente di così eccitante. Soprattutto perché sapevi che questi erano messaggi vitali.

NARRATORE: Ora che avevano decodificato il messaggio, potevano usarlo per capire esattamente come funzionava la macchina Lorenz? Per i due mesi successivi, i decifratori hanno cercato faticosamente schemi nelle file infinite di lettere oscuranti. Alla fine furono in grado di ricostruire la meccanica precisa della Lorenz, una macchina che non avevano mai visto. Hanno persino costruito la loro replica. Poiché è stato utilizzato per decifrare il misterioso codice Fish, hanno chiamato la replica Tunny, in onore di un pesce della famiglia dei tonni. Una volta trovate le impostazioni Lorenz, Tunny poteva trasformare i messaggi in un semplice tedesco. Nonostante i progressi nella comprensione di Fish, ci volle ancora almeno un mese per decodificare un singolo messaggio, e da allora le informazioni erano generalmente inutili.

LORD JENKINS: Era una vita curiosa, coinvolgeva la ginnastica mentale e poteva essere, poteva essere molto stancante, soprattutto se non ci riuscivi. Voglio dire, potresti passare notti in cui non sei arrivato da nessuna parte. Non hai avuto una sola pausa, hai solo provato, giocato, giocato in questa lunga notte desolante con totale frustrazione, e il tuo cervello si sentiva letteralmente crudo, la tua psiche o qualsiasi altra cosa si sentiva frustrata, ma il tuo cervello si sentiva sempre letteralmente crudo alla fine di esso.

NARRATORE: Ma l'intero processo stava per essere accelerato. Alla stazione di ricerca dell'ufficio postale di Londra, un giovane e brillante ingegnere telefonico ebbe l'idea di una macchina elettronica che avrebbe automatizzato la caccia alle impostazioni di Fish. La macchina non sarebbe altro che il primo computer programmabile al mondo.

THOMAS H. FLOWERS: Ho provato a dire a Bletchley Park quali fossero le mie idee, ma devi capire che la tecnologia che stavo usando era nota solo a pochissime persone in tutto il mondo.

NARRATORE: Sebbene i decifratori fossero scettici, Flowers era convinto che la risposta fosse nei tubi a vuoto - centinaia.

TONY SALE: Tommy Flowers ha iniziato nel marzo 1943 con un foglio di carta bianco, mai fatto prima. Voglio dire, Flowers stava pensando a una macchina con 1.500 valvole. La macchina più grande di sempre a quel tempo aveva 150 valvole, quindi questo fu un enorme salto nel buio, ma Flowers era convinto di poterlo far funzionare - nessun altro lo era tranne lui - e così iniziò più o meno da solo pipistrello.

THOMAS H. FLOWERS: Abbiamo semplicemente detto alle persone di fare delle cose. Avevamo il potere, l'autorità di dirlo a chiunque: avevamo la priorità assoluta in tutto il paese per tutto, e potevamo semplicemente dire alle persone quello che volevamo e non dire loro a cosa serviva.

NARRATORE: Nel Natale del 1943, Tommy Flowers installò il primo computer programmabile al mondo a Bletchley Park. Alla fine ne furono costruiti altri dieci, tutti dedicati all'analisi dei messaggi segreti dell'alto comando tedesco. Gli fu dato il nome Colosso. Colosso potrebbe leggere un messaggio in codice ad alta velocità e quindi cercare le impostazioni delle ruote codificate Lorenz. Potrebbe farlo in pochi minuti invece di un mese.

TONY SALE: Tommy Flowers si è reso conto che era possibile leggere otticamente il nastro di carta ad altissima velocità, e questo va a 5.000 caratteri al secondo, a 30 miglia all'ora il nastro passa da lì. Ed è abbastanza incredibile che possa effettivamente leggere le informazioni a quella velocità.

THOMAS H. FLOWERS: In effetti, abbiamo fatto un test sulla velocità con cui potevamo guidarlo prima che il nastro si rompesse, e siamo arrivati ​​a quasi 60 miglia all'ora, quindi abbiamo deciso che era un po' - quando si è rotto è andato tutto sopra il posto, si è semplicemente disintegrato.

NARRATORE: Colossus iniziò ad operare cinque mesi prima del D-Day, l'invasione critica della Francia nel giugno 1944 che avrebbe ribaltato le sorti di Hitler. Carri armati e cannoni hanno soffocato tutte le strade principali dell'Inghilterra meridionale. Gli Alleati prepararono un elaborato inganno. Hanno deciso di indurre i tedeschi a pensare che l'attacco alla Normandia fosse semplicemente un diversivo. Gli agenti doppi in Gran Bretagna hanno trasmesso le false informazioni a Berlino, ma solo i decodificatori potevano dire se l'inganno stava funzionando.

PETER CALVOCORESSI: I tedeschi sono stati ingannati per molto tempo, molto più di quanto ci aspettassimo e con molto più successo. Ma abbiamo anche un bonus, se vuoi. Cioè, sapevamo che erano stati ingannati, perché da Ultra potevamo vedere che non stavano spostando le truppe in Normandia, dovevano dire a se stessi, faranno un salto a Calais. I tedeschi non solo furono ingannati, erano noti per essere ingannati.

NARRATORE: È stato un enorme sotterfugio e una scommessa ancora più grande. 24 ore su 24, gli Alleati cercavano il minimo accenno di sospetto tedesco. L'invasione era pronta a colpire. Ma poi, un messaggio vitale è stato decodificato a Bletchley Park.

ARTHUR J. LEVENSON: Poco prima del D-Day, il maresciallo Rommel, la volpe del deserto, fu nominato ispettore generale delle difese occidentali, e inviò questo messaggio enormemente lungo, una descrizione molto dettagliata delle difese occidentali, dove si trovava ciascuna unità e cosa attrezzatura che avevano. Era un - erano 70.000 lettere, che sono state lette.

NARRATORE: Quando Bletchley Park ha decodificato il messaggio di Rommel, conteneva notizie allarmanti. I carri armati tedeschi si stavano ammassando nel punto esatto in cui le truppe americane stavano per paracadutarsi in Normandia.

ARTHUR J. LEVENSON: Stavano per far cadere una delle divisioni aviotrasportate proprio sopra una divisione di carri armati tedeschi. Sarebbero stati massacrati. L'hanno cambiato.

NARRATORE: Era il 4 giugno 1944. Rassicurato dai decifratori che tutto andava bene, il massiccio esercito iniziò ad avanzare. Poi è arrivata una battuta d'arresto scoraggiante.

PAT BING: Siamo andati in servizio quella notte e hanno detto: "Beh, stasera c'è l'invasione e stanno attraversando". E così siamo stati schiavi. Beh, come tutti sanno, verso le quattro del mattino il tempo era così brutto che dovettero riportarli tutti indietro. Il che ovviamente è stato sfortunato per noi perché poi sono venuti e hanno detto, beh, non puoi andare in giro per Bletchley quando sai che l'invasione sarà domani sera, quindi dovevamo solo rimanere lì.

NARRATORE: Ventiquattro ore dopo, gli Alleati lanciarono la più grande invasione militare della storia.

SARAH BARING: Abbiamo cenato e siamo usciti alle undici, e all'improvviso ho iniziato a sentire un ronzio ed è diventato sempre più forte, sempre più forte, e ho capito cos'era. E circa dieci minuti dopo il cielo era nero per gli alianti che trainavano aerei, e il mio amico ha detto, mi chiedo cosa sia, e ho detto, non ne ho la più pallida idea.

WILLIAM BUNDY: E verso le tre, credo, all'improvviso ci fu un vero fruscio e molto presto si sparse la voce che c'era stato un traffico tedesco che diceva che i paracadutisti stavano piombando dappertutto. Quindi sapevamo, sapevamo che era così.

NARRATORE: I messaggi decodificati mostravano che l'inganno aveva funzionato. Le truppe di Hitler furono divise tra Normandia e Calais e non furono in grado di contrastare l'assalto. Oltre la metà delle forze tedesche era rimasta nel nord-est, in attesa di un attacco che non arrivò mai. A Bletchley Park, coloro che sapevano dell'invasione non potevano andarsene per 48 ore. Anche adesso, nessuno correva rischi.

PAT BING: Siamo usciti barcollando sentendoci piuttosto peggio per l'usura, ma sapevamo che era una conoscenza generale, e siamo tornati a casa, e la mia signora con cui ero alloggiato mi ha detto, dove diavolo sei stato? E ho detto, beh, ho lavorato. Ha detto: "Beh, ti sei perso tutto il divertimento". E ho detto: "Che divertimento?" E lei ha detto: "Beh, c'è stata l'invasione, è stata alla radio" - perché niente televisione - è stata alla radio. Dissi: "Oh adorabile", sai, e andai a letto.

BARBARA QUIRK: "Martedì, 6 giugno 1944, è iniziata l'invasione. Ore 10 colazione, lettera di Maureen, mattinata passata a lavare e stirare, alle quattro, vita piuttosto frenetica. Mi sento un po' in disaccordo ora che il secondo fronte è iniziato. Non è una brutta giornata, davvero."

NARRATORE: Non era stata una brutta giornata neanche per i decifratori. Avevano predetto accuratamente la posizione di tutte tranne due delle 62 divisioni tedesche. I messaggi di Enigma e Lorenz sono stati letti durante l'operazione del D-Day. Alla fine della guerra, avevano gestito almeno 63 milioni di caratteri di codice di alto livello tra Hitler ei suoi generali. Nei mesi che seguirono, Bletchley Park avrebbe continuato a raccontare la disintegrazione della Germania nazista, fino alla fine della guerra. Alla fine, al costo di almeno 50 milioni di vite, la seconda guerra mondiale finì.

LORD BRIGGS: Quando il segnale finale è arrivato dalla resa di Donitz, era in chiaro e non in codice, ed è stato estremamente interessante perché sentivi che la guerra era davvero finita. Quando i messaggi cominciarono ad arrivare in modo chiaro, allora tutti i segreti della guerra stavano già cominciando a svanire nella storia.

NARRATORE: Nell'appello di coloro che avevano portato alla vittoria, i decifratori di Bletchley Park non sarebbero mai stati menzionati. Le operazioni lì sarebbero rimaste segrete per i successivi 30 anni. Otto delle dieci macchine Colosso furono distrutte. I restanti due sono stati trasferiti al quartier generale dei servizi segreti britannici, dove potrebbero aver svolto un ruolo significativo nelle operazioni di decrittazione del codice della Guerra Fredda. In effetti, l'esercito russo aveva sviluppato un codice simile al codice Fish dell'alto comando. Quindi le tecniche inventate a Bletchley Park dovevano ancora dimostrarsi vitali in un tipo di conflitto molto diverso. Nel 1960 arrivò finalmente l'ordine di distruggere le ultime due macchine Colossus.

THOMAS H. FLOWERS: È stato un terribile errore. Mi è stato ordinato di distruggere tutti i record che ho fatto. Ho preso tutti i disegni, i piani e tutte le informazioni su Colosso su carta e l'ho messo nel fuoco della caldaia, l'ho visto bruciare.

NARRATORE: Tommy Flowers è tornato all'ufficio postale ed è stato dimenticato. In tutta la segretezza, Colossus non ha mai ricevuto il riconoscimento come primo computer programmabile al mondo. Invece quell'onore è andato all'americana Eniac. Per quanto riguarda i decifratori, si sono tutti dispersi, alcuni tornati nelle università e altri nella nascente industria informatica. Alcuni rimasero nei servizi segreti britannici, mentre alcuni americani tornarono ad Arlington Hall. Il pensatore più innovativo di tutti, l'uomo la cui inventiva era stata al centro del successo di Bletchley Park, morì tragicamente. Nel 1954, Alan Turing si tolse la vita dopo essere stato perseguitato come un rischio per la sicurezza perché era gay.

DONALD MICHIE: Alan Turing è una delle figure del secolo. Il mondo dell'informatica e ora il mondo di Internet nasce dalle idee fondamentali di Alan Turing. C'erano altri grandi uomini a Bletchley Park, ma nella lunga, lunghissima sala della storia, penso che il nome di Turing sarà probabilmente il numero uno in termini di conseguenze per l'umanità.

NARRATORE: A parte la bomba atomica, non c'era segreto più grande nella seconda guerra mondiale del lavoro dei decodificatori di Bletchley Park. Le loro scoperte diedero agli Alleati un vantaggio vitale nella guerra degli U-Boot, nelle battaglie tra carri armati contro Rommel e nell'invasione del D-Day. Ma il loro impatto è stato avvertito ben oltre il campo di battaglia.L'intercettazione e la decrittazione hanno conquistato una nuova importanza nelle menti dei politici e dei generali. L'alleanza transatlantica, che mosse i suoi primi timidi passi a Bletchley Park, sarebbe maturata e si sarebbe rivelata fondamentale durante la Guerra Fredda. E le radici dell'era dei computer di oggi risalgono direttamente alla brillante inventiva di Turing, Flowers e dei loro colleghi in tempo di guerra. Alla fine, però, il più grande successo di Bletchley Park non è stato nei codici rotti ma nelle centinaia di migliaia, forse milioni, di vite che ha salvato.

TONY SALE: Gli storici generalmente concordano sul fatto che abbia accorciato la guerra di due anni. Bletchley Park non ha vinto la guerra, che è stata vinta da persone con pistole, proiettili e cose sul campo, ma penso che Bletchley Park sia un grande esempio, in particolare per le giovani generazioni di oggi, di cervello piuttosto che proiettili. Puoi sconfiggere un nemico intellettualmente, e questo è stato mostrato qui.

Il World Wide Web si basa su codici più sofisticati di quelli utilizzati in tutta la seconda guerra mondiale. Sul sito Web di NOVA, scopri come la crittografia ti influenza oggi più di quanto tu possa pensare.

Per ordinare questo spettacolo, o qualsiasi altro programma NOVA, per $ 19,95 più spese di spedizione, chiama WGBH Boston Video al numero 1-800-255-9424.

NOVA è una produzione di WGBH Boston.

Importanti finanziamenti per NOVA sono forniti dalla Fondazione Parco, dedicata all'istruzione e alla televisione di qualità.

Questo programma è finanziato in parte dalla Northwestern Mutual Life, che da generazioni protegge famiglie e imprese. Hai sentito dalla compagnia tranquilla? Vita reciproca nordoccidentale.

C|Net, mettendo al centro l'era digitale. CNET.COM, la fonte per i computer e la tecnologia.

E dalla Corporation for Public Broadcasting e dai contributi alla tua stazione PBS di telespettatori come te. Grazie.

La prossima volta su NOVA: hanno rischiato tutto in una pericolosa fuga verso il traguardo.


Bertrand si arruolò nell'esercito francese come soldato semplice nel 1914 e fu ferito nel 1915 ai Dardanelli. Dal 1926 lavorò nell'intelligence radiofonica.

Negli anni '20, l'intelligence radiofonica francese fu decentralizzata. La decrittazione di cifre e codici stranieri, principalmente tedeschi e italiani, era affidata a un dipartimento di crittografia dello Stato Maggiore, mentre il monitoraggio radio era condotto dal servizio di intelligence, Servizio di Renseignement o S.R. Alla fine del 1930, la decrittazione fu affidata al S.R., che ha creato una Sezione D (per decrittografia), di cui Bertrand divenne capo. In seguito ha assunto tutta l'intelligence radiofonica francese. [1]

I soci dell'intelligence di Bertrand avevano acquistato documenti relativi alla macchina Enigma da Hans-Thilo Schmidt (nome in codice "Asché" dai francesi), un impiegato presso l'Agenzia crittografica delle forze armate tedesche. Nel dicembre 1932, l'allora capitano (in seguito generale) Bertrand consegnò questi documenti al capo dell'Ufficio di cifratura polacco, il maggiore Gwido Langer. I documenti di Asché, secondo la testimonianza del crittologo Marian Rejewski, si sono rivelati in pratica cruciali per la sua soluzione matematica del cablaggio della macchina militare Enigma. Durante il suo lavoro con i polacchi, Bertrand ha usato il nome in codice Bolek, datogli dai polacchi.

Bertrand avrebbe appreso del successo dei polacchi contro Enigma solo sei anni e mezzo dopo, in una conferenza trilaterale polacco-francese-britannica tenutasi a Kabaty Woods, a sud di Varsavia, il 25 luglio 1939, appena cinque settimane prima dello scoppio del Seconda guerra mondiale. [2] Dopo l'invasione della Polonia da parte della Germania nel settembre 1939, l'allora maggiore Bertrand dall'ottobre 1939 al novembre 1942 sponsorizzò il continuo lavoro del personale dell'Ufficio di cifratura prebellica: prima a PC Bruno, fuori Parigi poi, dopo l'invasione della Francia da parte della Germania (maggio-giugno 1940), al centro di Cadice nella "zona franca" di Vichy, nel sud della Francia.

Più di un anno dopo che il centro di Cadice era stato disperso per evitare la cattura da parte dei tedeschi, il 5 gennaio 1944, Bertrand fu catturato dai tedeschi mentre aspettava presso la famosa chiesa del Sacré Cœur, nel quartiere parigino di Montmartre, un corriere da Londra . I tedeschi gli suggerirono di lavorare per loro. Fingendo di essere d'accordo, Bertrand fu autorizzato a tornare con sua moglie Mary a Vichy per contattare l'intelligence britannica. Lì mandò a nascondersi i suoi compagni clandestini e si nascose lui stesso. Il 2 giugno 1944, quattro giorni prima dello sbarco in Normandia del D-Day, in una pista di atterraggio improvvisata nel Massiccio Centrale francese, Bertrand, sua moglie e un prete gesuita che prestarono servizio come corriere della Resistenza polacca salirono su un piccolo aereo disarmato Lysander III che li ha portati nelle isole britanniche. Bertrand e sua moglie si trasferirono in una casa nel villaggio di Boxmoor, nell'Hertfordshire, a pochi passi dalla stazione di intercettazione radio polacca e dall'ufficio di cifratura nel vicino villaggio di Felden, dove stavano lavorando Marian Rejewski e Henryk Zygalski.

Bertrand si ritirò dai servizi segreti francesi nel 1950 e divenne sindaco di Théoule-sur-Mer nel sud della Francia.

Nel 1973, la casa editrice parigina Plon pubblica il suo libro, Enigma ou la plus grande enigme de la guerre 1939-1945 (Enigma, o il più grande enigma della guerra del 1939-1945). Il libro, una delle principali fonti primarie sulla storia della decrittazione di Enigma, per la prima volta ha dato un resoconto dettagliato dei circa undici anni di collaborazione franco-polacca nella rottura e nella lettura di Enigma prima e durante la seconda guerra mondiale.


«Mi chiamo Lemoine e rappresento l'Ufficio dei servizi segreti francese. Dimmi nel dettaglio chi sei, cosa fai e perché ti rivolgi a noi. Ascolterò... ma prima, vuoi un altro bicchiere di whisky?"

Rodolphe Lemoine, alias Herr von Koenig, nome in codice Rex, il cui vero nome era Rudolf Stallmann, era un agente dell'intelligence francese prima e durante la seconda guerra mondiale. La sua statura e la sua statura non erano certo quelle che si potrebbero associare a una spia: Rex era enorme, sia in altezza che in circonferenza, e questo, insieme al suo linguaggio schietto e al suo passato a scacchi, lo rendeva un individuo del tutto intimidatorio. Sebbene fosse tedesco, Rex viveva a Parigi e usava una variazione francese del nome di sua moglie: Lemoine. Ha lavorato per l'Intelligence Bureau francese per circa 20 anni, nonostante fosse stato precedentemente espulso dalla Francia con l'accusa di essere una spia tedesca, e durante questo periodo è diventato il contatto principale del nostro secondo tedesco rivoluzionario, Hans-Thilo Schmidt.

Schidmt, alias H.E. (Asché), a differenza del suo reclutatore, non era alle dirette dipendenze dell'Intelligence Bureau francese. Era più quello che si potrebbe chiamare un libero professionista, facendo X quantità di lavoro per Y quantità di pagamento, ogni volta che era disponibile. Il suo "vero" impiego era come impiegato statale presso l'Ufficio di cifratura delle forze armate tedesche, una posizione ottenuta per lui da suo fratello, il generale Rudolf Schmidt [che all'epoca era tenente colonnello], uno dei generali preferiti di Hitler.

H.E era responsabile dell'analisi dell'intelligence decodificata catturata dall'esercito tedesco dai messaggi intercettati nell'Europa occidentale, per così dire spiare le spie. Questo lo mise in una posizione privilegiata per essere utile alle forze alleate, poiché Schmidt non era un fan del partito nazista. Così, quando la macchina Enigma fu introdotta per l'uso nell'aeronautica tedesca nel 1933 (dopo essere stata introdotta nella marina tedesca nel 1926 e nell'esercito tedesco nel 1928), Schmidt scrisse all'Ufficio dei servizi segreti francesi e si offrì di fornire loro informazioni riservate. a proposito. Approfittando dell'occasione, il Bureau accettò e lo mise in contatto con Rex.

È stata una relazione lunga e fruttuosa. Schmidt copiò, memorizzò e rubò i piani vitali e le "chiavi" (fogli di codici dipendenti dalla data usati da coloro che gestiscono l'Enigma) dall'Ufficio di cifratura tedesco e sfruttò la posizione di suo fratello nell'esercito per scoprire piani militari e farli passare ai francesi. Rex ha risposto con buste piene di contanti e la promessa di altro a venire - se S.E. poteva continuare a consegnare la merce, cosa che invariabilmente faceva, con grande dispiacere dell'Ufficio di cifratura tedesco.


Non ho capito il calcolo.

Se moltiplichi i numeri: 17.576 x 60 x 676 x 150.738.274.937.250, non ottieni 158 milioni di milioni o qualcosa vicino. Alla fine avrai: 107.458.687.327.250.619.360.000. Come mai qui si dice che il risultato dei calcoli è di circa 158 milioni di milioni di milioni?

Non includi "676"

Poiché il 676 fa parte del 17.576, non è direttamente rilevante nell'equazione finale perché l'hai già considerato, quando lo fai: 17567*60*1.5*10^14 ottieni una risposta di circa 1.58*10^20

676 Fattore

Se il fattore 676 è già stato preso in considerazione, in che modo esattamente le impostazioni della suoneria alterano il numero complessivo? Ci sono 17.576 possibili posizioni di partenza.

In realtà non prendi in considerazione

In realtà non prendi in considerazione le 676 posizioni di tacca. Non influiscono sul numero di permutazioni nella macchina.

Le impostazioni della tacca dovrebbero essere incluse nella lunghezza della chiave

Ignorando il fattore 676 delle impostazioni della tacca si ignora il fatto che le tacche modificano l'impostazione del rotore ad un certo punto del messaggio. Quindi le 17.576 impostazioni del rotore possono cambiare dopo il primo carattere del messaggio e devono cambiare dal 26° carattere. Queste modifiche sono aggiunte alla lunghezza della chiave, se visualizzate sull'intero messaggio. Ciò significa che per un messaggio di lunghezza pari a 1 carattere, la lunghezza della chiave è effettivamente 1,58 X 10^20, ma per un messaggio reale più lungo di 1 carattere, la lunghezza della chiave sarebbe 1,07 X 10^23. Il fatto che il movimento dei rotori sia regolare (come un contachilometri) facilita la criptoanalisi ma non riduce il fattore 676.

Impostazioni totali

Ciascuno dei 5 rotori può essere scelto per i 3 slot del rotore. Ogni rotore crea una permutazione del codice. Sarebbe stato intelligente non avere nessuna delle 5 permutazioni del rotore commutabile con nessun'altra, quindi per le scelte per i primi 3 slot si ottiene (tutto in accordo con questo sito web):
5*4*3=5!/2!=60.

Quindi impostazioni ovvie dei rotori a 26 posizioni:
26*26*26=26^3=17576.

Ora scheda plug: apparentemente dalle immagini non hanno usato blocchi di ponticelli, quindi le spine devono effettivamente avere interruttori interni in modo che una posizione senza una spina vada in cortocircuito dall'uscita all'ingresso. Ogni cavo esegue uno scambio, ma tutti e 10 i cavi sono identici. Allo stesso modo, scambiare le estremità dei cavi produce risultati identici.
26*25/2 * 24*23/2 * 22*21/2 * . * 10*9/2 * 8*7/2 / 10! =
(26!/6!)/(10!*2^10) = 158.962555217826 million million million ish, chiamalo "159" come nel film! (PS: Non una scena di The Imitation Game è tratta dal libro, non è successa una cosa davvero. Tuttavia penso che le ruote del decodificatore abbiano una vaga relazione con la costruzione delle "bombe" ed è utile per pensare. Le colonne successive sarebbero input successivi /rotor posizioni e le righe corrispondono ai rotori in tutti gli alberi cercati. Necessita di più per la ricerca delle impostazioni del plugboard di quanto mostrato nel film. Almeno sto facendo dei progressi nella comprensione di questo ora.)

Ora le impostazioni aggiuntive della suoneria 26*26 non vengono "conteggiate" in nessun altro calcolo. Stabiliscono veramente un altro moltiplicatore di posizioni di settin. TUTTAVIA, la decodifica andrà in media a 13 caratteri prima che una "tacca" sollevi la seconda ruota, quindi si potrebbe vedere se è molto probabile che sia apparsa una parola riconoscibile. Quindi questi non devono essere cercati così intensamente come una parola o una frase frazionaria può portare a decodificare le posizioni della tacca o dell'anello più tardi come il primo punto di interruzione in inintelligibilità. Quindi tralasciare questo è solo una convenzione.

Si noti inoltre che in realtà ci sono più possibili impostazioni della scheda plug-in perché i fogli di codice possono indicare che un cavo non viene utilizzato, quindi uno ha effettivamente 10 cavi, 9 cavi, 8 cavi, ecc. Probabilmente non andrebbero troppo in basso.

Matematica

Questo calcolo è molto lungo, quindi se dovessimo risolverlo nella tua testa o non avevi scelta, questo richiederebbe un'eternità e lascerebbe una risposta errata

Violazione del codice enigma

Sappiamo tutti che gli inglesi hanno inventato tutto, ma anni fa ho letto che il codice Enigma è stato decifrato per la prima volta da un polacco che lo ha passato all'intelligence francese che a sua volta lo ha passato agli inglesi.

Questo non toglie nulla ai successi di Turings.

Per inciso, Turing aveva un collega che ha sperimentato con i robot.
Quando questo collega è andato in pensione ha pensato che sarebbe stato interessante dare un'occhiata ai modelli precedenti che erano così semplici che chiunque poteva costruirne uno.

Ma, non aveva possibilità, tutto era riservato.

Violazione del codice enigma

Certamente va dato credito ai matematici polacchi che per la prima volta hanno scoperto il segreto di Enigma. Questi erano: Marian Rejewski, Jerzy Rozycki e Henryk Zygalski. Nel 1932 hanno già stabilito il cablaggio dei rotori interni che è stato probabilmente uno dei più grandi passaggi di sfondamento nella decrittazione dei messaggi. Il prototipo ricostruito anche dello stesso Enigma e progettato una macchina elettromeccanica chiamata da loro "Bomby" per trovare le chiavi per la decrittazione dei messaggi quotidiani. Alan Turing non ha progettato il primo computer. Ha lavorato su un dispositivo migliorato, il "Bomby", che in seguito è stato ulteriormente migliorato dagli ingegneri americani. Il team del Polish Cypher Bureau ha dato tutti i segreti sulla macchina Enigma, il design "Bomby" e altre informazioni correlate ai cripto-analisti britannici già nel luglio del 1939.

Turing e i robot

La robotica moderna è un argomento vario.

La parte è solo meccanica, molti robot industriali funzionano senza alcuna "intelligenza artificiale" (AI) come la programmazione. Ma altri combinano distintamente l'intelligenza artificiale (che può essere indipendente da qualsiasi meccanismo robotico) e i meccanismi, come l'analisi visiva per il feedback. Questi sono tutti ovviamente basati sullo sviluppo dei dispositivi di elaborazione per scopi generici, per i quali Turing ha dato importanti contributi iniziali. Negli anni successivi coloro che sviluppavano idee per computer e Turing differivano negli approcci e gli sviluppatori di computer ignoravano le idee successive di Turing, ma certamente facevano parte delle basi originali.

Tutto ciò proveniva dal percorso non classificato dal lavoro di Turing.

È interessante notare che, in relazione alla decifrazione del codice, parte del mio lavoro e altri sui metodi di ricerca per la risoluzione di enigmi nell'intelligenza artificiale avrebbero potuto essere scoperti indipendentemente all'epoca e incorporati nelle macchine per la decifrazione del codice cablate che essenzialmente implementavano una ricerca ad albero per le impostazioni per abbinare i frammenti di messaggio .

Errore nella progettazione della macchina Enigma

È ampiamente riconosciuto che il design del rotore e del sistema di cablaggio nell'enigma ha portato all'errore non così irrilevante che una lettera non poteva essere codificata in se stessa e quindi ha dato un grande aiuto nell'uso dei presepi.

Tuttavia ho pensato che il plugboard avrebbe sradicato la maggior parte di questo errore o forse non l'ho capito correttamente.

Ad esempio, supponiamo che A sia collegato sulla scheda a B. Ora sappiamo che B sarà codificato con una lettera diversa da B stessa. Presumo che potrebbe essere codificato in A e quindi premendo il tasto A si illuminerebbe A.

Mi piacerebbe conoscere la risposta a questo.

Plugboard

Quando colleghi B ad A, colleghi anche A a B! Ciò significa che se inserisci A, la tua lettera diventa B e la lettera che ritorna può essere qualsiasi cosa tranne B, ma l'unico modo per ottenere una A come risultato è se la lettera che passa attraverso il plugboard è una B! Il che significa che per estensione, non puoi ottenere A in cambio.

Non dimenticare le 6 lettere spaiate

Trevor,
Secondo questo articolo, ci sono solo 10 corde mentre ci sono 13 coppie di lettere. Restano 3 coppie o 6 lettere le cui posizioni non sono cambiate. Se 'A' fosse uno di quei 6, premendo 'A' si ritornerebbe effettivamente 'A'.

Il mio messaggio precedente non è corretto

Non ho capito appieno come funzionasse la macchina Enigma quando ho fatto la mia ultima dichiarazione e ancora non lo so, ma ora lo capisco un po' meglio e mi rendo conto che quando una lettera viene digitata, sicuramente non riceverai la stessa lettera indietro . Il riflettore (non menzionato in questo articolo) lo assicura.

Coppie di lettere in plugboard

OK, ora sto pensando come EE, al design del plugboard. Chiaramente una delle coppie designate per ogni lettera è l'output. E l'altro è l'input restituito alla parte successiva della macchina. Ciò corrisponderebbe esattamente alle 26 coppie (52 in totale) di jack.

Innanzitutto, come potrebbero rimanere scollegati alcuni jack? Se fossero rimasti scollegati, il loro lato di uscita non sarebbe andato da nessuna parte! Non verrebbe lasciato come codice proprio, non produrrebbe alcun codice! Quei jack a banana non erano come i nostri complessi jack per cuffie che hanno un interruttore interno: questo è un hardware molto semplice, sembra non essere altro che un plugboard di semplici jack a banana in coppia.

(E la logica richiede che i jack abbiano uscite così come ingressi - altrimenti come possono eventualmente mappare una lettera a un'altra - solo mappando l'uscita di una lettera da un filo all'ingresso di un'altra lettera. Quindi 26 uscite perfettamente sensate, 26 ingressi, esattamente i 52 jack sulla scheda.)

Sembrano normali jack a banana: ne ho molti nel mio negozio, un moderno riporto di un tempo passato. In effetti assomigliano ai jack a banana accoppiati di cui ho molti, quindi i cavi accoppiati potrebbero essere usati per facilitare la connessione, solo che costringono un'estremità della coppia ad andare all'altra estremità della coppia. E ovviamente si scambierebbe, altrimenti si connetterebbe fuori a fuori, dentro a dentro, non funzionando. Formando così uno scambio della coppia di lettere! È ancora possibile utilizzare 26 cavi a banana individuali per mappare qualsiasi lettera su qualsiasi lettera.

Questa logica implica che ci sarebbero 26 fili in totale all'interno di tutti i cavi e le spine dei ponticelli come discuterò. (Non 10, non 13, anche se potrebbero essere cavi accoppiati per facilitare il collegamento, nel qual caso ci sono 13 cavi a doppio filo ancora equivalenti a 26 fili appena vincolati in posizione. Potrebbero anche esserci 10 cavi accoppiati e 6 ponticelli, quindi 10 le coppie scambiano le lettere come discusso, quindi 6 ponticelli mappati sulla stessa lettera, ma questo potrebbe anche essere generalizzato da 26 singoli cavi a doppia banana.Saltare la riga superiore alla riga inferiore della stessa lettera mapperebbe la lettera su se stessa.) potrebbe essere una convenzione su come i cavi sono stati costruiti come cavi accoppiati, e 10 cavi accoppiati e 6 connettori a ponticello riempirebbero tutte le posizioni e scambierebbero le lettere come discusso per esattamente 10 paia. Se il "10" fosse derivato dalla perdita di 3 fili accoppiati e non ci fossero ponticelli in giro, la macchina non funzionerebbe! Il "10" è derivato dal foglio di codifica?

Questo potrebbe anche avere un senso. I 6 ponticelli utilizzati in modo che non tutte le lettere vengano rimappate, NON consentendo così alla decifrazione del codice di assumere nessuna corrispondenza di lettere su se stessa. 10 cavi accoppiati per facilitare il metodo di connessione dell'operatore. (Tutto ridotto dalla possibilità di qualsiasi mappatura di permutazione di 26 lettere se fossero forniti 26 cavi singoli.) 13 cavi accoppiati e nessun cavo jumper assicurerebbe nessuna mappatura dei caratteri a se stesso, ma consente di scambiare qualsiasi lettera con un'altra e lo scambio successivo ridotto di 2 ricorsivamente fino a quando tutte le lettere sono state mappate.

Non è possibile calcolare immediatamente una notazione fattoriale, ma 25*23*21*. *3*1 = 7.90585 * 10^12 combinazioni con 13 cavi accoppiati.

10 cavi: 25*23*21*. *9*7=527.0569 * 10^9 combinazioni.

Coppie di lettere in plugboard

Hai chiesto."come potrebbero alcuni dei jack rimanere scollegati? Se rimanessero scollegati, il loro lato di uscita non andrebbe da nessuna parte! Non verrebbe lasciato come codice proprio, non produrrebbe alcun codice!
Credo che i jack per lettere "senza ponticelli", siano collegati a se stessi, meccanicamente. Collegando un paio di spine a banana, si interrompe la "connessione automatica" e si consente alla lettera di input, diciamo, A, di diventare, diciamo, "T". Se un jack di lettere non è saltato, premendo "A" si ottiene che "A" venga inserito nella ruota statica. Inoltre, se l'output è "A", il plugboard passa "A" al pannello luminoso. Almeno questo è il mio pensiero a riguardo.

Plugboard

Sì, i ponticelli esterni non erano necessari perché tutti i connettori erano collegati internamente dietro la scheda. Questa era l'impostazione predefinita. L'inserimento di un cavo disconnetteva meccanicamente quella parte del circuito (con un semplice meccanismo a leva) e reindirizzava il flusso di elettricità attraverso il cavo. Quindi tutte le lettere avevano un circuito completo, indipendentemente dal fatto che ci fosse un cavo collegato o meno.


Guarda il video: PERSONAL COMPUTER LEZIONE 3 - LA CPU DALLA MACCHINA DI TOURING ALLA MACCHINA DI VON NUEMANN


Commenti:

  1. Tybalt

    Accetta un cattivo giro d'affari.

  2. Montae

    Dolce!

  3. Vugore

    Mi dispiace che interferisca, ma, secondo me, c'è altro modo per la decisione di una domanda.

  4. Uaid

    Delirio esclusivo

  5. Hyperion

    Sono molto obbligato a te.

  6. Goodwine

    Bello da leggere

  7. Malin

    Ora tutti sono diventati chiari, molte grazie per una spiegazione.

  8. Mezimuro

    La tua frase è geniale



Scrivi un messaggio